11 modi per incoraggiare l'autostima nei vostri bambini

11 modi per incoraggiare l'autostima nei vostri bambini

 

In un periodo difficile come questo, tra crisi economica e pessimismo generalizzato, a volte a risentirne spesso sono i nostri figli, nel periodo in cui costruiscono le loro certezze. Ecco alcuni consigli pratici per aiutarli a migliorare la propria autostima.

Costruire l'autostima

1) E' estremamente importante evitare di etichettare vostro figlio come “timido” o “nervoso”, sia che parliate direttamente con lui o che ne parliate con gli altri. Le etichette rimangono addosso e queste si tramutano spesso in realtà. Potreste essere riusciti a non etichettare vostro figlio, ma cosa succede se vi trovate in continuazione davanti a dichiarazioni del tipo “ma è timido?” fatte da insegnanti, amici o familiari, dette con convinzione di fronte al vostro piccolo?

Assicuratevi che il vostro bambino abbia una visione positiva di se stesso, opponendovi in maniera calma e sicura alle generalizzazioni tramite l'utilizzo di giri di parole: “Katia preferisce pensare molto bene alle cose, piuttosto che farle di fretta” o “Daniele preferisce ascoltare gli altri prima di dire la sua”.

2) Se il vostro bimbo è perplesso o pauroso, accettate i suoi sentimenti con affetto e preoccupazione: “Sembra che tu sia nervoso, è comprensibile”.

Anche se potreste essere tentati di farlo, evitate di ignorare o minimizzare i suoi sentimenti con frasi del tipo “non essere sciocco, i grandi non sono timidi”. Questo tipo di commenti porta i bambini a pensare che i propri stati d'animo non siano adeguati. Questo può confonderli e portarli a essere ansiosi.

I bambini i cui sentimenti vengono accettati e compresi dai genitori tendono ad essere molto più espressivi dal punto di vista emotivo, e ad avere più sicurezza e autostima.

 

11 modi per incoraggiare l'autostima nei vostri bambini3) Normalizzate i dubbi parlando di un generico “altro”: “tutti si sentono insicuri a volte”, o riferendovi a situazioni che vi scoraggiavano e il modo in cui avete cercato di superarle: “a volte al lavoro avevo paura di parlare, ma ho sempre fatto uno sforzo e poi mi sono sentito bene”. Usate dei racconti per introdurre il tema dell'affrontare le proprie paure o superare le sfide della vita. Il coraggio è fondamentale per affrontare la vita, a qualunque età. Cercate di essere coraggiosi per loro, di essere un modello, pur ammettendo le debolezze e le paure, dite sempre che "tutte le persone hanno molto più coraggio nel loro di quello che pensano di avere per risolvere i problemi e superare le difficoltà!".

4) I bambini imparano le proprie abilità sociali osservando gli altri, quindi siate un buon esempio delle interazioni che volete incoraggiare: siate disponibili e amichevoli con chi non conoscete, presentatevi alle persone nuove, chiedete aiuto agli altri, fate i complimenti ai vostri amici e ringraziate gli altri per il tempo che vi offrono.

5) Riflettete sulle situazioni specifiche che possono far paura al vostro bambino, e identificate le “tecniche” che potrebbero aiutarlo ad affrontarle meglio. Recitate dei ruoli per aiutarli a esercitarsi in queste tecniche. Per esempio, se il vostro bambino si rintana in un angolo alle feste di compleanno, allestite una festa finta e usate i suoi giocattoli preferiti o i suoi peluche per mimare le diverse situazioni: dare il regalo alla festeggiata, salutare gli altri bambini, chiedere agli adulti dove si trova il bagno, ringraziare quando si va via.

6) Una volta che vi siete esercitati, incoraggiate le nuove attività, fornendo le opportunità per il successo. Siate graduali e procedete passo dopo passo. Per esempio, se il vostro piccolo è nervoso perché sta per entrare nelle Coccinelle (scout), portatelo a osservare il gruppo per una settimana, e poi chiedetegli se non vuole unirsi per dieci minuti alla fine la settimana successiva, assicurandogli che voi rimarrete nella stanza. Poi iniziate a uscire dalla stanza per brevi periodi. In poco tempo riuscirà ad amalgamarsi al gruppo e sarà felice di partecipare per tutta la durata delle riunioni.

11 modi per incoraggiare l'autostima nei vostri bambini7) È importante che nascondiate i dubbi o le ansie che avete sul fatto che il vostro piccolo riesca ad affrontare le situazioni. Combinate la comprensione per i suoi sentimenti (vedere punto 2) ad affermazioni sulla fiducia che avete in lui: "Ah, vedo che sei un po' preoccupato, ma sono sicura che riuscirai ad affrontare questa situazione!".

8) Potreste essere tentati, se avete a che fare con un piccolo cauto e diffidente, di intromettervi e fare le cose al suo posto. Questo però può essere controproducente. Quando il vostro bambino si avvicina a situazioni che per lui rappresentano una novità, o impara cose nuove, trattenetevi dall'interferire troppo: potrebbe portarlo a esitare e fare affidamento sugli altri. Lasciate che il vostro bimbo impari con l'esplorazione e con il vecchio "sbagliando si impara"; lo aiuterà a sviluppare autostima e gestione personale.

9) Aiutate a migliorare l'autostima del vostro piccolo usando delle lodi descrittive, per identificare con chiarezza i comportamenti corretti: “Hai salutato anche se eri nervoso, sei stato proprio coraggioso!”. Questo aiuterà il vostro bambino a sviluppare un sentimento interiore di orgoglio e di conquista.

10) Mostrate affetto anche in maniera fisica, e ripetete regolarmente a vostro figlio quanto gli volete bene. Il rapporto affettuoso e giocoso che avrà con voi li farà sentire importanti e accettati; è di grande importanza per sviluppare l'autostima interiore che serve per relazionarsi con gli altri.

11) Se il vostro bambino è sempre triste e chiuso, non riesce ad affrontare la socialità, è diventato improvvisamente calmo e ansioso mentre prima era espansivo, o se non mostra alcun interesse a relazionarsi con gli altri, considerate un aiuto professionale. Prendete appuntamento col vostro medico per parlare delle possibili opzioni.

Se volete aggiungere commenti, articoli o quant'altro scrivete all'indirizzo info  @   informagiovani-italia.com (antispam: togliete gli spazi prima e dopo la chiocciolina)

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

Torna su