27 Agosto 1959 - Inizia l'era del Petrolio

Sei qui: Articoli informagiovani  >

27 Agosto 1959 - Inizia l'era del Petrolio

 

IL PETROLIO IN PENNSYLVANIA! IL 27 AGOSTO 1859, IL PETROLIO APPARVE PER LA PRIMA VOLTA DA UNA PERFORAZIONE TERRESTRE NEGLI STATI UNITI. DA QUEL GIORNO IL MONDO CHE TUTTI CONOSCEVANO NON SAREBBE MAI PIU' STATO LO STESSO. FU L'INIZIO DELLO SVILUPPO MODERNO, MA ANCHE DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO.

La scoperta arrivava al momento giusto, in un momento in cui le esigenze di illuminazione pubblica non potevano più essere soddisfatte con il tradizionale olio di balena o con il cherosene, un combustibile estratto dal carbone.

Da quel giorno fu corsa all'oro nero e nulla fu più come prima

27 Agosto 1959 - Inizia l'era del PetrolioIl "miracolo" avvenne nel nord-est del paese, in Pennsylvania, in un luogo chiamato Oil Creek, vicino a Titusville. L'artefice dell'impresa fu Edwin L. Drake (39 anni) che tutti chiamavano "Colonnello Drake". Dopo aver praticato ogni genere di mestiere, compreso il capotreno, e l'ex bigliettaio di battelli a vapore  si era stabilito con la sua famiglia a Titusville.

Contro il parere degli esperti, si convinse di poter estrarre il petrolio dal sottosuolo con semplici perforazioni e si fece aiutare da uno scavatore di pozzi. Insieme, scavarono un pozzo con una punta di trapano appesa ad un cavo, messa in moto da una macchina a vapore. Il prezioso liquido cominciò sgorgare all'aria aperta quando la punta ha raggiunse solo 23 metri di profondità.

Dal primo giorno, con una produzione dell'ordine di otto o dieci barili, Drake moltiplicò la produzione mondiale di petrolio per.... due! Seguì la prima corsa all'oro nero. Arrivarono qui ogni genere di persone in cerca di fortuna e diversi di loro la fecero. 

Per quanto riguarda "Colonnello" Drake, privo di senso degli affari, trascurò di brevettare il suo sistema di perforazione e cadde in povertà. Compassionevole, la cittadina di Titusville gli pagherà in seguito una pensione e lui e poi alla sua vedova.

Come sarebbe il ventesimo secolo senza petrolio?

Nessuna civiltà è stata dipendente da una risorsa naturale come la nostra ed è difficile immaginare che fosse quasi sconosciuta un secolo e mezzo fa.

In seguito alla scoperta di un deposito in Pennsylvania nel 1859 da parte del "Colonnello" Drake, il petrolio divenne un prodotto chiave dell'economia moderna. Venne utilizzato per la prima volta nell'illuminazione domestica, sotto forma di cherosene, prima di essere utilizzato nei trasporti, nel riscaldamento e nella produzione di energia elettrica. Il successo dell'automobile prima della Grande Guerra diede impulso al consumo di petrolio, sotto forma di benzina.

Molto rapidamente, il dominio del settore petrolifero si sposterà da operatori del settore a raffinatori. Uno tra tutti, John Davison Rockefeller, fondatore di Standard Oil, un uomo d'affari rigoroso, astuto e non sofisticato, caratteristico dei grandi imprenditori americani di fine Ottocento. La sua azienda è arrivò a possedere l'80% del mercato americano della raffinazione, prima di essere costretta a dividersi in 33 aziende teoricamente indipendenti in base alla legislazione antitrust.

All'inizio del XXI secolo, paesi esportatori di petrolio come la Nigeria con Boko Haram, il Venezuela Chavez prima e Maduro poi, o l'Algeria di Bouteflika sono inconsapevolmente testimoni della "maledizione dell'oro nero". Troppa ricchezza facile porta al nepotismo, alla corruzione su larga scala, agli investimenti indiscriminati e, infine, alla povertà e alla disperazione.

La scintilla di tutte le contese in Medio Oriente

Un uomo d'affari britannico, William Knox d'Arcy, ottenne una concessione in Persia nel 1901, senza mai mettervi piede. Nel 1908, fondò l'anglo-persiano (ora BP). Il Medio Oriente, che è noto per detenere le principali riserve petrolifere mondiali; diventerà un attore chiave del settore e attirerà l'attenzione delle grandi aziende e degli stati occidentali.

Il petrolio divenne una questione geostrategica importante con la decisione del Primo Signore dell'Ammiragliato, Winston Churchill, nel 1911 di convertire la flotta da guerra britannica, la Royal Navy, e farla andare a petrolio. Le navi divennero quindi molto più veloci delle navi che ancora operano sul carbone, come le navi tedesche. Ma con questa decisione, la Gran Bretagna, che è ancora la prima potenza mondiale, divenne dipendente dai giacimenti petroliferi d'oltremare, in particolare in Medio Oriente.

Per garantire le sue forniture, il governo britannico assunse una partecipazione di maggioranza in Anglo-Persian e iniziò a costruire giganteschi oleodotti attraverso la Persia fino ai terminali del Golfo verso Bassora.

"Il Signor 5%"

Alla fine del XIX secolo, un giovane ingegnere di nome Calouste Gulbenkian, figlio di un ricco mercante armeno di Istanbul, fu incaricato dal governo ottomano di redigere un rapporto sulle risorse petrolifere dell'impero. Saggio negoziatore, partecipò nel 1903 alla fusione a Londra della società inglese Shell, di proprietà di Marcus Samuel, già specializzato nella commercializzazione di molluschi kuwaitiani, e della società olandese Royal Dutch.

Vide il petrolio persiano sfuggirgli a beneficio di William d'Arcy, ma fu coinvolto nella fondazione della Turkish Petroleum Company nel 1912, con l'obiettivo di sfruttare il petrolio mesopotamico intorno a Mosul. Associò al suo progetto Royal Dutch Shell, Anglo-Persian e Deutsche Bank. Dopo la Grande Guerra, i tedeschi furono estromessi dalla società a favore degli americani e dei francesi (Compagnie Française des Pétroles, CFP).

Fino al 1940, Gulbenkian beneficiò di una commissione del 5% sui profitti turchi, che gli è valsa il soprannome di "Mr. 5%" e una fortuna colossale. Lo spenderà per il mecenatismo culturale, soprattutto a Lisbona (vedere il Museo Calauste Gulbenkian a Lisbona) e per provare ad affascinare bellissime donne.

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

Torna su

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal