ALGARVE

VISITARE ALGARVE : INFORMAZIONI E PICCOLA GUIDA

 

L'Algarve, la zona meridionale del Portogallo è una delle mete turistiche più ricercate dal turismo (specialmente inglese e nord europeo). Oltre alla bellezza dei luoghi, la regione è molto apprezzata per il suo clima temperato tutto l'anno. Il panorama naturale della regione offre baie spettacolari, ripidi scogli a strapiombo e un mare pulitissimo e ricco di pesce. L'Algarve è ricco di paesini caratteristici, dove si può trascorrere una vacanza di tutto rispetto. La provincia di Algarve (dall'arabo "al gharb" "giardino dell'occidente") corrisponde al distretto di Faro, ed è bagnata dall'oceano atlantico per tutta la sua costa, ad est confina con la Spagna e, a nord invece finisce con il  fiume Alentejo, confinando con l'omonima regione.


AlgarveIl paesaggio della regione è caratterizzato da altopiani che non superano i 400 metri e da valli poco profonde. I turisti vengono attirati sopratutto dai 160 chilometri di spiagge suddivisi in tre regioni: il Sotavento ("sopra il vento"), che va dal confine spagnolo a Faro ed è caratterizzato da spiagge sabbiose e pianeggianti, il Barlavento ("sotto il vento") con spiaggette suggestive racchiuse da ripidi dirupi dalla forma bizzarra e l'estremità sud-occidentale, da Lagos a Sao vicente, più brulla e esposta ai venti. Le suggestive spiagge e le pittoresche insenature rocciose dell'Algarve attirano un numero di turisti superiore a quello di tutto il resto del paese. Questo ha portato indubbi benefici, caratteristica una decisa crescita economica della regione, ma che dall'altra parte ha portato a uno sviluppo urbanistico molto pesante. Molti tratti costieri tra Faro e Albufeira malgrado l'indubbia bellezza dei luoghi, hanno visto sorgere enormi complessi residenziali creando un ambiente piuttosto deprimente, da periferia urbana. Detto questo, i servizi sono di prim'ordine, come la qualità delle spiagge quindi in certo senso le cose si bilanciano e vale sempre la pena visitare questi luoghi.

Faro - AlgarveLe due grandi città Faro e Lagos sono entrambe  ricche di opere d'arte e di Azulejos. Gli  Azulejos sono piastrelle dipinte a mano presenti in moltissime chiese e palazzi di tutti i paesi e derivano direttamente dalla cultura ispanico-araba, (dall'arabo az-zulaj, "pezzo di terracotta) con una forte influenza dal quattrocento della maiolica italiana.

AlgarveA ovest di  Faro si trova Albufeira, la più frequentata e visitata località balneare dell'Algarve con le sue tipiche case bianche e il dedalo di strette viuzze. Nonostante la notorietà Albufeira è ancora un luogo  caratteristico e invitante. Gli scogli di roccia, le falesie di colore rosso, la spiaggia dei pescatori sono separate da uno spuntone roccioso dall'aspetto pittoresco. Da Cabo de sao Vincente, detto "della fine del mondo", partirono i grandi navigatori portoghesi alla scoperta di nuovi mondi. Insomma un luogo magico e tenero che vale veramente la pena di essere visitato.

Tavira - AlgarveSe si arriva verso le zone più esterne, specialmente intorno a Sagres e a Tavira, noterete che il paesaggio si fa più gradevole, con costruzioni turistiche più piccole, accanto a superbe spiagge e a isolotti più caratteristici e meno frequentati. La linea costiera presenta due aspetti ben distinti. A ovest di Faro, si trovano le tipiche immagini da cartolina della provincia, con una serie di minuscole insenature e baie interrotte da strane formazioni rocciose e da splendide grotte.

Odeceixe - AlgarveSe cercate porti davvero speciali e romantici, potete fare una capatina al villaggio di pescatori di Salema, il capo storico di Sagres (dove sorgeva la scuola navale di Enrico il Navigatore), oppure uno dei tanti villaggi fino a Odeceixe, lungo la costa occidentale più selvaggia e incontaminata. A est di Faro, il paesaggio cambia completamente, non appena si incontra la prima di una serie di isolette sabbiose, le ilhas, che seguono il profilo costiero praticamente fino al confine con la Spagna. I complessi turistici qui hanno un'atmosfera più tipicamente portoghesi rispetto alla fascia centrale della costa. Una base per visitare questa zona, oltre alla stessa Faro può essere Olhào, oppure Fuzeta e Tavira, dalle quali si possono raggiungere le isolette. All'interno, si trovano alcuni luoghi molto interessanti: Alcoutim, al confine con la Spagna, le rovine romane di Estói e la città di mercato di Loulé, entrambe a nord di Faro, oppure l'antica città moresca di Silves, facilmente raggiungibile da Portimào.

Caldas de Monchique - AlgarveUna delle zone più belle dell'Algarve è senza dubbio quella della Serra de Monchique, la catena montuosa più alta del sud, con boschi di querce da sughero e castagni, piccoli villaggi remoti e le stupende terme di Caldas de Monchique.

Per molti aspetti è meglio visitare la regione in primavera o in inverno, anche perché quasi tutte le pensioni e i ristoranti rimangono aperti ed è facile trovare un alloggio. Sicuramente un viaggio fuori stagione in Algarve vi consentirà di fare gli affari migliori del paese, visto che gli alberghi di lusso offrono pacchetti tutto compreso con sconti fino al 70%: cercate le offerte più allettanti negli uffici turistici del posto.

Se invece arrivate in estate senza prenotazione, trovare una camera sarà veramente un'impresa. Negli ultimi anni era molto raro che gli alberghi della costa avessero un posto libero in luglio e agosto e altrettanto difficile era trovare una camera presso privati (quartos). In queste circostanze avere un mezzo di trasporto proprio è di grande aiuto, dato che è più facile trovare posto negli alberghi dell'interno, anche se è bene ricordare che anche l'auto a noleggio va prenotata in anticipo.

In estate, dovrete anche essere preparati a prezzi altissimi in confronto al resto del paese. Andare in giro con i trasporti pubblici è più facile qui che in tutto il resto del paese e, dato che la linea costiera è lunga solo 240 km da est a ovest, è possibile vedere moltissimo anche in pochi giorni. La linea ferroviaria dell'Algarve va da Lagos a ovest a Vila Real de Santo António al confine con la Spagna, con fermate in quasi tutte le città più importanti; mentre i servizi di pullman collegano tutte le località costiere con i principali villaggi dell'interno. In auto, è possibile raggiungere i più remoti villaggi dell'interno e le spiagge riparate.

L'autostrada E01 percorre l'Algarve da est a ovest, dal confine spagnolo a Lagos e, a nord di Albufeira, incrocia la A2/E01 per Lisbona.

Torna su

Fino alla Fine del Mondo
testo di Giampiero Comolli

Ponta da Piedade - AlgarveUn giorno, alla Ponta da Piedade, uno dei luoghi più belli dell'Algarve, mentre stiamo osservando dall'alto l'intrico stupefacente dei faraglioni rossastri a strapiombo sull'oceano azzurro, sentiamo inaspettatamente alle nostre spalle una gentile voce femminile che si rivolge a noi in italiano: "Dovreste ammirare questo spettacolo dalla barca, sapete? Qui sotto c'è tutto un meraviglioso labirinto di rocce e grotte: ma bisogna stare attenti agli orari delle maree". Ci voltiamo: chi ci sta parlando è una signora di mezz'età, chiaramente italiana, dall'aria dolce e un po'malinconica. Si chiama Rosalba, veniamo a sapere che da anni si è trasferita col marito in Algarve, e quando le chiedo il motivo di questa scelta, e se non abbia nostalgia dell'Italia, mi risponde in modo un po'sorprendente: "Sono venuta in Algarve proprio perché la sua campagna bella e soleggiata, coi vigneti, i fiori, gli ulivi, mi ricordano l'Italia; e appunto per questo non provo nostalgia del mio paese". Poi aggiunge: "Quanto a mio marito Silvestro, lui ama la potenza dell'oceano e soprattutto le maree. Ma eccolo che arriva: ora Silvestro vi dirà tutto sulle maree alla Ponta da Piedade...".

Ponta da Piedade - AlgarveNei giorni successivi, girando per la regione, avrei ripensato spesso a questo strano incontro coi due italiani innamorati dell'Algarve, anche perché nel breve, semplice discorso che ci avevano fatto, sembrava nascondersi qualcosa che aveva a che fare col fascino profondo del luogo. Del resto, nel nostro girovagare, ci capitava sempre d'imbatterci in stranieri, ma anche in portoghesi, che avevano compiuto la stessa scelta estrema di Rosalba e Silvestro: venire a vivere quaggiù, nella regione più periferica e meridionale d'Europa. Come il senhor Fernando Queiroa, incontrato in un altro posto di splendore assoluto: la costa fra Praia da Rocha e Alvor.

Praia da Luz - AlgarveCamminavamo incantati, osservando la pineta verdissima, interrotta da calanchi rosso bruni che si spalancavano su spiagge di sabbia rosa, a loro volta delimitate da scogliere a picco color ocra; ed ecco, seminascosto fra le agavi, un uomo piccolo e anziano, vestito poveramente, gli occhi intensi e tristi, fissi sull'immensità turchese dell'oceano. Ci parlammo un po'a gesti, un po'in una stentata mescolanza di portoghese e italiano: il senhor Queiroa era nativo dell'Angola, dove come colono portoghese amministrava una piccola piantagione; con la fine delle colonie aveva perso tutto; giunto profugo in Portogallo, aveva deciso di vivere in Algarve perché il suo sole dardeggiante, la terra rossa, le palme, le agavi, e soprattutto la visione dell'Oceano, gli comunicavano un sabor de Africa, gli permettevano di coltivare quel che considerava il suo bene più prezioso: la saudade, la nostalgia per il perduto Angola.

Arrifana- AlgarveNessuna malinconia, invece, ma un vero innamoramento, avevano spinto Theo Bakker e Nanette Kant a lasciare l'Olanda per stabilirsi vicino alla Baia de Lagos, nella deliziosa Quinta do Alfarrobeira, o Fattoria del Carrubo, un agriturismo ora da loro stessi gestito: "Quando per la prima volta, nel '96, ci sedemmo sotto le fronde del vecchio carrubo, ci pareva di sognare: era come aver trovato un paradiso. La vecchia fattoria coi soffitti di bambù, la conca verdeggiante di una campagna ombrosa, piena di mandorli, fichi, olivi, aranci; e, subito di là dalla collina, le immense spiagge della Baia de Lagos...".

Fim do Mundo, o "Fine del Mondo" - AlgarveSe questo idillio di sapore mediterraneo ha sedotto i due olandesi, per contro i tedeschi stabilitisi nel piccolo villaggio di pescatori di Arrifana, hanno perseguito un altro sogno, questa volta di tipo energetico: vivere a contatto diretto con la potenza immane dell'oceano. Al di là del Cabo de São Vicente e della Punta de Sagres, infatti, dove si erge la famosa fortezza che sorveglia la cosiddetta Fim do Mundo, o "Fine del Mondo", il paesaggio cambia drasticamente: immense scogliere, alte sessanta metri, coi pescatori che gettano le lenze, sporgendosi sul precipizio e sui marosi furibondi; il rumoreggiare continuo dei cavalloni, con la spuma che s'innalza fino alla sommità della scogliera; ma anche, all'estuario di piccoli fiumi, spiagge sterminate, frequentate tutto l'anno dai patiti del surf; e ancora, piccoli paesini come quello di Arrifana, dove appunto vivono i tedeschi innamorati di questo mondo "duro".

Forte da Ponta da Bandeira, Lagos - AlgarvePiacerebbe anche a me starmene quaggiù? Sulla Costa Vicentina propriamente no, ma più a sud, nel Barlavento, o Algarve roccioso, mi scopro anch'io a coltivare il sogno del trasferimento. Ci troviamo a Lagos, una delle più suggestive cittadine storiche della regione, principale porto di partenza per l'Africa, il Brasile e le Indie al tempo delle grandi Scoperte e navigazioni portoghesi. Passeggiamo fra le sue bianche casette coi giardini gonfi d'aranci che ricordano i tempi della dominazione araba; vediamo la Igreja de Santo António con le morbide statue barocche in legno dorato, che affollano gli altari; visitiamo gli spalti del piccolo Forte da Ponta da Bandeira, eretto a sorveglianza del porto. Tutto appare come in dimensioni ridotte, gentili, a misura d'uomo. E tuttavia si respira ovunque un'aria di apertura, vastità, grandi orizzonti e grandi viaggi. E a questo punto mi sembra finalmente di capire perché l'Algarve possa apparire a tanti una terra così perfetta, così desiderabile e abitabile. Forse come in nessun'altra regione d'Europa in Algarve convivono, mirabilmente e armoniosamente intrecciate l'una nell'altra, due antitetiche dimensioni dell'esistere: quella del domestico, del raccolto, del protetto, e quella opposta dello sconfinato, dell'avventuroso, dello sconosciuto. Da una parte le piccole case bianche, i bei giardini, il morbido sole; dall'altra la Fim do Mundo, l'oceano infinito, l'epopea dei grandi descobrimentos.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Torna su

 

Ostelli Portogallo   Hostales Portugal

Carte du Portugal     Karte Von Portugal     Mapa Portugal Map of Portugal

Carte Algarve   Karte von Algarve Mapa Algarve   Map of Algarve