Bambini e punizioni

Informagiovani Italia

L'educazione in Italia

L'educazione in Europa

Lavorare in Italia

Lavorare in Europa

Comuni Italiani

Buona amministrazione comuni

Articoli  Informagiovani

Mestieri e Professioni

Mettersi in Proprio

Idee imprenditoriali

Mettere su casa

Energia Pulita

Giovani arte e cultura

Stili di vita

Codice della strada

Informa Bambini

Pronto soccorso bambini

Giovani e Salute

Viaggiare in Europa

Viaggi Italia  Viaggiare in Italia

Ostelli in Italia

Ostelli in Europa

No al bullismo

Inter Rail

 

Bambini e punizioni

 

Restare calmi e sotto controllo, mentre il bambino non si comporta come dovrebbe è la chiave che aiuta ad essere coerenti nel modo in cui gli si danno lezioni circa la sua disciplina. L'"Angolo della riflessione"  è una tecnica che può essere usata quando il comportamento di un bambino è irragionevole e occorre porvi rimedio.

Uso dell'angolo della riflessione (un tempo angolo del castigo castigo)

L'ha fatto di nuovo - è la quarta volta questa mattina! Se siete esasperati dal comportamento di vostro figlio, e vedete che alcune regole familiari continuano a non essere rispettate, provate a usare la tecnica dell'Angolo della riflessione. Questo è un modo per spezzare il ritmo, dando a tutti la possibilità di calmarsi e permettere al vostro bambino di ragionare sui suoi errori e su ciò che c'era sbagliato in quello che ha fatto.

Come funziona:

* Quando il vostro bambino si comporta male o infrange una delle regole familiari spiegategli in cosa ha sbagliato, ditegli che il suo comportamento è inaccettabile, e avvertitelo che se si comporta nello stesso modo ancora una volta, sarà messo a riflettere in un luogo calmo da solo. Assicuratevi che la voce rimanga calma, non arrabbiata, e usate un tono basso e autorevole.
* C'è un giocattolo particolare o qualcosa che sta creando la situazione di crisi che si può tranquillamente rimuovere? Oppure il bambino è stanco o affamato? Vedete se potete risolvere la sua frustrazione cambiando attività oppure cercate di coinvolgerlo in qualcos'altro.
* Se si comporta male di nuovo, portatelo immediatamente nell'Angolo della riflessione.
Spiegate chiaramente perché è lì e per quanto deve rimanerci (un minuto per ogni anno d'età).
* Se cerca di allontanarsi, riposizionatelo in modo gentile ma fermo e tenetelo lì finché si rende conto che siete impegnati a rimanere lì per il tempo concordato.
* Una volta che il tempo prestabilito è passato, state un attimo insieme nell'Angolo. Mettetevi al suo stesso livello, utilizzate un tono basso di voce e autorevole, e spiegate di nuovo perché l'avete messo lì. Invitatelo a chiedere scusa e, quando lo fa, lodatelo calorosamente con un bacio e una coccola.
Dite 'grazie', e tornate a quello che stavate facendo e dimenticate l'incidente.
* Se il vostro bambino si rifiuta di chiedere scusa (o lo dice in un modo che vi fa pensare che probabilmente non lo voglia dire!), continuate con questa tecnica fino a quando si rende conto che avete bisogno di una scusa adeguata. Ma non dimenticate di baciarlo e abbracciarlo alla fine!

Per bambini più grandi

Quando il bambino sarà troppo grande per l'Angolo, cercate di coltivare in lui il senso di responsabilità per le sue azioni con la creazione di una stanza o zona “di riflessione'. Potete chiedergli di andare lì quando è arrabbiato per dargli il tempo e lo spazio fisico per riflettere.

E non dimenticate il premio per un buon comportamento!

La risoluzione dei problemi comportamentali utilizzando la tecnica dell'Angolo/Stanza di Riflessione funziona meglio quando si fanno anche molti complimenti riguardo a ciò che il bambino fa bene. Siate un genitore positivo e di tanto in tanto ricompensate il buon comportamento di vostro figlio.

Se volete aggiungere commenti, articoli o quant'altro scrivete all'indirizzo info  @   informagiovani-italia.com (antispam: togliete gli spazi prima e dopo la chiocciolina)

Torna su