BERNA

VISITARE BERNA : INFORMAZIONI E PICCOLA GUIDA

Berna, la capitale della Svizzera, mi venne in mente di visitarla leggendo una di quelle storie di viaggi scritte nel Ottocento, quando molti intellettuali europei e giovani ricchi aristocratici andavano in giro per l'Europa nel loro mitico Grand Tour e si fermavano anche a Berna, sinonimo, oggi come allora, di aria fresca, verdi vallate, gustosa cucina, natura alpina e cultura.

 

Partii con tre amici di vecchia data da Bologna, pronti a stupirci della città che avevamo deciso di visitare. La prima sorpresa me la fece in treno il controllore che, alla domanda, "tra quanto arriviamo", mi rispose "17 minuti e 45 secondi" sorridendomi gentile.  Il nostro viaggio volgeva al termine e, dopo poco più di 6 ore, ci ritrovammo nel cuore dell'Europa. La città ci apparse fin da subito bellissima, un concentrato di tutto: natura, architettura, cultura, efficienza, vitalità, qualità della vita. Di lingua principalmente tedesca, la capitale della Confederazione Elvetica è uno dei centri economici più importanti del paese ma non ha l'aria della grande metropoli. Gli abitanti di Berna sono solo 130 mila ma godono di un patrimonio storico e naturalistico davvero grande. Il centro storico medioevale è stato dichiarato fin dal 1983 dall'UNESCO patrimonio dell'Umanità.

Ma partiamo dalle origini... poco più di otto secoli fa, il duca Berthold V di Zahringen (1160-1218), scelse questo luogo per fondare Berna, per la sua posizione strategica, e secondo un aneddoto popolare, perché qui uccise, in una battuta di caccia, un orso (in tedesco Bären, da cui Bern, e Berna in italiano). Nel 1218, con la morte del duca s'interruppe anche la linea dinastica della famiglia ed il territorio da lui posseduto venne suddiviso tra alcuni nobili locali. Berna fece parte del Sacro Impero Romano e divenne una libera città imperiale, cioè soggetta all'esclusiva giurisdizione dell'imperatore, che a quei tempi era Federico II (della casa sveva degli Hohenstaufen) successore di Federico I Barbarossa.    

 

Nel 1353 Berna entrò a far parte della Confederazione conservando nel tempo un ruolo dominante, fino al 1848, quando divenne capitale e sede del Consiglio e dell'Assemblea federale.

Tornando al mio viaggio, fui affascinato all'epoca da uno scritto di Dorothy Wordsworth (sorella del più famoso poeta William Wordsworth) che descriveva Berna come un "luogo di stupefacente ordine, una città solida, determinata e ciò nonostante tanto armoniosa da non perdere in fascino e suggestione". In effetti da quando si mette piede nel territorio svizzero, la prima cosa che si nota – dalla stazione ferroviaria, alle strade, dai negozi al comportamento della gente – è la precisione: la troviamo ovunque, primo fra tutti nel centro storico di Berna, perfettamente conservato e pulito. Il cuore medievale della città è davvero suggestivo e sorge su una penisola circondata dall'ampia ansa del fiume Aare, che dalla Alpi bernesi arriva fino al fiume Reno.  Proprio nel mezzo, come uno spartitraffico, si eleva l'imponente Bundeshaus, il palazzo federale del Parlamento svizzero. Non lontano la Cattedrale gotica di Berna (Berner Münster) che offre anche l'occasione per una visione panoramica della città. A vederla dall'alto, la città, si apre sotto di noi con tutto il suo fascino: colori che vanno dal rosso scuro dei tetti al verde intenso degli alberi, l'ocra dei palazzi contro l'azzurro del cielo... e poi le montagne, maestose, innevate... Certo, salire i gradini del campanile più alto di tutta la Svizzera è faticoso ma la vista mozzafiato che si ammira da quassu è un'equa ricompensa. La cattedrale è l'edificio storicamente più significativo di Berna; fu iniziata nel XV secolo in stile tardo gotico e ultimata con la cupola e l'Ottagono al termine del secolo scorso. La facciata è riccamente decorata da statue, mentre l'interno offre delle splendide vetrate, belli stalli rinascimentali del coro, l'interessante fonte battesimale e l'organo Barocco.

Diamo ora uno sguardo alle piazze cittadine. La Bubenbergplatz rappresenta il fulcro vitale della città, una bella piazza circondata dall'edificio dell'Ospedale civile del Settecento e dalla Heiliggeistkirche (la chiesa del Santo Spirito), dello stesso periodo, in stile Barocco. Proseguendo la visita si trova la Bundesplatz, dove periodicamente si svolge il mercato dei fiori e, nelle immediate vicinanze, la Theaterplatz con il bell'edificio del Hotel de Musique,  sempre del Settecento. A proposito di piazze, se avete la fortuna di passare da queste parti nel periodo delle feste, il Natale a Berna è davvero speciale, con colori, profumi e suoni romantici e profondi. Per gli appassionati dei mercatini natalizi, la piazza da cercare è Waisenhausplatz dove da inizio dicembre al 24, tutti i giorni si tiene il famoso mercato di natale e dove si tiene di mercato di Capodanno dal 27 al 29 dicembre. Vi aspettano bancarelle con i tipici prodotti natalizi dell’artigianato svizzero come i fiori secchi, gli oggetti in legno, candele profumate. Molte anche proposte gastronomiche come il sidro caldo, il vin brulè, il cioccolato e il pan di zenzero.

Rimanendo nel centro storico, che qui viene chiamato Innerstadt, e  percorrendo la vicina Junkerngasse, si possono ammirare le tipiche case con i portici e l'Erlacherhorf, edificio dall'architettura elaborata e sede della Presidenza della Confederazione. Sempre in tema "istituzionale" si visiti anche il vecchio municipio del XV secolo, in stile tardo gotico.

Due caratteristiche colpiscono i viaggiatori, i 6 km di portici (Berna offre uno dei più lunghi viali dello shopping al coperto d'Europa) e le fontane. A metà del XVI secolo nella città vennero costruite difatti undici fontane figurative in stile rinascimentale, molto caratteristiche: quella più celebre è situata nella  Kramgasse ed è conosciuta come Zähringerbrunnen, ed è stata costruita in memoria di Berthold, il fondatore di Berna. Altre due interessanti fontane sono la Krammgassbrunnen (1778) e la Simsonbrunnen (1544). Alla fine della  Kramgasse (al numero 49) si può visitare la casa che ospitò Albert Einstein. Qui Einstein lavorava alla sua Teoria della Relatività, mentre si trovava impiegato all'ufficio brevetti di Berna.

Torre orologio BernaFamosa è anche la torre dell'orologio di Berna, la Zeitglokenturm, con il suo glockenspiel, il carillon di Berna, meglio conosciuto con il nome di Zytglogge (XII secolo). Con il Big Ben di Londra, credo che sia l'orologio più famoso del mondo. Molto celebre anche la Spitalgasse, la bella strada pedonale che porta direttamente nel centro storico. Se passate accanto alla piazza Kornhausplatz e siete in compagnia dei vostri bimbi, spaventateli scherzando sul soggetto rappresentato nella fontana posta al centro della pL'orso di Bernaiazza: la Chindlifresser, raffigura difatti un mangiatore di bambini immortalato a colazione. Passeggiando sotto i portici della lunga Kramgasse  non ci si accorge che la strada ad un incrocio cambia nome e diventa Gerechtigkeitsgasse (impronunciabile), che a sua volta si dirige verso il fiume e il ponte di Nydeggbrücke. A due passi, troviamo la più frequentata delle attrazioni turistiche di Berna, il Bärengraben (il fossato degli orsi) il luogo in cui, secondo la tradizione, Zahringen decretò la fondazione di Berna. Munitevi di qualche carota se volete far felici gli orsetti di sotto: da oltre 500 anni sono ospitati in una struttura in pietra ad una sola campata larga oltre 50 metri.

Kornhaus BernaInteressante è visitare la Kornhaus (inizio del XVIII secolo), un antico magazzino in cui venivano poste le granaglie e che serviva anche da cantina di stoccaggio. Oggi l'edificio ospita un centro culturale polivalente, luogo di numerosi eventi e manifestazioni di Berna e strutture come la Kornhausbühne (parte del Teatro comunale), una biblioteca, un locale di Media e Design (Kornhausforum), due locali per la ristorazione e altro ancora. I musei a Berna  (ad esempio Museo dell'artigianato di Berna, Museo delle Belle Arti di Berna Kunstmuseum, Centro Paul Klee, Museo di Storia dell'Arte tipografica di Berna,  Museo storico bernese, Museo alpino, Museo Einstein) sono numerosi e tutti molto interessanti.

Centro Paul KleeUna menzione particolare merita il Centro Paul Klee, ospitato in un moderno edificio a forma di onda, progettato dall'italiano Renzo Piano. Ospita la maggior collezione al mondo di opere di Paul Klee. In mostra anche opere di Vasily Kandinsky, Franz Marc e Alexej von Jawlensky. Oltre alle mostre vi si tengono concerti ed eventi. Caffetteria, shop e ristorante sono luoghi interessanti dove sostare e godersi l'atmosfera vivace e creativa che si respira in questo centro. E se dopo tanto camminare e vedere siete un po' stanchi, rilassatevi in uno dei tanti caffè o fate una sosta più lunga in un bel ristorante, per sceglierlo leggete Dove mangiare a Berna.

Berna è in una posizione centrale ed è ottimamente collegata a tutte le principali città della Svizzera e a molte città europee come Parigi, Milano, Berlino e Barcellona. Leggi anche Come raggiungere Berna.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

 

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Torna su

 

Ostelli Berna   Ostelli Svizzera  Hotel Svizzera   Hotel Berna

Carte de Berne  Karte von  Bern Mapa  Berna   Map of Bern

 

Carte de la Suisse   Karte von  Der  Schweiz   Mapa Suiza  Map of Switzerland