Coltivazione della canapa     

Sei qui: Pratiche di buona amministrazione Energia pulita  > Capannori coltivare la canapa

 

Capannori coltiva la canapa per la bioedilizia

 

 

Cosa si può realizzare in edilizia con la canapa?

La coltivazione della canapa a Capannori

Ieri, oggi, perché la canapa?

I mattoni di canapa fanno bene alla salute e... alla comunità

 

Abbiamo già parlato di Capannori, in Toscana e delle sue pratiche di buona amministrazione.

Adesso parliamo nel dettaglio di una coltivazione particolare promossa dal comune: quella della canapa. Una pianta dimenticata, la cui coltivazione sembrava ormai non più redditizia, rinasce oggi a nuova vita grazie al suo impiego nella bioedilizia e non solo... vediamo insieme come la canapa può essereimpiegata nell'edilizia, quali vantaggi ha e come si è attivata Capannori per coltivarla migliorando il benessere e l'economia di tutta la comunità.
 

Ieri, oggi, perché la canapa?

 

Canapa CapannoriLa canapa (che vedete a lato) è una pianta infestante portentosa: la sua coltivazione richiede poca acqua, nessun tipo di pesticida o fertilizzante chimico, è utile per reintegrare le sostanze vitali dei terreni agricoli (bastano soli 5 mesi all'anno per coltivarla) e presenta oggi numerosi possibili utilizzi nella bioedilizia.

La canapa è un materiale naturale e sano che può essere utilizzato per la costruzione di vari elementi architettonici per edifici costruiti nel rispetto dell'ambiente e della salute delle persone che li abitano.

 

Cosa si può realizzare in edilizia con la canapa?

 

Canapa mattoniDal fiore e dal fusto della canapa si ricavano: cere, vernici, intonaci, pannelli isolanti, a livello termico ed acustico, e blocchi prefabbricati. Inoltre il "mattone di canapa", realizzato usando il canapulo, la parte legnosa dello stelo, mischiato alla calce; il risultato è un mattone rigido, resistente e leggero.

 

 

I mattoni di canapa fanno bene alla salute e... alla comunità

Perché usare i mattoni di canapa?

1. la canapa è refrattaria alle muffe (i muri di canapa assorbono umidità,  pensate che un metro quadro di muro assorbe fino a 14 litri di acqua, che poi rilascia gradualmente quando serve);

2. i muri di canapa sono traspiranti, sani ed ecologici;

3. la canapa garantisce un ottimo isolamento termico ed acustico;

4. ottima la protezione che la canapa offre contro insetti e microbi;

5. la canapa ha la capacità di sintetizzare il carbonio e quindi di ridurre l’inquinamento (è un materiale "carbon negative", che riduce le emissioni di CO2 nell’ atmosfera, rendendo gli ambienti interni più salubri);

6. a livello locale la comunità intera beneficia delle coltivazioni, economicamente come filiera produttiva e anche a livello di paesaggio e di ambiente (pensate che la pianta funge anche come fito-depuratrice del terreno inquinato dalle industrie).

 

La coltivazione della canapa a Capannori

 

I campi della zona di Capannori (LU) erano sfruttati in larga parte per la coltivazione della canapa fino agli anni '60. Poi la crisi del settore, causata dall'avvento delle materie plastiche in primis, e le modifiche sulle normative a livello nazionale (la messa al bando nel 1977 con la legge Cossiga che ne ha proibito la coltivazione per 20 anni, accomunando la canapa al destino della «cugina», quella che, per l’appunto, si fuma) hanno determinato l'estinzione nella zona della coltura. Grazie ad un progetto finanziato dalla Regione Toscana, il Comune di Capannori, da sempre sensibile a tematiche di sostenibilità ed innovazione, ha ripreso ad incentivare questa coltura, che rispetto al passato apre nuove possibilità. La canapa è divenuta infatti elemento prezioso per l'edilizia sostenibile, soprattutto per la realizzazione di elementi come pareti non portanti e pannelli termici isolanti. Essendo costituiti da materiale naturale facilmente ottenibile dalle coltivazioni e smaltibile senza danni all'ambiente, questi componenti riducono l'impatto ambientale delle abitazioni e di fatto non hanno alcun impatto negativo sulla salute delle persone che abitano le bio-case. La canapa viene utilizzata anche per la realizzazione di mobili ed arredi ed in molti casi può sostituire la plastica. Cemento, malte, metalli e materiali artificiali vari che costituiscono le case costruite con i metodi dell'edilizia tradizionale hanno un impatto sicuramente più dannoso sull'ambiente naturale e sulla salute di chi le abita.

 

Quello di Capannori, per le sue caratteristiche di innovazione in campo agricolo, industriale e tecnologico, è il primo progetto al mondo che vede la costruzione di una filiera locale di utilizzo della canapa a fini edilizi su queste dimensioni. Ciò comporta anche risvolti positivi in ambito occupazionale per la zona, particolarmente rari in periodi di crisi, oltre che relativamente alla conservazione delle tradizioni locali ed alla salvaguardia dell'ambiente, visto che si incoraggia un tipo di agricoltura totalmente biologico, senza la necessità di utilizzare prodotti chimici. La coltivazione della canapa è infatti altamente sostenibile a livello ambientale rispetto ad altri tipi di colture: la pianta non ha bisogno di grande irrigazione nei mesi estivi e non necessita di pesticidi. Inoltre, dato che impegna il terreno solo per 5 mesi all'anno, è molto efficace come coltura rotativa, che aiuta a reintegrare il terreno di sostanze utili per coltivazioni anche di altro tipo durante il resto dell'anno. E' pertanto utile a dare nuova vita in modo del tutto naturale a terreni che, a causa di anni ed anni di coltivazioni intensive, si sono inevitabilmente impoveriti di sostanze vitali all'agricoltura.

 

In concreto, grazie alla collaborazione di Cia e Coldiretti, diversi agricoltori della zona inizieranno a coltivare canapa ricavando una resa netta di circa 500 euro per ogni ettaro, collaborando con imprenditori edili che beneficeranno di questa iniziativa iniziando a realizzare case in bioedilizia costruite in maggior parte con la canapa anziché con il legno, più impattante a livello ambientale a causa del disboscamento e più costoso come materiale e trasporto. Vi terremo aggiornati. 

Torna su