Chi è morto nel 2016

Sei qui: Articoli informagiovani >

 

Chi è morto nel 2016

 

Un altro anno è passato, e anche quest’anno, sono numerosi i personaggi, grandi e meno grandi che ci hanno lasciato. Il 2016 è stato da molti definito come "l’anno nero della musica" perché si è portato via alcuni degli artisti più amati nell’ambito musicale. Persone che hanno segnato la storia, che l’hanno scritta, attraverso le proprie idee e le canzoni. Di seguito una lista delle maggiori personalità decedute in questo anno appena trascorso. Nella foto abbiamo scelto di mettere il "nostro" Umberto Eco, linguista, saggista, filosofo e scrittore, un grande italiano!

 

Il 10 gennaio 2016 se n’è andato il grande David Bowie dopo una lotta contro il cancro: era nato a Londra l’8 gennaio del 1947. Solo dopo la morte si è saputo che combatteva contro un cancro da due anni e che aveva scelto di lasciarci con l'eutanasia. David Robert Jones, questo era il suo nome, aveva una grande passione, la musica e durante gli anni Settanta raggiunse il successo, divenendo il pioniere del Glam Rock. Alcuni dei suoi brani hanno segnato la storia della musica, ed in parte un po’ la storia di tutti noi, chi non ha mai canticchiato, almeno una volta nella vita "Heroes" o "Life on Mars"? Ll’8 gennaio 2016, David Bowie, in occasione del suo compleanno, aveva lanciato a sorpresa il suo ultimo album "Blackstar".

Pochi giorni dopo, il 18 gennaio, la musica ha perso per sempre Glenn Frey, storico cantautore e musicista americano. Era passato alla storia per essere stata tra i fondatori della Band Eagles, che durante gli anni Settanta scalò le classifiche con brani come Take it Easy e Tequila Sunrise e vinse sei Grammy Awards e cinque American Music Awards. In seguito alla rottura con la Band, Glenn Frey continuò la sua carriera da solista.

L’8 marzo invece muore a 90 anni il mitico produttore dei Beatles, Sir George Martin.

Il 22 aprile 2016 è stato uno dei giorni più tristi per la storia della musica, perché se n’è andato Prince Rogers Nelson, colui che tutto il mondo conosceva come Prince. Il cantante è stato trovato morto all’interno di uno degli ascensori della sua casa a Minneapolis. Questo grande artista era nato a Minneapolis il 7 giugno del 1958. Nel corso della sua carriera è stato cantautore, compositore, ballerino, regista, attore e soprattutto è stato tra i primi a scoprire il grande valore che poteva avere Internet per la musica. Fu tra i primi a vendere online alcuni prodotti sul suo sito, dimostrando sempre di essere un innovatore. E’ stato considerato uno degli artisti migliori al mondo e conobbe l’apice del successo nel 1984 quando compose Purple Rain, la canzone che lo ha incoronato re della musica. La sua passione, però, era anche il cinema, e riuscì ad ottenere nello stesso momento la prima posizione per il singolo, l’album ed il film, solo i Beatles, prima di Prince erano riusciti in un’impresa del genere. Come uno scherzo del destino, questo 2016, oltre a Prince si è portato via anche Vanity, la cantante e modella canadese che venne scoperta dallo stesso Prince e che con lui ebbe una relazione amorosa. Denise Katrina Matthews, questo era il suo nome, era nata il 4 gennaio del 1959 ed è scomparsa il 15 febbraio 2016. Il suo esordio fu come modella, poi grazie a Prince divenne cantante ed attrice; durante gli anni Novanta abbandonò definitivamente il mondo dello spettacolo, dedicando la sua vita alla religione, come predicatrice.

Il 7 novembre 2016 si è spento a Los Angeles Leonard Norman Cohen, uno dei più grandi cantautori di tutti i tempi. Cohen ha saputo con la sua voce raccontare temi legati alla religione, alla spiritualità e all’amore. Fece parte della Rock and Roll Hall of Fame, della Canadian Songwriters Hall of Fame e della Canadian Music Hall of Fame. Ha sempre amato la sua terra, il Canada, per tale ragione ottenne anche l’onorificenza di Compagno dell’Ordine del Canada, la più alta in assoluto. Ha vissuto prima una vita di eccessi per poi redimersi scegliendo di vivere quasi 15 anni in un tempio buddista californiano. Tra i suoi grandi successi "Suzanne", "You want it darker" e "I’m your man". Forse, ancora oggi dall'alto, starà cantando e facendo emozionare tutti con la sua immortale "Halleluja".

Il giorno di Natale, il 25 dicembre 2016 è sparito definitivamente dalla scena George Michael, l’artista nato a Londra il 25 giugno 1963. Ebbe un notevole successo anche negli Usa, con più di 100 milioni di dischi venduti, è stato uno dei cantanti più amati di sempre. Iniziò la sua carriera facendo parte della band Wham, successivamente divenne solista con l’album Faith. Tra i suoi successi "Last Christmas", "Wake me up before you go-go", "Club Tropicana" e "Freedom". Celebre anche "Outside" il pezzo con cui dichiarò pubblicamente la sua omosessualità, per anni nascosta. Ha avuto una vita di eccessi e di scandali. Dopo diversi anni di assenza, pubblicò il suo ultimo lavoro nel 2014, un album dal titolo Symphonica.

Anche la musica italiana ha risentito degli effetti negativi di questo 2016, quando il 30 marzo si è spento Gianmaria Testa, storico cantautore, che mosse i suoi primi passi in Francia, dove ottenne un grande successo e che venne confermato anche nel nostro Paese. Nel 2006 aveva pubblicato "Da questa parte del mare"un lavoro che parla di emigrazione e che aveva ottenuto l’anno dopo la Targa Tenco come miglior album. L’ultimo anno ha combattuto contro un cancro che non è riuscito a sconfiggere.

Oltre ad artisti del mondo della musica, il 2016 si è portato via anche diverse personalità che hanno fatto la storia italiana e mondiale.

L’attrice Silvana Pampanini è morta il 6 gennaio 2016, dopo un lungo ricovero in ospedale. Fu una tra le protagoniste del cinema italiano anni ’50 dove recitò insieme ai più grandi dell’epoca come Totò, Marcello Mastroianni, Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Vittorio De Sica, Nino Manfredi.

L’8 gennaio si è spenta Maria Teresa de Filippis, la prima pilota italiana di automobilismo. Una vera e propria pioniera di casa nostra, considerando che ancora oggi le donne nella F1 sono assenti. Maria Teresa, fu la prima donna a correre una gara di Formula 1 e l’unica, con Lella Lombardi, a correre un Gran Premio. Fece il suo esordio nel Gran Premio di Montecarlo nel 1958 a bordo di una Maserati. Riuscì a finire la corsa nel Gran Premio del Belgio, arrivando decima. L’anno successivo corse le qualifiche nel Gran Premio di Montecarlo con una Behra – Porsche, ma si ritirò definitivamente dal mondo delle corse, in seguito ad un incidente avvenuto nella vettura in cui doveva correre lei, ma che venne sostituita da Jean Behra, che perse così la vita.

Il 19 gennaio 2016 è morto a Roma il regista Ettore Scola, uno dei più grandi sceneggiatori di tutti i tempi, l’uomo che riuscì a far amare il cinema Italiano in tutto il mondo. Diresse numerosi film, tra i quali i celeberrimi "C’eravamo tanto amati" e "Una giornata Particolare".

Il mondo della cultura ha perso, per sempre un gigante, il 19 febbraio 2016 è morto infatti Umberto Eco. Una grande personalità del mondo letterario, linguista, saggista, filosofo e scrittore; fondò nel 1988 il Dipartimento della Comunicazione nell’Università di San Marino. Dal 2008 era professore emerito presso l’Università di Bologna. Raggiunse il culmine del successo letterario nel 1980, quando pubblicò il suo libro "Il Nome della Rosa", tradotto in 47 lingue e con trenta milioni di copie in attivo. Ha scelto di essere salutato con una cerimonia laica presso il Castello Sforzesco. Originario di Alessandria ma milanese d'adozione è stato sepolto nel del Cimitero Monumentale di Milano.

Lo stesso giorno, in cui se n’è andato Umberto Eco, il 19 febbraio 2016 si è spenta Nelle Harper Lee, la scrittrice americana conosciuta in tutto il mondo per aver scritto il best seller mondiale "Il Buio Oltre la Siepe", uscito per la prima volta nel 1962, vincitore del Premio Pulitzer. Dal romanzo è stato tratto il film omonimo, vincitore di tre premi Oscar. Il 14 luglio 2015 la scrittrice pubblicò il suo secondo romanzo "Va’ metti una sentinella".

Il mondo del calcio ha subito il 3 aprile 2016 la perdita di Cesare Maldini, lo storico allenatore nato a Trieste il 5 febbraio 1932. Esordì come giocatore nel Milan e ne divenne capitano, così come divenne capitano della Nazionale Italiana di Calcio. Dopo la carriera da calciatore, si dedicò a quella di allenatore, il figlio Paolo Maldini ha seguito le orme del padre.

Torna su

Il 28 maggio ci ha lasciato il grande attore teatrale Giorgio Albertazzi.

Il mondo dello sport ha perso il 3 giugno 2016 uno dei più grandi pugili mai esistiti, ovvero Muhammad Ali. E' considerato il più grande pugile di tutti i tempi, nato Cassius Clay alias Muhammad Ali (nome che ha adottato dopo essersi convertito alla religione islamica) ha sempre mostrato una personalità forte e decisa e riuscì a vincere sia sul ring che fuori. Fu Campione olimpico a Roma nel 1960, e negli Stati Uniti d'America si oppose con forza alla segregazione razziale. Fu obiettore rifiutandosi di partire per la guerra in Vietnam. Colpito dal morbo di Parkinson, il grande atleta, ha sempre dimostrato grande forza di volontà e un carattere d'acciaio, combattendo per 30 anni contro la malattia e allo stesso tempo in difesa dei diritti civili, rimanendo sempre un simbolo per i neri d'Aamerica. Anche per questo è stato nominato lo “Sportivo del Secolo” proprio perché ha segnato lo sport e lottato nella vita, ha fatto appassionare molti giovani e meno giovani al pugilato e portato attenzione su temi civili scomodi. Ha scritto anche numerosi libri tra i quali The Soul of a Butterfly.

Si è spento a Roma il 27 giugno 2016 il grande Bud Spencer, attore, ma anche sportivo italiano. Rimarrà nel cuore e nella mente di tutti noi, come il gigante buono del cinema, che recitava accanto a Terence Hill. Prima di diventare attore era stato un nuotatore, in particolare nello stile libero. Nel 2010 ricevette il David di Donatello alla Carriera. Sarà per sempre ricordato anche per il suo grande cuore, perché ha finanziato diverse attività di beneficenza, in particolare a favore dei bambini meno fortunati.

Il 13 luglio 2016 a Milano è morto Bernardo Provenzano, il noto criminale a capo di Cosa Nostra, che venne arrestato a Corleone nel 2006. Provenzano riuscì ad essere un latitante per ben 43 anni, era infatti ricercato dal 1963.

Sempre a Milano si è spenta il 29 luglio 2016 Marta Marzotto la stilista italiana, divenuta un’icona di stile in tutto il mondo. Di umili origini divenne sarta e modella a Milano e negli ambienti della moda milanese conobbe il futuro marito il Conte Umberto Marzotto, al quale si unì in matrimonio nel 1954.

Torna su

Il giorno dopo, il 30 luglio 2016 si è spenta nella sua Orvieto l’attrice Anna Rita Marchesini. Un’attrice comica, ma anche un’imitatrice di successo ed una scrittrice. Tutti hanno riso con lei, quando faceva parte del Trio con Tullio Solenghi e Massimo Lopez, negli ultimi anni si era dedicata a diverse pièces teatrali. Era malata da tempo di artrite reumatoide, aveva lottato con forza e ironia. Avrebbe compiuto 63 anni.

Il 29 agosto 2016 è morto l’attore americano Gene Wilder, regista e scrittore. Aveva 83 anni ed era malato di Alzheimer da lungo tempo ma non aveva mai resa pubblica la notizia. Celebri i suoi film "Frankenstein Junior", "La signora in rosso" e "Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato".

Il 13 ottobre 2016 ha fatto la sua uscita di scena definitiva Dario Fo, il grande artista poliedrico, che vinse il premio Nobel per la Letteratura nel 1997. Regista, scrittore, drammaturgo, riuscì a cambiare il volto della commedia d’arte del nostro Paese, portandola alla ribalta in tutto il mondo. Ha sempre vissuto la sua vita, come se fosse un’opera teatrale, amando sua moglie Franca Rame, come nelle più belle storie d’amore e soprattutto amando il teatro e dedicandosi fino alla fine all'impegno civile. Ha sempre definito la sua vita come "esageratamente fortunata". 

Addio anche a Luciano Rispoli, noto presentatore tv, morto il 26 ottobre 2016 all’età di 84 anni. Era nato il 12 luglio 1932 a Reggio Calabria. Si può senz'altro dire che Rispoli è stato uno dei padri fondatori della TV moderna, con programmi d'avanguardia ed educativi tipo "Parola mia" e poi "Tappeto volante", veri talk show di qualità.

Il 2016 si è portato via, anche uno dei più grandi oncologi e ricercatori italiani, Umberto Veronesi, morto a Milano l’ 8 novembre 2016. Ideò la Fondazione Umberto Veronesi e dedicò tutta la vita alla prevenzione e alla cura dei tumori, in particolare del carcinoma mammario.

Il 13 novembre del 2016 è morto nella sua Siracusa Enzo Maiorca uno dei più grandi apneisti italiani e di tutto il mondo. Ha vinto il record mondiale di immersione in apnea numerose volte. Ha trascorso gran parte della sua vita in acqua, imparando a nuotare a soli 4 anni e continuando a sfidare per tutta la vita sé stesso ed il mare.

Anche la politica ha subito numerose perdite quest’anno, il 12 aprile 2016 si è spento a Milano Gianroberto Casaleggio, che è stato l'ideatore, insieme a Beppe Grillo del Movimento 5 Stelle. Pubblicò nel 2013, con Dario Fo e Beppe Grillo il saggio "Il Grillo canta sempre al tramonto - Dialogo sull'Italia e il Movimento 5 Stelle".

Il 19 maggio 2016 Roma ha dato l’ultimo saluto a Marco Pannella, il politico italiano, fondatore del Partito Radicale, che ha da sempre combattuto per temi importanti quali l’aborto, le leggi proibizioniste e la libertà dell’individuo. La sua carriera politica è iniziata da quando era ancora giovane. Molti lo ricorderanno come il leader radicale che si è battuto per la libertà attraverso molti scioperi della fame e della sete.

Il 5 giugno 2016 in un incidente stradale ha perso la vita Gianluca Buonanno, politico italiano, esponente della Lega e sindaco di Borgosesia. Buonanno era nato il 15 maggio 1966.

Torna su

Il 16 settembre 2016 si è spento a Roma Carlo Azeglio Ciampi, il decimo presidente della Repubblica Italiana, che ha ricoperto questa carica istituzionale dal 18 maggio 1999 al 15 maggio 2006. Ha iniziato la sua carriera politica giovanissimo, nel Partito d’Azione, è stato governatore dalla Banca d’Italia e Senatore a Vita.

La politica internazionale ha perso il 28 settembre 2016 Shimon Peres, presidente Israeliano dal 2007 al 2014 e Premio Nobel per la Pace nel 1994 per la causa Israeliana – Palestinese.

Il 1 Novembre si è spenta nella sua città natale Castelfranco Veneto Tina Anselmi storica partigiana d’Italia. Tina Anselmi fu la prima donna ad essere diventata Ministro nel corso della Repubblica. Il suo impegno politico iniziò dal 1944, quando i nazifascisti la costrinsero ad assistere ad uno spettacolo, nel quale vennero impiccati 31 prigionieri. Da quel giorno decise che era arrivato il momento di partecipare alla Resistenza. Al termine del secondo conflitto mondiale si laureò in lettere, continuando accanto all’attività di insegnamento anche quella sindacale. Il 29 luglio del 1976 divenne Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale sotto il governo Andreotti.

Il 25 Novembre 2016 ha esalato l’ultimo respiro a L’Avana Fidel Castro, la personalità politica che ha rappresentato un ruolo – chiave nella storia contemporanea. Fidel Castro, da giovanissimo, ha guidato la Rivoluzione Cubana, accanto all’amico di sempre Ernesto Che Guevara. Leader comunista che nel 1959 portò alla destituzione della Monarchia a Cuba e alla nascita di un sistema politico ed economico basato sui dettami del marxismo. Tra il 2006 e il 2008 passò il comando al fratello Raul, dati problemi di salute. E’ stato alla guida di Cuba dal 1976 al 2008. Da molti è ritenuto un personaggio controverso; la popolazione di Cuba però l’ha sempre sostenuto ed amato. Ai suoi funerali hanno partecipato tutti, per dare l’ultimo saluto all’ultimo Lider Maximo.

L’attrice Debbie Reynolds è morta il 28 dicembre 2016 a Los Angeles dopo un ictus all’età di 84 anni. La Reynolds, madre di Carrie Fisher, celebre per aver interpretato la Principessa Leila in Star Wars, non ha retto il dolore per la perdita della figlia avvenuta il giorno prima (per attacco cardiaco) e si è spenta all’improvviso. Tra i suoi film più famosi ‘Singin’ in the Rain’ del 1952 che l’ha portata alla ribalta insieme a Gene Kelly.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

Torna su