COLLIOURE

VISITARE COLLIOURE: INFORMAZIONI E PICCOLA GUIDA

 

Terribilmente autentica, terribilmente popolare, Collioure è la città più "chic" della costa catalana francese, la Cote Vermeille, la Costa Vermiglia (vermiglia come il vino rosso che qui si produce). Appena si superano i tornanti della strada litoranea, arrivando da Perpignan, dopo la zona pianeggiante con le larghe spiagge di Argelès-sur-Mer, lo spettacolo che ci appare di fronte è di una bellezza che lascia quasi increduli.

"Non esiste in Francia un cielo più azzurro e dalla finestra della mia stanza, vedo tutti i colori del Mediterraneo", scriveva entusiasta Matisse ai suoi amici nell'estate del 1905 dopo essersi rifugiato in questo angolo di paradiso.

CollioureIn questa costa la roccia si sostituisce alla sabbia e lo fa superando il confine con la Spagna, fino alle case bianche di Cadaqués. La confluenza di mare e montagna è forte in questo ambiente relativamente incontaminato. L'abitato si erge dietro al mare con i suoi vicoli suggestivi su quali si affacciano le case colorate. Collioure si trova in una posizione strategica, sulla costa della Catalogna francese, nel Rossiglione, zona di confine con la Spagna, che dista pochi chilometri. Collioure è sempre stato il porto più importante di questa zona e il suo centro più attivo dopo la città di Perpignan. Approdo millenario e porto di contrabbandieri di confine, il paese è davvero stupendo dal punto di vista architettonico e per la natura che lo circonda. Apprezzato per la bellezza, il clima e la luce speciale che lo bacia, Collioure è diventato celebre e internazionale, agli inizi del 900, per esser stato eletto come luogo di soggiorno ideale da pittori come Matisse, Signac, Braque, Derain, Gris, Dufy e Picasso.  Questo porticciolo ha assistito imperturbabile al succedersi di importanti avvenimenti storici, marittimi e militari che fortunatamente non sono riusciti ad alterarne l'inconfondibile e pittoresca fisionomia tanto amata dagli artisti e dai turisti.

Il Castello domina il mare da un lato, opponendosi alla massiccia Chiesa di Notre Dame e in alto in Forte Sant'Elmo guarda tutto dall'alto. Mare, una storia millenaria, monumenti imponenti, vicoli pieni di piccole gallerie d'arte, locali e negozietti, questo troverete a Collioure, oltre a un'atmosfera rilassante e gioiosa (in estate quando locali e turisti la riempiono). Se si riesce a trovare parcheggio (cosa in estate difficoltosa se non si parte preparati) si cominciano a scorgere le spiagge della città, le calette e si annusa nell'aria un profumo unico di mare.

CollioureSulla terraferma, i colori dei vigneti retrostanti sprigionano il loro abbraccio dalla primavera all'autunno. Neve sulle alture in inverno sui Pirenei, che scivolano fino al mare. L'impronta dei pittori è straordinaria in questo villaggio e se ne capisce il perché: ogni angolo meriterebbe una foto o un dipinto. Il neoimpressionista Paul Signac a fine 1800 dipingeva qui, seguito da Henri Matisse e André Derain che nel 1905, montavano i loro cavalletti a Collioure, attirati dalla luce naturale calda e dai colori accesi del Mediterraneo nella sua più alta declinazione. Finirono per creare una vera corrente artistica, il "fauvismo". Oggi potete seguire un percorso guidato sulle tracce del movimento "Le Chemin du Fauvisme", alla scoperta delle riproduzioni delle opere dei due pittori qui realizzate nel 1905; chiedete presso l'ufficio del Turismo, sono possibili anche visite guidate con tariffe speciali per famiglie. In seguito sono stati sedotti dalla luce e dai colori di questo luogo, altri grandi artisti come Braque e più tardi Picasso che hanno immortalato Collioure.

CollioureDa quel 1905 il celebre pittore Matisse, per quasi quarant'anni consecutivi, soggiornò in questo delizioso centro della Francia meridionale, alternando diverse sistemazioni, dal minuscolo atelier di Av. Maillol al n. 21 alla "Maison Soulier" accanto alla spiaggia, fino alla "Villa Palmar" immersa in un elegante giardino in stile tahitiano. E' in questo particolare accostamento di colori e di atmosfere che sono state dipinte "La finestra", "La gioia di vivere", "Il giovane marinaio", "La musica" ed è qui che ha mosso i primi passi il movimento pittorico del "Fauvisme". Attirati dalle lettere di Matisse, dalle sue descrizioni minuziose ed entusiaste di Collioure, arrivano molti altri artisti oltre a quelli già citati, Meillol, che era di queste parti (di Banyuls-sur-mer), Chagall e Laugé insediatisi nella vicina Ceret, soprannominata "la Mecca del cubismo".

Oggi nel patrimonio cittadino l'impronta artistica è forte, con molte gallerie d'arte moderna e negozi di artigianato come sorta di lascito di quegli anni. Passeggiando per le stradine, invece dei soliti souvenir, potrete acquistare come ricordo, un piccolo acquerello di un pittore locale, un pezzo colorato di ceramica artigianale, un braccialetto in tessuto dipinto a mano, tanti tessuti belli in cotone colorato. Sono tante le proposte, per tutte le tasche, e se non potrete comprare un quadro o un acquerello, le gallerie spesso vendono riproduzioni in forma di cartolina delle loro opere. In alternativa potrete optare per un souvenir alimentare, le acciughe sotto sale, il vino bianco dolce, i biscotti croccanti tipici di questa zona.

Ma tanto fervore artistico che ancora oggi si vive, non deve oscurare la travagliata storia di questo piccolo porto, sempre molto conteso tra la Francia e la Spagna. La fama e la ricchezza arrivarono a Collioure essenzialmente dal mare, quando galere e vascelli della sua marina intensificarono nuovi traffici commerciali con l'Oriente. La tradizione di conservare sotto sale alici e sardine si è poi talmente consolidata che non è difficile trovarne ancora in confezioni artigianali, come anche l'ottimo vino prodotto nelle numerose vigne dei dintorni.

CollioureIn modo alternato città aragonese e francese con un'anima catalana, Collioure ha ereditato un magnifico patrimonio di bastioni risalenti a diverse epoche, fino allo sviluppo delle fortificazioni dell'architetto militare Vauban dopo il Trattato dei Pirenei. Il Castello Reale (dal 1276 al 1344 durante la breve esistenza del Regno di Maiorca) si erge con la sua imponente mole di fronte alla baia tra il Porto di Amont e il Porto di Avall. Una visita al sito e alle varie mostre temporanee è interessante. Il Castello fu per breve periodo la residenza estiva dei regnanti di Maiorca (che stavano a Perpignan) fino al XIV secolo, quando venne poi assediato da Luigi XIII. Questo imponente edificio vicino al mare si oppone alla gotica Chiesa di Notre-Dame-des-Anges, la cui base viene cullata dalle onde con il mare calmo e colpita dalle onde quando il mare è in tempesta. Il campanile, altra icona locale rappresentata sulle cartoline era un faro medievale.

CollioureConsiderate le sue dimensioni orientarsi a Collioure è abbastanza semplice: un unico lungomare, il Boulevard de Boramar congiunge la parte bassa del castello con Notre Dame des Anges, la grande chiesa, in un breve tratto che permette di aggirarsi tra le piccole e colorate imbarcazioni del porticciolo in un contesto che sembra uno dei set esotici del Trono di Spade. La prima sosta è l'inconfondibile basilica il cui campanile, un antichissimo faro costruito sugli scogli (molto dipinto da Derain), porta i segni dei secoli e delle manomissioni. Di origine medioevale, Notre Dame merita una visita anche all'interno per i preziosi altari barocchi, interamente scolpiti in legno con intarsi dorati. Parallele al boulevard de Boramar, verso l'interno, rue Mailly e rue Aragò concentrano le principali attrattive turistiche di Collioure, negozi tipici, ristoranti, bar, creperie, vinerie e naturalmente gallerie d'arte. Presso l'ufficio turistico si può programmare una piacevole gita in barca nella vicine Port Vendres o a Banyuls-sur-mer e lungo la Cote Vermeille. Da non trascurare una visita al castello e al Museo di arte moderna, ma nemmeno le escursioni al Fort di Sant'Elmo, all'Eremo della Consolazione, alla Torre Massane e all'Abbazia di Valbona.

CollioureL'estate ha le sue celebrazioni, celebre è soprattutto la festa nel Giorno di San Vincenzo, (Fêtes de Saint-Vincent) il 14 agosto, una tradizione che prosegue dal 1701. Eravamo qui proprio in quei giorni; i locali si vestono di bianco e si allacciano al collo un foulard celebrativo, musica dal vivo, spettacoli in strada e tanta allegria. La mattina del 14 agosto, nel sottostante passaggio al mare, di tiene anche un grande mercatino di prodotti locali, anche alimentari. Nonostante fosse il pieno della stagione turistica e le persone fossero molto numerose, c'era una sorta di "Caos Calmo", e si poteva comunque a passeggiare per le stradine, mettere un telo in spiaggia e farsi una nuotata. L'acqua della baia è verde, fredda e pulita, con molti pesci visibili anche a riva. Per noi italiani è molto strano trovare spiagge cittadine così, con acqua pulita, davanti agli occhi il mare e le colline verdi, le barchette colorate e alle spalle la storia! Portatevi quindi il costume perché è naturale qui farsi un giro, poi un bagno in spiaggia e continuare la visita. In acqua, alzando la testa tra una bracciata e l'altra per vedere il panorama unico, si rimane davvero increduli. Un'altra splendida processione a mare ha luogo il 16 agosto a cui si accompagna lo spettacolo pirotecnico nella notte. 

I prodotti locali tipici sono il vino e le acciughe. Non resta che gustare le tradizionali "anchoìade salée de Collioure", le famose acciughe conservate sotto sale accompagnate da un bicchiere di banyuls, un vino locale bianco e dolce. Sono rimasti ancora oggi due laboratori di salatura (dei 130 che erano presenti nel secolo scorso!). Per mangiare a Collioure non avrete problemi, i locali sono tanti e il livello buono. I prezzi sono abbastanza accessibili. Potrete scegliere tra un ristorante in riva al mare o uno nelle stradine interne. La qualità è forse più alta nei ristorantini all'interno del paese ma la vista che offre il lungomare è impagabile e la qualità comunque buona. Prendendo il piatto del giorno (in genere pesce o carne arrosto con contorno) e un buon vino, in due si spendono meno di 50 euro. Si possono ordinare ovviamente in frutti di mare (ostriche, bocconi, gamberi ecc.) serviti con pane e burro e per i bambini ci sono menù specifici sui 10/13 euro.

Casa Quintana - CollioureUna informazione speciale per tutti gli amanti della poesia. Il grande poeta di Siviglia Antonio Machado riposa qui. Fuggì dal regime franchista, arrivando da Valencia a Portbou, l'ultimo centro abitato spagnolo prima del confine con la Francia il 27 gennaio 1939. Machado arrivò a Collioure, già malato e provato da una traversata fatta in larga parte a piedi. Alloggiò in un piccolo hotel, la Casa Quintana, un luogo emblematico, che avevo visto molti pittori conosciuti come Survage, Duffy, Matisse, passare dalle sue stanze. Il 22 febbraio Machado morì e in una tasca del suo cappotto il fratello José trovò un pezzo di carta con l'ultimo verso "Quei giorni azzurri e quel sole dell'infanzia". La bara, coperta dalla bandiera repubblicana e portata in spalla da sei miliziani, venne tumulata nel cimitero di Collioure. Tre giorni dopo morì anche la madre che venne sepolta accanto al poeta. La sua tomba è diventata un simbolo per gli esuli del regime franchista. Dal 1946, una targa di marmo in memoria del poeta è visibile dall'esterno della pensione. Questa pensione è chiusa al pubblico.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

 

Dove si trova?

 

Torna su

Ostelli Collioure   Ostelli Francia  Hotel Collioure

Carte de Collioure Karte von Collioure    Mapa Collioure    Map of Collioure

Carte de France  Karte von Frankreich      Mapa Francia     Map of France

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal