Cosa vedere a Barcellona

Cosa vedere a Barcellona - Le 30 attrazioni da non perdere

Le Ramblas

Sagrada Familia

Casa Batllˇ

Parc GuŰll

Palau GuŰll

Barrio Gotico

Il Volto di Gaudý nella Chiesa di Sant Felip Neri

Palau de la Generalitat

Santa Maria del Mar

Montjuic

Tibidabo

Parc de la Ciutedella

La Ribera

Casa MilÓ

Monumento a Colombo

Barceloneta

Torre Agbar

Museu Picasso

Mercato della Boqueria

Monastero di Pedralbes

Passeig de Gracia

Ajuntament

CaixaForum

Casa Amatller
Casa └sia (Palau Barˇ Quadras)

Casa Vicens

Cattedrale di Barcellona

Camp Nou

Palau de la M˙sica Catalana

Casa Lleˇ Morera

Hospital de Sant Pau

CCCB

Cementeri Sud-Oest

Colonia GŘell
Museu d'Historia Ciutat e Palau Reial Major
CosmoCaixa
Funicolare de Tibidabo
Parc de la Ciutadella
Parchi di Barcellona

 

Barcellona appare come una cittÓ dalle mille realtÓ, difficili da distinguere. Ordinata e caotica, tradizionale e all'avanguardia, mai banale e luogo piacevolmente sfuggente. Dal caratteristico quartiere medievale, attraverso l'elegante Eixample del XIX secolo e il rigenerato lungomare, la cittÓ premia il visitatore con strade piene di bellezze, curiositÓ ed attrazioni. Barcellona Ŕ una cittÓ che cambia in continuazione, per stare a passo con i tempi e presentarsi nel migliore dei modi davanti al XXI secolo.

 

Cosa vedere? tanto; dove guardare? ovunque; Cosa fare? vivere la cittÓ come i locali, senza dimenticare le sue innumerevoli attrazioni. Certo, per visitare una cittÓ come Barcellona ci vuole tanto tempo e magari occorreranno pi¨ visite a questa sterminata cittÓ, ma si deve comunque incominciare e se si ha abbastanza energia e scarpe comode si possono vedere un sacco di cose anche in pochi giorni (quelli che hanno la maggior parte delle persone). Andiamo quindi a scovare un po' insieme alcune delle cose da non perdere... seguitemi gi¨ e guardate i link delle pagine dedicate nel men¨ a sfondo grigio qui sopra..

 

Ajuntament

 

Il Municipio di Barcellona Ŕ un palazzo elegante, con una bella facciata del XVIII secolo ed un antico ingresso in stile gotico-catalano del XV secolo. All'interno sono da ammirare diverse opere d'arte dei grandi maestri catalani e in particolare la nota Salˇ de Cent, dove il Consiglio dei Cento (Consell de Cent ) usava riunirsi durante il governo della cittÓ, dal 1372 al 1714.

 

Plaša Sant Jaume
Quartiere: Barri G˛tic
Metro: Jaume I o Liceu

Accesso: solo la domenica / gratuito

Torna su

CaixaForum


Nel 2011, l'ex fabbrica tessile (Casaramora) progettata da Puig i Cadafalch, capolavoro del modernismo industriale, ha celebrato i suoi cento anni di vita. Non perdetevi uno degli spazi d'arte contemporanea pi¨ interessanti della cittÓ, sia in termini architettonici che di contenuti. Al suo interno sono ospitati una collezione permanente d'arte contemporanea e tre imponenti spazi per mostre temporanee. Il complesso include un piazzale d'ingresso progettato da Arata Isozaki, un murale di Sol LeWitt, un auditorium, una libreria ed una biblioteca.

Casaramona,
MarquŔs de Comillas avda 6-8
Quartiere: Montjuic e Poble Sec
Metro: Espanya

Accesso: gratuito

Torna su

Casa Amatller


Da non mancare la visita a questa meraviglia dell'architettura modernista, costruita per il barone Amatller. Costui (1851-1910) apparteneva ad una antica famiglia di cioccolatai di Barcellona, la cui maestria dolciaria risale al 1797. Amante dell'arte e della fotografia il barone commission˛ i lavori della sua residenza tra il 1898 e il 1900 all'architetto Josep Puig i Cadafalch, uno dei principali architetti del modernismo catalano. Insieme a Casa Batllˇ e Casa Lleˇ-Morera, Ŕ considerata uno dei pi¨ importanti edifici del quartiere di Illa de la Discordia di Barcellona. Ispirato allo stile delle case olandesi del XVII secolo, l'edificio ha un caratteristico frontone fiammingo ricoperto in ceramica lucida, mentre la facciata inferiore e il portale sono decorati con sculture di Eusebi Arnau i Mascort. L'edificio ospita oggi un istituto d'arte (Instituto Amatller de Arte Hispßnico) e serve da archivio per la vasta collezione di Amatller. La visita guidata della casa comprende anche una degustazione di cioccolato Amatller.

 

Passeig de GrÓcia 41
Quartiere: Eixample
Metro: Passeig de GrÓcia

Accesso: a pagamento

Torna su

Casa └sia (Palau de Barˇ Quadras)

Il centro culturale per l'Asia e il Pacifico Ŕ ospitato nell'ornato Palau de Barˇ Quadras, un edificio modernista progettato da Puig i Cadafalch nel 1904. Oltre alle sontuose sculture e mosaici, si ammirano anche una varietÓ di eccellenti mostre temporanee, dall'arte moderna a quelle astratta cinese, alla grafica iraniana. Lo scopo del centro culturale Ŕ quello di promuovere la cultura asiatica a Barcellona, con corsi di lingua, conferenze internazionali, cinema.

 

Avenida Diagonal 373
Quartiere: Eixample
Metro: Diagonal

Entrata: gratuito

Torna su

Casa Vicens

 

Casa Vicens Ŕ il primo importante edificio completato da Antoni Gaudi, costruito tra il 1883 e il 1888. La si pu˛ vedere solo dall'esterno, essendo abitata dai discendenti del produttore di piastrelle Manuel Vicens i Montaner (nel 2007 la casa Ŕ stata messa in vendita per circa 27 milioni di euro). Si ammiri lo splendore della sua facciata esterna, nel suo mosaico di piastrelle colorate, uno dei primi esempi architettonici di Art Nouveau per Barcellona e l'Europa intera. Gli interni sono espressione di influenze ottomane, islamiche e andaluse, a quel tempo GaudÝ era infatti profondamente influenzato dall'architettura del Nord Africa e del Medio Oriente e questo si nota in particolare nel design interno della casa.

 

Carrer de les Carolines

Quartiere: Gracia

Metro: Fontana

Torna su

 

Cattedrale di Barcellona

 

La cattedrale di Barcellona (il suo nome ufficiale Ŕ Catedral de la Santa Creu i Santa Eulalia) Ŕ uno dei maggiori esempi di architettura gotico-catalana. Le sue guglie sono visibili da quasi tutto il Barrio Gotico e la grande piazza su cui risiede, la Plaša de la Seu, Ŕ una delle principali arterie del quartiere. Nella stressa posizione, prima cattedrale vi era un tempio romano e poi in seguito una moschea. La costruzione ebbe inizio nel 1298 e completata nel XV secolo, ma facciata e guglia centrale vennero completate non prima del 1913. Si ammiri in particolare il luminoso chiostro arricchito da una volta di griglie di ferro battuto, abbellito da alberi di arancia, nespole e palme e famoso per ospitare 13 oche bianche (tante quanti gli anni di vita di Santa Eulalia). Il Museo della Cattedrale, ospitato nella sala capitolare del XVII secolo, espone dipinti e sculture di maestri del gotico come Jaume Huguet, Bernat Martorell e BartolomÚ Bermejo. Durante la festa del Corpus Domini (a giugno), il chiostro della cattedrale presenta una tradizione tipica catalana originaria del 1637: L'ou com balla (l'uovo che balla), in pratica un guscio d'uovo vuoto viene posizionato sulla parte superiore della fontana che sgorga acqua e lasciato a "ballare". Continua a leggere l'articolo sulla Cattedrale di Barcellona.

 

Pla de la Seu

Quartiere: BarrÝ G˛tic

Metro: Jaume I

Accesso: gratuito (tranne museo, punto panoramico)

Torna su

CCCB (Centre de Cultura Contemporanea de Barcelona)


Il pi¨ grande centro culturale della Spagna Ŕ stato inaugurato nel 1994 presso la Casa de la Caritat, un ex ospizio del 1802 sito in quello che era un monastero medievale. L'imponente facciata e parte del cortile appartengono alla costruzione originale, il resto Ŕ stato ricostruito in un drammatico contrasto, tutto vetro e acciaio inclinabile, da architetti e Pi˝ˇn Viaplana

 

C / Montalegre 5
Quartiere: Barri G˛tic
Metro: Catalunya

Accesso: a pagamento

 

Torna su

Cementeri Sud-Oest

Progettato da Leandro Albareda nel 1880, il grande cimitero era originariamente diviso in quattro sezioni: una per i cattolici, una per i protestanti, una per i non cristiani e una quarta per i feti abortiti. Si estende attualmente oltre l'angolo sud-ovest della montagna. Molte tombe, soprattutto quelle appartenenti alla comunitÓ zingara, sono un tripudio di colori e fiori. All'interno sono ospitati anche il Fossar de la memoriale Pedrera, a ricordo dei caduti delle Brigate internazionali e dei martiri catalani dalla guerra civile, un memoriale dell'Olocausto e un mausoleo per l'ex presidente della Generalitat, LluÝs Companys.

 

 

C / Mare de DÚu de Port 54-58
Quartiere: Montjuic e Poble Sec
Bus: n 38

Torna su

Colonia GŘell

 

Eusebi GŘell era un uomo progressista e desiderava fondare una colonia per i lavoratori della sua fabbrica tessile. La colonia doveva contenere un ospedale, una biblioteca, residenze private, teatro, chiesa e cripta. Oggi, Ŕ un villaggio di 775 residenti, situato fuori Barcellona, nella Comarca del Baix Llobregat (municipalitÓ di Santa Coloma de Cervellˇ). Il suo ideatore e progettista ancora una volta Ŕ stato Antoni GaudÝ che incominci˛ i lavori nel 1890, avvalendosi anche di collaboratori come gli architetti Francesc Berenguer e Joan Rubiˇ Bellver. La maggior parte degli edifici sono oggi residenze private, ma altri come la fabbrica e i magazzini, sono stati abbandonati, tanto da conferisce al luogo un atmosfera da cittÓ fantasma.

 

Claudi GŘell s/n

Santa Coloma de Cervello (fuori Barcellona)
Trasporti: ferrovia FGC per GŘell Colonia. Linee S33, S34, S8, o S7 (da Plaša Espanya)

Torna su

Museu d'Historia de la Ciutat e Palau Reial Major

Due dei maggiori musei di Barcellona risiedono entrambi in Plaša del Rei, posta ai confini della rimanente sezione delle mura della cittÓ vecchia. Oltre alle esposizioni della Barcellona medievale, la visita Ŕ da concentrare nel lato sotterraneo, sotto la stessa Plaša del Rei, gli scavi effettuati per il trasferimento della Casa Clariana PadellÓs hanno portato alla luce una grande sezione di Barcino, la vecchia cittÓ romana. Un incredibile antica Barcellona affiora dalla terra: strade, piazze, case decorate con mosaici, negozi, il forum e i magazzini vinicoli.

 

Plaša del Rei s / n, Barri Gotic
Metro: Liceu o Jaume I

Accesso: a pagamento

 

Torna su

CosmoCaixa(Museo delle Scienze)

 

Finanziato dalla banca La Caixa, il Museu de la CiŔncia chiuse nel 1998 per una grande ristrutturazione lunga di sei anni. Il risultato conseguito ha portato alla creazione di uno dei pi¨ belli e grandi musei della scienza in Europa.

 

C/Teodor Roviralta 47-51,
Quartiere: ovest del centro

Trasporti: autobus 17, 22, 58.

Ferrovia FGC da Avenida Tibidabo seguita dalla Tramvia Blau

Accesso: a pagamento

 

Torna su

Funicolare de Tibidabo


Non mancate di prendere questo veicolo art deco per ammirare parte della cittÓ sottostante che si snoda attraverso i boschi di pini fino alla vetta. Il servizio Ŕ operativo dal 1901, secondo una serie di complicati orari. Quando non Ŕ in esecuzione, viene sostituita dalla linea FGC da Plaša de Catalunya a Peu con la funicolare fino a Vallvidrera Superiore, e poi prendere il bus 111 per Tibidabo.

 

 

Plaša Doctor Andreu a Plaša Tibidabo
Quartiere: Ovest di Centro

Trasporti: ferrovia FGC Avenida Tibidabo poi Tramvia Blau

Torna su

Parc de la Ciutadella

 

Trovate di tutto in questo grande affascinante parco: zoo, Museo di Storia Naturale, edifici del parlamento catalano, scuola, chiesa, laghetto navigabile, chioschi, famiglie e giovani che fanno picnic...il parco pi¨ classico di Barcellona Ŕ anche quello pi¨ ricco di storia. GaudÝ ha contribuito alla realizzazione della fontana monumentale all'italiana quando era ancora uno studente. Da non perdere per un po' di relax.

 

Passeig Picasso

Quartiere: Born & St Pere

Metro: Arc de Triomf o Barceloneta

Accesso: libero

Torna su

Parchi di Barcellona

 

Sono numerosi i parchi di Barcellona, da scegliere a seconda di dove di trovate in cittÓ o anche solo per le caratteristiche proprie di ognuno di essi. I principali sono, oltre a quelli singolarmente citati:

 

 

Parc de la Creueta del Coll (C / Mare de DÚu del Coll 77 - quartiere GrÓcia)
Parc de l'Espanya Industrial (C / Muntadas 1-37 - Zona Ovest di Sants - Metro: Estaciˇ)

Parc de l'Estaciˇ del Nord (C/Almogßvers 27-61 ľ Area: Eixample)

Parc del Laberint (C/Germans Desvalls 21, Passeig Vall d'Hebron - Metro: Mundet)

Parc Joan Mirˇ (C/Tarragona/ C/Aragˇ 2 ľ Area: Eixample

opyright ę Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo Ŕ proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi Ŕ piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

Torna su

 

Ostelli Barcellona   Ostelli Spagna     Hotel Barcellona  Hotel Spagna

Carte d'Espagne  Karte von Spanien     Mapa de Espa˝a    Map of Spain

Carte de Barcelone   Karte von  Barcelona   Mapa Barcelona   Map of Barcelona