Cosa vedere a Zurigo - Cosa visitare a Zurigo

Cosa vedere a Zurigo - Cosa visitare a Zurigo

Se chiedete a qualcuno che abita a Zurigo, quali siano le migliori e più rappresentative attrazioni turistiche della città, probabilmente vi indicherà il Grossmünster, con le sue inconfondibili torri il punto di riferimento cittadino. Poi le altre due chiese Wasserkirche e Fraumünster completeranno la triade. Lindenhof è dove probabilemente tutto ha avuto inizio in questa città e dove ha comunciato a essere quel luogo incantevole che conosciamo oggi. Poi ovviamente vi verranno citati due luoghi imperdibili per ogni visita che si rispetti di questa città: il lago e il picco del Uetliberg.

Fraumünster
FraumünsterNon si può non notare il campanile di questa chiesa nel panorama di Zurigo. Oggi la maggior parte delle persone vengono a visitare la Fraumünster per vedere le magnifiche vetrate del coro create dall'artista francese Marc Chagall nei primi anni Settanta, o le finestre di Augusto Giacometti. Ma in tempi passati questa abbazia gotica risalente al IX secolo era più qualcosa di più di questo. La chiesa attuale è databile intorno al  il 1250, ma la cripta della vecchia chiesa abbaziale è conservata sotto. Fraumünster, che letteralmente significa Cattedrale di Nostra Signora, apparteneva al convento di suore benedettine la cui badessa aveva ampi poteri a Zurigo. Il piccolo arco sull'angolo esterno della Fraumünster (Poststrasse / Münsterhof) era usato per limitare abusi alla "decenza" e vestiti elaborati, e le ampie gonne a cerchio delle donne dovevano passacie attraverso qui, altrimenti potevano prendere una  multa. Non sono ammesse visite durante i servizi domenicali.

IFraumünstern origine il monastero si trovava fuori delle mura cittadine, fu fondatoa nell'853 dal re Ludovico il Germanico e gestita dalle sue figlie Hildegard e Bertha che ne furono le prime badesse. Il monastero accoglieva signore della nobiltà della Germania meridionale. Il Fraumünster ha segnato politicamente e culturalmente la storia più antica di Zurigo. Ha goduto del favore dei re che gli accordarono numerosi privilegi. I suoi possedimenti, che si estendevano fino in Alsazia, ed il rango di principessa della badessa testimoniano dello stretto legame che l'univa all'Impero. Dopo la Riforma di Zwingli, nel 1524, il monastero e le proprietà vennero chiusi e rimessi al Consiglio cittadino da Katharina von Zimmern.  Da allora la Fraumünster è una chiesa parrocchiale ed un luogo di culto di grande influenza e meta nei secoli di pellegrinaggi. Nei secoli successivi, la Fraumünster è stato utilizzata come luogo di culto dei rifugiati vatellinesi protestanti dopo il cosiddetto "Sacro Macello" e degli ugonotti (protestanti francesi) rifugiati in città e più tardi la Chiesa ortodossa russa. Tra il 1833 e il 1844 ha ospitato sia servizi cattolici e protestanti.

Tra le bellezze della chiesa ci sono: il ciclo di affreschi di Paul Bodmer su leggende locali: l'organo del 1953 di 5793 canne; la vetrata nord del transetto di Augusto Giacometti "Il Paradiso celeste", 1947; le vetrate di Marc Chagall comprendendi il ciclo di cinque vetrate bibliche del coro (1979) e le vetrate della parte sud della navata trasversale (1980).

 

Orari

Maggio-Settembre: da lunedì a sabato dalle 9 a mezzogiorno e 2-6pm, domenica 2 ott 06:00, Mar-Apr: lun-sab dalle 10 a mezzogiorno e 2-5pm, domenica 2-5pm novembre a febbraio: lun-sab dalle 10 a mezzogiorno e 2-4pm, domenica 2 16:00

Ingresso gratuito

Torna su

 

Grossmünster
GrossmünsterLe due torri della Grossmünster, l'antico duomo di Zurigo in pietra arenaria, sono punto di riferimento imprenscindibile,  il simbolo architettonico della città. Facendo poi 187 scalini stretti, arrivando in cima a una delle due torri, è possibile ammirare una vista bellissima che spazie su tutto il territorio circostante. Secondo la leggenda, Felix e Regula, santi patroni di Zurigo, furono martirizzati per la loro fede cristiana essendo stati decapitati presso il luogo dove si trova la Wasserkirche per poi camminare fino a dove al luogo dove sarebbe stata costruita la Grossmünster, tenendo la testa con loro tra le braccia. Secoli più tardi l'imperatore Carlo Magno stava attraversando Zurigo e decise di fondare una chiesa in onore dei due martiri - dopo un suggerimento arrivato in modo miracolo dal suo stesso cavallo. Da quel Grossmünstermomento e per secoli, la chiesa divenne una delle mete dei pelligrini europei. Dopo la Riforma protestante la chiesa ha assunto un aspetto più austero, alleviato solo dalle finestre. L'artista tedesco Sigmar Polke ha completato la decorazione di 12 bellissime e semplici finistre nel 2009, alcune di queste completate con pietre preziose. Sono visitabili anche la cripta e il chiostro con il Museo sulla Riforma. Al monastero era collegata una scuola a cui il teologo protestante Zwingli, dopo averla trasformata in un seminario riformato, nel 1523 annesse un'accademia di teologia: fu l'embrione da cui nacque la futura Università di Zurigo.

Le due torri che fuorno trasformate in stile tardo-goticotra il 1487 ed il 1492,  fecero da modello per il completamento ed il rinnovamento di altre grandi chiese della città. Successivamente crollarono entrambe nel Settecento. Vennero ricostruite alla fine del secolo in stile Barocco-neogotico. Furono costruite sulla cima delle torri due piccole cupole.
All'interno della chiesa le pitture murali risalgono ai secoli XIII-XV. Gli arredi sono invece più recenti: mirabili vetrate del coro di Augusto Giacometti 1932, le porte bronzee che mostrano scene della Riforma di Otto Münch 1935 e 1950, e l'organo di Metzler & Söhne 1960.

 

Torna su

Lindenhof


LindenhofLa Lindenhof è una delle piazze più belle di Zurigo, un luogo idilliaco su una piccola collina nel centro di Zurigo, che un tempo era un luogo veramente importante. Nel IV secolo, all'epoca dell'imperatore romano Valentiniano I, vi sorgeva un castello romano, che serviva alle guarnigioni e alla popolazione per proteggersi dalle incursioni degli Alemanni. Nel IX secolo, il nipote di Carlo Magno, Ludovico il Germanico, fece erigere in questo stesso punto una residenza regia. Sempre durante il periodo romano, qui si trovava un emporio cittadino e sempre qui molti reali europei si fermavano durante il medioevo quando viaggiavano nella regione. A lungo luogo di incontro e di raduni per i zurighesi, alla Lindenhof, nel 1798 si tenne il giuramento sulla costituzione elvetica.  Nella parete destra della Pfalzgasse che conduce giù e fuori dalla piazza si trova una replica di una tomba romana in pietra. La vista sul centro storico da qui sulla Limmat è molto carina e nelle giornate di sole è possibile partecipare a una partita a scacchi sul retro della piazza.

 

Torna su

Lago di Zurigo
Lago di ZurigoIl lago di Zurigo è sicuramente uno dei punti forti della città e una passeggiata lungo le rive è un "must" se visitate questa città in qualsiasi stagione. Iniziate ad esempio a Bellevue e camminate lungo la passeggiata verso Zürichhorn. Dopo poche centinaia di metri si distende davanti a voi un parco con alberi e un prato, una distesa bellissima, tra il lago e la strada. L'enorme Blatterwiese, noto anche come Chinawiese perchè il giardino cinese si trova proprio accanto ad esso, è popolare per rilassarsi, prendere il sole o fare sport. C'è anche un parco giochi per i bambini. Proseguendo si arriva a Zürichhorn, un piccolo triangolo con alcuni ristoranti sul lungolago e poi ancora alla stazione ferroviaria Tiefenbrunnen dove si può salire su un tram (o treno) e tornare a Bellevue. La sponda occidentale del lago è un po' meno popolare ma altrettanto piacevole per una passeggiata. Si può iniziare l'"esplorazione" dall'Arboretum e camminare lungo la riva passa porto di Enge, i cactus del Sukkulentensammlung, e il Mythenquai fino a raggiungere la Landiwiese, un grande campo dove si svolgono molti eventi culturali durante tutto l'anno. Se si va un po 'oltre, si può gustare una birra nel ristorante del centro culturale Rote Fabrik, la fabbrica rossa.

 

Torna su

Wasserkirche
WasserkircheLa Wasserkirche, la chiesa dell'acqua, si trova sulle rive del Limmat. Fu per la prima volta menzionata come ecclesia Aquatica Turicensi intorno al 1250 è situato tra le due principali chiese di Zurigo le già citate Grossmünster e la Fraumünster. Perchè questo nome? In realtà, era su un'isola nel fiume fino a quando il bacino del Limmat fu costruito nel 1839. Risalente almeno dal X secolo, lo stile attuale è tardo gotico del XV secolo. Nel corso della Riforma, la Wasserkirche fu stato identificata come un luogo di idolatria, e fu quindi secolarizzata, diventando la prima biblioteca pubblica di Zurigo nel 1634. Divenne un centro di apprendimento che ha notevolmente contribuito alla fondazione della Università di Zurigo nel XIX secolo. Le particolarità di questa chiesa sono ancora una volta le vetrate, realizzate da Augusto Giacometti nel coro, e la cripta con le tombe vecchia quasi quanto la chiesa. Una statua del teologo protestante Huldrich Zwingli sorge a una sua una estremità. Sotto gli archi in pietra all'esterno, il Kunstkiosk (arte kiosque) vende libri e stampe e fuori musicisti di strada fanno spesso bancarelle improvvisate di vari manufatti.Vi può capitare  visitando questa chiesa di ascoltare un fisarmonicista che "bazzica" spesso da queste parti improvvisando (fino a un certo punto) magistrali pezzi di Bach.

Torna su

 

Uetliberg
UetlibergIl Uetliberg è la piccola montagna di Zurigo, che segna la fine della catena montuosa Albis sulla sponda occidentale del lago di Zurigo. Sorge a 869 metri sopra il livello del  - torreggianti intorno a 450 metri sopra la città. C'è una torre di vedetta in cima che lo porta a esattamente 900 metri slm e offre una splendida vista sulla città, sul lago e sulle sulle alpi. La montagna è un popolare luogo di ricreazione per tutto l'anno. C'è un treno (S 10 dal binario 1 o 2) dalla stazione centrale due volte ogni ora (più il fine settimana). Per arrivarci in treno è necessario un biglietto supplementare, anche se si dispone di un pass giornaliero per Zurigo, poichè l'Uetliberg perché non è all'interno della città. Dalla stazione di arrivo ci sono da fare  10 minuti a piedi fino alla vetta con la torre di avvistamento (accesso gratuito) e un ristorante. Si può anche salire dalla città alla vetta. n questo caso dovete prendere il tram n° 13 in direzione Albisgüetli e scendere al capolinea. Da qui due percorsi diversi portano alla cima, in entrambi il percorso dura circa un'ora. Per seguire lo Denzlerweg, camminare prima verso il ristorante Kolbenhof (seguire le indicazioni). Dopo di che, il sentiero entra nel bosco e sale ripido con un sacco di scale in legno - alla fine c'è anche una scala e una catena ad aiutarvi a "scalare" la roccia finale. Un po' più facile, ma anche ripida è la Laternenpfad che conduce dritto nella foresta dopo l'ultima fermata, ed ha l'indubbio beneficio di essere illuminata di notte. Un modo più semplice è quello di prendere il treno e scendere una fermata prima della cima a Ringlikon, da dove un sentiero in leggera salita  conduce in circa 40 minuti al belvedere sulla Uetliberg. Non avete bisogno di attrezzatura escursionistica, ma si consigliano scarpe buone adatte al percorso, soprattutto in inverno. C'è una pista per slittini dal picco verso il basso per Triemli - a volte è possibile affittare una slitta al capolinea.

Torna su

 

Augustinergasse
AugustinergasseAugustinergasse è una delle più belle e antiche stradine di Zurigo, dove si trovano numerosi bovindi dipinti. Il bovindo (in inglese bow window) consiste è un particolare tipo di finestratura, in cui gli infissi e le ante vetrate non sono allineate al muro ma risultano seguire un percorso ad arco orizzontale aggettante dalla muratura, da cui il termine inglese. Tra le altre cose, il bovindo era un modo per tenere d'occhio chi era venuto alla porta e quindi non si trovano mai sopra la porta d'ingresso, bensì sempre leggermente di lato. Augustinergasse collega i negozi della Bahnhofstrasse con il San Peterhofstatt "oasi " nel pittoresco centro storico. Nel Medioevo Augustinergasse era una piccola strada all'interno della città. Augustinergasse era una via dove fin dal medioevo operavano vari artigiani. A partire dal XV secolo, ricchi proprietari si stabilirono qui, facendo a gare a chi presentava la migliore facciata sulla via. La via è decisamente turistica, ma è uno dei luoghi della città da non perdere.

Torna su

 

Bahnhofstrasse
BahnhofstrasseBahnhofstrasse è la famosa via degli acquisti di Zurigo sorta dopo la realizzazione della Stazione Centrale della città, in un punto in cui si trovava 150 anni fa il fossato che proteggeva la città dai non pochi nemici che la volevano invadere nella storia. Questa che vanta quasi sempre il primato di strada più cara d'Europa è lunga 1,4 km e collega la Stazione Centrale al Lago di Zurigo. I grandi magazzini, boutique e gioiellerie si susseguono come le perle di una catena. Vi sarà quasi impossibile non passeggiare per questa via. Quanto più si percorre la Bahnhofstrasse in direzione del lago, più esclusivi diventano i negozi. Dalla Bahnhofstrasse si diramano il Rennweg e la Augustinergasse che portano al pittoresco centro storico. Qui si trovani i negozi di marchi quali Apple Store, Blancpain, Breguet, Burberry, Bulgari, Cartier, Chanel, Dior, Ermenegildo Zegna, Giorgio Armani, Prada etc solo per citarne alcuni.

 

Rathaus (Municipio di Zurigo)
Rathaus (Municipio di Zurigo)Questo edificio pieno di carattere sulle rive del fiume Limmat fu costruito tra il 1694 e il 1698. Servì come sede del governo della Repubblica di Zurigo fino al 1798. Dal 1803 è divento proprietà del Canton Zurigo, diventando la sede sia dei rappresentanti comunali che di quelli cantonali. L'edificio del XVII secolo, sostituisce un precedente Rathaus costruito nel 1397, che a sua volta aveva sostitito una casa di corte del XIII secolo (Richthus).
 

 

Einsiedeln
EinsiedelnQuesto magnifico monastero in stile Barocco con la cappella (con la Madonna Nera) sono i principali motivi per i quali i  visitatori vengono a Einsiedeln. La canzone corale "Salve Regina", un brano corale cantato in diverse voci, è cantata nella cappella tutti i giorni alle 04:30. Luogo di nascita di Paracelso, il  medico e alchimista del Rinascimento, laurato a Ferrara, accreditato con la prima denominazione di zinco, nonchè luogo conosciuto in tutta Europa per i suoi ebanisti Einsiedeln è un luogo ideale per una escursione da Zurigo. La biblioteca collegiale con la sua antica cultura del libro può essere visitata ogni giorno. Il monastero ha allevato i propri cavalli fin dal medioevo. Gli stalli dei "Cavalli della Madonna" sono a volte aperti al pubblico. Il Diorama Betlemme (come sapete il diorama è un piccolo mondo in miniatora dentro una piccola superficie, quasi sempre una scatola) è un presepe con oltre 450 figure in legno vestite in abiti orientali, ed è aperto a dicembre durante le festività natalizia nel pomeriggio dalle 12 ale 16. Da non perdere.  Le visite pubbliche del monastero sono disponibile tutti i giorni (tranne la domenica ei giorni festivi) organizzati da Einsiedeln Tourismus.

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

 

Torna su

 

 

 

Ostelli Zurigo    Ostelli Svizzera    Hotel Zurigo   Hotel Svizzera

Carte de Zurich  Karte von Zürich Mapa Zurich  Map of Zurich

 

Carte de la Suisse   Karte von  Der  Schweiz   Mapa Suiza  Map of Switzerland