website
statistics
 

Cosa vedere a Malaga

Cosa vedere a Malaga 

 

In un paio di giorni è possibile visitare i maggiori siti architettonici e culturali di Malaga, praticare una serie di attività ed escursioni, andare per shopping, rilassarsi in spiaggia ed apprezzare l'ottima cucina mediterranea della Andalusia, tra cui le più tipiche pietanze della Costa del Sol (espetos: sardine grigliate, e l'onnipresente Jambon). 

Per il turista la città si concentra nel suo centro storico, che arriva fino a sud del porto ed è circondato da montagne a nord: Montes de Málaga (parte della Cordigliera Betica). Malaga è situata ai piedi delle colline Axarquía e tra due fiumi, il Guadalmedina- la parte storica si trova sulla sua riva sinistra - e il Guadalhorce, che scorre a ovest verso il mare. Le attrazioni principali includono l'Alcazaba e il Castillo de Gibralfaro, con una fantastica vista sulla città e sulla baia. La città presenta un pugno di eccellenti musei che durante gli anni si sono dimostrati molto popolari tra i turisti. La cattedrale e le chiese, situate nel centro della città, sono anch'esse motivo di attrazione principale.

Alcazaba di Malaga

AlcazabaLa Alcazaba, la fortezza araba, è il punto di riferimento più importante della città, visibile da tutte le direzioni. Una fortificazione moresca edificata su una collina centrale. Costruita inizialmente nel IX secolo, venne ricostruita per il re Badis di Granada durante XI secolo e poi ampliata nei secoli XIII e XIV. Entrando attraverso la Puerta del Cristo, si scorgono dei resti di un Teatro romano del II secolo. Quest'ultimo, incredibilmente, non è stato scoperto prima del 1951, nonostante le sue dimensioni (un raggio di 31 metri e l'altezza di 19 metri)...Continua a leggere sulla Alcazaba di Malaga.

Torna su

Castello di Gibralfaro

Castello di GibralfaroIl Castello di Gibralfaro venne costruito da Yusef I di Granada, nel XIV secolo. Un castello moresco collegato alla Alcazaba da una cortina muraria e conosciuto soprattutto come il luogo dell'assedio tra i cittadini di Malaga e i re cattolici. Essendo posizionato in cima ad una collina, camminare verso il castello offre una vista mozzafiato della città e porto. Accanto al castello si trova la Iglesia del Sagrano, la chiesa dalla caratteristica forma rettangolare.

Torna su

Cattedrale di Malaga

Cattedrale di MalagaDalla Plaza de la Marina, la Calle Molina Larios conduce alla Città Vecchia, dominata dalla Cattedrale di Malaga, dedicata alla Nuestra Señora de la Encarnación, costruita tra il 1528 e il 1782, e costruita per volere dei Re Cattolici, è una delle mete principali durante una visita alla città, un vero punto di riferimento. Costruita inizialmente in stile gotico, il risultato dei 254 anni impiegati per costruirla è stata una sovrapposti altri stili, soprattutto negli ambienti interni, come quelli tardo-gotici, rinascimentali, neo-classici e barocchi.

La cattedrale viene anche chiamata dai locali "la Manquita" cioè, "piccola monca", in quanto non venne mai terminata, mancando le rifiniture della facciata e la torre sud. Una leggenda metropolitana che ancora possibile sentire in città racconta che i soldi assegnati per il suo completamento nel XIX secolo furono usati per pagare per le guerre in America (quelle a causa delle quali la Spagna perse i suoi ultimi possedimenti coloniali). Vi sarebbe la prova venne effettivamente stanziato, ma che andò a finanziare lavori pubblici di emergenza nella provincia

Con la sua facciata a due torri, questo magnifico edificio del XVI secolo sorge sul sito di una moschea precedente. I visitatori sono abbagliati dagli interni finemente proporzionati e dal senso di spaziosità. All'interno, la Capilla del Rosario (la terza cappella della navata meridionale) è adornata da un dipinto della Vergine con i Santi di Alonso Cano. Nella Capilla de los Reyes (la prima cappella del coro a destra), sulla parete sinistra sono si trovano inginocchiate dei Monarchi cattolici di Pedro de Mena. Questa cappella contiene anche la statuetta della Vergine, che Ferdinando e Isabella portavano con sé nelle loro campagne militari. L'altare moderno della Capilla Mayor presenta scene della Passiene del 1580. Il coro è particolarmente degno di nota con le sue linee in stile settecentesco squisitamente scolpite in legno di mogano e cedro. Le 40 statue in legno intagliate di santi sono opera di Pedro de Mena e José Micael. I visitatori possono salire sulla Torre Nord della cattedrale di 86 metri per ammirare splendide viste panoramiche sulla città. All’esterno, si possono osservare tre archi, con le loro 3 tre porte di accesso, molto ben decorati in marmi di diversi colori. Sopra le porte si vedono alcuni medaglioni. Quelli delle porte laterali rappresentano i patroni di Malaga, San Ciriaco e Santa Paula, mentre quello centrale rappresenta una scena della Bibbia.

Cattedrale di Malaga
Indirizzo: Calle Molina Larios, Spagna
3 La Concepcion Jardin Bot

L'entrata alla cattedrale è a pagamento (circa €3 al momento, ma controllate) e ad orari prestabiliti.

Municipio

Il Municipio di Malaga sulla Cervantes Avenue è stato costruito tra il 1912 e il 1919 ed è uno degli edifici in stile Art Nouveau/Modernista della città. Tra le numerose opere di interesse incluse nella struttura dell'edificio, si menzionano le vetrate artistiche, la balaustra della scalinata principale e i lavori artistici in ferro battuto.

La Malagueta Plaza de Toros è l'arena di Malaga, edificata nel 1874, in uso per le rappresentazioni delle Corride, punto panoramico notevole per chiunque si accinga ad arrivare in città in aereo. Ha una capacità di 14.000 spettatori. Esistono diverse altre arene minori in città, come quella di Plaza de Ronda del 1785, di Anteguera del 1848, insomma a chi credeva ce ne fosse solo una, sappia che invece ne esistono in totale sedici.

I musei sono diversi, alcuni interessanti altri un po' meno. Visto che siete in città potete visitare il Museo della Corrida dove trovare diversi esempi di articoli e documentazioni relative alle famose arene spagnole e ai tori da combattimento. Tuttavia sono ben altre le attrazioni culturali della città: primo tra tutti visto che Pablo Picasso, come è noto, era nativo di Malaga, non potevano mancare le visite ai siti a lui legati.

La casa natale (Museo Casa Natal) dell'artista è oggi un museo, situato in Plaza de la Merced, circondato dal resto delle attrazioni storiche di Malaga. La casa è stata riaperta ufficialmente nel 1998 e presenta una vasta selezione di opere di Picasso e di informazioni sulla sua vita e la famiglia. Inoltre, serve anche come un centro di ricerca, nel tentativo di raccogliere il maggior numero di informazioni e reperti sull'artista. Il museo è aperto tutti i giorni e prevede il pagamento di una piccola somma simbolica, che attualmente è di soli €1.

Il museo di Picasso è a sua volta un po' più costoso (circa €8); è stato istituito da una fondazione pubblica del 1988 con la decisione del Consiglio comunale. L'edificio, costruito nel 1861, nel 1997 ha avuto una serie di lavori di ristrutturazione. Vi troviamo esposti delle opere classiche di Picasso, oltre a ceramiche e disegni. Situato nel centro della città e vicino ai monumenti storici, il museo si trova a pochi minuti dal Teatro Cervantese fa parte di una struttura chiamata El Palacio de Buenvista. Durante il restauro del palazzo, vennero riportate alla luce delle rovine romane e fenicie, che è oggi possibile ammirare nel seminterrato.

Malaga ospita diverse interessanti chiese di notevole interesse architettonico. Oltre alla cattedrale sopra citata troviamo la Iglesia De Los Martire, fondata nel 1487 e dedicata ai martiri della città (si ammira in particolare per interni in stile Barocco); la Iglesia de Santiago, fondata nel 1490, anch'essa con interni in stile Barocco, e conserva il certificato di battesimo di Pablo Picasso; la Iglesia San Juan Bautista, del 1490, è caratterizzata da una torre in stile Barocco aggiunta in un tempo successivo. All'interno si può ammirare il San Juan di Francisco Ortiz. Il Santuario de la Victoria, del 1487, espone un retablo sospeso sulla sommità dell'altare maggiore. All'interno dispone di una volta della famiglia Beunavista che ricostruì la chiesa.

L'Acquario presenta diversi tipi di svaghi e divertimenti, con una varietà di specie marine diverse. Vi si trova anche una sezione dedicata alla vita di mare con modelli, strumenti in uso dei pescatori, ecc.

Le spiagge di Malaga costituiscono per molti il vero punto di attrazione della città, vi abbiamo dedicato particolare attenzione e vi rimandiamo alla lettura delle apposite pagine.

 

Torna su

Ostelli Malaga   Ostelli Spagna    Hotel Malaga  Hotel Spagna

Carte de Malaga Karte von Malaga     Mapa Malaga    Map of Malaga

Carte d'Espagne  Karte von Spanien     Mapa de España    Map of Spain

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal