Gemäldegalerie - Berlino

Sei qui: Cosa vedere a Berlino >

Gemäldegalerie - Berlino

Inserito nel contesto del Kulturforum, l'edificio della Gemäldegalerie con circa 1250 opere sparse in 72 camere diverse disposte su una superficie espositiva di 7.000 metri quadrati, è un bellissimo labirinto culturale con un percorso di quasi due chilometri di arte pura. L'edificio attuale, costruito nel 1998 progettato e realizzato l'edificio dagli architetti Hilmer e Sattler und Albrecht, dispone di ampie finestre sul soffitto per illuminare meglio le opere maestose. La Gemäldegalerie possiede una delle collezioni più importanti al mondo di pittura europea dal XIII al XVIII secolo, con capolavori di tutte le epoche storiche, tra cui dipinti di grandi maestri quali van Eyck, Caravaggio, Bruegel, Botticelli, Dürer, Raffaello, Tiziano, Rubens, Rembrandt e Vermeer. Ovunque si volga lo sguardo, l’occhio si posa su un capolavoro.

Gemäldegalerie EsternoLa nuova Gemäldegalerie di Berlino,  riunisce in un unico luogo una separazione in due nuclei di arte antica, quella del Bode Museum a Berlino Est e il Museo di Dahlem a Berlino Ovest, durata cinquant’anni e imposta dagli eventi storici del dopoguerra con terribile divisione della città e il conseguente innalzamento del muro. Alla fine della guerra Era infatti accaduto che le opere d’arte antiva recuperate dai russi erano rimaste a Berlino Est e risistemate nel Bode Museum, quelle ritrovate dagli americani andarono a formare il nucleo della pinacoteca di Berlino Ovest nel sobborgo di Dahlem.

Bruegel - Proverbi FiamminghiL'itinerario si per circa due chilometri tra opere cardine della cultura figurativa occidentale da Giotto a Caravaggio, da Van Eyck a Memling, da Durer a Rembrandt, da Velàzquez a Vermeer. La luce arriva dalle luce piove naturale dall’alto, filtrata da immensi lucernari che permettono la visione ottimale delle opere anche nelle giornate senza sole. Oltrepassate le biglietterie, il pubblico entra in un atrio con cupola. Ci sono due percorsi possibili: puntando a destra, si infilano le sale che ospitano la pittura tedesca, fiamminga, olandese, inglese e francese dal Medioevo al Settecento. Puntando a sinistra si vengono ad ammirare i capolavori della pittura italiana, spagnola e, in parte, ancora francese.

Tra tutti i grandi musei di Berlino, la Gemäldegalerie il gruppo di musei, gallerie e librerie che compongono Kulturforum di Potsdamer Platz risalente al  1830 che ospita una delle più grandi collezioni al mondo di dipinti europei dal XII al XVIII secolo, è decisamente spesso trascurato dal grande flusso di visitatori che si ferma all'isola dei musei. Eppure coloro che vi si recano restano sempre incantati di fronte a capolavori assoluti di artisti come Albrecht Dürer, Andrea del Castagno, Beato Angelico, Giovanni Bellini, Sandro Botticelli, Caravaggio, Vittore Carpaccio, Correggio, Cima da Conegliano, Carlo Crivelli, Taddeo Gaddi, Gentile da Fabriano, Domenico Ghirlandaio, Giorgione, Giotto, Filippo Lippi, Lorenzo Lotto, Andrea Mantegna, Masaccio, Parmigianino, Perugino, Pinturicchio, Raffaello, Rosso Fiorentino, Luca Signorelli, Francesco Squarcione, Simone Martini, Tiziano, Domenico Veneziano, Hieronymus Bosch, Bruegel il Vecchio, Willem Buytewech, Petrus Christus, Hugo van der Goes, Hans Memling, Rembrandt, Rubens, Jan van Eyck, Vermeer, Jean Fouquet.

Tra i grandi capolavori italiani presenti la "Dormitio Virginis" di Giotto, la predella del Carmine di Masaccio (che stava nella Chiesa di Santa Maria del Carmine a Pisa, parte del famoso polittico di quella chiesa), il San Gerolamo di Piero della Francesca, le tre tavole di Mantegna, la Madonna Solly e Terranuova del giovane Raffaello, la Venere con l’organista e Ritratto di Clarissa Strozzi di Tiziano, lo Sposalizio mistico di Santa Caterina di Guercino l’Amore Vittorioso di Caravaggio, i teleri di Tiepolo e le vedute di Canaletto. Tra gli altri capolavori, il Giudizio Universale di Petrus Christus il Ritratto di Hieronymus Holzschuher di Albrecht Dürer, la Fontana della Giovinezza di Lucas Cranach, Proverbi Olandesi di Pieter Bruegel e Malle Babbe di Frans Hals, Madonna in una chiesa gotica di Jan Van eyck, Donna con collana di perle di Jan Vermeer. Con i suoi 16 dipinti la collezione di opere Rembrandt è una delle più ampie e qualitativamente importanti al mondo.

Il problema, come con molti musei e gallerie prestigiose, non è la qualità dell'arte, ma la quantità. C'è tanto, forse troppo da vedere, e il tutto diventa molto rapidamente sfuocato ai nostri occhi. Quindi, magari prima di arrivare al museo consultate il sito dello stesso e fate un programma di quello che volete veramente vedere e a cui volete dedicare la maggior parte del vostro tempo.

Sulla volta dello scalone che porta ai depositi, si notano le tele che componevano un tempo il soffitto dipinto da Sebastiano Ricci già a Palazzo Mocenigo di Venezia. L’Italia ha rivendicato la restituzione di questi dipinti. Queste tele però vennero regolarmente vendute nel 1941 dal proprietario Andrea di Robilant ad Adolf Hitler. Il dittatore le pagò oltre un milione di lire i dipinti e li destinò all’erigendo museo di Linz. È vero che Bottai inizialmente si disse contrario all’esportazione, ma poi, su pressione di Mussolini, concesse l’espatrio. I giudici hanno dato ragione alla Germania. In e in Italia non torneranno più.

Gemäldegalerie
Matthäikirchplatz 4
10785 Berlin

Orari

lunedì Chiuso
martedì-mercoledì 10:00 - 18:00
giovedì 10:00 - 20:00
venerdì 10:00 - 18:00
sabato-domenica 11:00 - 18:00

1. gennaio 12:00 - 18:00
1. maggio 11:00 - 18:00
3. ottobre 11:00 - 18:00
24. dicembre Chiuso
25. dicembre 11:00 - 18:00
26. dicembre 11:00 - 18:00
31. dicembre Chiuso

Costi dei biglietti

Prezzo d'ingresso 10,00 €
I minori di 18 anni entrano gratuitamente.
 

Potrebbe interessarti Cosa vedere a Berlino - 30 cose da non perdere
 

Dove si trova?

 

Torna su

 

OSTELLI Berlino   Ostelli Germania

Carte d'Allemagne  Karte von Deutschland  Mapa  Alemania   Map of Germany

Carte de Berlin   Karte von Berlin Mapa  Berlín     Map of Berlin