Le paroline magiche per i bambini

Informagiovani Italia

 

  L'educazione in Italia

L'educazione in Europa

Lavorare in Italia

  Lavorare in Europa

Comuni Italiani

Buona amministrazione comuni

Articoli  Informagiovani

Mestieri e Professioni

Mettersi in Proprio

Idee imprenditoriali

Mettere su casa

Energia Pulita

Giovani arte e cultura

Stili di vita

Codice della strada

Informa Bambini

Pronto soccorso bambini

Giovani e Salute

Viaggiare in Europa

Viaggi Italia  Viaggiare in Italia

Ostelli in Italia

Ostelli in Europa

No al bullismo

Inter Rail

 

 

Le paroline magiche per i bambini

 

 

LE PAROLINE MAGICHE

Introduzione

State diventando matti per ricordargli che si dice “per favore”, ma cos'altro potete fare? Scegliete uno di questi quattro approcci, completamente diversi tra loro proposti dall’esperienza diretta delle nostre mamme.

Quando i bimbi dimenticano le formule di cortesia... Ecco qualche suggerimento per ricordarglielo!

Con delicatezza...

“Non obbligo i miei bambini a dire “per favore” e “grazie”. Lo fanno spontaneamente la maggior parte delle volte, ma se si dimenticano penso che sia sbagliato far loro dire qualcosa che non pensano. Invece sono io che ripeto quello che vorrei che loro dicessero, per esempio “Vorrei un po' di acqua, per favore!”. Alla fine rimarrà impresso nella loro mente.

Scusa?

“Ho provato a ricordarlo ai miei figli in continuazione, ma ripeterlo sempre non sembrava funzionare – mi stava solo facendo diventare matta! Adesso, finché non dicono “per favore”, faccio finta di non aver sentito le loro richieste; se invece sto aspettando un “grazie” mi limito a rimanere ferma e aspettare, finché si ricordano perché lo sto facendo!”.

Rendetela una cosa divertente...

“Noi abbiamo due modi per incoraggiare i bambini a preoccuparsi delle buone maniere quando sembra si dimentichino di dire “per favore” e “grazie”. All'inizio avevamo stabilito un sistema di ricompense solo per questo, segnando delle stelline su un cartellone, ma era difficile ricordarsi di aggiungerle quando i bambini facevano il loro dovere fuori casa. Allora abbiamo inventato un'altra cosa: la persona (potrebbe essere anche la mamma o il papà!) che dice sinceramente “per favore” e “grazie” più volte nell'arco della giornata vince un piccolo premio! Funziona che è una meraviglia!”

Ricatti!

“Il semplice dire ai bambini “di' per favore” non funzionava – lo ripetevano meccanicamente dopo di me e sentivo che non intendevano affatto dirlo. Quindi ora se non dicono “per favore”, ho insegnato loro che mi schiarirò la gola per ricordarglielo, e se ancora non se lo ricordano, non otterranno quello che stanno chiedendo per almeno dieci minuti. Potrebbe sembrare una cosa rude, ma ha funzionato così bene che l'ho dovuto fare solo per un paio di settimane!”

Se volete aggiungere commenti, articoli o quant'altro scrivete all'indirizzo info  @   informagiovani-italia.com (antispam: togliete gli spazi prima e dopo la chiocciolina)

Torna su