website
statistics
 

Mark Twain

Sei qui: Articoli informagiovani Biografie >

Mark Twain - Biografia e opere

 

Mark Twain, è lo pseudonimo di Samuel Langhorne Clemens, giornalista, umorista e romanziere americano, che con i suoi romanzi ha catturato un pubblico mondiale con storie di avventure giovanili, umorista e sagace anche mentre sonda, spesso amaramente, le radici del comportamento umano. Dotato di un talento unico di narratore, trascendeva i limiti apparenti delle sue origini per diventare un personaggio pubblico popolare e uno dei migliori e più amati scrittori americani di tutti i temi.

 

Mark Twain acquisì fama internazionale prima per i suoi racconti di viaggio, in particolare Gli innocenti all'esteto (The Innocents Abroad - 1869), In cerca di guai (Roughing It -1872), e Vita sul Mississippi (Life on the Mississippi-1883), e per le sue storie d'avventura dell'infanzia, in particolare Le avventure di Tom Sawyer (The Adventures of Tom Sawyer -1876) e Le Avventura di Huckleberry Finn (Adventures of Huckleberry Finn -1885).


Cresciuto tra le tradizioni americane del giornalismo di frontiera, e influenzato da umoristi come Artemus Ward e dalla tradizione del racconto alto, Mark Twain ha ottenuto i suoi primi successi come scrittore e conferenziere con la sua laconica e diretta recitazione di incredibili episodi comici in un linguaggio semplice, diretto e colloquiale. Il suo era uno stile orale, e il suo contributo principale è talvolta ritenuto essere la creazione di un idioma genuinamente nativo.

Alcuni contemporanei consideravano il linguaggio di Mark Twain semplice e rozzo se paragonato alla prosa ben educata di William Dean Howells o all'espressione intricata di Henry James. Anche se convenzionalmente meno disciplinato e con meno successo di entrambi, Mark Twain ha superato entrambi nella stima popolare ed è ricordato con loro come il più importante scrittore nella creazione della narrativa in prosa negli Stati Uniti alla fine del XIX secolo.

Mark Twain è nato come Samuel Langhorne Clemens il 30 novembre 1835 nel villaggio di frontiera della Florida. Trascorse la sua fanciullezza nella vicina Hannibal, sulla riva del Mississippi, osservando la sua vita frenetica del grande fiume americano, affascinato dal suo romanticismo, ma raggelato dalla violenza e dallo spargimento di sangue che ha generato. A dodici anni, dopo la morte del padre avvocato, iniziò a lavorare come apprendista, con tipografie locali, scrivendo occasionalmente per qualche giornale locale. A 17 anni il suo sketch comico "The Dandy Frightening the Squatter" venne pubblicato da una rivista sportiva di Boston.

Nel 1853 Clemens iniziò a vagare come stampatore ambulante a St. Louis, Chicago, New York e Philadelphia, stabilendosi brevemente con il fratello Orion, in Iowa, prima di partire a 22 anni per fare fortuna. Sperava di arrivare fino alle lussureggianti rive del Rio delle Amazzoni in Sud America, invece, viaggiò lungo il fiume Mississippi, divenne pilota di battelli a vapore fino a quando la Guerra Civile Americana interruppe il traffico.

 

Anni nel west

Nel 1861 Clemens si recò in Nevada, dove speculò con noncuranza nell'estrazione del legname e dell'argento. Si stabilì a Virginia City per lavorare nella stampa, finché la sua penna spericolata e il suo temperamento focoso lo portarono a entrare in conflitto con le autorità locali. Si spostò quindi in California. Nel frattempo aveva adottato lo pseudonimo di Mark Twain, un termine fluviale per indicare l'acqua che era sicura, ma solo sicura, per la navigazione.

A San Francisco Mark Twain passò sotto l'influenza di Bret Harte. Artemus Ward lo incoraggiò a scrivere La famosa rana saltatrice della contea di Calaveras (1865), che per primo lo portò all'attenzione nazionale. La maggior parte della sua scrittura nell'ovest fu fatta in fretta, spesso con noncuranza, e in seguito fece ben poco per conservarla.


Corrispondente in viaggio

Nel 1865 il Sacramento Union commissionò a Mark Twain un nuovo servizio di corrispondenze alle Hawaii. I suoi resoconti, così come pubblicati sul giornale, fornirono la base per le sue prime conferenze di successo e anni dopo furono raccolti nel libro Lettere dalle Isole Sandwich (1938) e Lettere da Honolulu (1939). I suoi resoconti di viaggio furono così ben accolti che nel 1866 assunse l'incarico di corrispondente di viaggio per il giornale Alta California; avrebbe fatto il giro del mondo inviando corrispondenze. Il primo passo fu quello di recarsi a New York in nave; i suoi racconti furono raccolti nei Viaggi di Mark Twain con il signor Brown (1940).

Nel giugno del 1867 Mark Twain lasciò New York e si recò in Europa e in Terra Santa, inviando le sue corrispondenze al giornale della California e al New York Tribune di Horace Greeley. Si trattava di resoconti freschi e audaci, attenti, informati e divertentissimi. Il loro tratto caratteristico era l'umorismo dell'ovest americano; il tema tradizionale era il decadimento delle istituzioni transatlantiche a confronto con l'energica freschezza dello stile di vita dell'ovest. Le corrispondenze furono poi riviste e pubblicate in libri come "Gli innocenti all'estero", o "Il progresso del nuovo pellegrino" (1869), ed ebbero molto successo come libri di umoristici di viaggio (ecco, Bill Bryson non è stato il primo).


Nel 1870 Twain sposò Olivia Langdon. Dopo una breve permanenza a nord di New York come editore e in parte proprietario del Buffalo Express, si trasferì ad Hartford nel Connecticut, dove visse per 20 anni; lì nacquero tre figlie, e il benessere econimico come scrittore e docente (in Inghilterra nel 1872 e nel 1873) sembrava garantita. Nel 1872 uscì il libro Roughing It che raccontava i viaggi di Mark Twain in Nevada e ristampava alcune delle Lettere dalle Isole Sandwich. I successivi Vagabondo in Italia (A Tramp Abroad) del 1880, né Seguendo l'Equatore del 1898 ebbero un'accoglienza popolare o critica pari a quella degli Innocenti all'estero.

 

Vagabondo in Italia, uscito con questo titolo solo nel nostro paese, racconta un viaggio dell'autore, con il suo amico Harris (un personaggio creato per il libro e basato sul suo più caro amico, Joseph Twichell), attraverso l'Europa centrale e meridionale. Mentre l'obiettivo dichiarato del viaggio è quello di camminare per la maggior parte del tragitto, gli uomini si trovano ad utilizzare altri mezzi di trasporto mentre attraversano il continente. Mentre i due uomini si fanno strada attraverso la Germania, le Alpi e l'Italia, incontrano situazioni rese ancora più umoristiche dalle loro reazioni. Il narratore (Twain) fa la parte del turista americano dell'epoca, credendo di capire tutto ciò che vede, ma in realtà non ne capisce nulla.

La prima metà del libro tratta del loro soggiorno nella Germania sud-occidentale (Heidelberg, Mannheim, un viaggio sul fiume Neckar, Baden-Baden e la Foresta Nera). La seconda parte descrive i suoi viaggi attraverso la Svizzera e la Francia orientale (Lucerna, Interlaken, Zermatt, Chamonix e Ginevra). La fine del libro copre il suo viaggio attraverso diverse città del nord Italia (Genova, Milano, Venezia ("finita preda della povertà, della trascuratezza e di una triste decadenza». Ma al chiaro di luna appare «ancora un volta la più sontuosa tra tutte le nazioni della terra") Firenze, Roma, Napoli, Como e le sue ville sul lago, etc, da qui il titolo del libro italiano). Molte altre città sono toccate e descritte durante i suoi viaggi, così come montagne come il Cervino, la Jungfrau, il Rigi-Kulm e il Monte Bianco. Il fatto interessante del Viaggio in Italia di Twain, è il fatto che lo scrittore trovava un paese unito sotto un unico governo da appena 5 anni, ma che appariva agli occhi di un America di una nazione nuova e in piena espansione, vecchio, sporco e decadente.

Nel libro erano tra l'altra incluse sei curiose appendici,  brevi saggi dedicati a diversi argomenti, tra cui: il ruolo del Portiere negli alberghi europei e come si guadagnano da vivere; una descrizione del Castello di Heidelberg, un saggio sulle prigioni universitarie in Germania: "La terribile lingua tedesca", un saggio umoristico sulla lingua tedesca; un racconto intitolato "La leggenda del castello" e infine una descrizione satirica dei giornali tedeschi.

 

Romanziere famoso

Con Charles Dudley Warner, Mark Twain scrisse L'Età dell'Oro (The Gilded Age-1873), una satira sulla speculazione finanziaria e le truffe politiche, che introdusse il personaggio del colonnello Beriah Sellers, uno scudiero di campagna afflitto da schemi che potevano, ma non lo fecero mai, portargli un'improvvisa fortuna. Ormai Mark Twain era famoso. Tutto ciò che scriveva si vendeva, ma la sua immaginazione si è andò perfezionandosi. Raccolse scritti vari e racconti brevi in Sketches New and Old (1875) e cercò di inserire il colonnello Sellers in un nuovo libro, che finalmente si materializzò anni dopo come Il pretendente americano (The American Claimant - 1891).

Nel frattempo il racconto di Mark Twain sulle esperienze di navigazione a vapore per l'Atlantic Monthly (1875; ampliato a Life on the Mississippi, 1883) catturò la bellezza, il fascino e la minaccia del Mississippi. I ricordi d'infanzia della vita accanto a quel fiume furono raccolti nel celeberrimo Le avventure di Tom Sawyer (1875), che attrasse immediatamente un pubblico variegato di giovani e meno anziani. Con ambientazioni più esotiche e straniere, Il principe e il povero (1882) e Un americano alla corte di re Artù (A Connecticut Yankee alla corte di Re Artù -1889) attirarono a loro volte molti lettori, ma fu con Le avventure di Huckleberry Finn (1885), in cui Mark Twain tornò di nuovo alle scene fluviali che conosceva meglio, fu considerato volgare da molti contemporanei.


"Tom" e "Huck"

Tom Sawyer, meglio organizzato di Huckleberry Finn, è una narrazione di un innocente gioco di ragazzi che inavvertitamente scopre il male mentre Tom e Huck assistono a un omicidio di Injun Joe in un cimitero a mezzanotte. I ragazzi scappano via, si pensa che siano morti, ma si presentano al loro stesso funerale. Tom e Huck decidono di cercare l'assassino e la ricompensa offerta per la sua cattura. Sono Tom e la sua fidanzata che, persi in una grotta, scoprono il nascondiglio di Joe l'indiano. Anche se i cittadini sigillano involontariamente l'assassino nella grotta, chiudono l'entrata solo per tenere i ragazzi avventurosi come Tom fuori dai guai futuri. Alla fine, sono il gioco innocente e l'avventura fanciullesca a trionfare.

Huckleberry Finn è la più bella creazione di Mark Twain. A "Huck" manca l'immaginazione di Tom; è un ragazzo semplice e poco istruito. Una misura del suo carattere è la propensione all'inganno, che sembra istintiva, una caratteristica condivisa da altre cose selvagge e che lo mette in relazione con la natura - in opposizione agli inganni tradizionali di Tom, basati sulla tradizione, imparati dai libri e fantasiosi. Le avventure di Huckleberry Finn, è una serie di avventure vagamente tese, e può essere vista come la storia di una ricerca di libertà e di una fuga da ciò che la società richiede in cambio del successo. Unito in fuga da un compagno nero, Jim, che cerca la libertà dalla schiavitù, Huck scopre che il Mississippi è pacifico (anche se si scopre che ha ragione solo in parte) ma che le sue rive sono martoriate dall'inganno, compreso il suo, e dalla crudeltà e dall'omicidio. Quando la zattera su cui lui e Jim stavano galleggiando lungo il fiume viene invasa da due uomini di fiducia, Huck diventa prima il loro assistente nelle truffe ma è infine l'agente della loro esposizione.

Jim è un amico spaventato ma fedele. Huck è turbato dal peccato che agli occhi del mondo sta commettendo aiutando uno schiavo a fuggire. Il culmine tematico del libro avviene quando Huck decide che se deve andare all'inferno per quel peccato, allora andrà all'inferno. E lo fa, uscendo dal fiume ed entrandp di nuovo nel mondo dominato da Tom, che nel suo apparentemente innocente inganno presenta un allarmante analogia con la finzione adulta. Tutto finisce all'improvviso; Jim è sempre stato libero, e le brave persone si offrono di adottare e civilizzare Huck. Ma lui non avrà nulla di tutto questo: "Non lo sopporto", dice. "Ci sono già passato".

Qualunque siano i suoi difetti, Huckleberry Finn è un classico. Variamente interpretato, si pensa spesso che suggerisca più di quanto non riveli, parlando di ciò che l'uomo ha fatto per confondere se stesso sul suo giusto rapporto con la natura. Si può anche pensare che tratti i fallimenti dell'uomo nel trattare con i suoi simili e della corruzione così profondamente incisa che l'unica via di fuga dell'uomo è la fuga forse anche da se stessi. Ma è anche una storia di avventura e di fuga apparentemente senza arte, così semplice e diretta che Ernest Hemingway una volta disse che tutta la letteratura americana inizia con questo libro. Il suo linguaggio sembra il linguaggio istintivo di tutti gli uomini - "un esorcismo gioioso", ha detto un critico.

Mark Twain,ha scritto in seguito il giornalista è saggista Henry Louis Mencken, è stato il primo autore importante a scrivere in modo "sinceramente colloquiale e nativo americano". Huck, che rifugge la civiltà, sembra un simbolo di semplice onestà e coscienza. La visione che il ragazzo ha di un mondo distorto dalla finzione e dall'inganno anticipa l'uso di un giovane narratore da parte di numerosi importanti autori americani, tra cui Sherwood Anderson, Ernest Hemingway e J. D. Salinger. Eppure Tom, non Huck, sembra essere rimasto il preferito di Mark Twain, dando il titolo a Tom Sawyer all'estero (1894), Tom Sawyer, Detective (1896), e a racconti inediti poi raccolti in Hannibal, Huck e Tom (1969).
 

Uomo d'affari di poco successo

I primi libri di Mark Twain furono stati venduti in abbonamento; vendettero bene, perché Twain era orgoglioso di misurare il gusto del pubblico. Molti non furono stampati fino a quando non erano assicurati abbastanza ordini in anticipo da renderli sicuramente redditizi. Come docente itinerante, Twain aiutò a vendere i suoi libri, e i suoi libri contribuirono a confezionare le sue conferenze. Era probabilmente il più conosciuto e certamente tra gli scrittori più prosperi della sua generazione. Insoddisfatto, cercò di ottenere di più. Quando Il Principe e il Povero non vendette come si pensava, fondò la sua casa editrice, che per un po' di tempo andò bene.

Ma Mark Twain si trovò presto in guai seri. Per diversi anni aveva finanziato con grandi somme il perfezionamento di una macchina da scrivere, convinto che avrebbe fatto la sua fortuna. Ma nel 1891 si ritirò con la sua famiglia in Europa, dove poté vivere più a buon mercato. Nel 1894 la casa editrice fallì e la tipografia fallì nella competizione con rivali meno complessi. Twain si ritrovò molto indebitato.

Nel frattempo, nel 1893, Henry Huttleston Rogers, un direttore della Standard Oil Company, aveva assunto il controllo degli affari finanziari di Mark Twain. Mentre lo scrittore faceva lezione in tutto il mondo per pagare i suoi debiti, Rogers placava i creditori, investiva le sue royalties e stipulava nuovi contratti editoriali. La tragedia di Wilson lo zuccone (Pudd'nhead Wilson -1894), una storia maldestramente costruita di due ragazzi, uno dei quali afroamericano, scambiati nella culla, è talvolta ricordato come il secondo miglior libro di Mark Twain, ma portò poco giovamento finanziario. Ricordi personali di Giovanna d'Arco (1896), un ponderoso inno all'innocenza trionfante, era così serio che Mark Twain all'inizio non avrebbe permesso che il suo nome venisse associato ad esso. Dopo l'Equatore (1897) fu dedicato al figlio di Rogers.


Mark Twain e la sua famiglia rimasero in Europa, rattristati dalla morte di una figlia e in cerca di aiuto per la malattia apparentemente incurabile di un'altra. Come il suo colonnello Sellers, Mark Twain cercava disperatamente un piano per recuperare la sua fortuna. Rogers riuscì a liberarlo dai debiti e gli fece stipulare un contratto editoriale che garantì allo scrittore e ai suoi eredi una bella rendita.

 

Ultimi scritti

Al suo ritorno negli Stati Uniti nel 1900, Mark Twain raggiunse nuove vette di popolarità. La sua insistenza pubblicizzata di pagare ogni creditore lo aveva reso una specie di eroe pubblico. Era ampiamente ricercato come oratore, e sembrava orgoglioso di essere amico di persone come i Rockefeller e Andrew Carnegie, anche se in privato si opponeva ai principi per i quali sembrava si battessero. I suoi scritti divennero sempre più amari, soprattutto dopo la morte della moglie nel 1905. L'uomo che corruppe Hadleyburg (1900) denunciava la  corruzione in una piccola e tipica città americana. Il Soliloquio di re Leopoldo (1905) attaccava l'ipocrisia nel trattamento degli abitanti del Congo, una denuncia contro quella che Mark Twain chiamava "la razza umana maledetta". Che cos'è l'uomo? (1906) fu una diatriba di disperazione. Estratti dal Diario di Adamo (1904) avevano presentato l'uomo in modo umoristico come un abbaglio; il Diario di Eva (1906), scritto in parte in memoria della moglie, mostrava l'uomo salvato dal pasticcio solo grazie all'influenza di una buona donna. Molte delle sue successive accuse di cupidigia umana erano, secondo lui, così gravi da non poter essere pubblicate per 100 anni. Ma quando alcune apparvero in Lettere dalla Terra (1962), non sembravano più amareggiate di quelle che erano apparse prima.

Nel 1906 Mark Twain cominciò a dettare la sua autobiografia ad Albert B. Paine (il suo esecutore letterario), registrando ricordi sparsi senza una disposizione cronologica. Alcune parti di essa furono pubblicate su periodici nel corso di quell'anno. La Visita in Paradiso del Capitano Stormfield (1909), aveva un tono burlesco, ha che in parte mascherava il pessimismo dello scrittore con una parvenza di umorismo che descriveva la bassa stima in cui l'uomo è tenuto dalle creature celesti. Con il ricavato degli estratti della sua autobiografia, costruì una grande casa a Redding, Connecticut, che chiamò Stormfield. Lì, dopo diversi viaggi alle Bermuda per rafforzare la sua salute in declino, morì il 21 aprile 1910.

Mark Twain aveva lavorato a diverse bozze di un ultimo libro amaro, e da questi Paine e il suo editore "curarono" Lo straniero misterioso (The Mysterious Stranger - 1916), un volume che William H. Gibson, nel presentare i testi completi delle versioni della storia nei Mysterious Stranger Manuscripts (1969) di Mark Twain, definito "una frode editoriale". Mentre gli studiosi lavorano sui Mark Twain Papers della University of California, appariranno altri volumi contenenti scritti o corrispondenza inediti. Lavori che non hanno alterato la stima e l'affetto che i lettori nutrono per Mark Twain, capace, forse come nessuno, di raccontare lo spirito americano dei suoi tempi.

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

 

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

 

Torna su

 

 

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal