Trondheim

Visitare Trondheim Informazioni Piccola Guida  

La nostra nave fa scalo a Trondheim, situata nella frastagliata costa occidentale della Scandinavia, al centro di uno dei fiordi norvegesi più belli, il Trondheimsfjorden, alla foce del fiume Nidelva. Il sogno di fare una crociera in Norvegia è durato un po' troppo a lungo ed ora finalmente eccoci a vivere uno dei suoi momenti più interessanti, quelli che permettono a me e al mio compagno di conoscere una delle città più caratteristiche del nord Europa.

Stiamo solcando il nord più settentrionale del mondo, dopo aver visitato posti come Bergen, Molde, Kristiansund e aver toccato le splendide isole Lofoten e Vesterålen, altre località simbolo della Norvegia. Trondheim, dal canto suo, viene spesso indicata come la 'porta d'ingresso del Nord', perché da qui il circolo polare artico dista solo mezza giornata. Noi però si va oltre, verso Bodø e poi Tromsø, la città più settentrionale del Norvegia, e Capo Nord, il punto più settentrionale d'Europa, con la speranza di vedere le notti illuminate dell'Aurora Boreale. Trondheim, nel mezzo di tutto questo via vai, si fa onore d'essere una città di confine, il punto d'incontro più rappresentativo del sud e del nord della Scandinavia, una città dai tanti ruoli, acquisiti durante la sua lunga vita. Nata nel 997 come città vichinga, nel tempo ha assunto un ruolo guida del Paese, spirituale, culturale, di viaggio. Molti qui ricordano ancora del mitico Espresso Costiero Hurtigruten, che per la prima volta nel 1893 ha dato via al trasporto passeggeri lungo la costa della Norvegia, diretto a Capo Nord. Noi stiamo facendo questo stesso tragitto, partecipi di una storia che ci porta oltre i confini del mondo.

Era forse questo l'intento del re vichingo Olav Tryggvason, quando nel 997 fondò Trondheim con il nome di Kaupangen (luogo del mercato)? Si, era quello di unire non solo le genti del nord con quelle del sud, ma tutti quelle del paese, convertendo il popolo unificato alla nuova religione cristiana. Ad 'illuminarci' è un simpatico anziano professore di Atene, dal nome un po' strano (Fottini) appassionato di viaggi e di tante altre cose, con il quale ho modo di rispolverare il mio inglese (di certo non il mio greco scolastico!). É lui a raccontarci della storia di Trondheim, di come in effetti questa città sia stata fondata alla fine dell'Era Vichinga (X secolo) e di come assunse a ruolo di capitale del regno nei successivi due secoli. Olav continuò a promuovere il cristianesimo in tutta il territorio e durante il suo lungo regno, battezzando anche Leif Ericson, il primo europeo che arrivò in America cinque secoli prima di Cristoforo Colombo. La famosa Cattedrale di Trondheim, conosciuta anche con il nome di Cattedrale di Nidaros, venne però fatta costruire da un altro Olav, di Haraldsson. Fottini ci spiega che il 'secondo' Olav è venerato come santo dalla chiesa cattolica e che è stato canonizzato nel lontano 1031, un anno dopo la sua morte. L'edificio che fece costruire è ora davanti a noi, in un bel stile romanico-gotico si presenta con un'imponenza inconsueta per questa parte del mondo, così almeno sembra a noi. Poi ci spiegano che questo è il santuario nazionale della Norvegia, un importante luogo di pellegrinaggio, custode non solo delle spoglie di San Olaf ma anche di tutta la storia del regno norvegese. Fu così che il piccolo villaggio di pescatori e di mercanti di Nidaros (così fu chiamata la città dal XI secolo) si trasformò nella principale sede ecclesiastica delle Norvegia e di tutte le sue pertinenze di allora (Islanda, Groenlandia, isole Faroe, oggi danesi, isole Orcadi, scozzesi e Isola di Man).

I turisti in particolare affollano Trondheim in estate, quando i giorni non diventano mai bui e si può passeggiare per le strade tranquille della città fino a mezzanotte, con il sole che non scende mai oltre l'orizzonte. In estate il sole a Trondheim sorge alle 3.00 del mattino e tramonta 20 minuti prima della mezzanotte, ma visto che rimane sempre lungo la linea dell'orizzonte le notti continuano ad essere illuminate dal 20 maggio al 20 luglio. Durante i mesi invernali invece, al contrario, sono le notti a prevalere sulla luce del giorno, con il sole che si fa vedere solo dalle 10.00 del mattino fino alle 14.30 e che comunque va di poco giù la linea dell'orizzonte. L'aurora boreale in Norvegia la puoi vedere solo quando le notti sono più buie e cioè in inverno: ecco perché abbiamo deciso di venire a fine febbraio.

La nave arriva presto a Trondheim e si fa strada tra le numerose piccole barche colorate dei pescatori, addentrandosi dal nord del fiordo. Ad accoglierti nelle città costiere della Norvegia occidentale sono sempre i mercati del pesce, questo di Trondheim è chiamato Ravnkloa ed è ricchissimo di prodotti e squisitamente pittoresco. L'atmosfera sembra essere ancora quella del Natale di diverse settimane fa, mille candele che illuminano le finestre della case, in un giorno che sta per risvegliarsi dalla lunga notte. La strada del molo, la Sandgata sembra segnare il limite al centro storico di Trondheim, qui chiamato Midtbyern, che si sviluppa intorno alla piazza del Torget in un ordinata griglia urbana di strade e viali, così come fu voluta nel Seicento da Johan Caspar von Cicignon, un ingegnere militare di origine lussemburghese a cui venne affidata la ricostruzione della città dopo l'incendio del 1681.

Rivolta verso l'interno e affacciata sul mare troviamo la bella Residenza reale di Trondheim, il Stiftsgården, completamente in legno e costruita nel 1778 con un totale di 140 camere (non ci è possibile visitarlo, perché è aperto al pubblico solo in estate ed ancora abitato dalla famiglia reale). Ad attirare l'attenzione, poco lontano, è anche il Ponte Vecchio di Trondheim (Gamle Bybro), sul fiume Nidelva, fatto costruire originariamente nel 1681 dallo stesso von Cicignon e ricostruito due secoli dopo, nel 1861: un ponte caratteristico, che collega la via Kjøpmannsgata al quartiere di Bakklandet e noto per i suoi portali rossi che ricordano un po' i Torii, i tradizionali portali shintoisti del Giappone. Il quartiere più caratteristico di Trondheim è situato all'estremità orientale del ponte, lo si riconosce da subito per via della stradina acciottolata che conduce ad esso e per le basse case in legno colorato, oggi riconvertite in bar, ristoranti e negozi di souvenir e abbigliamento.

Decidiamo di prenderci una meritata pausa pranzo in uno dei ristoranti di Bakklandet, siamo al Rabarbra Kafe e tra un panino e un veloce dolce alla carota (tra due ore tramonterà il sole) abbiamo occasione di conoscere Ida, una giovane artista americana trasferitasi da quattro anni in città. Ci racconta d'essersi innamorata di Trondheim per quel suo ambiente bohemien, le caratteristiche case, le piccole viuzze acciottolate, le caffetterie ed i negozi vintage. Il mitico Fottini interviene nella conversazione con la sua efficientissima 'nota' storica, informandoci che il quartiere fu costruito nel Seicento ma che fu in parte distrutto dal generale svedese Armfeldt nell'assedio alla città e che queste stesse case un tempo erano occupate da marinai, pescatori ed operai.

Il tempo rimasto è poco e l'imbarco è previsto in poche ore, giusto il tempo per visitare qualche negozio e fare del meritato shopping a Trondheim e non mancare la vista che si gode dalla Fortezza di Krinstiansten, costruita nel 1681 e situata nella collina ad est di Bakklandet. Non rimane tempo per visitare i musei di Trondheim e ci sarebbe piaciuto non mancare almeno il Museo delle Belle Arti, che ospita una notevole collezione di opere d'arte norvegesi, o il Museo di Arti applicate del Nordenfjeld di fattura più contemporanea. Da Trondheim la nave salpa alla volta di Rorvik, a circa 300 km di distanza, seguita da Bodø e dal fiordo di Troll. Tra quattro giorni se siamo fortunati ci aspetta uno degli spettacoli più belli della natura... ma per ora ci ripromettiamo di ritornare ancora in questa bella città. Arrivederci Trondheim.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Torna su

Ostelli Trondheim  Ostelli Norvegia   Hotel Trondheim  Hotel Norvegia

Carte de Trondheim     Karte von Trondheim   Mapa Trondheim    Map of Trondheim

Carte de Norvège  Karte von Norwegen     Mapa Noruega   Map of Norway