VACANZE STUDIO ALL'ESTERO PER RAGAZZI 14 - 18 ANNI

Sei qui: Articoli informagiovani >

 

Vacanze studio all'estero

 

Si sa che un viaggio è un'esperienza che arricchisce sempre una persona, di qualsiasi età, ma un viaggio all'estero effettuato in età adolescenziale, ad esempio tra i 14 e i 18 anni, può contribuire in modo decisivo all'arricchimento di un giovane che si appresta a diventare adulto, aprendogli gli occhi e la mente su un mondo nuovo e interessante, lasciando nella sua mente un seme che è destinato a germogliare con il tempo. Ci vogliamo soffermare, in questo articolo, sull'estrema importanza che un soggiorno all'estero assume per un ragazzo.

 

Vacanze studio esteroVisitare un paese estero, per un periodo di 15/20 giorni, o di più, è un'esperienza che aiuta a crescere, a confrontarsi con realtà differenti, a capire e scoprire altri aspetti di se stessi e degli altri. Sono tantissimi i vantaggi che scaturiscono dalla decisione di fare una vacanza studio all'estero:  prima di tutto ci si diverte tantissimo, si fanno amicizie singolari e si perfeziona un'altra lingua, e poi si acquisisce forza, consapevolezza, determinazione.

 

Vacanze studio esteroPer i minori ci sono delle associazioni che organizzano soggiorni all'estero, soprattutto nei periodi estivi o di vacanza durante l'anno. Leggi il nostro articolo sui campus estivi per bambini e ragazzi in Inghilterra. Nel corso di questi soggiorni i ragazzi hanno la possibilità di seguire corsi di lingua, di visitare la città che li ospita, con visite guidate, o anche altra città limitrofe. E' un'occasione unica per confrontarsi con coetanei italiani con i quali si condivide l'esperienza e con ragazzi/e che abitano nel paese ospitante. A volte sono proprio le scuole, che organizzano brevi soggiorni, della durata media di una settimana. Le scuole si mettono in contatto con altre scuole di un paese a scelta, e sulla base di uno scambio culturale, organizzano i soggiorni. Per esempio un alunno italiano va in Olanda, ospite di una famiglia di un suo coetaneo olandese, qualche tempo dopo il ragazzo olandese, viene in Italia ospite di quello italiano. Questi soggiorni sono molto educativi, poiché permettono di conoscere anche le abitudini tipiche di una famiglia straniera, i suoi usi e la cultura, ciò che a scuola viene comunemente studiato come civiltà, e per di più visto che è organizzato da un'istituzione scolastica, la spesa per le famiglie è minima. Ma dal punto di vista economico, bisogna dire che sono tantissime le istituzioni che organizzano simili soggiorni ad un prezzo molto ragionevole. Per citarne alcuni, per esempio potete decidere di fare una esperienza di studio all'estero in Inghilterra e decidere di soggiornare in una famiglia inglese. In questo caso il migliore sito a cui rivolgersi in Italia (forse in Europa) è Londrainfamiglia.com. Se volete prenotare un corso di inglese a Londra (o in Inghilterra) il miglior sito è il sito Londonschools.info (dove ottenere sempre uno sconto rispetto ai prezzi ufficiali).  Forniamo inoltre le indicazioni su come partecipare ai bandi forniti dall'Inpdap.

 

Soggiorni studio esteroL'Inpdap è l'Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell'Amministrazione Pubblica. Ogni anno questo istituto mette a disposizione alcuni fondi per delle vacanze studio all'estero, il bando viene pubblicato i primi mesi di ogni anno, ed è suddiviso in due quote, la prima, uguale per tutti, offerta dall'Istituto e la seconda a carico delle famiglie, dipende dal reddito di ciascun nucleo familiare. Possono partecipare al bando i figli e gli orfani dei dipendenti della pubblica amministrazione iscritti all'Inpdap. In genere ci sono due diversi bandi, uno che riguarda i ragazzi di età compresa dai 7 ai 12 anni, che svolgeranno il loro soggiorno in Italia. Il secondo riguarda i soggiorni all'estero ed è dedicato a colori i quali hanno un'età compresa dai 15 ai 17 anni, questi ragazzi alloggeranno presso college e campus stranieri. La finalità di questo viaggio è quella di perfezionare una lingua a scelta tra inglese, francese, spagnolo e tedesco. Sono inoltre previste attività culturali ed escursioni. Per maggiori informazioni indichiamo il seguente sito vacanzeinpdap.com

 

In generale i soggiorni studio prevedono la suddivisione dei partecipanti in due fasce d'età, dai 7 ai 13 e dai 14 ai 17 anni. Sono previsti corsi di inglese in Inghilterra, Galles, e U.S.A, corsi di spagnolo in Spagna e tedesco in Germania. Ci sono classi composte da pochi allievi, corsi intensivi, e la possibilità di effettuare la vacanza in ogni periodo dell'anno. I ragazzi alloggeranno in famiglie o college.


Non vanno poi dimenticati i soggiorni organizzati da singole agenzie di viaggio presenti nel territorio di residenza, o scambi culturali organizzati dalle associazioni, quali ad esempio i progetti "Youth in Action", "Gioventù in azione", che ha permesso, negli scorsi anni, di effettuare scambi culturali, in paesi europei, molto diversi e lontani tra di loro.

 

Se hai più di 18 anni leggi      Vacanze studio in europa per ragazzi o se hai più di 30 anni leggi       Soggiorni studio adulti.


Scuole lingua esteroAnalizziamo, ora, più da vicino, l'importanza del viaggio, come percorso di formazione di una persona, di un ragazzo, di un adolescente. Si sa che l'adolescenza è l'età che ognuno di noi rimpiange, almeno una volta nella vita. Durante il periodo adolescenziale si fanno le prime scelte, le prime esperienze, si incassano le prime delusioni, ma anche le prime soddisfazioni. L'adolescenza è un'età di prova, quasi una prova generale per diventare adulti. E oggi, per diventare adulto, è indispensabile avere effettuato un viaggio all'estero almeno una volta nella vita. Di viaggi se ne possono fare tanti, ma quelli effettuati quando si ha ancora tutta la spensieratezza dei 16 anni, sono viaggi che hanno un sapore diverso, sono la scoperta nel momento di maggior fermento vitale, sono esperienze che non si ripeteranno mai più.

 

Questi viaggi organizzati per i ragazzi, sono viaggi che, in genere, prevedono la formazione di un gruppo di coetanei, pronti a varcare le soglie d'Europa o del mondo. La maggior parte di questi ragazzi non si conosce, eppure, i sentimenti che li accomunano sono gli stessi, forse è proprio per questo che durante questi soggiorni nascono della amicizie che dureranno per sempre. Tutti questi ragazzi partono da una nazione per esplorarne un'altra, per conoscere gli stili di vita e le abitudini dei loro coetanei stranieri, per visitare città così lontane, ma tutti questi ragazzi, italiani, francesi, giapponesi, fondamentalmente sono uguali ed hanno dentro di loro una gran voglia di divertirsi e conoscere il mondo, e perché no, di capire meglio loro stessi, quella stessa persona, che, durante l'adolescenza muta di giorno in giorno. I ragazzi compresi dai 14 ai 18 anni saranno chiamati, a breve, ad effettuare scelte importanti, che modificheranno e influenzeranno il loro futuro. Sono le scelte di un lavoro o della facoltà universitaria da intraprendere, sono scelte per diventare adulto, quando si ha forse ancora troppo in mente la vita da ragazzi. Un viaggio all'estero può contribuire a far prendere determinate decisioni in modo più consapevole, imparando a non farsi influenzare troppo dagli altri. Per molti ragazzi, queste vacanze-studio, sono la prima esperienza di viaggio senza i genitori, di conseguenza, implicano una crescita in termini di responsabilità e auto-gestione di ognuno di loro, fattori, che poi, influenzeranno il carattere e le scelte future.

 

Qualche esperienza vissuta per capire cosa rappresenta un viaggio studio all'estero per un ragazzo/a?

 

Laura, ora ha 22 anni, ma quando ne aveva 16 e 17 ha partecipato a due viaggi organizzati dall'Inpdap, uno in Inghilterra e uno in Irlanda. Le abbiamo chiesto cosa le fosse rimasto di quei viaggi "Pensare a quei viaggi, ora, a distanza di diversi anni, è molto bello, è stata un'esperienza fantastica, ho conosciuto persone bravissime, ho visto dei posti da favola, mi sono sentita autonoma e forte. Sono contenta di aver partecipato a quei soggiorni, perché era tutto organizzato, adesso, con l'università e tante cose da fare, non avrei più la possibilità di visitare quelle città, e avrei perso un'occasione di crescita unica". "Cosa ti è rimasto di quei viaggi?" "Mi è rimasto un gran bel ricordo, per un'esperienza che rivivrei, e anche per una maggiore conoscenza della lingua. Lì dovevamo parlare in inglese, e la mia conoscenza dell'inglese è migliorata notevolmente, sia nella lingua parlata, che in quella scritta, perché la mattina facevamo lezione di inglese". "Consiglieresti quest'esperienza ad un adolescente?" "Certo, è un'esperienza che va fatta, perché ti rimane dentro per sempre".  Quindi, ragazzi, organizzatevi, affrettatevi a partire, perché una vacanza-studio.

 

PER I GENITORI

 

Un consiglio per i genitori, informatevi su quale sia la formula migliore per far si che vostro figlio partecipi ad un viaggio del genere e dategli fiducia. I soggiorni organizzati per questa fascia d'età sono soggiorni che puntano sull'apprendimento della lingua, con lezioni frontali, e sono molto organizzati, con tutor e accompagnatori che seguono i ragazzi in ogni momento della giornata, proprio perché si tratta di minori, c'è da parte degli organizzatori una sorveglianza scrupolosa. Conoscere il mondo è oggi qualcosa di indispensabile per la formazione di ognuno di noi, il viaggio stesso è qualcosa di formativo, di per sé. Per essere un cittadino del domani, bisogna essere un cittadino dinamico, sicuro delle proprie scelte  e questo dipende in buona parte dall'educazione che ognuno di noi ha e dal carattere, ma un viaggio del genere contribuisce molto a migliorare entrambi questi fattori (educazione e carattere) e a creare un cittadino del domani migliore. I soggiorni per ragazzi sono qualcosa di molto importante per la loro crescita, per fornire loro una maggiore fiducia in sé stessi e per aprirgli le porte del mondo. Sono vacanze accessibili e sicure, come sempre, basta sapere a chi affidarsi. Il nostro consiglio rimane sempre quello di cogliere ogni possibilità che la vita offre, perché ogni esperienza è un tassello in più per il grande mosaico chiamato vita.

 

Articolo di Maria Cianciaruso della redazione di Informagiovani-italia.com

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

 

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

 

 

Torna su