VIAGGIARE CON I BAMBINI

Viaggiare con i bambini

 

Tutti sanno che viaggiare con i bambini è stancante, imprevedibile e sicuramente non offre la stessa libertà di cui si gode in compagnia di soli adultiOSTELLI in Europa. Anche i ritmi richiesti sono differenti: quindi, alla fin fine, perché intraprendere una tale impresa? Attraverso gli occhi dei propri figli, si ha la possibilità di vedere il mondo sotto una diversa prospettiva; luoghi già visiati vi appariranno differenti, tutti da riscoprire filtrati dallo sguardo curioso dei bambini, tutti da gustare con il sorriso dei vostri piccoli accanto. E ricordate non dovete Viaggio di Natale con i bambinirinunciare ai vostri interessi, a giuste dosi e con qualche piccolo accorgimento, i piccoli accompagnatori possono seguirvi ovunque, trotterellare contenti e stupirvi con domande assai interessanti. Quando poi si arriva alla destinazione della propria vacanza, ci si trova a immergersi nella cultura locale, anche grazie alle necessità giornaliere che un bambino presenta. Si fa shopping nei negozi di alimentari, panetterie, farmacie e non solo in quelli per turisti. Si arriva ad avere un maggior contatto con la gente del posto, in un modo difficile da praticare se si viaggia solo tra adulti. In generale poi, le persone amano i bambini. Questo porterà la gente del posto a essere più aperta nei vostri confronti poiché vi vedrà anche come famiglia e non solo come turisti. Sarà quindi anche più semplice acquisire conoscenze autentiche sulla zona che si è scelta come meta del proprio viaggio.

Viaggiare in Europa Viaggi Italia   Viaggiare in Italia

Viaggiare con i nonni Non preoccupatevi di cambiare routine ai vostri piccoli, in realtà i bambini amano uscire dal tram tram quotidiano e trovarsi in situazioni diverse. Vogliono imparare sempre qualcosa di nuovo, data la loro naturale curiosità. Viaggiare è un ottimo modo per esporli a nuove esperienze, immagini, suoni e odori. Con un piccolo sacrificio è quindi possibile portare a casa un bagaglio di esperienze che renderà la vostra e la loro vita di ogni giorno un po' più ricca. Ricordatevi poi che per i bambini in età scolare è molto più divertente imparare la storia direttamente “sul campo” piuttosto che leggerla sui libri. Visitare ad esempio musei interattivi o luoghi d'interesse storico può rendere il viaggio coinvolgente ed educativo, oltre a diventare un ricordo che aggiungerà informazioni a quanto appreso sui banchi di scuola. Sono molti i musei in Italia, e soprattutto all'estero, attrezzati per i piccoli, vedi ad esempio le Scuderie del Quirinale e il Museo Explora di Roma.

Se volete aggiungere commenti, articoli o quant'altro scrivete all'indirizzo info  @   informagiovani-italia.com (antispam: togliete gli spazi prima e dopo la chiocciolina)

Torna su