website
statistics
Zurbarán

Sei qui: Biografie >

Zurbarán - Biografie e opere di Francisco de Zurbarán

 

Francisco de Zurbarán (1598-1644), è stato un pittore spagnolo del periodo barocco, sconosciuto sopratutto per i suoi dipinti religiosi, tra i principali artisti del secolo d'oro spagnolo. La sua opera è caratterizzata dal naturalismo caravaggesco e dal tenebrismo, quest'ultimo fu uno stile in cui la maggior parte delle forme sono rappresentate in ombra, ma alcune sono drammaticamente illuminate.

 

Nacque a Fuentes de Cantos, nella provincia di Badajoz (Estremadura), e fu battezzato il 7 novembre 1598. Suo padre era un benestante negoziante di origine basca. Nel 1614 Zurbarán era a Siviglia, città dove trascorse la maggior parte della sua vita, apprendista di un mediocre pittore di immagini, Pedro Díaz de Villanueva. Non sono sopravvissute opere del suo maestro, ma il primo dipinto conosciuto di Zurbarán, un'Immacolata Concezione (1616), suggerisce che fu istruito nello stesso stile naturalistico del suo contemporaneo Diego Velázquez. Il giovane Francisco aprì una bottega a Llerena nel 1617, cittadina non troppo lontana dalla sua città natale dove stette fino al 1728, e sposò un'ereditiera più grande di lui, la quale morì dopo aver avuto tre figli. Nel 1623 contrasse un secondo matrimonio con una vedova.


Durante gli 11 anni trascorsi a Llerena, la religiosità di Zurbarán fu influenzata dal quietismo spagnolo, un movimento religioso che insegnava il ritiro interiore, la scoperta di Dio in un umile silenzio sottomesso e l'uso di esercizi penitenziali per sottomettere i sensi e calmare l'intelletto. Sebbene questa influenza abbia avuto un effetto profondo sulla sua arte, non limitò in alcun modo la sua attività artistica. I contratti di quel periodo erano così numerosi che era obbligato ad assegnarne molti ad alcuni assistenti. Inoltre, si recava a Siviglia (un viaggio di due giorni) per eseguire opere per i monasteri domenicani, trinitari, mercedariani e francescani.

Nel 1629 il Comune di Siviglia convinse Zurbarán a trasferire il suo laboratorio nella città andalusa. Arrivò con la moglie, i figli e otto servitori. L'anno seguente la corporazione dei pittori di San Luca gli ordinò di sottoporsi ad un esame; egli rifiutò, e il consiglio comunale lo appoggiò. I suoi mecenati continuarono ad essere per lo più monasteri: i Cappuccini, i Certosini e i Girolamiti furono aggiunti alla lista.

Nell'aprile del 1634 il grande pittore sivigliano Diego Velázquez, responsabile delle decorazioni del nuovo Palazzo Reale di Madrid, incaricò Zurbarán di eseguire per la Sala dei Reali due scene di battaglia, che dovevano appartenere a una serie che comprendeva la Resa di Breda di Velázquez e Dieci fatiche di Ercole. (Tutti i dipinti, tranne una scena di battaglia persa in un incendio, si trovano ora nel Museo del Prado). Zurbarán tornò a Siviglia in novembre con il titolo onorifico di Pittore del Re e il felice ricordo che Filippo IV lo aveva chiamato il re dei pittori.

Zurbarán era all'apice della creatività e della felicità nel 1639, quando sua moglie morì. La sua produzione artistica diminuì notevolmente e il suo stile divenne più grave. Si sposò per la terza volta, nel 1644, ma la sua stella artistica stava calando man mano che aumentava la popolarità del giovane Bartolomé Esteban Murillo. Non avendo sufficienti commissioni in patria, Zurbarán fu costretto a produrre la maggior parte delle sue opere per il Sud America, in particolare per Lima e Buenos Aires. Con altri quattro figli nati dal suo nuovo matrimonio, vendeva anche paesaggi fiamminghi e dipinti e pennelli al mercato sudamericano. Continuò a produrre soprattutto per il Sud America fino al 1658, quando decise di tentare di cambiare la sua fortuna a Madrid. La sua arte, però, lì era poco apprezzata, e morì povero il 27 agosto 1664.

 

Eredità artistica


L'arte di Zurbarán è un'anomalia che induce alcuni storici dell'arte a liquidarlo come di seconda categoria e altri a lodarlo senza freni. Ciò è causato apparentemente da una complessità di fattori. Tutto nasce, si suppone, dal paradosso di fondo che Zurbarán era essenzialmente un provinciale profondamente coinvolto nell'infinito. Questa dualità ha fatto sì che la sua arte fosse tesa con gli opposti: tecnica sofisticata e primitivismo ingenuo, esattezza precisa e dissomiglianza trascendente, realismo accurato e misticismo ineffabile, corporeità enfatica e immanenza divina. La sua rigorosa materialità è vibrata dalla quiete e dal silenzio, producendo un tremolo udibile all'orecchio dell'anima. I suoi santi non portano aureole, esalano misteriosamente il soffio della grazia divina. C'è una franchezza sfacciata in questo santo portamento che può sconcertare l'osservatore impreparato. Questa aureola è presente anche nelle sue nature morte.

Fondamentalmente e quasi esclusivamente, Zurbarán era un pittore di soggetti religiosi per sua libera scelta. Ha un vasto repertorio di tele monastiche. Delle sue opere esistenti, circa due terzi sono state dipinte negli anni Trenta del XVI secolo; l'altro terzo è diviso in parti uguali prima e dopo quel decennio.
 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

Torna su

 

 

Ostelli Siviglia   Ostelli Spagna   Hotel Siviglia  Hotel Spagna

Carte d'Espagne  Karte von Spanien     Mapa de España    Map of Spain

Carte de Séville   Karte von Sevilla  Mapa Sevilla   Map of Seville

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal