BUCAREST

VISITARE BUCAREST: INFORMAZIONI E PICCOLA GUIDA

 

Bucarest (Bucuresti in romeno), capitale della Romania, si trova tra le rive del Danubio e la parte sud dei monti Carpazi, e anche centro culturale ed economico del paese così come la sua città più popolosa. Scavi archeologici hanno rilevato tracce di insediamenti preistorici, alcuni di oltre 150.000 anni fa. La parola Bucarest appare, per la prima volta, nel 1459 quando viene rilevata in un documento di Vlad III detto "l'impalatore", Signore della Valacchia.

 

Bucarest RomaniaVlad III fece costruire la fortezza di Bucarest, prima di una lunga serie di fortificazioni, allo scopo di difendere la Valacchia dagli attacchi dei turchi. Verso la fine del sedicesimo secolo, Bucarest era la più grande città cristiana del Sud-est Europa. Nel 1640 un viaggiatore riportò in un suo diario di viaggio che la popolazione di Bucarest contava oltre 100.000 abitanti. Durante il dominio degli Ottomani Bucarest si sviluppò enormemente diventando il più importante centro economico della Valacchia. Nel 1659 venne eletta capitale della Valacchia. Nel diciottesimo secolo sul trono della Valacchia (così come in quello di Moldavia) si avvicendarono nobili ottomani di cultura greca detti Fanarioti (dal nome del quartiere di Costantinopoli abitato dall'aristocrazia ellenica).

Nel 1821 la rivolta contadina (prima manifestazione in Valacchia dei moti risorgimentali balcanici) capeggiata da Tudor Vladimirescu pose fine al governo dei Fanarioti. Nel gennaio del 1859, su suggerimento di Napoleone III, viene eletto sovrano di Valacchia Alexandru Ioan Cuza (già principe di Moldavia) ed inizia cosi l'unificazione del nuovo stato, la Romania, con capitale Bucarest (1861) Agli inizi del ventesimo secolo la città e illuminata da bulbi elettrici e da lampade a petrolio.

Nel 1904 i trasporti pubblici videro l'introduzione di macchine elettriche. Il numero degli abitanti di Bucarest, nel 1918 era di 382.853 ed arrivò a crescere fino a 870.000 nel 1939. Gli anni '30 videro un'importante crescita della città sia in campo economico che culturale tanto da meritarsi l'appellativo di "Piccola Parigi". Successivamente alla Seconda Guerra Mondiale, Bucarest è cresciuta molto dal punto di vista architettonico: un vasto progetto diede alla città una uniformità architettonica tutt'oggi distinguibile (nonostante un certo degrado).

Bucarest RomaniaLa nuova Bucarest e caratterizzata da numerose piazze dalle quali si irradiano strade e boulevards. Le due principali strade, che corrono parallele al centro della città, sono Bulevardul Balcescu e Bulevardul Unirii (chiamato, durante il periodo del regime comunista, " Boulevard della Vittoria del Socialismo") e sono state ampiamente allargate negli anni '80 sotto il dittatore Nicolae Ceausescu. Durante gli anni della dittatura di Ceausescu sono stati rasi al suolo 10.000 ettari circa di vecchie case e chiese dando spazio così ad ampi viali (boulevards) ed al secondo palazzo più grande del mondo (dopo il Pentagono) la casa del popolo (Palatul Poporului). Una delle più belle piazze di Bucarest è la piazza della Repubblica (con la chiesa Cretulescu del 1722)La città è abbellita da numerose chiese, insolitamente piccole e in stile bizantino. Notevoli sono le chiese: Curtea Veche, monastero Antim (1715), Stavropoleos (1724) e Spiridon (1747).

 

IL REGIME COMUNISTA

Successivamente all'accordo stipulato, nell'autunno del 1944 a Mosca, tra W. Churchill e I.V. Stalin, la Romania fu "consegnata", politicamente parlando, alla Russia da cui ne conseguì l'inizio del sistema di governo comunista. I comunisti iniziarono gradualmente la loro scalata al potere con l'aiuto ed il sostegno di Mosca. Il primo governo di ideologia comunista fu capeggiato da Petru Groza. Nel mese di giugno del 1946 fu eseguita la condanna a morte del Maresciallo Ion Antonescu. Il 30 dicembre 1947 il re Michele I di Romania fu costretto ad abdicare mentre le forze democratiche di opposizione vennero brutalmente liquidate. L'influenza sovietica fu completata dopo il 1948 con la nazionalizzazione e collettivizzazione. Industrie, miniere banche e trasporti, vennero inglobati da un piano economico. Nel 1951 iniziò il primo piano quinquennale per lo sviluppo dell'industria e dell'agricoltura.

 

CeausescuNegli anni '60, sotto la leadership di Gheorghe Gheorghiu-Dej e del suo successore, Nicolae Ceausescu, il partito comunista della Romania inizio ad organizzare un politica estera indipendente dall'influenza sovietica. Tale politica, autonoma da Mosca, portò ad una rapida crescita dell'industria pesante provocando il mutamento della società, da agricola a industrializzata. Durante gli anni '70 Ceausescu tento di modernizzare l'economia rumena prendendo a prestito ingenti somme di danaro dagli istituti di credito occidentali. A causa di questo grandioso progetto di modernizzazione, il popolo rumeno fu sottoposto ad un programma economico austero in quanto Ceausescu aveva deciso di estinguere tale ingente debito pubblico in un breve tempo. Lo standard di vita della popolazione divenne ebbe un peggioramento negli anni '80 a causa delle ingenti esportazioni di derrate alimentari e di prodotti petroliferi verso l'occidente. Il regime comunista aveva costituito una rete di controllo totale per mezzo della securitate (la polizia segreta) generando, di fatto, uno stato di polizia. Dopo 25 anni di potere, la famiglia Ceausescu aveva ridotto la Romania in uno stato di degrado pressoché totale avallando la menzogna, la corruzione, il terrore, le ripetute violazioni dei diritti umani e provocando l'isolamento dal mondo occidentale. Con la caduta del muro di Berlino nel 1989 anche la Romania volle scrollarsi di dosso un potere, quello dei Ceausescu, che per troppo tempo aveva tollerato: nel dicembre del 1989, scoppio la rivoluzione (colpo di Stato). Il 25 dicembre 1989 Nicolae e Elena Ceausescu vennero condannati a morte da un tribunale militare e fucilati lo stesso giorno.

 

RIVOLUZIONE DICEMBRE 1989

Dicembre 14-15

I venti rivoluzionari soffiano da Timisoara quando un prete riformato ungherese, Laszlo Tokés, si oppose, all'ordine delle autorità, di andare via dalla parrocchia. Un cordone umano di centinaia di parrocchiani difese la casa di Tokés dall'assalto della Securitate (polizia segreta di Ceausescu). Diverse centinaia di protestanti furono uccisi dalle forze anti sommossa scuriste.

Dicembre 19-22

Lo spirito rivoluzionario giunge a Bucarest, durante un discorso di Ceaucescu davanti a 100.000 lavoratori, la televisione rumena è costretta ad interrompere la trasmissione a causa dei fischi e delle urla di protesta contro il "Conducador".

Dicembre 22

Nicolae e Elena Ceausescu cercano di fuggire con l'elicottero ma vengono fermati ed arrestati a Targoviste.

Dicembre 25

Il giorno di Natale la coppia viene condannata a morte da un tribunale militare e fucilata. I dati ufficiali parlano di 689 morti, uomini e donne caduti per la rivoluzione.

Dicembre 26

Il Fronte di Salvezza Nazionale (NFS) capeggiato da Ion Iliescu nomina Petre Roman primo ministro. La maggior parte dei comunisti conserva il proprio posto nel nuovo governo.

Leggi anche:    Low cost e turismo in Romania

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

Dove si trova?

 

Torna su

 

Ostelli Bucarest  Ostelli Romania  Hotel a Bucarest

Carte de la Roumanie      Karte von Rumänien      Mapa Rumania  Map of Romania

Carte de Bucharest     Karte von Bucharest     Mapa Bucarest     Map of Bucharest