COLLIOURE

Ann.

VISITARE COLLIOURE: INFORMAZIONI E PICCOLA GUIDA

 

Dopo un bel po' di strade che salgono lentamente da Thuir, con curve scenografiche sul massiccio del Canigou a 35 km da Perpignan, si arriva a Castelnou, un paese di pietra che sembra aggrappato ai fianchi del suo castello. Dal 1984 è uno dei villaggi più belli di Francia (Les Plus Beaux Villages de France). Pochi anni fa è stato decretato il settimo villaggio preferito dai francesi in un noto concorso di una trasmissione televisiva nazionale (Stéphane's show).

Ann.

 

CastelnouQui la storia fornisce la sua forza naturale e la fantasia fa il resto. L'accesso al paese è segnato da due imponenti torri che proteggevano gli abitanti dal nemico. Aggrappato alle rocce, perso in mezzo a querce, cisti e corbezzoli, Castelnou ha un grande fascino. E' impossibile rimanere indifferenti alla sua silhouette. Alcuni parigini, alla ricerca di un luogo lontano dalla frenesia della grande metropoli, sono venuti a vivere qui, senza rimpianti.

 

CastelnouCastelnou riceve 500.000 visitatori all'anno. Pochi negozi, nessuna bancarella insolita, non un solo albergo all'orizzonte, ma diversi spazi in affitto dalla gente del posto, senza prezzi eccessivi. Un villaggio che deve la sua sopravvivenza al XX secolo e alla volontà di una manciata di uomini e donne decise a non lasciarlo cadere in rovina.


I dolmen del Serrat d'en Geli, non lontano da qui, solo prova che l'uomo è arrivato da queste parti molto tempo fa. Fondato nel X secolo, capitale della contea di Vallespir per tre secoli, Castelnou ha comandato a lungo sui territori limitrofi. Dall'alto del suo castello, menzionato per la prima volta nel 993, regna la famiglia de Castelnou, protetta dal Regno di Maiorca. Di assedio in assedio in assedio, il paese si rafforzò e si dotò di bastioni, porte, torri e una chiesa ancora oggi visibile. Minato dalla storia, passando di mano in mano, testimone delle guerre tra i re di Maiorca e Aragona e poi tra il signore di Castelnou e il governatore del Rossiglione, il paese ha attraversato i secoli dall'alto dei suoi 300 m di altitudine. Negli anni '50, le sue strade erano ancora di argilla. Ad ogni tempesta, era necessario risalire la terra e gli abitanti la abbandonano lentamente ma inesorabilmente. Solo all'inizio degli anni '60 ha ritrovato un po' della sua voglia di vivere.


Hostal CastelnouTutto inizia con l'apertura dell'Hostal, un posto dove si trova una bella terrazza panoramica sulla valle e dove ci siamo fermati a fare uno spuntino a base di Tapas. Con questo ristorante aperto ormai più di 50 anni fa e l'aiuto di qualche politico illuminato, arriva l'acqua corrente. Quindi arrivano gli artisti, che richiamano altri artisti. Qualcuno forse può storcere il naso a una storia del genere. I soliti artisti nei soliti posti bellissimi. Sembra facile, ma non è così. Ci vuole coraggio, qualcuno che abbia una iniziativa e cambi un destino di rovina che sembra segnato, anche in un angolo di paradiso.

 

CastelnouUno di questi era Roger Pons, un parigino con molteplici talenti artistici e un raffinato buongustaio, che arrivò qui quando tutto era ancora da ricostruire e fare rivivere. Era in contatto con le stelle francesi dell'epoca, tra cui Charles Aznavour, che andavano in tour nei loro spettacoli sulla costa. Finiti gli spettacoli, tanta di questa "bella gente" arrivava a Castelnou e, con l'aiuto di Roger Pons passava una vacanza memorabile.


CastelnouOggi tutto questo è cambiato è ci sono meno "vip", le strade strette sono lastricate, le linee elettriche sepolte e le case attraggono le anime in cerca di autenticità. Artisti, artigiani e famiglie benestanti guardano da vicino questo piccolo villaggio catalano. Alcuni nomi sono passati alla storia. Tra questi, Camille Descossy, pittrice nata a Céret nel 1904, il cui allievo era Soulage e la cui tela del Cristo nudo - che ha fatto scandalo durante la sua realizzazione - è appesa alle pareti della chiesa.


CastelnouA poco a poco, il villaggio si sta ripopolando. Va detto che la bellezza di Castelnou non può lasciare indifferente nessuno. Place de l'Ecole all'ombra dei gelsi o Rue du Milieu o Rue du Bas, i due assi principali, il villaggio è pieno di scorci bellissimi. Ovunque, una moltitudine di dettagli ricorda le tradizioni e le condizioni di vita. Oggi il fatto che sia un villaggio protetto di Francia, fa si che se ne rispetti la storia e lo stile. Vincoli severi anche per quel che riguarda le ristrutturazioni e i materiali da usare, ma che hanno avuto il merito di aver mantenuto il villaggio nel suo stato originale, conferendogli al contempo una deliziosa patina. Una patina che ha un prezzo. Qui gli immobili in vendita sono pochi e sono carissimi.


CastelnouOggi, se il comune che raggruppa quattro entità ha 376 abitanti, il borgo medievale conta circa quaranta persone. Se per alcuni è stata la bellezza dei paesaggi a far scattare la scintilla, per altri è il lato artistico dei luoghi a far volere venire a vivere da queste parti. Castelnou ha sempre attirato gli artigiani. Oggi, tredici di loro vendono la loro produzione, che si tratti di creazioni in filo metallico, carta da giornale, terra, uova d'oca o di struzzo, cuoio, vetro o miele. Per non parlare di ristoranti, bar, piccoli negozi di alimentari, pensioni. E' un equilibrio fragile, ma consapevole.

 

Gli abitanti del posto dicono che ci vuole un carattere speciale per venire a vivere qui. In inverno il silenzio prevale e il villaggio non vede il sole per due mesi.  Tutti conoscono tutti e non si può uscire di casa senza essere individuati, ma c'è un'ovvia solitudine. A volte i turisti non esitano ad entrare nelle case come se Castelnou fosse un museo o un parco di attrazioni.

Il Castello di Castelnou

 

CastelnouAbitata dal 990, questa fortezza ha visto sfilare, fino a pochi mesi fa, un numero incredibile di proprietari. Il visconte di Vallespir regnava su questo pentagono sul ripido sentiero della roccia, per poi dare il suo posto al signore di Castelnou. Durante la Rivoluzione Francese, il comune lo acquisì. Nel 1875, venne acquistato dal conte di Satge, residente in Inghilterra. Dopo essere stata una base militare, venne reso abitabile e confortevole dotata di un pavimento e diventa nuovamente abitabile. Quindi venne acquisito dal figlio di un regista francese.

 

Passò nelle mani di Charles-Emmanuel Brousse, che andò a vivere lì  moglie, una donna americana, che durante la guerra faceva la spia per conto dei suoi compatrioti, la sua missione era quella di ottenere informazioni da Charles Brousse, allora capitano petenista, legato all'Ambasciata di Francia negli Stati Uniti. Dopo la guerra, la coppia si trasferì a Castelnou, vivendo in isolamento. Lui, sembra che fosse sempre circondato dai suoi tre dobermann. Morì tra le fiamme della sua coperta riscaldata. Prima di morire propose al suo autista di rilevare il castello alla sua morte, e così avvenne. Il sig. Maso, così si chiamava, trasformò il castello in uno spazio espositivo. Poi ci fu un incendio, il castello venne in parte danneggiato e anche il Sig. Maso, vendette l'edificio nel 1983 alla banca Crédit Agricole che lo ha riaperto al pubblico facendo registrare oltre 50.000 visitatori all'anno, rendendolo il terzo sito a pagamento più popolare nel dipartimento. Dal 2017, gli eccessivi costi di manutenzione e del necessario lavoro di messa in sicurezza ha portato la banca a cercare un acquirente con la volontà di investire dai 3 ai 4 milioni di posti di lavoro stimati. Dopo varie peripezie il castello è stato acquisito dalla regione dei Pirenei Orientali al prezzo simbolico di un euro che lo riaprirà al pubblico, si pensa nel 2020.
 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

 

Dove si trova?

 

Torna su

Ostelli Castelnou   Ostelli Francia  Hotel Castelnou

Carte de Castelnou Karte von Castelnou    Mapa Castelnou    Map of Castelnou

Carte de France  Karte von Frankreich      Mapa Francia     Map of France

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal