Come aprire una ditta individuale

Sei qui : Mettersi in Proprio > Idee imprenditoriali >

Come aprire una ditta individuale

 

Rispetto a prima, oggi è più facile aprire una ditta individuale, senza troppi vincoli burocratici e in pochi passaggi. Come si fa a sapere se questa forma di impresa è adatta a voi? Bisogna conoscere e leggere molto bene gli adempimenti e tutti i costi che si andranno ad affrontare, a partire dalle tasse. Oggi è possibile aderire a un regime forfettario particolarmente vantaggioso con la possibilità prevista per legge di assolvere a tutti gli adempimenti come apertura, codice Ateco etc, attraverso una Comunicazione Unica

Ma innanzi tutto che cos'è una ditta individuale?

La ditta o impresa individuale è la fattispecie di forma giuridica più semplice e anche meno onerosa per lo svolgimento di un'attività a scopo di lucro. Questo perché non vengono richiesti, ai fini della costituzione, particolari adempimenti o il conferimento di quote o azioni in una quantità minima iniziale come è previsto dalle S.r.l in poi. L'imprenditore individuale che produce o vende beni o servizi (che svolge cioè un’attività commerciale) è colui che gestisce tutto il processo imprenditoriale e su cui ricade integralmente il rischio di impresa (cioè in caso di insolvenza risponde a clienti e fornitori personalmente con tutti i suoi beni).

Che differenza c'è tra ditta individuale, partita IVA e società?

Capita che si possano confondere le ditte individuali e le partire IVA. Le ditte individuali devono essere aperte obbligatoriamente in caso di svolgimento di qualsiasi attività economica. Viceversa l'apertura di una ditta individuale è prevista solo per le attività commerciali. Non sono per esempio attività commerciali attività di consulenza o di servizi professionali come può essere il caso di un programmatore. In questo tipo di casi baserà aprire una partita IVA e in caso sia previsto, iscriversi all'albo professionale.

Un'ulteriore differenza sostanziale esiste tra ditta individuale e una società (S.r.l o S.p.A). Nel caso di una società, l'attività commerciale non è più svolta da una persona fisica ma da una persona giuridica a cui si affiancano in genere da uno a più soci. In questo caso la società si presenta sul mercato con una propria denominazione e rispondendo dei propri debiti solo attraverso il proprio patrimonio e i soci non sono responsabili dei debiti societari (rischiano solo il capitale che hanno investito).

Come aprire un'impresa individuale?

Se state per cominciare una vostra attività commerciale, il primo passo è quindi quello di aprire una partita IVA come ditta individuale. In questo caso basterà andare all'Agenzia delle Entrate, compilare i moduli che vi saranno consegnati e il tutto può avere inizio. Il consiglio è come sempre, prima di prendere una decisione quello di informarvi bene sulle varie tipologie di attività economica prima (anche con l'aiuto di un consulente) prima di prendere una decisione.

Una volta aperta la partita IVA, dovrete iscrivervi al registro delle imprese nella città dove ha sede la vostra attività. L'iscrizione, da diritto al titolare di scegliere il nome dell'impresa.

Adesso avete iniziato l'attività, ma ci sono ancora un paio di passaggi da fare che, se siete veloci e non ci sono molte persone negli uffici, potete risolvere in poco tempo. Dovete recarvi all'INPS è aprire una posizione per i contributi pensionistici e all'INAIL per le coperture degli infortuni sul lavoro. Per alcune tipologie di attività, bisogna inoltre presentare le autorizzazioni necessarie. Per esempio, se volete aprire un negozio dovrete presentare la segnalazione inizio attività, o SCIA (leggere l'approfondimento seguendo il link); se volete aprire un bar o un ristorante dovrete ottenere tutte le certificazioni del caso, come  l’HACCP (acronimo dall'inglese Hazard Analysis and Critical Control Points), un insieme di procedure, mirate a garantire la salubrità degli alimenti.

 

Per fortuna oggi alcuni o quasi tutti questi adempimenti per aprire una ditta individuale si possono fare con la Comunicazione Unica. In una sola volta, con un'unica comunicazione online, è possibile allo stesso tempo, aprire la partita IVA, iscriversi al registro delle imprese, all’INPS, all’INAIL e presentare la SCIA, se richiesta. In pratica grazie alla tecnologia si evita di riempire tutti quei dai uguali per ogni adempimento, come nome, cognome, residenza etc etc.


Quindi, una volta effettuata l’iscrizione, alla "Nuova" Impresa individuale, sarà assegnato un Codice Fiscale identificativo ed univoco, un codice indispensabile per il proseguimento dell’iter della Costituzione dell'Impresa sotto il regime dei Superminimi (al 5 o al 15%) e fondamentale per verificare se l’attività potrà essere soggetta alla denuncia d’inizio attività o anche alle varie abilitazioni, autorizzazioni, concessioni e licenze.

 

Che documenti servono al momento della Comunicazione Unica?

 

Per procedere con la Comunicazione Unica bisogna preparare quanto segue;

Pratica Registro Imprese mediante FedraPlus. Cos'è FedraPlus? E' un software gratuito di InfoCamere (società consortile di informatica delle Camere di Commercio italiane) rivolto a tutti gli utenti delle Camere di Commercio, che consente di preparare in modo rapido e semplice le domande di iscrizione, modifica e cancellazione da presentare al Registro Imprese.

Pratica all’Agenzia delle Entrate con FedraPlus oppure con il software Agenzia delle Entrate;

Firma Digitale;

Casella di Posta Certificata, Pec.

Quanto costa aprire una ditta individuale?


I costi per aprire una ditta individuale variano a seconda dell'attività che si andrà a svolgere. Non si tratta di un grosso investimento da sostenere e in genere, tra costi di registrazione della ditta individuale e l'iscrizione a INPS e INAIL non si va oltre i € 200. Se ci si deve iscrivere alla camera di commercio, i costi di iscrizione variano da città a città. In più dovete tenere in conto, se ne avete necessità, dei costi per autorizzazioni e certificati vari, come la già citata SCIA. Infine, se volete avere il sostegno di un consulente, come ad esempio un commercialista, dovete mettere in conto anche il suo onorario. Per chi apre la ditta individuale tramite una camera di commercio, l'unico costo per Comunicazione Unica da sostenere sono i diritti di segreteria e l'imposta di bollo.

 

Quante tasse paga una ditta individuale?


In questi ultimi anni, dare vita al proprio sogno imprenditoriale è particolarmente conveniente dal punto di vista delle tasse. E' possibile approfittare della tassa piatte per le partite IVA (la Flat Tax), e pagare solo il 5% per i primi 5 anni di attività e di 15% per gli anni successivi per chi ha redditi non superiori ai € 65.000 (rispettando i requisiti di idoneità al regime forfettario). Il regime forfettario prevedere inoltre delle importanti semplificazioni contabili (che le altre ditte fuori da questo regime si sognano la notte) con il conseguente minore costo di gestione (come le spese per il commercialista che con meno adempimenti risulta meno costoso).

 

Ci sono aspetti negativi di aprire una ditta individuale?

 

Come abbiamo detto, ci sono molti aspetti positivi legati all'aprire una ditta individuale, come la velocità, la facilità di aprirla, il costo contenuto e i bassi costi iniziali e di gestione. Tuttavia come abbiamo accennato c'è il lato negativo dato dal fatto che non c'è una separazione tra il patrimonio personale dell'imprenditore e quello aziendale. Cosa può succedere in questo caso? Se l'imprenditore fa dei debiti e non può più ripagarli, i creditori possono rifarsi sui suoi beni personali.

 

Vedere anche:

 

Come aprire una Partita IVA

Cosa è una S.r.l.s e come si apre?

Cos'è il codice Ateco?


Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 


Torna su

 

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal