Cosa vedere a Bayeux

Cosa vedere a Bayeux - Cosa visitare a Bayeux

 

Bayeux è una delle località più belle e conosciute della Normandia, dipartimento del Calvados e non solo per il suo famoso arazzo medievale che sopravvive da quasi mille anni e descrive le gesta di Guglielmo il Conquistatore nel suo approdo in Inghilterra. Situata a circa 20 minuti dal mare e dalla costa francese del Canale della Manica, e bagnata dal fiume Aure, si presenta con un centro storico ricco di architettura medievale, tra cui tipiche case a graticcio, palazzi nobiliari e viuzze acciottolate.

La storia in città la fa da padrona e le testimonianze restano intatte ancora oggi: da antica capitale dei Bajocasses, popolo della Gallia, alle invasioni romane e vichinghe, dalla Rivoluzione francese all'occupazione tedesca, alla liberazione. Bayeux fu la prima città francese ad essere liberata a seguito dello Sbarco in Normandia ed è uno dei pochi luoghi in Calvados sopravvissuti praticamente indenni ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. La visita si concentra nei circa sette chilometri quadrati di territorio urbano, abitato da quasi 14mila persone e visitato da una miriade di turisti, e i suoi dintorni, non meno interessanti.

Bayeux si raggiunge bene da Parigi (da cui dista 264 km) e da altre città della Normandia, di passaggio per visitare le attrazioni normanne e bretoni più conosciute, come Mont Saint Michel (a 120 km di distanza) o il capoluogo Rouen (a 156 km).

Di seguito una lista di attrazioni da non perdere di vedere a Bayeux:

Centro storico di Bayeux

Miracolosamente risparmiata dalla distruzione dei bombardamenti della Seconda guerra mondiale, Bayeux conserva intatto tutto il suo fascino medievale. Il centro storico è molto antico e può essere visitato a piedi in pochissimo tempo, in un susseguirsi di case a graticcio, antiche case di pietra, chiese gotiche, di cui la grande Cattedrale di Bayeux, piccoli canali, un ponticello con vista sul mulino di rue Saint-Martin, il Crocquevieille). La città di per se vanta un ricco patrimonio architettonico. Il "centro" dista dieci minuti a piedi dalla stazione ferroviaria e ci si accede dalla strada principale che sembrava cambiare nome più volte man mano che si procede. Le strade sono strette e irregolari e spesso fatte di ciottoli o simili, quindi si consigliano calzature comode. Sulla riva orientale dell'Aure, la Rue Saint-Jean è una piacevole strada pedonale molto lunga e ricca di ristorantini, negozi, bistrot e ateliers, per non perdere il meglio dello shopping a Bayeux. All'angolo troviamo la Rue Larcher, che continuando la serie di caffetterie e negozi, conduce a Rue Le Forestier, sede della Cattedrale, la cui facciata principale è sita in Rue de la Maîtrise. Da non perdere qui il Centro che ospita il famoso arazzo di Bayeux. Un breve tragitto in auto o in bicicletta è sufficiente per chi cerca di arrivare al mare o per visitare le storiche spiagge dello sbarco in Normandia, D-Day, a pochi chilometri di distanza.

Strade ed edifici storici di Bayeux

La maggior parte del centro di Bayeux è noto per aver preservato le atmosfere medievali di un tempo. Arrivando da Rue des Teinturiers, si fa una passeggiata lungo le rive del fiume Aure, per una splendida vista sul mulino alimentato dalle acque, il piccolo ponte ad arco, il vecchio mercato del pesce e sulle torri della cattedrale di Bayeux. Le rue de la Maîtrise, rue des Chanoines, rue Bourbesneur, la Place au Bois, la Place aux Pommes, rue Franche, e poi ancora rue Laitière, rue Saint Patrice, rue Saint Malo, rue Saint Martin, rue Saint Jean, rue Quincangrogne... sono tutte ancorate in un passato capace da solo a rendere quella località della Normandia tra le più apprezzate della Francia. Rue des Cuisiniers in particolare è così chiamata a ricordo dei mestieri – cuochi e torrefattori – che un tempo si svolgeva a ridosso dei suoi edifici, ed effettivamente viene indicata come la più tipica delle strade di Bayeux. Al civico numero 3 si ammira un edificio del XVI secolo (classificato come monumento storico francese nel 1941) costruito con la tecnica a graticcio, molto apprezzabile come esempio di case antiche normanne. Non lontano dalla cattedrale e nello stesso quartiere, sopravvivono altre case antiche. Ci sono anche altre vie che ricordano i mestieri un tempo praticati, come la rue de la Poterie (ceramica) e la rue des Bouchers (i macellai). Sono nel complesso numerosi i palazzi privati edificati tra il XV ed il XVIII secolo, tra questi di citano il palazzo d'Argouges, il palazzo de Rubery, il palazzo Saint-Manvieux, la casa Cadran, il palazzo du Doyen, sede del museo d'arte e storia della città. Rue Saint-Martin è una strada del centro, zona pedonale e si apprezza per l'edificio al numero 53, l'Hôtel du Croissant, che risale al XV e al XVII secolo. Rue des Teinturiers, anch'essa pedonale, ospita invece una casa in pietra e due deliziose case a graticcio una di fronte all'altra.

Arazzo di Bayeux (Tapisserie de Bayeux)

Il sorprendente arazzo di Bayeux, antico di oltre 900 anni, lungo quasi 70 metri e sito UNESCO, racconta le cronache della Conquista normanna in Inghilterra, con Guglielmo il Bastardo, duca di Normandia, nel suo divenire Guglielmo il Conquistatore e quindi re d'Inghilterra, e Aroldo II d'Inghilterra, secondo re anglosassone in Inghilterra. Il valore documentario storico è inestimabile. Consiste di nove pezze di lino unite e ricamate con filo di lana di tinte naturali ed ha origine nel XI secolo. Nello specifico raffigura la preparazione dell'invasione dell'Inghilterra e la vittoria sugli anglosassoni nella Battaglia di Hastings nell'anno 1066. L'arazzo in realtà non è stato realizzato a Bayeux, ma … continua a leggere L'Arazzo di Bayeux.

Cattedrale di Bayeux

(Cathédrale Notre-Dame de Bayeux)

La cattedrale di Bayeux è una spettacolare struttura gotico-normanna alta 77 metri, di credo cattolico e monumento nazionale francese. É sede vescovile di Bayeux e Lisieux. Originariamente costruita secondo in canoni dell'architettura normanno-romanica, ha conservato originariamente la cripta (sotto le scale sul lato nord del coro), gli archi della navata e le parti inferiori delle torri d'ingresso. Il resto risale al XIII secolo, mentre la torre centrale fu aggiunta nel XV secolo e la cupola in rame, 'le Bonnet', nel 1860. È anche conosciuta per aver custodito per lunghi secoli l'Arazzo di Bayeux ed è stata consacrata dall'arcivescovo di Rouen il 14 luglio 1077 alla presenza di Guglielmo il Conquistatore, duca di Normandia e re d'Inghilterra. Fu probabilmente qui che il duca Guglielmo costrinse Aroldo d'Inghilterra a prestare giuramento, la cui rottura portò alla conquista normanna dei territori inglesi.... continua a leggere Cattedrale di Bayeux

Chiesa di San Patrizio di Bayeux

(Eglise de Saint-Patrice)

Dedicata a San Patrizio vescovo di Bayeux, vissuto nel V secolo, e situata all'angolo tra Rue Montfiquet e rue d'Éterville, la chiesa di Saint Patrice di bayeux è per la sua qualità acustica molto apprezzata dagli amanti della musica da camera e corale. Originaria del V secolo e ricostruita nel XII, è oggi parte della lista dei monumenti storici della Francia. La prima chiesa romanica era circondata da un cimitero alberato, come risulta attestato dalle cronache della vita di San Goffredo, della vicina Abbazia di Savigny (fondata nel XII da San Vitale). Durante la guerra dei Cento anni l'edificio risultava lungo 40 metri e alto 9 metri. Nel 1746 avvenne la trasformazione architettonica e la costruzione della navata in stile neogotico. Nel 1747 vi fu la ricostruzione del coro in stile classico. Il 9 maggio 1774 Padre Outhier venne sepolto nella cappella dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine (transetto sud dell'attuale chiesa), mentre nel secolo dopo, nel 1855, vennero inserite nel coro le vetrate di Frédéric Langlois e le quattro statue dei vescovi di un artista italiano, La Foglia. L'esterno vede il campanile in architettura rinascimentale, costruito sul fianco meridionale della chiesa. All'interno, la navata fu ricostruita nel XIX secolo. Nel transetto, a nord, troviamo la statua di san Patrizio di Bernard Geoffre. A sud, la cappella della Beata Vergine fu eretta dalla confraternita dell'Immacolata Concezione. Si apprezzano anche gli stucchi del coro e il baldacchino. Nel battistero c'è una bella fontana in marmo del XVII secolo. Le vetrate sono particolarmente belle, si ammirano le cinque del lato nord, che includono diversi dipinti, le vetrate della facciata ovest, sopra la tribuna, e le quattro del lato sud, che hanno per soggetto la vita del santo.

Informazioni

18 Rue d'Eterville

14400 Bayeux, Normandia, Francia

Museo d'arte e storia Baron Gérard di Bayeux (MABH)

Il Museo Baron Gérard è situato nel Palazzo Vescovile, il Palais du Doyen, di per se un monumento storico classificato, ed è il principale museo storico di Bayeux (racconta la storia di Bayeux dalla preistoria ai giorni nostri). L visita si concentra in un viaggio attraverso la storia dell'arte europea, mettendo in mostra opere d'arte e una notevole collezione di porcellane e merletti storici. Tra le opere d'arte troviamo per lo più pezzi del XVIII e XIX secolo, tra cui opere di Boudin, Corot, Caillebotte, Philippe de Champaigne, Van Dongen e molti altri. Espone inoltre 800 pezzi di collezione archeologica ed etnografica, oltre a 800 pezzi di porcellana e centinaia di merletti originari.

Indirizzo

37 rue du Bienvenu

14400 Bayeux, Normandia, Francia

Museo della Tapisserie di Bayeux / Centre Guillaume Le Conquérant

Il centro porta il nome di Guglielmo il Conquistatore (così chiamato dalla conquista normanna dell'Inghilterra nel 1066) e ospita il prezioso arazzo di Bayeux (il 'tapisserie), un pezzo unico al mondo, realizzato con ricami del XI secolo e che racconta come un fumetto la storia della conquista di quei territori oltremanica (vedi sopra per maggiori informazioni). L'arazzo è iscritto nel registro dell'UNESCO, come documento protetto e recensito come documento universale. Il grande edificio che lo ospita fu sede di un seminario ed ha origine nel 1693, edificato dietro la guida del vescovo François de Nesmond.

Indirizzo

Centre Guillaume Le Conquérant

13 bis rue de Nesmond

14400 Bayeux, Normandia, Francia

Museo memoriale della battaglia di Normandia

Bayeux è stata la prima grande città liberata dai tedeschi a seguito dello sbarco in Normandia ed è il luogo in cui De Gaulle, poco tempo dopo, scelse di pronunciare il discorso che dava il via al fondamento della Cinquième République (la V Repubblica francese). Non poteva non mancare un museo proprio in questo luogo, Musée Mémorial de la Bataille de Normandie in francese, dedicato alla storia dello sbarco e all'avanzata delle truppe alleate in Francia nel 1944. Con 2.300 m² di spazio espositivo, il museo ripercorre il corso dei 77 giorni di combattimenti della Battaglia di Normandia, dal 7 giugno al 29 agosto 1944 ed é situato lungo il viale Fabian Ware, una circonvallazione costruita dal Corpo britannico degli ingegneri reali nel giugno 1944, proprio nel punto che serviva per facilitare il movimento di attrezzature militari nelle vecchie strade medievali della città. Nelle immediate vicinanze del museo si trova il cimitero militare britannico.

Indirizzo

Boulevard Fabian Ware,

14400 Bayeux, Normandia, Francia

Spiagge dello sbarco di Normandia D-Day

A circa 20 km da Bayeux e nel nel tratto di costa normanna che va da Honfleur alla penisola di Cherbourg, troviamo le famose cinque spiagge dello sbarco in Normandia, le spiagge del D-Day come vengono anche chiamate. Sono Utah, Omaha beach, Gold, Juno e Sword beach, cinque nomi in codice entrati nella storia, cinque obiettivi per la vittoria. Le spiagge hanno dei nomi in codice, ma non corrispondono alla esatta località: la Omaha beach non si trova nella località Omaha bensì tra Colleville-sur-Mer e Vierville-sur-Mer. Spiagge che si riempirono di 150mila soldati alleati sbarcati lungo la costa normanna. Inizialmente prevista per il 5 giugno, l'operazione Nettuno fu ritardata fino al giorno seguente a causa delle avverse condizioni meteorologiche. All’alba del 6 giugno 1944 ebbe inizio la più grande offensiva militare della storia, nome in codice Operation Overlord (D-Day). Vi parteciparono migliaia di soldati inglesi, americani e canadesi. L'obiettivo era quello di iniziare la liberazione dell’Europa dalla Germania nazista. Lo scontro iniziò nelle spiagge della Normandia, per poi protrarsi nell’interno del territorio francese. Indicativamente troviamo le spiagge accanto alle località così: Sword (Courseulles-sur-Mer); Juno (Saint-Aubin-sur-Mer e Courseulles-sur-Mer), Gold (Le Hamel e Ver-sur-Mer); Omaha beach (Sainte-Honorine-des-Pertes e Vierville-sur-Mer); Utah (Pouppeville - Sainte-Martin-de-Varreville). Nel mare antistante Arromanches, 23 km circa a nord-est di Bayeux, sono ancora presenti i resti dei ponti mobili costruiti per rendere più agevoli le operazioni di sbarco, qui a sede il porto artificiale, di cui si possono ancora vedere le vestigia ad alcune centinaia di metri, e il Museo dello Sbarco (Musée du Débarquement di Arromanches).

Memoriale e Cimitero di guerra di Bayeux 

L'offensiva alleata nell'Europa nord-occidentale iniziò con gli sbarchi in Normandia del 6 giugno 1944. Il presente memoriale, progettato da PD Hepworth e presentato dal duca di Gloucester il 5 giugno 1955, si trova di fronte al cimitero di guerra e porta i nomi di oltre 1.800 uomini delle forze di terra del Commonwealth che morirono nelle prime fasi della campagna e che morirono durante gli sbarchi in Normandia, gli intensi combattimenti e durante l'avanzata sulla Senna ad agosto. Ci furono pochi scontri reali a Bayeux sebbene fosse la prima città francese di importanza ad essere liberata. Nel lato opposto, il Cimitero di guerra è il più grande cimitero dei paesi del Commonwealth della Seconda guerra mondiale in Francia e custodisce 4.144 sepolture appartenenti alle vittime arrivate dai distretti circostanti e dagli ospedali che si trovavano nelle vicinanze. 338 di queste non sono state identificate. Il cimitero ospita anche 505 tombe di guerra di altre nazionalità, la maggioranza tedesca.

Dintorni di Bayeux

Nei dintorni troviamo il Museo della miniera di Bayeux, presso il Moulin de Marcy, che raccoglie le testimonianze dell'unica miniera di carbone aperta in Normandia e chiusa nel 1949. Poco oltre troviamo il Castello di Balleroy costruito dall'architetto Francois mansart che fu giardiniere di Andre le Nôtre e decorato da Pierre Mignard (acquistato da un magnate americano, divenne negli anni '70 del secolo scorso Museo delle Mongolfiere). Ci sono poi il Castello di Audrieu e il Castello di Condé-sur-Seulles, del XVIII secolo, il Castello di Colombière, di epoca medievale, il Castello di Fontaine-Henry (riconoscibile dai caratteristici tetti), il Castello di Vaulaville, il Castello di Brécy e i suoi splendidi giardini. A circa 10 km a sud-ovest di Bayeux troviamo inoltre l'Abbazia di Saint-Martin de Mondaye, che troviamo nella campagna normanna, su una bassa collina chiamata , alimentata dalle fonti di un acquedotto che sin dal medioevo portava le acque alle antiche terme gallo-romane di Bayeux e i cui resti sono stati rinvenuti nel 1870. A metà del XII secolo, un sacerdote di nome Turstin si ritirò per vivere come eremita su questa collina, allora chiamata Mondée. Il vescovo del posto, ansioso di fondare un'abbazia, chiese aiuto alla diocesi di Avranches, che mandò un piccolo gruppo di religiosi intorno al 1202. La prima comunità, povera ma fervente, trasformò la collina in un luogo di preghiera e di carità.

A 8 km da Bayeux troviamo inoltre il villaggio di Noron-la-Poterie, noto per la tradizione della produzione del vasellame secondo la tecnica del 'grès au sel'.


Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

Torna su

 

Ostelli Bayeux   Ostelli Francia  Hotel Bayeux

Carte de Bayeux Karte von Bayeux    Mapa Bayeux    Map of Bayeux

Carte de France  Karte von Frankreich      Mapa Francia     Map of France

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal