Cosa vedere a Berlino - Le 30/60 cose da non perdere

Cosa vedere a Berlino - Le 30/60 cose da non perdere

 

 

Chiedi a un berlinese cosa ami di più della propria città e avrai modo di capire la vera anima di Berlino. La capitale della Germania non finisce di stupire: grandiosa, immensa nella sua storia, nel bene e nel male, ma pur sempre pronta a rinascere a nuovi entusiasmi. Il nostalgico, il festaiolo, il giovane emergente...tutto qui fa tendenza, anche le sue più antiche e più giovani attrazioni, anche quelle che fanno pensare e riflettere, primo fra tutti il Muro di Berlino, o semplicemente "il Muro". La città oggi è differente, davanti a noi si staglia una Berlino ottimista, capace di reinventarsi in modo diverso giorno per giorno, ogni volta che la si guarda e che a sua volta regala a chi la sa vivere uno sguardo mai indifferente.

 

  1. Reichstag

  2. Il muro di Berlino

  3. Quartiere Mitte

  4. Isola dei Musei

  5. Zoo di Berlino

  6. Duomo di Berlino

  7. Nikolaikirche

  8. Berliner Rotes Rathaus

  9. Tiergarten

  10. Porta di Brandeburgo

  11. Gemäldegalerie: il Museo degli antichi maestri

  12. Alte Nationalgalerie

  13. Pergamonmuseum

  14. Unter den Linden

  15. Schloss Charlottenburg

  16. Altes Museum

  17. Neues Museum

  18. Oberbaumbrücke

  19. Berlinische Galerie

  20. Checkpoint Charlie

  21. Nuova Sinagoga di Berlino

  22. East Side Gallery

  23. Quartieri di Berlino

  24. Prenzlauer Berg

  25. Friedrichshain

  26. Kreuzberg

  27. Neukölln

  28. Scheunenviertel

  29. Nikolaiviertel

  30. Berlino sotterranea

  1. Museo di Käthe-Kollwitz

  2. Gendarmenmarkt

  3. Reggia di Sanssouci

  4. Kunsthaus Tacheles

  5. Pariser Platz

  6. Alexanderplatz a Berlino

  7. Friedrichshain

  8. Potsdamerplats

  9. Berlin Hauptbahnhof (Stazione Centrale)

  10. Ampelmännchen

  11. Hackesche Höfe

  12. Denkmal für die ermordeten Juden Europas

  13. Deutscher Dom

  14. Fernsehturm

  15. Gedenkstätte Berliner Mauer

  16. Gemäldegalerie

  17. Dahlem Museen

  18. Friedrichswerdersche-Kirche

  19. Gedenkstätte Plötzensee

  20. Kaiser-Wilhelm-Gedächtnis Kirche

  21. Marienkirche

  22. Museo Stasi

  23. Zitadelle

  24. Trabant - Le auto di massa della DDR

  25. Wilhelmstrasse - Il viale del potere nazista

  26. Antico cimitero ebraico di Berlino

  27. Museo della DDR

  28. Museo Bröhan

  29. Museo Bode

  30. Museo Brücke

Risparmiare a BerlinoDavanti a noi abbiamo trovato una Berlino ottimista, capace di reinventarsi, sempre "in progress", con cantieri e grandi progetti aperti, proiettata verso il futuro ma molto attenta al suo passato.  Ognuno ha le sue mete preferite, parchi, musei, laghi, piazze e tutti amano e vivono il loro quartiere. Tutti i viaggiatori desiderano vedere e capire come era il Muro di Berlino, comprendere come fosse possibile che una città di questa grandezza fosse fisicamente e psicologicamente divisa in due; desiderano visitare, vedere il Check Point Charlie, l'isola dei Musei, ma soprattutto immergersi nell'atmosfera vivace e creativa della città di oggi.

 

Denkmal für die ermordeten Juden Europas (Memoriale della Shoa)

 

Memoriale per gli ebrei assassinati d'Europa a BerlinoLa Germania e l'intera umanità non si possono permettere di far finire nell'oblio gli orrori nazisti accaduti durante la seconda guerra mondiale. Per questo, proprio nella capitale tedesca si trova il Memoriale per gli ebrei assassinati d'Europa (Denkmal für die ermordeten Juden Europas in tedesco), meglio conosciuto come museo dell'Olocausto o della Shoah, un campo di 2711 stele (chiamate così dall'architetto), monoliti  in cemento grigio scuro disposti in file ondulate su 212.000 m². Progettato e inaugurato nel 2005 da Peter Eisenmann, il memoriale si trova in corrispondenza del luogo dove c'era il bunker di Goebbels, il capo della propaganda nazista. Nel sotterraneo si trova il Centro di documentazione degli ebrei morti nella shoah (sempre a ingresso gratuito). Il memoriale, che evoca sia un cimitero gigantesco che un labirinto, si trova a metà strada tra Potsdamer Platz e la Porta di Brandeburgo, vale a dire, nel cuore di Berlino. Nelle vicinanze si trovano anche un centro informazioni e un memoriale sulla deportazione degli omosessuali. Quest'ultimo si presenta sotto forma di un blocco di cemento trafitto da una finestra obliqua, attraverso la quale, si può guardare un video con un bacio tra due uomini. Entrambi i memoriali sono un esempio di grande lavoro sulla memoria collettiva, su episodi che devono essere ricordati per sempre, allontanando la tentazione dell'oblio...Continua a leggere sul Memoriale per gli ebrei assassinati d'Europa.

 

Torna su

Deutscher Dom
Gendarmenmarkt, entrata in Markgrafenstrasse, area: Mitte
Trasporti: U2, U6 stazione Stadtmitte

Deutscher DomIl Deutscher Dom era destinato a servire da chiesa per la comunità Calvinista di Berlino. La torre neo-classica è sormontata da una statua dorata di 7 metri che rappresenta la virtù. All'interno si trova una mostra permanente sulla storia del sistema parlamentare tedesco. Nel 1943 la Chiesa venne quasi completamente distrutta nei bombardamenti della seconda guerra mondiale e venne successivamente ricostruita tra il 1977 e il 1988. Il governo tedesco acquistò successivamente l'edificio che venne ampliato, profanato e riaperto nel 1996 come museo del Bundestag tedesco (del Parlamento tedesco). E' possibile visitare gratis il Dom e la moderna cupola in vetro del Bundestag prenotando online la visita bundestag.de Potete scegliere la semplice visita ma è possibile prenotare anche la visita guidata in italiano (se viene raggiunto un numero minimo di 10 persone, altrimenti vi dovrete accontentare della visita in inglese). Dovete ovviamente iscrivervi con anticipo e selezionare le date sul calendario (che non sempre sono disponibili viste le richieste).

Torna su

Fernsehturm
Panoramastrasse 1A, area: Mitte
Trasporti: U2, U5, U8, S5, S7, S9, S75 Alexanderplatz

FernsehturmLa Fernsehturm, la famosa torre della televisione che ancora oggi è possibile ammirare, fu costruita alla fine del 1960 in uno dei peggiori momenti di contrasto tra la Berlino Est socialista e la Berlino Ovest occidentale. Questa torre della televisione è alta 368 metri, ed è visibile in tutta la città. Nacque per mostrare al mondo intero il dinamismo e la modernità del regime comunista della DDR. La Berliner Fernsehturm è la struttura più alta di Berlino e può essere vista da qualsiasi punto della città.  L'idea per la torre venne proposta nel 1958, quando il governo della Germania Est volle erigere una grattacelo di uffici  in Alexanderplatz che doveva diventare un simbolo di Berlino Est ben visibile anche nella parte ovest della città. Come risposta, gli architetti Jörg Streitparth e Hermann Henselmann - quest'ultimo noto per le sue torri nella Karl Marx-Allee - proposero la costruzione di una torre della televisione che doveva essere conosciuta come la 'Torre dei Segnali'. ...Continua a leggere sulla Fernsehturm.

Torna su

Gedenkstätte Berliner Mauer

(Monumento e Centro di documentazione de Muro di Berlino)

Bernauer Strasse 111, Wedding, Area: Nord
Trasporti: U8 Bernauer Strasse o S1, S2 Stazione Nordbahnhof

Bernauer StrassePer chi è in cerca di informazioni sulla storia del Muro di Berlino, questo centro racconta il contesto storico, politico e sociale del muro, simbolo della Guerra fredda. Il lato orientale, senza i graffiti a cui oramai siamo abituati, sembra strano, ma dalla parte est era vietato avvicinarsi e ovviamente fare graffiti. Vicino trovate la Kapelle der Versöhnung (Cappella della Riconciliazione), nell'area che era conosciuta come a 'no man lands', la terra di nessuno, uno spazio vuoto dove erano poste barriere con filo spinato e le torrette di controllo...Vedere anche l'articolo dedicato a Bernauer Strasse.

Torna su

Gemäldegalerie
Mattäiskirchplatz 4, Stauffenbergstraße
Trasporti: U-Bahn: Potsdamer Platz. Bus: 200 o 347

Gemäldegalerie EsternoUno dei musei d'Arte più grandi della Germania, ospita una delle più belle  collezioni europee con opere dal XIII al XVIII secolo. Celebri tra i dipinti, la Vergine in trono con Bambino (1350), circondata da angeli che ricordano i demoni nelle opere di Hieronymus Bosch; la collezione italiana include le cinque Madonne di Raffaello, insieme ad opere di Tiziano, Filippo Lippi, Botticelli e Correggio. Vi sono i primi dipinti fiamminghi: Van Eyck, Van der Weyden, Bosch e Brueghel, varie gallerie dedicate a maestri fiamminghi e olandesi del XVII secolo, e non meno di 15 opere di Rembrandt. Da non perdere. Continua a leggere sulla Gemäldegalerie.

Torna su

Dahlem Museen
Lansstrasse 8, U-Bahn: Dahlem-Dorf

Dahlem Museen - Museo etnologico di BerlinoIl museo Etnologico di Berlino (Ethnologisches museen, ex Museum für Völkerkunde) è uno dei più grandi musei etnologici del mondo. Ospita mezzo milione di oggetti, acquistati dalla Germania principalmente nei viaggi di esplorazione e colonizzazione di fine Ottocento e primi Novecento. Famoso per le ricostruzioni di case provenienti da tutto il mondo, per le barche e i bronzi del Benin. Le sculture in pietra degli Incas, Maya, Aztechi sono pari solo alle collezioni dei più bei musei del Messico. Interessante la collezione di autentiche barche del Sud Pacifico, le reliquie pre-colombiane, tra cui oggetti in oro e oggetti antichi provenienti dal Perù. All'interno è ospitata anche una collezione di etnomusicologia (Berliner Phonogramm-Archiv).

Torna su

East Side Gallery (Muro di Berlino)

Friedrichshain, trasporti: Mühlenstraße 1 Metro: S Ostbahnhof

East Side GalleryLa East Side Gallery è una vera e propria galleria d'arte, dove la star è uno dei pochi pezzi superstiti del muro di Berlino; tecnicamente si tratta solo di una sezione all'interno del muro, non un vero e proprio Grenzmauer, cioè muro di confine, funzione assolta in questo caso dallo stesso fiume Sprea. È situata infatti lungo le rive della Sprea, a Friedrichshain nei pressi della Ostbahnhof (stazione est). La galleria d'arte venne creata nel 1990 dopo il crollo del Muro ed espone opere di un gruppo internazionale di artisti che hanno espresso le loro reazioni e sensazioni alla caduta del muro...Continua a leggere sulla East Side Gallery.  Vedere la pagina dedicata al Muro di Berlino

Torna su

Friedrichswerdersche-Kirche
Werderscher Markt
, area Mitte
Trasporti: U2 Hausvogteiplatz

Accesso: gratuito

Friedrichswerdersche-KircheLa sconsacrata chiesa di Friedrichsweder è stata la prima chiesa in stile neo-gotico costruita a Berlino e progettata da un architetto conosciuto come maestro dell'architettura neoclassica, Karl Friedrich Schinkel, nel 1824-1831. All'interno, è ospitato il Museo Schinkel, architetto fondamentale per il piano urbanistico di Berlino, che progettò molti dei grandi palazzi di Berlino, chiese e monumenti. Ci sono anche esposizioni di sculture neoclassiche, ritratti, tombe, tra le quali quelle di Johann Gottfried Schadow, Christian Daniel Rauch, Friedrich Tieck e Berthel Thorvaldsen. Splendido il gioco di luci proveniente dalla vetrate.

Torna su

Gedenkstätte Plötzensee
Hüttigpfad, Charlottenburg
Area: Ovest, Trasporti: U9

Gedenkstätte Plötzensee Monumento sorto sul luogo dell'infame prigione dove i nazisti giustiziarono oltre 2.500 prigionieri (in gran parte oppositori politici). In una sola notte nel 1943, vennero impiccate 186 persone. Nel 1952 è stato dichiarato monumento alla memoria delle vittime del nazismo e del fascismo. Tra i giustiziati c'erano membri della Orchestra Rossa (Rote Kapelle), membri del Circolo Kreisau (coloro che furono accusati del complotto contro la vita di Hitler il 20 luglio 1944 presso il Wolfsschanze), combattenti della resistenza cecoslovacca e altri che secondo la Volksgerichtshof (Corte del Popolo) venivano accusati d'essere nemici dello Stato.

Torna su

Kaiser-Wilhelm-Gedächtnis-Kirche
Breitscheidplatz, Area Charlottenburg
Trasporti: U2, U9, S5, S7, S9, S75 Zoologischer Garten

La chiesa del Kaiser, come è meglio conosciuta, è un colpo d'occhio incredibile e non c'è luogo più suggestivo di Berlino per ricordare gli orrori della guerra. Storia, architettura, memoria, insieme raccolgono il pianto dei momenti più reali della città. La struttura neo-romanico, costruita nel 1891-1895 da Franz Schwechten, rimane uno dei monumenti più conosciuti della città, lasciata volutamente in rovina dopo la sua parziale distruzione nel 1943, a ricordo dei danni (tutti) causati dalla guerra. All'interno, si può ammirare un soffitto in stile liberty con un mosaico raffigurante i membri della dinastia di Hohenzollern in pellegrinaggio, oltre a una croce fatta di chiodi dalla Cattedrale di Coventry. La torre è affiancata dal grattacielo moderno in cemento del dopoguerra, che rende il complesso ancora più affascinante ed espressivo. La Kaiser Wilhelm Gedächtnis Kirche, letteralmente "Chiesa commemorativa dell'Imperatore Guglielmo", visto la lunghezza del nome, viene se semplicemente Gedächtniskirche. E' anche conosciuta come "dente rotto". La chiesa, che venne costruita in uno stile neoromanico, che doveva glorificare il primo imperatore della nazione tedesca da trent'anni unita, fu lasciata così, eterno monito contro la guerra, come appariva alla fine delle tremende distruzioni della Seconda Guerra Mondiale, come simbolo e monumento commemorativo per la pace e la riconciliazione universale. Allo stesso tempo, la chiesa rappresenta anche la volontà di ricostruzione da parte dei berlinesi. L'insieme della Gedächtniskirche infatti, non è costituito solo dalle rovine della chiesa distrutta, ma anche da costruzioni contemporanee. Dopo che la chiesa venne distrutta da un bombardamento nel 1943, le rovine, che ogni volta ricordavano ai berlinesi gli orrori della guerra, dovevano essere demolite per lasciare il posto a una nuova ricostruzione progettata per il 1956.   Dopo accese proteste, tuttavia, venne deciso di integrare le rovine nella nuova costruzione. L'edificio moderno venne realizzato tra il 1959 e il 1961, su progetto dell'architetto Egon Eiermann. Nella vecchia torre campanaria si trova il Gedenkhalle, il memoriale contro tutte le guerre.

Torna su

Marienkirche

Marienkirche - BerlinoIniziata nel 1270, la chiesa è uno dei pochi edifici medievali di Berlino. Venne completata nei primi anni del XIV secolo ed è stata inizialmente progettata come uno dei primi esempi di chiesa gotica, ricevendo la torre frontale nel XV secolo e una cupola barocca in cima alla torre nel 1790. La cupola è stata progettata da Carl Gotthard Langhans, l'architetto della Porta di Brandeburgo. All'interno è custodito l'affresco la Danza Macabra (Totentanz), alta due metri e lunga 22, risalente al 1485. Ci sono altre notevole opere d'arte in mostra in tutta la chiesa, incluso un organo del XVIII secolo, capolavoro di Walther... Continua a leggere sulla Marienkirche.

Karl-Liebknecht-Strasse 8
Area Mitte
Trasporti: U2, U5, U8, S5, S7, S9, S75 Alexanderplatz

Torna su

Isola dei Musei (Musemsinsel)

 

Isola dei MuseiLo scenografico Schlossbrücke (letteralmente Ponte del Castello) progettato da Karl Friedrich Schinkel  (dal 1951 al 1991 Marx-Engelsbrücke) si trova all'estremità orientale del viale Unter den Linden nel centro storico di Berlino, adornato di sculture, conduce alla piccola isola sul fiume Sprea, oggi nota come Isola dei Musei (Museumsinsel). Su questo piccolo lembo di terra nel XII secolo sorse il primo nucleo di quella che sarebbe diventata Berlino. Il nome "Isola dei Musei" deriva dal fatto che qui sono concentrati alcuni dei più grandi musei del mondo, non solo della Germania: Altes Museum, Neues Museum  (inclusa la collezione del Museo Egizio di Berlino), Alte Nationalgalerie, Museo Bode, Pergamon Museum...Continua a leggere l'articolo dettagliato sull'Isola dei Musei.

Torna su

Schloss Charlottenburg

Luisenplatz & Spandauer Damm

Area Charlottenburg

Trasporti: U2 Sophie-Charlotte-Platz or U7 Richard-Wagner-Platz

Schloss Charlottenburg Lo Schloss Charlottenburg è un grandioso palazzo in stile barocco situato nel quartiere occidentale omino di Charlottenburg a Berlino. Il palazzo settecentesco fu raso al suolo durante la seconda guerra mondiale, ma è stato completamente ricostruito. Si tratta di uno dei pochi edifici a nella capitale tedesca che mostrano la grandezza della dinastia degli Hohenzollern che per secoli ha governato Prussia e dominato gli altri stati regionali tedeschi. Il castello venne costruito per conto di Sophie Charlotte, una donna bella e intelligente, patrona della filosofia e delle arti e moglie di Federico III, principe elettore di Brandeburgo, incoronato Federico I re di Prussia. Da non perdere la Neue Flügel (Ala Nuova), con gli Appartamenti di Stato di Federico il Grande, il Neue Pavillon (Nuovo padiglione), costruito da Schinkel nel 1824 per Federico Guglielmo III, che lo preferì al palazzo principale, gli enormi giardini del XVIII secolo con il Belvedere, che contiene una collezione di porcellane di Berlino e il Mausoleo reale...Continua a leggere sullo Schloss Charlotteburg

Torna su

 

Museo Stasi

Ruschestrasse 103,

Lichtenberg

Area: Mitte

Trasporti: U5, S41, S42, S8, S85 Frankfurter Allee o U5 Magdalenenstrasse

Museo Stasi Uno dei luoghi certamente da non perdere durante il vostro soggiorno a Berlino e questo museo del tutto particolare. Capitando per caso nel quartiere di Lichtenber, avrete modo di percepire infatti uno strano senso storico solo a guardare l'edificio che ospita il Stasimuseum, il museo riconducibile all'attività della Stasi, il Ministero per la Sicurezza di Stato (l'organizzazione per la sicurezza e spionaggio della Germania Est). Tutta la popolazione della Germania dell'Est era spiata da una delle polizie segrete più efficienti del mondo. Un numero enorme di persone spiavano il proprio vicino di casa o qualche conoscente per conto della Stasi.

Torna su

Zitadelle
Am Juliusturm
Spandau
Area: Ovest
Trasporti: U7 Zitadelle

Zitadelle - BerlinoUno dei  castelli rinascimentali e una delle fortezze meglio conservate in Europa. Venne progettato per proteggere la città di Spandau, ora è parte di Berlino e per questo costruito sulla cima di una fortezza medievale su un'isola creata dalla unione dei fiumi Havel e Sprea. Col tempo, divenne il principale centro militare della Prussia. Il Juliusturm e il Palas (XIII-XV secolo) sono gli edifici più antichi di Berlino rimasti ancora in piedi.

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

 

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

 

Torna su

 

Ostelli Berlino   Ostelli Germania

Carte d'Allemagne Karte von Deutschland  Mapa  Alemania   Map of Germany

Carte de Berlin   Karte von Berlin      Mapa  Berlín     Map of Berlin