Cosa vedere a Reggio Calabria

Cosa vedere a Reggio Calabria - 18 luoghi interessanti da visitare

 

Reggio Calabria è spesso identificata come la città dei Bronzi, ma le bellezze di questo centro marittimo dell’Italia Meridionale, non si esaudiscono qui, ora, infatti, le scopriremo insieme.

Il Duomo

Duomo di Reggio CalabriaLa struttura originale dell’attuale duomo, risale all’epoca normanna, anche se la chiesa venne ricostruita nel corso del Settecento. I terremoti del 1783 e del 1908 distrussero la cattedrale, che venne, nuovamente, ricostruita. La forma attuale è quello di un interno a tre navate,sostenute da alcune colonne tipicamente a fascio e la struttura della costruzione è quella di una croce latina. Ci sono numerose cupole e all’interno della chiesa ritroviamo le statue di San Paolo e Santo Stefano di Nicea. Si accede al Duomo attraverso tre grandi portali in bronzo. Al suo interno sono conservati i sepolcri dei vescovi, l’altare maggiore di Barca, una cattedra arcivescovile e un pulpito in marmo, alcuni dipinti dell’Ottocento e le statue degli evangelisti, di San Pietro, San Paolo, San Tommaso d’Aquino e San Bonaventura. Annessa al Duomo, vi è la Cappella del Santissimo Sacramento, che è ritenuta come il capolavoro dell’arte barocca di Reggio Calabria. Questa cappella venne costruita nel 1548 e terminata completamente solo nel 1655. Il suo interno è a forma quadrata, con numerosi marmi e colonne, sull’altare è possibile ammirare il dipinto che raffigura il sacrificio di Melchisedec, realizzato da Domenico Marolì nel 1665. La Cattedrale divenne Basilica Minore nel 1978, cinquant’anni prima era stata consacrata a Maria Santissima Assunta, oggi è uno dei luoghi di culto più frequentati di tutta la Calabria.

Torna su

La Basilica di Maria SS della Consolazione

La Basilica di Maria SS della Consolazione di Reggio CalabriaLa Madonna della Consolazione è la Patrona di Reggio Calabria, dal 1752 e il suo quadro viene conservato nella Basilica ad essa dedicata. Questo luogo rappresenta una vera e propria sede di pellegrinaggi, qui, infatti, si recano per devozione, fedeli da tutta la Regione. Il culto della Madonna della Consolazione è molto antico, risale, infatti al 1577. Durante quell’anno, la città venne colpita da un’epidemia di peste, ma la Madonna della Consolazione apparve ad un frate Cappuccino per annunciargli la fine dell’epidemia, e così è stato, da allora la Madonna continua a proteggere Reggio Calabria ed i suoi abitanti. La struttura della chiesa è moderna e si accede ad essa attraverso una scalinata. L’interno è a tre navate e qui possiamo ammirare una croce e le raffigurazioni della via crucis, realizzate interamente in bronzo. Il quadro della madonna, il secondo sabato di settembre viene portato in processione nella Cattedrale e qui vi rimane fino al sabato prima dell’ultima domenica di avvento, giorno durante il quale il dipinto ritorna nella sua basilica.

Torna su

La Chiesa di San Giorgio al Corso

La Chiesa di San Giorgio al CorsoLa Chiesa dedicata a San Giorgio venne distrutta dal terremoto del 1908, poiricostruita e riaperta al culto nel 1935, per l’inaugurazione ci furono pure i Principi di Savoia. San Giorgio è il patrono della città e la sua chiesa venne dedicata pure ai morti della prima guerra mondiale, con la raffigurazione dei soldati, sul portone d’ingresso. La facciata è in stile classico e su di essa possiamo ammirare una raffigurazione diSan Giorgio, mentre uccide il drago. Al suo interno vi è un'unica navata e l’assetto è a croce latina. Possiamo ammirare numerose statue come quella di San Giuseppe che tiene in braccio Gesù Bambino, l’Immacolata, San Giovanni, Sant’Anna, la Madonna del Rosario. All’interno anche le cappelle del Crocefisso, del Rosario, di San Giuseppe, del Battistero, dell’Immacolata, del Santissimo Cuore e di Sant’Antonio. Numerosi sono anche i mosaici interni che raffigurano momenti di vita dei Santi e del Vangelo.

Torna su

Il Santuario di San Paolo

Il Santuario di San PaoloLa Chiesa di San Paolo venne edificata nel 1932, la sua facciata si presenta in tipico stile romanico, è possibile accedere al santuario attraverso tre portali bronzei, sul sagrato della chiesa troneggia la statua di San Paolo. L’interno della chiesa si presenta come un incanto di mosaici, per la maggior parte realizzati da Nunzio Bava, che ritraggono episodi salienti del Vangelo.

Torna su

 

La Chiesa degli Ottimati

La Chiesa degli OttimatiQuesta chiesa si trova nel Castello, l’impianto originario era bizantino e, nonostante sia stata ricostruita nel XVIII secolo, mantiene l’assetto originario. Numerosi sono stati i danneggiamenti che ha subito, nel corso degli anni, venne distrutta nel 1594 a causa dell’invasione ottomana e venne compromessa dal terremoto del 1783. Durante il 1916 venne nuovamente distrutta, della chiesa rimanevano solo i mosaici, quattro colonne e alcuni dipinti, tra i quali una raffigurazione di Sant’Ignazio di Loyola. Nel 1933 la chiesa venne nuovamente ricostruita. Molto particolare il rosone che troneggia sul portale d’ingresso, a fianco al quale troviamo due colonne, tipicamente gotiche. L’interno è a tre navate e l’assetto è a croce latina, tutte le navate sono sorrette da colonne. Il pavimento è interamente ricoperto di mosaici. Molto particolare il Crocifisso in legno e alcuni stemmi di marmo delle famiglie più importanti della città.

Torna su

Il Lungomare

Corso Garibaldi " Il più bel chilometro d’Italia" così viene definito il Lungomare di Reggio Calabria, da una frase che molti studiosi attribuiscono a Gabriele D’Annunzio. Da questo lungomare è possibile ammirare un fenomeno ottico, presente solo sulla costa calabrese, il miraggio della Fata Morgana, per il quale è possibile ammirare le immagini della Sicilia, riflesse sul mare, fenomeno che ha reso questo luogo unico al mondo. Il Lungomare è formato da tre strade : il Lungomare Falcomatà, dedicato al sindaco che è stato il protagonista della Primavera Reggina, Corso Vittorio Emanuele III e il Viale Zerbi. Dal Lungomare è possibile ammirare lo stretto di Messina, l’Etna ed i Monti Peloritani. Lungo il viale ci sono numerose piante come le magnolie e i datteri che creano uno spettacolo unico tra il verde delle loro foglie e l’azzurro del mare. Vi sono numerosi monumenti dedicati a personaggi illustri della città, come quello dedicato a che Alessandro Monteleone ha realizzato per ricordare Corrado Alvaro ed i suoi versi.

Torna su

Corso Garibaldi

Corso GaribaldiNon si può visitare Reggio Calabria senza fare una passeggiata sul suo corso principale,Corso Garibaldi, o semplicemente " Il Corso" come viene definito dagli abitanti. Questa strada è lunga ben due chilometri ed è un train d’union tra il Museo Nazionale Archeologico e la Villa Comunale. Qui è possibile passeggiare, fare shopping, bere un ottimo caffè e trascorrere delle piacevoli serate, tipicamente reggine.

Torna su

Il Castello Aragonese

Questo Castello, uno dei simboli della città, viene chiamato castello aragonese, ma la struttura originaria risale a ben prima degli Aragonesi, molto probabilmente sul luogo esisteva già una fortezza e su di essa, tra il 536 e il 550 è stato costruito un luogo fortificato. Numerosi sono stati gli interventi di restauro e di ricostruzione del castello, nel corso degli anni. Ferdinando d’Aragona, durante il Quattrocento realizzò due torri e il fossato, mentre Carlo V potenziò il sistema difensivo della fortezza. Durante il regno borbonico il castello divenne caserma. Oggi è sede dell’Osservatorio dell’Istituto Nazionale di Geofisica e in questo luogo si svolgono numerosi convegni culturali ed artistici.

Torna su

La Statua dell’Angelo Tutelare

Questa statua, risalente al 1637 è la rappresentazione di San Michele Arcangelo, che guida la città. Interamente in marmo bianco, non è sicura la sua paternità, molto probabilmente venne realizzata da Placido Brandamonte e rappresenta una delle poche opere del Seicento, presenti in città. E’ una statua molto simbolica, l’angelo viene rappresentato come un guerriero e nelle sue mani vi è uno scudo, il simbolo di Reggio Calabria, all’interno dello scudo vi è la rappresentazione di San Giorgio che uccide il drago. E’ posizionata di fronte alla Chiesa di San Giorgio al Corso.

Torna su

La Villa Comunale

La Villa venne aperta al pubblico nel 1896 e nel 1907 al suo interno venne inaugurata la statua raffigurante il Re Umberto I. Al suo interno vi sono le statue di personaggi illustri della città di Reggio, tra numerose piante esotiche e altre autoctone.

Torna su

Il Parco Caserta

Questo Parco, che si trova poco lontano da Piazza De Nava ospita il Villaggio dello Sport, e rappresenta il principale polo sportivo di tutta la provincia ed uno dei più importanti della regione. Da qui, immersi nel verde, è possibile ammirare lo Stretto di Messina. Al suo interno vi è una palestra per il fitness, una piscina semiolimpionica, una pista di pattinaggio dove è possibile svolgere del pattinaggio artistico, giocare ad hockey e dove si svolgono numerosi eventi e rappresentazioni di danza.

Torna su

Palazzo Campanella

Questo imponente Palazzo è la sede del Consiglio Regionale ed è conosciuto da tutti come " la casa di tutti i Calabresi". Esso si trova in via Cardinale Portanova, nel centro storico di Reggio Calabria ed è intitolato a Tommaso Campanella, il filosofo calabrese, che ancora oggi è un motivo di orgoglio per tutta la regione. Il Palazzo è moderno, le sue facciate sono in vetro ed è di otto piani. Le varie ali del palazzo sono collegate tra loro da passerelle di metallo. Al centro troviamo l’Agorà, una piazza, sulla quale vi è la stanza che ospita il Consiglio Regionale.

Torna su

Il Teatro Comunale Francesco Cilea

I lavori di costruzione di questo teatro iniziarono nel 1919 e terminarono solo nel 1931. Francesco Cilea, al quale è dedicato era un compositore e questo teatro è il più grande della Calabria. L’interno del teatro è ricoperto in marmo e colonne. I posti a sedere sono, nella sala centrale, 1500 e sono distribuiti su tre diversi livelli di palchi e sul loggione. Numerosi sono stati gli interventi di restauro, nel corso degli anni, che lo hanno reso, oggi, uno dei teatri più imponenti del nostro Paese, con rappresentazioni ed eventi che riescono a riscuotere sempre un notevole successo di pubblico.

Torna su

Il Museo Nazionale della Magna Grecia

Questo museo nacque nel lontano 1882, ma è stato aperto per i visitatori solo nel 1954. Al suo interno sono conservati numerosi reperti archeologici ritrovati nella Regione, ed alcuni risalgono all’epoca preistorica. E’ possibile ammirare un Graffito del Paleolitico, delle tavole votive in terracotta, alcune opere bronzee, un opera marmorea che raffigura il Dio Apollo e numerosi reperti provenienti dalla chiesa di Santa Maria di Terreti. Attrattiva assoluta, nella sezione subacquea, sono i Bronzi di Riace, le due statue di guerrieri, ritrovati a Riace nel 1972, che sono il più grande ritrovamento archeologico marino di tutto il Novecento.

Torna su

Il Museo dell’Artigianato Tessile, della seta, del costume e della moda Calabrese

Questo museo è incentrato sulla storia dei costumi tradizionali calabresi, sulla tessitura e sulle modifiche che essi stessi hanno subito, nel corso degli anni, partendo dalla dominazione Greca, fino al periodo contemporaneo.

Torna su

Il Museo Dello Strumento Musicale

Qui è possibile ripercorrere la storia degli strumenti musicali. All’interno è possibile ammirare una collezione di circa 800 strumenti, che provengono da tutto il mondo. Una sezione particolare è dedicata agli strumenti musicali tipici della regione come la Zampogna, lo Scacciapensieri ed i famosi Tamburelli, con i quali si sviluppa la musica ideale per suonare e ballare la Tarantella, il ballo tradizionale della Calabria.

Torna su

Il Museo Paleomarino

Questo Museo ospita tutta la collezione di Angelo Vazzana, un paleontologo e biologo, che durante la sua vita, si è prodigato per raccogliere reperti e per studiare l’evoluzione dell’esistenza di varie specie di animali. Il museo è diviso in due aree, quella Paleontologica è ricca di reperti fossili, quella di Biologia marina ospita specie marine viventi, provenienti dallo Stretto di Messina.

Torna su

La Pinacoteca Civica

La visita dei tre angeli ad AbramoLa Pinacoteca si trova nel Teatro Francesco Cilea ed al suo interno possiamo ammirare importanti opere d’arte, suddivise in base al periodo storico, nel quale sono state realizzate. Per il Quattrocento ritroviamo le opere di Antonello da Messina (Visita dei tre angeli ad Abramo e San Girolamo penitente nel deserto) per il Cinquecento alcuni piccoli dipinti, tipicamente bizantini. Per il Seicento numerose opere a carattere religioso, come "Giuditta e Oloferne" e "Ritorno del Figliol prodigo" di Mattia Preti. Per il Settecento ritroviamo numerose opere di Vincenzo Cannizzaro. Mentre per l’Ottocento ed il Novecento è possibile ammirare numerose opere di artisti calabresi, che spesso ritraggono personaggi illustri della società reggina.

 

 

 

Torna su


Ostelli Italia  Auberges de Jeunesse Italie

Carte Reggio di Calabria   Karte von Reggio Calabria   Mapa Reggio Calabria   Map of Reggio Calabria

Carte  Calabre   Karte von Kalabrien   Mapa Calabria   Map of Calabria

Carte d'Italie   Karte von Italien      Mapa Italia     Map of Italy

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal

Offerte del giorno Amazon