Curiosità su Barcellona

Curiosità su Barcellona  

 

Sapevate che...

Immaginate quante curiosità e misteri può nascondere una città come Barcellona. Ancor prima che la città venisse 'svelata' nella sua " Sombra del Viento" (meglio conosciuto in Italia come L'ombra del Vento) di Carlos Ruiz Zafon, Barcellona viveva di un mistero tangibile che solo in parte si apriva al visitatore occasionale. Rambla Santa Monica, Raval, Plaza Real,  Calle di Escudellers … Siete curiosi? Incominciamo ad esplorare la città partendo dai suoi

Sapevate che...

la Rambla, il viale (alberato) più famoso di Barcellona era un fiume formato dalle acque  provenienti dalle montagne vicino alla città. La parola Rambla significa " sabbia", " torrente"o " corso d'acqua".    

... la Rambla del Centro (probabilmente una delle strade più trafficate in Europa), ha un nome che deriva da un antico convento di frati cappuccini.

… Barcellona ha una grande reputazione per le sue fogne ed è stata una delle prima città moderne a possedere un sistema fognario e a questo proposito sono diverse le città in Europa che hanno preso esempio da Barcellona.

 

… l'Hotel Oriente, che risale al 1842, è il più antico della città. Qui si trova anche il Café de l'Opera, classe 1929, uno dei più antichi caffè meglio conservati di Barcellona. 

… il Teatro Principal è il più antico teatro di Barcellona e uno dei più vecchi della Spagna. Anche se il nome era in origine diverso (l'attuale venne indicato dal 1868), sappiamo che nello stesso luogo, nel 1667, era sito un piccolo teatro che poteva ospitare fino a 800 persone.

… vicino al centro della Plaza Real, si trova la sorgente delle Tre Grazie. Forse le lampade della piazza centrale furono progettate dallo stesso Antoni Gaudì nel 1878.

Rambla de Santa Monica è considerata la porta d'accesso alla zona portuale, la stessa dove sorge l'antico convento degli Agostiniani Scalzi (1626), adibito a Centro d'arte sede di periodiche interessanti mostre.

… il nome della via di Calle Escudellers (la parte meridionale della Ramblas, a sud di Plaza Real) designa le persone che un tempo vendevano piatti ed  altri oggetti in argilla. Questa è la strada dove si sono installati i vasai nel periodo medioevale. Inoltre il suo interesse storico è dovuto al fatto che si trova proprio nel bel mezzo del vecchio quartiere di Picasso. Fu qui che il grande artista visse, lavorò e si divertì.

Picasso e la sua famiglia vissero in Calle La Merce, che dista solo pochi minuti a piedi da Calle Escudellers. Picasso possedeva uno studio in Calle Escudellers Blancs, una piccola strada traversa di Calle Escudellers. Qui egli creò alcuni dei suoi dipinti del cosiddetto periodo blu.

… il cantiere navale, costruito nel 1378, è stato il più grande in tutto il mondo. Ospita il Museo Marittimo, creato durante la guerra civile (1936-1939) e inaugurato nel 1941.

… il quartiere Gotico (Barri Gotic) è l'antica colonia romana sviluppatasi nei secoli a testimoniare  lo splendore della Contea di Barcellona e della Catalogna dal secolo IX al XII. Il nome gotico risale all'inizio del XX secolo. El Call, il medievale quartiere ebraico, si trova all'interno di questa area così come Plaça Reial.

… la Barcellona romana, l'antica città di Barcino, è stata scoperta solo all'inizio del XX secolo. Le mura romane di Barcino sono le più forti, le più moderne e tecnicamente le più sviluppate dell'epoca romana. Le stesse mura difesero la città per quasi mille anni.

… in Plaça del Reial si può ancora vedere il campanile di S. Agata  a forma di corona perché è stata una cappella reale. Dentro c'era una galleria segreta che collegava la cappella con il Palazzo Reale.

... il Palazzo Reale venne in origine costruito come residenza del tenente o Viceré, anche se quest'ultimo non vi ha mai vissuto. Nel corso della storia è stato utilizzato per diversi usi: prigione e sede dell'Archivio della Corona d'Aragona.

… il quartiere ebraico di Barcellona è stato il più importante centro culturale della Catalogna nel secoli XI, XII e XIII, con cinque sinagoghe. In via Marlet N. 1 è ancora possibile vedere una pietra tombale ebraica, trovata nel 1820 grazie ad alcune opere del rabbino Samuel Hassardi.

… la casa di Call San Domenico (al civico 6) è documentata come la casa più antica di Barcellona, abitata fin dal XII secolo. Dicono che durante il periodo del dopoguerra sia stata un famoso bordello. Si possono ancora vedere i muri della facciata, inclinati a causa del terremoto nel 1428.

... chiesa di San Filippo Neri veniva visitata ogni giorno da Antoni Gaudí, ma costui non sembrava affatto intenzionato ad ascoltare la messa.

… nella stessa piazza si trova il Museo delle Scarpe e, curiosità tra le curiosità, al suo interno si può ancora vedere lo stampo usato per creare le scarpe al Monumento a Colombo (1,22 metri).

… per molti secoli la nuova piazza fu teatro di esecuzioni   pubbliche. Secondo la tradizione, il bandito Giovanni Serrallonga è stato ucciso in questo luogo.

… nel chiostro della cattedrale gotica si  possono osservare tredici oche bianche, la cui presenza non sembra servire solo da guardia, secondo la tradizione infatti esse ricordano l'età di Santa Eulalia  quando morì: tredici anni.

… nel chiostro della cattedrale è possibile visitare la tomba di Manuel Girona, colui che finanziò la facciata della struttura. In realtà, costui voleva essere sepolto all'interno della chiesa, ma solo ai  re e ai vescovi spettava l'onore.

... gli edifici dei grandi magazzini del Portal de l'Angel vennero costruiti nel secondo decennio del XX secolo e sono tra i più antichi della città. Si può ancora vedere Els Quatre Gats (c. Montsió 3a), un edificio modernista costruito da Josep Puig, inaugurato il 12 giugno 1897. Attualmente ospita un ristorante di cucina catalana. Sono passati da qui artisti d'avanguardia come Picasso e Casas Rusiñol Nonell, si dice che costoro amavano esagerare un po' con il bicchiere e che da ubriachi trovavano poi l'ispirazione per le proprie opere. La caffetteria ha ospitato la prima mostra di Pablo Picasso.

... Plaza Catalunya è stata costruita nel primo Novecento per unire la parte vecchia della città. Ha una superficie di 50.000 m2, paragonabile ad altri grandi luoghi, come San Pietro.

... in epoca romana, il Foro Romano si trovava già nella zona della piazza San Giacomo ed ha quindi, più di duemila anni.

… dietro il municipio in Plaza de San Miguel, sono stati rinvenuti resti di quello che è stato un bagno romano.

… nel Calle Ferran è possibile visitare la casa dove nacque il pittore Joan Miró.

… al numero 4 della strada ha vissuto Giovanni Fiveller Lledo, cittadino di Barcellona e primo sindaco della città.

… in via del Leone c'è stato uno dei primi parchi-giardini zoologici d'Europa, costruito grazie a Pietro III detto il Cerimonioso. Si può ancora vedere la chiesa di San Giacomo, in origine è stata una sinagoga ebraica trasformata nel 1394 in chiesa cristiana.

… sapevate che Barcellona è una città unica al mondo? Vi aspettiamo!

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Torna su

 

Ostelli Barcellona   Ostelli Spagna     Hotel Barcellona  Hotel Spagna

Carte d'Espagne  Karte von Spanien     Mapa de España    Map of Spain

Carte de Barcelone   Karte von  Barcelona   Mapa Barcelona   Map of Barcelona