GARCIA LORCA A GRANADA

FEDERICO GARCIA LORCA A GRANADA

 

Il più grande poeta spagnolo del '900, Federico Garcia Lorca, fu fucilato all'alba del 19 Agosto 1936 a Granada. Aveva 38 anni ed era ormai famoso in tutto il mondo. Nonostante il successo lo avesse portato a vivere stabilmente a Madrid e avesse compiuto lunghi viaggi a New York, a Cuba e a Buenos Aires, quando stava per scoppiare la guerra civile spagnola, il poeta sentì un bisogno irrefrenabile di tornare nella sua terra andalusa dove era nato e dalla quale diceva di avere tratto tutto: vita sentimenti e poesia.

 

 

In una carriera di soli 19 anni, Federico García Lorca ha resuscitato e rivitalizzato i ctratti più elementari della poesia spagnola e ha contribuito ad inaugurare una seconda età dell'oro del teatro spagnolo. Lorca è stato il più importante poeta e drammaturgo spagnolo del XX secolo, e le sue opere influenzano ancora oggi scrittori e artisti di tutto il mondo. È noto soprattutto per le sue opere andaluse, tra cui le raccolte di poesie Romancero gitano del 1928 e Llanto por Ignacio Sánchez Mejías del 1935 (Lamento per Ignacio Sánchez Mejías), e le tragedie Bodas de sangre del 1933; (Nozze di sangue), Yerma del 1934, e La casa di Bernarda Alba del 1936. Fu giustiziato da un plotone d'esecuzione nazionalista nei primi mesi della guerra civile spagnola.

 

 

Federico Garcia LorcaFederico García Lorca, nacque il 5 giugno 1898 a Fuente Vaqueros, vicino a Granada. Era il maggiore di quattro figli, il padre era un ricco proprietario terriero, la madre un'insegnante. Crebbe in una Andalusia rurale, circondato da immagini e condizioni sociali che hanno influenzato il suo lavoro per tutta la vita. All'età di 10 anni si è trasferito con la sua famiglia a Granada, dove ha frequentato un istituto privato laico, oltre a una scuola pubblica cattolica. Lorca si iscrive all'Università di Granada, ma è uno studente sfortunato, noto soprattutto per le sue straordinarie doti di pianista. Ha impiegato nove anni per conseguire la laurea. Nonostante i suoi progetti di diventare musicista e compositore, si dedicò alla scrittura alla fine dell'adolescenza. I suoi primi esperimenti in prosa, poesia e teatro rivelano un intenso malessere spirituale e sessuale insieme a una devozione adolescenziale per autori come Shakespeare, Goethe, il poeta spagnolo Antonio Machado e il poeta nicaraguense Rubén Darío, padre del Modernismo ispanico, una tardiva e decadente fioritura del romanticismo.

 

Bambino allegro e fantasioso, promessa del pianoforte, rischia di trasferirsi a Parigi per coltivare la sua passione musicale, quando il maestro da cui doveva andare muore. Dirottato sulla letteratura il suo talento, si iscrive a Lettere ed a Giurisprudenza per compiacere il padre.

Nel 1919 Lorca si trasferisce a Madrid nella Residencia de Estudiantes, una residenza maschile prestigiosa e socialmente progressista. Rimase la sua casa nella capitale spagnola per il decennio successivo. Tra i suoi compagni di residenza c'erano il regista Luis Buñuel e l'artista Salvador Dalí, che in seguito divenne un compagno di vita molto stretto. A Madrid, Lorca fece amicizia anche con il celebre poeta più anziano Juan Ramón Jiménez e con una cerchia di poeti della sua stessa età, tra cui Rafael AlbertiJorge Guillen, Jorge Guillén e Pedro Salinas. Scrive poesie, collabora con i giornali, mette in scena i suoi testi.

 

Prime opere

 

Stilista consumato, Lorca cercò per tutta la sua carriera di giustapporre e fondere i generi. Le sue poesie, le sue opere teatrali e la sua prosa evocano spesso altre forme, soprattutto popolari, di musica, arte e letteratura. Il suo primo libro, Impresiones y paisajes (1918; Impressioni e paesaggi), un'opera in prosa della tradizione modernista, racconta la risposta sentimentale di Lorca a una serie di viaggi attraverso la Spagna come studente universitario. Seguì nel 1921 il Libro de poemas ("Libro di poesie"), una raccolta disomogenea di poesie prevalentemente moderniste raccolte dalla sua gioventù. Entrambi gli sforzi delusero Lorca e rafforzarono la sua intrinseca resistenza alla pubblicazione, il che portò a frequenti ritardi nella pubblicazione e nella produzione delle sue opera. Lorca preferì eseguire le sue poesie e le sue opere teatrali, e le sue recitazioni istrioniche attirarono innumerevoli ammiratori.
 

Il regista spagnolo Gregorio Martínez Sierra presentò in anteprima a Madrid nel 1920, El maleficio de la mariposa (Il maleficio della farfalla), la prima opera teatrale di Lorca, un'opera simbolista su uno scarafaggio malato d'amore. La critica e il pubblico ridicolizzarono il dramma, che si chiuse dopo quattro spettacoli. La successiva opera teatrale di Lorca, lo storico dramma in versi Mariana Pineda (scritto nel 1923), inaugurato nel 1927 in una produzione con scenografie di Dalí, ricevette un'accoglienza mista.

 

All'inizio degli anni Venti, Lorca aveva iniziato a sperimentare forme di versi brevi ispirati alla canzone popolare spagnola, all'haiku giapponese e alla poetica dell'avanguardia contemporanea. Scrisse una serie prodigiosa di brevi poesie disposte in "suite" tematiche, poi raccolte e pubblicate nel 1983 con il titolo Suites. (Praticamente tutta la poesia di Lorca - contenuta nel volume in discussione e negli altri volumi spagnoli citati in questa biografia - è stata tradotta in Raccolte di poesie, 1991). Nel 1922 Lorca collaborò con l'eminente compositore andaluso Manuel de Falla a un festival di cante jondo ("canto profondo") a Granada. Questa iniziativa aumentò l'interesse di Lorca per la canzone popolare andalusa, e in un tripudio di ispirazione scrisse una serie di poesie basate sulle canzoni gitane andaluse. Ancora più compresso di Suites, fu il Poema del cante jondo (scritto nel periodo 1921-25, pubblicato nel 1931; Poema del profondo canto ), offre una sintesi radicale della tradizione e dell'avanguardia. La serie segnala l'emergere di Lorca come poeta maturo. La sua collaborazione con la Falla spinge Lorca a indagare ulteriormente la tradizione del teatro di marionette spagnolo e nel 1923 scrive Los títeres de Cachiporra ("I burattini di legno"), la prima di diverse versioni di un'opera teatrale di marionette ispirata al classico Gran Guignol andaluso.

Dal 1925 al 1928, Lorca fu coinvolto con passione da Salvador Dalí. L'intensità del loro rapporto portò Lorca a riconoscere, se non ad accettare del tutto, la propria omosessualità. Su sollecitazione di Dalí, il poeta iniziò a sperimentare più audacemente le correnti avanguardiste del mondo dell'arte, in particolare il surrealismo, anche se si rifiutò di allinearsi a qualsiasi movimento. In poemi come "Ode a Salvador Dalí" (1925-26), Canciones (Canzoni scritto nel 1924, pubblicato nel 1926; ), e una serie di poemi in prosa astrusa, Lorca cercò di creare una poesia più obiettiva, priva di sentimento privato e dei "piani della realtà". Si unì ai suoi contemporanei nell'esaltare Don Luis de Góngora, poeta spagnolo del XVI secolo, noto per i suoi versi spassionati e densamente metaforici. Lorca e i suoi colleghi poeti commemorarono il tricentenario della morte di Góngora nel 1927 che da allora divenne nota come la "Generazione del 1927".

Nel frattempo, Lorca ha continuato a trarre ispirazione dalla tradizione popolare spagnola nelle sue opere La zapatera prodigiosa (La calzolaia prodigiosa scritta nel 1924, prima del 1930), una farsa classica, e El amor de don Perlimplín con Belisa en su jardín (L'amore di don Perlimplín con Belisa nel suo giardino scritta nel 1925, prima del 1933), una "tragedia grottesca" parzialmente tratta da un testo spagnolo del XVIII secolo. Entrambe le opere rivelano temi comuni all'opera di Lorca: la capricciosità del tempo, i poteri distruttivi dell'amore e della morte, i fantasmi dell'identità, dell'arte, dell'infanzia e del sesso.

 

Nel 1928, con l'incoraggiamento di Dalí, Lorca espone pubblicamente i suoi disegni. Disegnatore dotato di talento e dotato di una sorprendente immaginazione visiva, Lorca realizzò centinaia di schizzi nel corso della sua vita.

Romancero Gitano


La pubblicazione nel 1928 di Romancero gitano (scritto nel 1921-27), una sequenza di poesie ispirate al romanticismo tradizionale spagnolo, o ballata, catapultò Lorca sotto i riflettori nazionali. Questa raccolta sull'evocazione lirica del sensuale mondo del gitano andaluso, affascinò i lettori spagnoli, molti dei quali scambiarono Lorca per uno "zingaro". La prima edizione del libro registrò il tutto esaurito nel giro di un anno. In tutte le 18 ballate dell'opera, Lorca combinò in modo nuovo i modi lirici e narrativi per formare quella che descrisse come una tragica "poesia dell'Andalusia". Formalmente, le poesie abbracciavano le convenzioni della ballata medievale spagnola. Ma nella loro arguzia, obiettività e novità metaforica, risultarono assolutamente moderne e contemporanee.


L'improvvisa fama del poeta distrusse la sua vita privata. Questo, insieme alla fine della sua amicizia con Dalí, al crollo di un'altra storia d'amore e a una profonda crisi spirituale, fece sprofondare Lorca in una grave depressione. Cercava sia la liberazione che una nuova ispirazione visitando New York e Cuba nel 1929-30.

Qual viaggio produsse Poeta en Nueva York (Poeta a New York pubblicato nel 1940), una serie di poesie le cui immagini dense, a volte allucinatorie, i cui versi liberi e la preoccupazione tematica per il degrado urbano e l'ingiustizia sociale segnano un audace allontanamento dal precedente lavoro di Lorca. La raccolta si rifà a Charles Baudelaire, Edgar Allan Poe, T.S. Eliot e Stephen Crane e rende omaggio a Walt Whitman.

 

A Cuba, Lorca scrisse El público ("Il Pubblico"), un'opera teatrale complessa e sfaccettata, espressionista nella tecnica, che esplorava in modo schietto la natura della passione omosessuale. Lorca considerava l'opera, rimasta inedita fino al 1978, "una poesia da sibilare".

 

Durante quel viaggio Lorca presentò quattro conferenze tra le quali memorabile la " Teoria e gioco del duende". Il duende è qualcosa di intraducibile, è forse il carisma, l'energia o l'incantesimo che una persona possiede, qualcosa che si suscita negli altri senza artificio o compiacimento, qualcosa che tutti percepiscono, riconoscono, è per dirla con lui, un "energia che arriva da sotto i piedi come a certe ballerine, o dal fondo della gola come per certi cantanti".  "Quando un artista mostra il duende non ha più rivali" e "non c’è mappa né esercizio" per impararlo, acquisirlo o capire dove sta.

 

Al suo ritorno in Spagna, completò una seconda opera teatrale volta a rompere i confini della drammaturgia convenzionale, Así que pasen cinco años (Aspettiamo cinque anni 1931), e assunse la direzione di un gruppo teatrale studentesco itinerante, La Barraca (il nome di una bancarella di legno di fortuna che ospita spettacoli di marionette e fiere popolari in Spagna), sponsorizzata dal nuovo governo repubblicano progressista del paese e si entusiasma per la proclamazione della Repubblica.

Con la prima del 1933 della sua prima tragedia andalusa, Bodas de Sangre (Nozze di sangue), un'opera che ricorda antiche fonti greche, rinascimentali e barocche, Lorca ottenne il suo primo grande successo teatrale e contribuì ad inaugurare l'epoca più brillante del teatro spagnolo dall'età dell'oro. Nel due anni 1933-34 si recò a Buenos Aires, in Argentina, per sovrintendere a diverse produzioni delle sue opere teatrali e per tenere una serie di conferenze. Lì fece amicizia con il poeta cileno Pablo Neruda, con il quale collaborò per un omaggio a Rubén Darío. Nonostante la sua nuova attenzione per il teatro, Lorca continuò a scrivere poesie. Con altri nella "Generazione del 1927", abbracciò una "riumanizzazione" della poesia, in contrapposizione alla "disumanizzazione" che José Ortega y Gasset aveva descritto nel suo saggio del 1925 "La disumanizzazione dell'arte". Testimonianze eloquenti del ritorno di Lorca al personale sono il Divan del Tamarit (scritto nel 1931-1934, pubblicato nel 1940), una serie di poesie d'amore ispirate a forme di versi arabi; Seis poemas galegos (Sei poemi galiziani, scritto nel 1932-1934, pubblicato nel 1935); e Sonetos del amor oscuro (Sonetti dell'amore oscuro scritto nel 1935, pubblicato nel 1984), una sequenza di 11 sonetti che ricorda una storia d'amore fallita. Le tre raccolte sottolineano la costante insistenza di Lorca sull'interdipendenza tra amore e morte.

 

Il Divan del Tamarit esprime anche l'interesse di Lorca per la cultura arabo-andalusa (spesso definita "moresca"), che considerava centrale nella sua identità di poeta andaluso. Considerava la riconquista cattolica di Granada del 1492 una tragica perdita. Il Divan del Tamarit risponde a una diffusa rinascita dell'interesse per la cultura arabo-andalusa, in particolare per la letteratura, negli anni Trenta del secolo scorso.

Nel 1934 Lorca scrive in seguito alla morte di un amico torero il maestoso Lamento per un torero, opera famosa per il suo incantato ritornello di apertura, "A las cinco de la tarde" ("Alle cinque del pomeriggio"). Il poema in quattro parti, il più lungo, conferma Lorca come il più grande dei poeti elegiaci spagnoli.

 

Negli ultimi due anni della sua vita, Lorca presento Yerma (1934), la seconda delle sue tragedie andaluse, e completò una prima stesura di La casa di Bernarda Alba, la sua terza tragedia. Le vicende e le personalità dell'infanzia influenzano sia Bernarda Alba che Doña Rosita la soltera (Donna Rosita Nubile, scritta nel 1934), la più cechoviana delle opere teatrali di Lorca, così l'incompiuto Los sueños de mi prima Aurelia (I sogni di mia cugina Aurelia, 1936). Nel 1935 Lorca intraprese la sua opera teatrale più apertamente politica, El sueño de la vida (Il sogno della vita), un'opera tecnicamente innovativa basata sui recenti avvenimenti in Spagna dilaniata dalla lotte politiche.


Lorca era al lavoro su "Aurelia" e "Bernarda Alba" nell'estate del 1936, quando firmò un manifesto contro Hitler e si dichiarò apertamente a favore dei diseredati e della giustizia sociale nel bel mezzo della guerra civile spagnola.  . Il 16 agosto fu arrestato a Granada dalle forze nazionaliste, che osteggiavano e disprezzavano la sua omosessualità e le sue idee liberali, e imprigionandolo senza processo. La notte del 18 o 19 agosto (la data precisa non è mai stata verificata), fu condotto su una remota collina fuori città e fucilato insieme ad altri quattro uomini: un maestro elementare, suo figlio e due toreri.

 

Nel 1986 il governo spagnolo ha celebrato il 50° anniversario della morte di Lorca erigendo un monumento sul luogo del suo assassinio. Il gesto testimonia la statura di Lorca come il più importante poeta e drammaturgo spagnolo del XX secolo, un uomo la cui opera continua a influenzare scrittori e artisti di tutto il mondo e a parlare ai lettori di tutto ciò che è più centrale nella condizione umana.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

 

 

Torna su

 


 

Ostelli Granada  Ostelli Spagna   Hotel Granada   Hotel Spagna

 Carte de Granada    Karte von Granada    Mapa Granada   Map of Granada

Carte d'Espagne  Karte von Spanien     Mapa de España    Map of Spain

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal