Guernica

Adv.

Guernica di Pablo Picasso

 

Guernica è il nome di una cittadina spagnola nei paesi baschi, che diede il nome, attraverso un tragico evento durante la Guerra Civile Spagnola, a uno dei dipinti più conosciuti nella Storia dell'Arte, eseguito da Pablo Ruiz Picasso, il maggiore esponente del cubismo e uno dei più importanti pittori del XX secolo; testimonia la partecipazione del grande pittore nativo di Malaga alla sofferenza umana e il suo giudizio oppositore, senza se e senza ma, ad ogni tipo di violenza.

Correva l'anno 1937, in occasione dell'Esposizione Universale di Parigi il Governo Repubblicano spagnolo commissionò a Picasso un'opera che rappresentasse la Spagna ed egli scelse di raffigurare il bombardamento aereo di quell'anno a Guernica, piccola cittadine dei Paesi Baschi spagnali, nel nord-est del paese, nonché città simbolo per i repubblicani.

GuernicaPicasso dopo l'indecisione iniziale nel scegliere il soggetto del quadro, scelse con fermezza di rappresentare Guernica e impiegò 5 settimane per finire l'enorme tela che misura 3,49 x 7,76 metri e che attualmente si trova al Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía a Madrid ed è ogni giorno visitato da migliaia di turisti per il suo forte impatto visivo e per il suo messaggio. È inoltre presente un arazzo raffigurante la Guernica che si trova all'ONU, nel corridoio davanti alla Sala del Consiglio di Sicurezza. Ad ogni conferenza stampa, dietro il rappresentante dell’ONU, si ricorda la crudezza della guerra e l'insensatezza della guerra attraverso questo arazzo. Durante il periodo in cui si discuteva la guerra in Iraq, però, l’immagine di Guernica fu coperta con un drappo blu perché i vertici ONU non ritennero opportuno farsi riprendere con un tale manifesto simbolo anti-bellico.

GuernicaLa sera del 26 Aprile 1937, durante la Guerra Civile Spagnola, Guernica venne bombardata dalla legione Condor della Luftwaffe (aviazione tedesca), alleata insieme ai "volontari" fascisti inviati da Mussolini, con il Generale Francisco Franco, che cercava di usurpare il potere al legittimo governo repubblicano. Della cittadina, dopo ore di bombardamento, non restavano che macerie, di uomini, donne e bambini che fino al giorno prima avevano abitato lì non restavano neanche i brandelli dei corpi. Molti civili innocenti morirono ignari del pericolo imminente, così Picasso decise di denunciare al mondo questo terribile fatto. La funzione del quadro è infatti esortativa, cioè ha l'intenzione di condannare la guerra ed esortare alla pace, non può esistere nessun motivo valido, mai, per una guerra.

Guernica - Particolare dolorePicasso per dipingere Guernica usò toni acromatici per accentuare la tragicità di quanto rappresentato, un capolavoro privo di colore a sottolineare l’autodistruzione dell’uomo. Partendo da sinistra la prima figura che vediamo è una donna che tiene in grembo il figlio morto e piange, rappresentando il dolore psichico, la sofferenza estrema di una madre, il dolore universale dell'uomo e suggerisce l'iconografia di una Pietà. Il suo collo si protrae verso l'alto ed ha la lingua a forma di triangolo, acuminata, come se urlasse al cielo con tutte le sue forze; è un’invocazione, una disperata richiesta d’aiuto ma anche una condanna: gli assassini arrivano dal cielo. Dietro la donna possiamo vedere un toro che rappresenta la Spagna, ma anche la forza.

Il soldato caduto è il simbolo della gioventù distrutta dalle atrocità della guerra. Le donne, tra le quali una che scappa, una che regge un lume e un'altra che grida dall'interno di una casa, sono altri segni di dolore e rassegnazione.

Guernica - Particolare CavalloAl centro del dipinto possiamo vedere un cavallo che sembra impazzito, sconvolto da ciò che sta succedendo. Il cavallo è ferito con una lancia, che rappresenta la regressione dell'uomo quando si scatena una guerra. La ferita del cavallo, la spada spezzata in mano al soldato caduto, le bocche spalancate in un grido di dolore rendono ancora di più la tragicità dell'evento. La luce non è più quella solare ma è artificiale. La lampadina dai raggi potenti come un sole illumina l'orgia di distruzione umana, lo sterminio di persone “macellate? innocenti, può essere interpretato come l'occhio di Dio che vede la scena. Il fiore in mano al soldato, rappresenta, infine, una piccola, lieve speranza, nonostante tutto.

Durante la realizzazione di Guernica Picasso restò nel suo atelier a Parigi e non rimise piede in Spagna fino al 1939, quando terminò la guerra civile. Un giorno quando l'artista ricevette la visita nel suo studio nella capitale francese, di un ufficiale tedesco, che vedendo l'opera chiese: "Avete fatto voi quest’orrore, maestro?". Con onestà Picasso rispose: "No, è opera vostra".

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

 

Dove si trova?

 

Torna su

 

 

Ostelli Madrid   Ostelli Spagna   Hotel Madrid  Hotel Spagna

Carte de Madrid Karte von Madrid Mapa Madrid    Map of Madrid

Carte d'Espagne  Karte von Spanien     Mapa de España    Map of Spain

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal