MUSEI A TORINO

Advertisement

Musei a Torino

 

Torino è, come abbiamo vista, una  città ricchissima di cose da vedere, monumenti, chiese,  palazzi e naturalmente musei. Infatti, tra le grandi città italiane, Torino offre una esperienza museale davvero unica, con ben quattro musei nazionali (Museo dell'automobile, Museo del Cinema, Museo della Montagna, e Museo del risorgimento) e numerosi altri musei di rilevanza nazionale ed internazionale, come la bellissima Galleria Sabauda e conosciutissimo e visitassimo Museo egizio, che ospita un'imponente collezione fra le prime al mondo. Molti di questi musei offrono anche l’opportunità di visitare gratuitamente le loro collezioni in alcuni giorni particolari.

Advertisement

Galleria Sabauda

Madonna con Bambino e Santi - MantegnaLa Galleria Sabauda è una una delle più importanti collezioni di arte pittorica presenti in Italia, con sede dal 2014 nella Manica Nuova del Palazzo Reale a Torino, e prima di allora situata nel palazzo dell'Accademia delle Scienze dal 1865, quando vi fu trasferita da Palazzo Madama, sua primitiva sede. La sua eccezionale collezione comprende oltre 700 dipinti che spaziano dal XIII al XX secolo, con capolavori di maestri italiani Beato Angelico, Duccio di Boninsegna, Piero del Pollaiolo, Andrea Mantegna, Filippino Lippi, Veronese, Tintoretto, Guercino, Orazio Gentileschi, Giambattista Tiepolo e stranieni, in particolare della Scuola Fiamminga, Rogier van der Weyden, Van Dyck, Rubens, Rembrandt, i Brueghel, Memling e Van Eyck...Contiua a leggere sulla Galleria Sabauda.

Torna su

Museo di Antichità

 

Museo antichità TorinoIl Museo di Antichità di Torino, anche conosciuto come Museo Archeologico, è una delle più antiche istituzioni museali europee, che fino alla fine degli anni '80 del secolo scorso aveva sede sede nel Palazzo dell'Accademia delle Scienze, al pianterreno, e dal 1989 è invece ospitato nelle Orangeries di Palazzo Reale. Raccoglie interessanti reperti, dalla preistoria al medioevo, provenienti in prevalenza da scavi effettuati in Piemonte. È di notevole interesse la raccolta di agenti romani del Tesoro di Bosco Marengo nella collezione di vasi ciprioti, greci e italiani. Il Museo di Antichità è nato nel '500 per custodire le collezioni dei duchi di Savoia. La collezione di antichità fece parte dal 1724 del Regio Museo dell'Università, donato da Vittorio Amedeo II di Savoia. Nel 1824 quando arrivò la collezione egizia di Bernardino Drovetti nel 1832, avvenne il trasferimento al Palazzo dell'Accademia delle Scienze con la nuova denominazione di Museo di antichità ed egizie. Nel 1940, il Museo Egizio divenne un museo a se stante, mantenendo la sede sede originaria all'Accademia delle Scienze, mentre, come accennato, le collezioni archeologiche hanno trovato sistemazione nelle Orangeries di Palazzo Reale. Nel 2016 il circuito dei dei Musei Reali, comprendente oltre al Museo di Antichità,  la Galleria Sabauda e l'Armeria Reale è stato visitato da oltre 300 mila visitatori.


Via XX Settembre 88/c - Torino
tel 011 / 5211106
fax 011 / 5213145

Torna su

Museo egizio

Museo Egizio TorinoÈ una tra le più importanti raccolte al mondo dopo quella del Cairo. Fondato nel 1824 da Carlo Felice con l'acquisizione della raccolta del console di Francia in Egitto, il piemontese Bernardino Drovetti, e successivamente arricchito dagli scavi di Ernesto Schiaparelli, il museo consta di circa 30.000 pezzi e documenta la storia e la civiltà dell'Egitto, dal paleolitico all'epoca copta, con pezzi unici e raccolte organiche di oggetti d'arte e d'uso quotidiano e funerario (tra cui la Mensa Isiaca, la tela dipinta di Gebelein, la tomba intatta di Kha e Merit, l'eccezionale tempio rupestre di Ellesjia, i rilievi di Zoser)...Continua a leggere sul Museo Egizio di Torino

Torna su

Museo Civico d'Arte Antica

Museo Civico d'Arte AnticaIl Museo Civico d'Arte Antica di Torino ha sede dal 1935 nel Palazzo Madama (il cui complesso architettonico è stato inserito all'interno della lista dei beni del patrimonio mondiale protetti dall’UNESCO nel 1997). Ospita una  ricca e rinomata collezione di più di 28.000 oggetti, tra cui dipinti di epoca medievale rinascimentale e barocca. Ha riaperto nel 2006 dopo diversi anni di restauri. Le sue collezioni comprendono dipinti, sculture, una ampia raccolta di ceramiche, smalti, avori, vetri, disegni e stampe a testimonianza dei diversi indirizzi che hanno caratterizzato il costante incremento di questo museo, nato sull'esempio dei grandi musei "industriali" della seconda metà dell'Ottocento...Continua a leggere sul Museo Civico di Arte Antica di Torino.

Torna su

 

Museo regionale di scienze naturali di Torino

Museo regionale scienze regionali TorinoIl Museo regionale di scienze naturali di Torino è situato in via Giolitti nell'edificio ex sede dell'Ospedale San Giovanni in pieno centro città. Sorto alla fine del diciassettesimo secolo ad opera di Amedeo di Castallamonte e completato da illustri architetti. L'Ospedale Maggiore, come allora si chiamava, e agli inizi istituzione modellodella scienza ospedaliera dell'epoca, di origine benefica. Nel 1978 la regione Piemonte istituiva con una legge il museo regionale di scienze naturali con lo scopo di salvaguardare e divulgare un patrimonio scientifico unico nel suo genere...Continua a leggere sul Museo Regionale Scienze Naturali di Torino

Torna su

 

Museo Nazionale della Montagna Duca degli Abruzzi

Fondato nel 1874 ad opera del Club Alpino Italiano, attualmente il Museo opera con un'ampia e composita attività di rilievo nazionale e internazionale. Ospita una vasta documentazione sugli aspetti naturalistico-ambientali della montagna, sulle sue tradizioni e sulla pratica alpinistica nelle sue varie manifestazioni ed è sede di mostre. Nel museo funzionano inoltre due centri di documentazione e una cineteca storica.
Via Giardino 39 - Torino - Monte dei Cappuccini
tel 011 / 6604104
fax 011 / 6604622

Torna su


Museo Storico Nazionale dell'Artiglieria

È la prima istituzione europea del genere e il più antico museo di Torino, fondato presso il Regio Arsenale da Carlo Emanuele III nel 1731 ad uso dei giovani artiglieri della Scuola teorica istituita da Ignazio Bertola. L'importanza delle collezioni esposte, che presentano molti esemplari provenienti da tutto il mondo, alcuni unici e di grandissimo valore, conferiscono al museo un posto di primo piano tra i musei similari del mondo.
Corso Galileo Ferraris 0 - Torino
Tel 011 / 5629223

Torna su


Museo Martini di Storia dell'Enologia

Dedicare un museo al vino fu, nel 1961, una scelta di Lando Rossi di Montelera. Le sale del museo sono state ricavate dalle cantine originali della palazzina tardo settecento, sede dei primi stabilimenti della Martini & Rossi. Sono oltre 600 i pezzi esposti: un excursus sul vino dal primo millennio a.C. fino al secolo scorso.
Via Piazza Luigi Rossi 1 - Pessione di Chieri(TO)
tel 011 / 94191
fax 011 / 9419324

Torna su

Museo nazionale del Risorgimento Italiano

Il Museo ha sede nel palazzo che fu la residenza dei principi di Carignano, ramo cadetto della casa di Savoia. La costruzione barocca è una delle opere più famose di Guarino Guarini. Al suo interno, nel 1848, fu fatta allestire da Carlo Alberto la Camera dei Deputati del Regno di Sardegna (Parlamento Subalpino), che ivi tuttora si conserva.
Tra il 1864 e il 1872 il Palazzo fu raddoppiato per ospitare il primo Parlamento dell'Italia unita. In ventisette sale documenti, cimeli, armi, uniformi, vessilli e opere d'arte raccontano la storia d'Italia dalla fine del XVIII secolo alla prima Guerra Mondiale. Particolarmente rare e suggestive sono alcune ricostruzioni di ambienti, tra cui la camera dove morì Carlo Alberto ad Oporto e il gabinetto ministeriale di Camillo Cavour.
Importante documentazione sull'antifascismo e la Resistenza.
Palazzo Carignano - Via Accademia delle Scienze 5 - Torino
tel 011 / 5621147
fax 011 / 5624695

Torna su

Armeria Reale
È una delle più ricche collezioni di armi del mondo. Inaugurata nel 1837 da Carlo Alberto, conserva numerosi tipi di armi bianche e da fuoco e armature. Pregevoli le armi medioevali, numerosi gli esemplari del '500 e del '600, molte le armi da fuoco, le armi e i cimeli napoleonici e le armature appartenute ai sovrani sabaudi. Fanno parte del Museo lo Scalone di Benedetto Alfieri (1879), la Rotonda (1842), la Galleria Beaumont (1733) e il Medagliere (1879).
Piazza Castello, 191 - Torino
tel. 011 543 889
fax 011 51 88 063

Torna su

Castello Cavour - Fondazione "Camillo Cavour"

Il Castello Cavour di Santena è circondato da un parco all'inglese, ideato da Xavier Kurten. L'importante complesso monumentale, che comprende il castello (casa-museo che appartenne alle famiglie Cavour, Alfieri di Sostegno, Visconti Venosta), la Sala Diplomatica, il Parco, la tomba dei Cavour e la Torre è gestito dalla Fondazione Cavour. Le sale dei fabbricati settecenteschi sono state restaurate e sono destinate ad eventi culturali e mostre.
Piazza Visconti Venosta 2 - Santena (TO)
tel 011 94 92 578
fax 011 / 598793

Torna su

Palazzo Cavour

Palazzo Cavour, uno dei migliori esempi dell'architettura barocca piemontese del Settecento, è uno degli edifici storici più significativi di Torino. Fu in questo palazzo e nelle sue stanze che si svolse perlopiù la vita del noto statista Camillo Benso conte di Cavour. In questi ambienti fu fondato il giornale "Il Risorgimento" e si discussero e concretizzarono le sorti della nuova patria italiana con i personaggi più illustri dell'epoca. Il Palazzo, costruito nel 1729 dall'ingegnere torinese Giovanni Giacomo Gerolamo Planteri o Plantery (c. 1680 - 1756), è stato recentemente restaurato dalla Regione Piemonte, che ne ha fatto una prestigiosa sede espositiva e di rappresentanza, con la funzione di ospitare le grandi iniziative promosse dalla Regione Piemonte.
Via Cavour 8 - Torino
tel 011/530690
fax 011/531117

Torna su


Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea

 

La prima a separarsi dal corpo originario dei Museo civico fondato nel 1863. Con le sue 15.000 opere, che documentano l'arte piemontese, italiana e internazionale dalla fine dei secolo XVIII ai giorni nostri, per importanza e dimensioni è forse il secondo museo d'arte moderna in Italia. Collocata in un edificio costruito nel 1959 sull'area dei Padiglione che l'ospitava dal 1895, distrutto dai bombardamenti durante la guerra è stata chiusa per lavori dal 1981 al 1993, dispone di circa 5300 mq. espositivi, una sala mostre, un'aula didattica, un auditorium, un bar-ristorante.

Torna su


Borgo e Rocca Medioevale

 

Costruito sulle rive dei Po come sezione di Arte Antica dell'Esposizione Generale Italiana dei 1884, venne in seguito acquisito dalla Città. Propone una ricostruzione di fantasia, ma filologicamente fondata su modelli reali di edifici piemontesi e valdostani, di un castello e di un borgo dei XV secolo, dal fascino inalterato a più di un secolo dalla sua costruzione.

Torna su



Museo Pietro Micca e dell'Assedio di Torino del 1706

 

Eretto nel 1961, in occasione delle celebrazioni dei centenario dell'unità d'Italia, in corrispondenza della scala di accesso alle gallerie di contromina della Cittadella, dove trovò la morte Pietro Micca nel tentativo - riuscito - di sbarrare il cammino alle truppe francesi. Presenta plastici e documenti dell'assedio dei 1706 in apertura a un suggestivo percorso nelle gallerie sotterranee.

Torna su



Biblioteca d'Arte dei Musei Civici

 

Nata agli inizi degli anni '30 come biblioteca interna ai musei quale supporto alle ricerche bibiiografiche sulle collezioni, viene aperta al pubblico negli edifici della nuova Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea nel 1959. L'attuale patrimonio librario consiste in 80.000 titoli e 200 testate in abbonamento corrente.
 

Torna su


Archivio Fotografico

 

Vi sono conservate oltre 130.000 immagini. La sua collezione di fototipi comprende fondi archivistici d'autore di interesse storico-artistico e un'ampia raccolta di immagini fotografiche che documentano l'intero patrimonio in opere d'arte dei Musei Civici Torinesi.

Torna su



Archivio Storico dei Musei

 

Comprende la documentazione dal 1863 ad oggi ordinata cronologicamente con suddivisione interna in categorie. Sono inoltre presenti alcuni fondi particolari ricevuti in lascito o donati ai musei.

 

 

Torna su

 

Ostelli Torino   Ostelli Italia   Auberges de Jeunesse Italie   Hotel Torino

Carte Turin    Karte von Turin  Mapa Torino    Map of  Turin

Carte Piémont       Karte von Piemont  Mapa Piemonte     Map of Piedmont

Carte d'Italie   Karte von Italien        Mapa Italia        Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal