MUSEO GUGGENHEIM

Informagiovani Italia

🌎 Viaggiare in Europa

🛵 Viaggiare in Italia

💁 Visite guidate in Italiano

Articoli  Informagiovani

🏠  Ostelli a Bilbao 

🏠  Ostelli in Spagna

🏠 Hotel a Bilbao 

🏠 Hotel in Spagna  

Mappa di Bilbao

Mappa della Spagna

Mappa delle regioni della  Spagna

Informazioni sulla Spagna

Hostels Bilbao

Hostales en Bilbao

Auberges de Jeunesse Bilbao

Jugendherberge Bilbao

Hostales en España

Auberge de Jeunesse Espagne

Jugendherberge Spanien

Hostels Spain

 

Il luccicante titanio del Museo Guggenheim di Bilbao è uno degli edifici più iconici dell'architettura moderna. Ha giocato un ruolo fondamentale nell'aiutare a sollevare la metropoli basca dalla sua depressione postindustriale e nel XXI secolo. Ha innescato una rigenerazione ispirata della città, ha stimolato un ulteriore sviluppo che l'ha posta saldamente sotto i riflettori dell'arte e del turismo internazionale.

 

Il museo Guggenheim, grande museo di arte moderna e arte contemporanea internazionale, ha cambiato il volto della un tempo sonnacchiosa città di Bilbao, fino a trasformarla nella seconda meta più visitata di tutta la Spagna. Il museo si erge massiccio in brillante titanio sulla riva sinistra del fiume Nervión (Nerbioi in lingua basca), che si insinua attraverso Bilbao per finire nel Mar Cantabrico.

Museo Guggenheim BilbaoUn laghetto artificiale circonda parzialmente il museo e contiene l'originale opera "Scultura di nebbia" dell’artista giapponese Fujiko Nakaya. Allo scoccare di ogni ora la nebbia si alza dal laghetto e investe i passanti."Un ragno gigantesco dal nome inquietante "Mamà", opera della famosa artista Louise Bourgeois, accoglie il visitatore su un lato, mentre l'altrettanto gigantesco cane fatto di fiori, Puppy, opera di Jeff Koones, lo aspetta davanti all’ingresso. Lo spazio esterno, l'acqua, l'involucro multiforme del museo e il suo enorme spazio espositivo interno, sono i veri protagonisti di questa zona rigenerata grazie alla cultura.

L’atrio raggiunge l’altezza di cinquanta metri, ed è stato studiato per diffondere la luce del giorno nelle sale situate ai vari livelli, più o meno come accade nelle imbarcazioni di lusso per gli spazi situati sottocoperta. Il museo Guggenheim di Bilbao rientra nella corrente di Sculturarchittettura che ha preso piede in vari parti del mondo. Il Guggenheim Museum Bilbao ("Guggenheim Bilbao Museoa" in lingua basca) malgrado l’apparente complessità appare leggero, facilmente fruibile. L’edificio progettato dall'architetto di origini canadesi, Frank Gehry ha tre livelli, più un ultimo livello di volumi tecnici per i sistemi di condizionamento, le torri di refrigerazione e gli impianti di elevazione.

Alle spettacolari forme esterne corrisponde, all’interno, un’architettura più neutra per facilitare la comprensione delle opere d’arte in mostra. Una curiosa combinazione di sale difformi, alcune grandissime, altre più convenzionali, conferisce al museo una polivalenza e una capacità di esposizione uniche al mondo. All'ingresso sulla destra si accede alla mastodontica opera di Richard Serra, "La materia del tempo", costituita da sette sculture dalla forma sinuosa, eseguite in acciaio Corten (quello che sembra arrugginito per intenderci). Si passa attraverso e dentro alla scultura.

Curiosità e numeri dietro al Museo

Museo Guggenheim BilbaoGran parte della superficie esterna è rivestita di titanio, il metallo emblematico del museo di Bilbao, accoppiato all'acciaio galvanizzato, rivestito all'interno da tela catramata. Lo spessore di una lamina di titanio è di 0,3 mm. 60 tonnellate di titanio sono state tramutate in 33.000 lamine con un complicato procedimento attuato in vari Paesi: estratto in Australia, fuso in Francia, laminato a Pittsburg, decappato in Gran Bretagna, assemblato a Milano. Proprio così.

Per il rivestimento in pietra sono stati utilizzati 27.200 m2 di pietra di colore beige ambrato, arrivati al cantiere del museo dalle Cave di Huéscar di Granada. Le lastre sono state lucidate al momento della posa. Lo spessore di una lastra di pietra è di 50 mm. Le parti trasparenti dell’edificio sono composte da 2500 pezzi di doppio cristallo termico.
 

Opere permanenti e opere esposte in modo temporaneo

Museo Guggenheim BilbaoGià il museo e i suoi dintorni valgono la visita, ma dovete sapere che le opere permanenti al suo interno sono poche, mentre la maggior parte delle opere in mostra variano. Se avete visto qualche foto di opere/istallazioni che vi hanno colpito, probabilmente non saranno più esposte, quindi è bene informarsi su quali mostre temporanee siano in corso, altrimenti c'è il rischio di rimanere un po' delusi (confesso che mi è accaduto).

La gran parte del materiale esposto "gira" tra i diversi musei sparsi nel mondo della Fondazione Guggenheim, quindi la visita al museo sarebbe bene programmarla sulla base delle opere esposte in modo temporaneo. Opere permanenti sono "La materia del tempo" di Richard Serra (enorme istallazione in acciaio corten), "Installazione per Bilbao", di Jenny Holzer (grande e suggestiva istallazione con neon rossi), "Puppy", di Jeff Koons (il celeberrimo cane fatto di fiori, mascotte del museo, che presidia la scalinata d'ingresso (che curiosamente scende invece di salire, come ci si aspetterebbe), "Fonte di fuoco" di Yves Klein, "Mamá",  l'enorme ragno che protegge le sue uova di marmo, dell'artista Louise Bourgeois, "Tulipani" di Jeff Koons, "l'Arco Rosso" di Daniel Buren che sorveglia la vicina strada, distinguendola e accendendosi la notte, e  "Scultura di nebbia", la suggestiva istallazione della giapponese Fujiko Nakaya.

Al Guggenheim  si possono ammirare i capolavori dei grandi dell’arte moderna, da Warhol a Basquiat, da Rothko a Serra. Altri non meno grandi, come David Salle e Julian Schnabel, sono presenti rispettivamente con il celebre acrilico su tela che riproduce Bogart con le fattezze di un cammello e con alcuni saggi della caratteristica tecnica di pittura applicata ad ampie superfici di piatti in frantumi.

Purtroppo gli artisti sono presenti con due o tre opere a testa, distribuite con parsimonia sulle pareti affinché l’esperienza della visita possa sedimentare nella memoria accompagnata dalla parola ‘arioso’ e dal ricordo di ampi spazi vergini. Negli spazi bianchi e fluidi, mossi da pareti curve e anfratti, si "rivelano" al visitatore opere di giovani autori spagnoli spesso di grandi dimensioni, accanto a tele e sculture di grandi maestri del primo '900 e del dopoguerra internazionale. Un vero "must" del turismo culturale. Una esperienza culturale da ripetere, possibilmente nella nostra penisola.


L'effetto Guggenheim...

Museo Guggenheim BilbaoIl Guggenheim Museum Bilbao viene considerato la punta di diamante della generazione di nuovi musei, sorti nel mondo nel corso degli anni '90. Ciò dipende dalla coincidenza di 4 fattori:

1) È sorto in un'area della Spagna gravemente depressa dal punto di vista economico, e ha contribuito in maniera decisiva al suo rilancio come meta turistica e del terziario.
2) Si è sviluppato grazie all'accordo tra gli enti amministrativi locali e una grande istituzione artistica privata di livello mondiale: la Solomon R. Guggenheim Foundation di New York.
3) Ha sede in una delle strutture più incredibili e affascinanti: il vasto edificio in titanio, pietra e cristallo, appositamente ideato da Frank O. Gehry, una delle migliori firme dell'architettura internazionale.
4) Si avvale di un apparato scientifico, organizzativo e promozionale di livello fino ad oggi insuperato, grazie al quale l'intervento ha goduto di un'attenzione privilegiata da parte dell'opinione pubblica e dei mezzi d'informazione.

Ognuno di questi ingredienti ha contribuito a fare del Guggenheim uno dei più grandi successi in campo culturale dei nostri tempi. Dall'anno della sua inaugurazione, il 1997, il museo ha richiamato milioni di milioni di visitatori, il che è a dir poco clamoroso, per una città che in precedenza godeva di un'attrattiva turistica piuttosto scarsa. Inoltre, la ricaduta dal punto di vista economico è stata enorme, e ha contribuito a incrementare il giro d'affari complessivo delle varie attività della città.

Opere in mostra

L'edificio di Gehry integra al suo interno varie funzioni:
- la presentazione della collezione permanente;
- l'esposizione a rotazione di segmenti della collezione di proprietà della Guggenheim Foundation;
- l'attività espositiva;
- una vasta gamma di attività e servizi legati all'arte moderna e contemporanea.

Il Guggenheim Museum Bilbao è parte di una costellazione internazionale di musei che gli permette di accedere a una vasta collezione composta da tutte le opere delle collezioni della Solomon Guggenheim Foundation.  La collezione permanente del Guggenheim Museum Bilbao riguarda in generale l'arte europea e americana del '900. Si caratterizza soprattutto per la presenza dell'arte contemporanea basca e spagnola.

Museo Guggenheim di Bilbao

Abandoibarra etorbidea, 2

Area: Abando (lungo il fiume Nervión)

Tel: +34 94 435 90 80

Accesso: a pagamento (adulti attualmente 2021 euro 18); gratuito per minori di 18 anni

Orari: martedì-domenica, dalle 10.00 alle 20.00; luglio e agosto: lunedì-domenica, dalle 10.00 alle 20:00. Chiuso 1 gennaio, 25 dicembre.

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

 

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

Dove si trova?

 

Torna su

Ostelli Bilbao   Ostelli Spagna

Carte d'Espagne  Karte von Spanien   Mapa de España Map of Spain

Carte de Bilbao Karte von Bilbao   Mapa Bilbao Map of Bilbao