Noi ragazzi dello Zoo di Berlino

Adv.

Noi ragazzi dello Zoo di Berlino

 

Nel 1978, l'uscita di Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino fu come una bomba. Racconta la storia della di Christiane Felscherinow, una giovane senzatetto incontrata dai giornalisti Kai Hermann e Horst Rieck, che scrissero questa storia dopo molte interviste con lei. Questo libro ha aperto gli occhi di un'intera generazione ai problemi della droga e della prostituzione, ma più in generale alla disperazione dei giovani.

Con quasi cinque milioni di copie vendute e tradotte in una ventina di lingue (pubblicato in italiano nel 1981), questo libro è diventato un best-seller chee continua a vendere ancora oggi.

Questo terribile libro ha avuto un notevole impatto in Italia e in tutta Europa. Ciò che ci dice questa giovane ragazza sensibile e intelligente è che, meno di due anni dopo aver fumato il suo primo "spinello", si prostituisce dopo la scuola per guadagnare abbastanza per pagare la sua dose giornaliera di eroina. E' una dolorosa confessione che insegna molto, non solo sulla droga e la disperazione, ma anche sul deterioramento del di molti valori della società occidentale.

Disadorno e vero, è un documento a tratti agghiacciante, che non solo cerca di spiegare il fenomeno, le conseguenze, ma anche di trovare cause e soluzioni. La mia edizione comprende anche alcune foto dell'epoca, amici e disegni. È un testo toccante, deprimente e difficile da leggere, perché una parte di noi non vorrebbe credere che si tratti della realtà.

Ora, Christiane ha superato i 56 anni ed madre di di un figlio che di 22 anni. In un libro del 2013 ha raccontato gli anni successivi all'uscita di Noi, ragazzi dello zoo di Berlino e quella dell'omonimo film, uscito nel 1981, che ebbe altrettanto successo. In quell'occasione ha parlato della sua crescente popolarità: il suo viaggio a New York per la prima del film, un concerto privato con la celebre band degli AC/DC, la sua visita a diverse televisioni e il suo desiderio di diventare cantante e attrice. Ha confidato di aver abbandonato la droga per anni per poi ricominciare a fare uso di eroina. Ha anche menzionato la nascita di suo figlio, "il dono della sua vita", come ha dichiarato durante un'intervista con il settimanale tedesco Stern.  "Per trentacinque anni, non sono ancora morta", dice, "chi avrebbe mai pensato che un giorno avrei avuto 51 anni?". Oggi, Christiane, dopo altre ricadute è in trattamento con metadone, soffre di cirrosi epatica e di epatite C.

Il film

Il libro Noi, ragazzi dello zoo di Berlino, è stato adattato per il grande schermo dalla regista Uli Edel con il titolo leggermente diverse (Christiane F. - Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino) e presentato al World Film Festival di Montreal nel 1981. David Bowie ha curato la colonna sonora del film. Nel film Bowie canta Station to Station in un concerto a cui partecipa la giovane Christiane.


La stazione dello Zoo

La stazione della metropolitana dello Zoo di Berlino (la stazione di Berlino ovest Bahnhof Zoo) è uno dei luoghi emblematici della storia di Christiane F. È qui che gli adolescenti tossicodipendenti vanno a prostituirsi per pagare la loro dose. Oggi, è diventata una meta turistica visitata da giovani e meno giovani che hanno letto il libro.

 

Trama del libro

La protagonista è Christiane F., adolescente, tossicodipendente e prostituta. Christiane arriva a Berlino da Amburgo con i suoi genitori e sua sorella quando aveva solo 6 anni. Suo padre è un alcolizzato e incapace di trovare un lavoro, passa regolarmente le sue frustrazioni e il suo nervosismo a sua moglie e alle sue figlie. Christiane vive quindi un'infanzia dolorosa. È vittima della rabbia di suo padre e della sua disattenzione. Suo padre trascorre il suo tempo visitando i bar della città e si ubriaca completamente ogni giorno mentre sua madre si immerge nel suo lavoro per non vedere le difficoltà che affligge la sua famiglia.

I genitori di Christiane divorziarono pochi mesi dopo il loro arrivo in città, Christiane decise di andare a vivere con sua madre. Tuttavia il loro rapporto non cambia, la madre lavora sempre troppo e ha già una nuova uomo nella sua vita.

Come risultato di tutti questi cambiamenti brutali nella sua vita, Christiane inizia a fare qualsiasi cosa, all'età di 12 anni Christiane può stare fuori fino a mezzanotte senza che nessuno si preoccupi e lei ne beneficia.

Disturbata da questi eventi che interrompono la sua vita, la ragazza gradualmente regredirà a scuola fino a diventare un idiota, accumulerà brutti voti e ritardi e assenze. Nessuno o persino i suoi genitori la aiutano in questa difficile situazione. Incontrerà Kessi, un'adolescente un po 'più grande di lei in "La casa di mezzo", un luogo in cui si riuniscono i tossicodipendenti.

A Christiane piacerà andare in questo posto, unirsi ai suoi pochi amici e incontrare nuove persone, ovviamente drogate. La giovane adolescente cadrà gradualmente in questo stato d'animo. Fumerà anche il suo prima "spinello" durante una serata in questo posto. Fumare, bere e divertirsi sono le cose principali che la interessano da questo momento in poi, non le importerà più di questi genitori, di sua sorella e ancor meno della sua istruzione.

Di fronte ai tormenti, trova la pace fumando ashish e bevendo alcol finché non è più in grado di pensare; ma presto questo la porterà a un inferno sempre più profondo: LCD, metanfetamina, eroina.

Incontrerà un certo Detlev, un giovane drogato, che in seguito diventerà il suo ragazzo di cui si innamorerà perdutamente. È con lei che Christiane sarà incoraggiata a consumare eroina, è con lui che avrà questi primi rapporti sessuali.

Dopo aver scoperto che sua figlia stava assumendo droghe, sua madre cercherà di aiutarla a disintossicarsi mandandola in centri specializzati, ma alla fine si arrenderà a causa delle sue fughe dal centro di disintossicazione e a causa ricadute. In seguito, suo padre cercò disperatamente di aiutarla accogliendola nella sua casa, invano. C'è anche Detlef, che ama Christiane e che si prostituisce nella metropolitana dello Zoo di Berlino, che le offrirà aiuto più volte per disintossicarsi insieme, ma ogni volta ripiombano contemporaneamente nell'abisso delle droghe.

Gli ostacoli di Christiane sono la droga e il non potersi staccare dalla vita che conduce, anche se lo vuole irresistibilmente, ma non con sufficiente forza. Ciò che ha fatto precipitare tutto è stato il suo "giro" di cattive conoscenze, ma anche l'inefficienza dello Stato nel creare centri per giovani tossicodipendenti e anche il fatto che la Germania non si prende cura a sufficienza delle città in difficoltà.

Christiane, per aiutare Detlev a pagare la droga, decide di prostituirsi, anche se all'inizio Detlev fa di tutto per dissuaderla. Il primo grande calvario che Christiane dovrà affrontare sarà proprio il giorno in cui inizierà a prostituirsi per 100 marchi, costretta a farlo da una crisi da astinenza per comprare la sua dose.  Coloro che approfittano dell'impotenza di Christiane, come gli uomini in cerca di giovani prostitute, sono anche la causa della sua distruzione. Quando prostituirsi non basterà più, Christiane e i suoi amici compiranno di tanto in tanto serie di piccoli furtu, finendo così per essere noti alla polizia locale e a venire in diverse situazioni portati in prigione.

Christiane torna a casa sempre meno, o quando ritorna ruba i soldi a sua madre. Trascorre tutto il suo tempo con Detlev, vivono anche per un po' con uno dei loro clienti, un uomo sulla quarantina, piuttosto privo di compagnia e affetto.

Molte cose di queste pagine lasciano sgomenti, tra le altre quando Christiane parla di due care amiche, anch’esse schiave dell'eroina e destinate a una morte precoce: Babsi e Stella. La prima, il cui nome completo era Babette Döge, divenne suo malgrado "famosa" per essere stata la più giovane ragazza tedesca a morire per colpa dell’eroina, a soli quattordici anni.

La via della disintossicazione viene tentata più volte senza successo a causa di continue ricadute. I centri di riabilitazione non funzionavano e non impedivano ai propri ospiti di procurarsi nuove dosi. Oltre a Babsi e Stella muoiono altri due amici di Christiane Atze e Axel. Christiane depressa, tenta a sua volta il di farla finita con una overdose, da cui tuttavia si salva.

La vicenda del libro si conclude nel 1977, quando la madre di Christiane decide di mandarla a vivere con una zia in una zona di campagna vicino ad Amburgo. Lontano dallo "Zoo di Berlino" e in un ambiente più semplice, Christiane riesce lentamente a uscire dalla sua dipendenza autodistruttiva.

Che fine ha fatto Detlef

Nel 1995 il settimanale tedesco Spiegel ha pubblicato uno speciale ai personaggi di Noi, ragazzi dello zoo di Berlino, per raccontare come era andata a finire per i "sopravissuti". Il compagno di Christiane Detlef, si sarebbe disintossicato dall'eroina nel 1980 in Svezia. Fino al 1995 viveva con la sua compagna a Berlino, lavorava come autista di autobus e si dedicava ad attività di volontariato. Parlando della sua relazione con Christiane, in quella occasione, ha sostenuto che si era trattato più di una di un legame tra tossicodipendenti che non di un vero e proprio legame affettivo.

Dei ragazzi dello Zoo di Berlino, Detlef  appare quello che più di tutti è riuscito a distaccarsi dal suo passato. Nonostante questo, al termine dell'intervista, afferma che essere una volta drogato significa in fondo esserlo per sempre e che gli capita ancora di sognare, nei suoi incubi, l'esperienza con l'eroina.
 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

 

Torna su

 

Ostelli Berlino   Ostelli Germania

Carte d'Allemagne Karte von Deutschland  Mapa  Alemania   Map of Germany

Carte de Berlin   Karte von Berlin      Mapa  Berlín     Map of Berlin

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal