Personaggi famosi di Parigi

Sei qui: Parigi >

Personaggi famosi di Parigi

 

Napoleone

Victor Hugo

Voltarie

Moliere

Artisti a Parigi: Modigliani, Picasso, Dalì

 

Fra i personaggi famosi di Parigi troviamo i più grandi nomi della storia della Francia. Grandi personaggi che hanno lasciato il segno in Europa e nel mondo, in diverse aree del sapere e dell'arte mondiale. Come non ricordare Napoleone Bonaparte, che benché nato in Corsica fece di Parigi la dimora di una nuova Europa imperiale? E che dire di uomini del sapere come Voltarie, Moliere, Diderot, d'Alaembert, Victor Hugo, grandi padri della letteratura e del pensiero filosofico della nostra storia? E i tanti artisti che hanno fatto di Parigi il loro laboratorio di sperimentazione? Picasso, Dalì, Chagall, Modigliani, Duchamp...

Il mondo dello spettacolo non è stato da meno, tra tutti Brigitte Bardot o François Truffaut, due personaggi il cui nome è legato per sempre al cinema francese. E come non citare anche Carla Bruni che della Francia e di Parigi ha fatto la sua seconda dimora, donna elegante, bella e certo scaltra. Di seguito, in dettaglio, alcuni dei personaggi che hanno reso grande nel mondo il nome di Parigi.

 

Uno dei personaggi di Parigi che è entrato nell'iconografia della città per restarci è Amelie Poulein. Un personaggio di fantasia del film, Il Fantastico mondo di Amelie, che è riuscito a diventare "reale" nell'immaginario di milioni di persone che per cambiare il corso di vite a volte piatte e rassegnate vorrebbero avere l'arma in più della fantasia.

 

Napoleone Bonaparte

Napoleone occupa un posto importante nella storia di Parigi e della Francia e viene ricordato nel mondo come uno dei più grandi leader militari della storia. Divenuto imperatore di Francia, conquistò gran parte dell'Europa grazie a una serie di geniali esperienze militari. Napoleone Bonaparte nacque il 15 agosto del 1769 in Corsica, da una famiglia di piccola nobiltà.  Nel 1789 quando esplose la Rivoluzione Francese era sostenitore di Robespierre e successivamente si distinse per aver soffocato una rivolta nell’ottobre 1795. Educato alla scuola militare nazionale, fu rapidamente promosso e nel 1796 venne nominato comandante dell'esercito francese in Italia, dove si distinse per aver costretto l'Austria e i suoi alleati alla pace. Seguirono una serie di successi che fecero del giovane Bonaparte un eroe agli occhi dei francesi. La campagna d’Egitto (allora dell'Impero Ottomano e alleato con la Gran Bretagna) non fece che aumentare la sua fama, nonostante la sconfitta contro gli inglesi nella Battaglia del Nilo (attuata nel tentativo di sopprimere le rotte commerciali britanniche verso l'India).

Rientrato a Parigi, Napoleone ritrovò il governo centrale in piena crisi. Tutto sembrava presagire un imminente cambiamento di potere, che infatti egli provocò attraverso un colpo di stato nel novembre del 1799. A questo seguì l'istituzione del Consolato (egli stesso diventò primo console). Nel 1804, nella chiesa di Notre Dame, Napoleone Bonaparte divenne imperatore di Francia con il nome di Napoleone I. Durante il periodo imperiale egli riuscì a riorganizzare in modo eccellente la centralizzazione del governo, fu abile a gestire la creazione della Banca di Francia e il ripristino del Cattolicesimo come religione di Stato. Venne inoltre varata la riforma del diritto con il Codice napoleonico, il cui contenuto fu dettato a voce da Napoleone in pochissimo tempo. Dopo la vittoriosa Battaglia di Marengo e la sconfitta degli austriaci, Napoleone stabilì saldamente il potere francese sul continente.

Nel 1803 si riaccese la guerra contro la Francia da parte della Gran Bretagna, alleata alla Russia e all'Austria, che portò alla sconfitta dei francesi per mano degli inglesi a Trafalgar (1805). La sconfitta segnò l'abbandono del progetto napoleonico dell'invasione dell'Inghilterra. Napoleone si rivolse quindi contro le forze austro-russe, sconfiggendole ad Austerlitz. Il territorio conquistato fu notevole (andava ad includere l'annessione delle terre prussiane), tanto che Napoleone ottenne il controllo di buona parte dell'Europa, anche tramite parenti e fedelissimi a cui aveva garantito l'insediamento al potere in Olanda, Westfalia, Italia, Napoli, Spagna e Svezia, attraverso la politica ma anche attraverso i matrimoni combinati a fini politici.

I progetti grandiosi realizzati a Parigi sotto Napoleone continuano ancora oggi a rappresentare simboli identificativi della città: in particolare l'Arco di Trionfo per la gloria dei suoi eserciti, la Colonna di Vendôme, la Madeleine, la Borsa. Durante il regno di Napoleone I la vita quotidiana dei parigini migliorò di molto, vennero costruiti mercati e macelli, migliorata la distribuzione dell’acqua e la circolazione, con nuove corsie stradali e ponti sulla Senna.

Nel 1808 ebbe inizio la guerra d'indipendenza spagnola, il più grande conflitto fra tutte le Guerre Napoleoniche, terminata con la sconfitta delle truppe francesi nel 1814. Due anni prima Napoleone ricevette un duro colpo anche in Russia. Nel 1810 egli annullò il matrimonio senza figli con Josephine de Beauharnais e sposò la figlia dell'imperatore d'Austria, nella speranza di avere un erede, che nacque qualche anno dopo e a cui fu dato il nome di Napoleone Francesco (conosciuto anche come re di Roma). Alla crisi militare seguì una grave crisi economica che causò numerosi fallimenti commerciali ed un aumento della disoccupazione. Nel 1814 Parigi cadde in mano agli alleati, con il conseguente famoso esilio di Napoleone sull'isola d'Elba, in Toscana. Nel marzo del 1815, sfruttando l'impopolarità di Luigi XVIII, Napoleone ritornò a Parigi, ma 100 giorni dopo il suo ritorno, l’avventura imperiale si fermò a Waterloo, con una nuova sconfitta; era il 18 giugno 1815. Imprigionato dagli inglesi nella remota isola atlantica di Sant'Elena, Napoleone morì il 5 maggio 1821. Le sue ceneri furono trasportate nel 1840 al cimitero monumentale de Les Invalides (Parigi) dove tuttora riposa nel grande mausoleo a lui dedicato.

Torna su

Victor Hugo

Victor Hugo è uno dei personaggio più famosi di Parigi, grande letterato e padre del movimento romantico francese. Nasce a Besançon in Francia nel 1802 e fu costretto ad andare in esilio durante il regno di Napoleone III. Le opposte opinioni politiche e religiose dei genitori di Hugo condizionarono tutta la sua vita, ma solo più tardi, durante gli eventi che portarono alla Rivoluzione francese del 1848, Hugo cominciò a ribellarsi contro la sua educazione cattolica e monarchica, per poi schierarsi come campione del Repubblicanesimo e del libero pensiero.

Nel 1830 fu piuttosto favorevole a Luigi Filippo, re costituzionale dei francesi. Al suo primo romanzo storico, " Notre-Dame de Paris" (1831) seguirono altri pezzi drammatici, " Lorme Marion" (1831) vietato dalla censura a causa di spiacevoli allusioni alla monarchia, " le Roi s’amuse" (1832) anch'esso proibito, (1832), " Maria Tudor" (1833); raccolte di poesie come " les Feuilles d’automne" (1831), " Lucrèce Borgia" (1834), il romanzo " Claude Gueux" (1834) " les Chants du Crépuscule" (1835), " les Voix intérieures" (1837), il suo capolavoro romantico, " Ruy Blas" (1838) e " les Rayons et les ombres" (1840).

Anche la sua vita privata fu intensa: nel 1833 Victor Hugo divenne l’amante dell’attrice Juliette Drouet che recitava in Lucrèce Borgia e Maria Tudor. Questo incontro segnò un passo importante nella vita di Victor Hugo. Juliette, che colloquialmente chiamava " Juju", diverrà sua seconda moglie e vivranno un idillio di oltre cinquant’anni. Nell’anno 1839, Hugo si recò in Svizzera, Alsazia e in Provenza e l’anno seguente, nella valle del Reno. Nel 1841, dopo diversi rifiuti, venne ammesso all’Académie Française. Allo stesso tempo iniziò a scrivere " Les Misérables". Dedicò la sua arte ai valori di libertà e democrazia e dopo la rivoluzione del 1848 si unì alla causa della Repubblica.

Sostenne la candidatura di Carlo Luigi Napoleone Bonaparte come presidente della Seconda Repubblica, ma si oppose al colpo di stato con il quale lo stesso Bonaparte si autoproclamò imperatore con il nome di Napoleone III ( si ricorda a proposito il titolo sarcastico che Hugo diede al nuovo imperatore Napoleon le petit). Quando tentò di organizzare la resistenza, il poeta fu ufficialmente espulso dalla Francia.

Il premio Nobel per la letteratura 2006 Orhan Pamuk si riferisce a Victor Hugo come " ...l'idea dello scrittore...che è sempre schierato dalla parte della giustizia e delle verità...ecco perché una volta i grandi scrittori francesi, a prescindere dal loro maggiore o minore nazionalismo, davano voce all'umanità intera, non solo a quella della loro nazione" [Altri Colori, Orhan Pamuk ed. Einaudi].

Torna su

Voltarie

Altro famoso personaggio francese è Voltaire nato a Parigi nel 1694 con il nome di François Marie Arouet. Poeta, drammaturgo, storico e filosofo, Voltaire fu nemico schietto e aggressivo di ogni ingiustizia, ma soprattutto di intolleranza religiosa (rifiuto di accettare o rispettare le differenze) ed è considerato uno dei maggiori esponenti dell'Illuminismo.

Voltaire sosteneva di essere il figlio 'bastardo' e cioè nato fuori del matrimonio di Rochebrune," poeta minore e cantautore, alla morte della madre (avvenuta quando lui aveva sette anni) e sviluppò una stretta relazione con il suo padrino, un libero pensatore. La sua famiglia apparteneva alla classe medio-alta e da giovane fu in grado di ricevere una formazione scolastica eccellente. Ebbe infatti modo di studiare presso i gesuiti al Collège Louis-le-Grand tra il 1704-1711, mostrando un talento sorprendente per la poesia e sviluppando una grande passione per il teatro e la letteratura. Iniziò a scrivere poesie satiriche nonostante le rigide leggi della censura del tempo.

Alcune parole di troppo contro il reggente Filippo d'Orléans e finì alla Bastiglia nel 1718. Quando uscì di prigione, prese il nome Voltaire creato dall'anagramma del suo stesso nome (AROVET Le Jeune) e iniziò una carriera a Cracovia come poeta e drammaturgo. Dopo un altro soggiorno alla Bastiglia, e una volta rilasciato, fu mandato in esilio in Inghilterra, dove fu accolto dal suo amico Bolingbroke. Qui ebbe modo di incontrare molte figure letterarie dell'epoca ed ebbe modo di conoscere le opere di William Shakespeare. Continuò la sua prodigiosa produzione di saggi, dopo Edipo (1718) e l'Enriade (1728), con la biografia di Carlo XII di Svezia. Al suo ritorno in Francia, scrisse una serie di commedie, drammi e tragedie tra cui Bruto (1730), Zaira (1732), Maometto (1742), Merope (1743), Semiramide (1748) e molti altri. In Francia fu anche riammesso con cautela nella società parigina entrando all'AccademiaFrancese nel 1746. Mentre Voltaire venne inizialmente censurato in Francia a causa della sua critica dello Stato e della Chiesa, le sue 'Lettere sulla Nazione Inglese' (1733) vennero considerate per definizione una delle opere letterarie del periodo illuminista. Lontano dalla società parigina, insieme a Madame du Châtelet, coltivò la passione per la teoria scientifica di Isaac Newton e Descartes, arrivando al 1736 a scrivere il suo Éléments de la philosophie de Newton (1736). Dopo la morte di Madame du Châtelet, Voltaire viaggiò a Berlino, dove fu invitato a vivere alla corte di Federico II. Per il resto della sua vita Voltaire trascorse poco tempo nella sua nazione natia.

Altri lavori pubblicati comprendono Il secolo di Luigi XIV (1752), Micromega (1752), Candido (1759), Trattato sulla tolleranza (1763), L'Ingenuo (1767), Dizionario filosofico (1764) e La Principessa di Babilonia (1768).
Gli ultimi giorni della sua vita trascorsero a Parigi, dove Voltaire fu riaccolto come un eroe, ma morì poco dopo il 30 maggio 1778, all'età di ottantatré anni. Le sue spoglia riposano accanto ad altre notevoli figure letteraria come Victor Hugo ed Emile Zola nel Pantheon di Parigi.

Torna su

Moliere

Un personaggio legato alla storia teatrale francese è Molière, che nacque a Parigi nel 1622. Jean Baptiste Poquelin fu educato in un collegio gesuita che ospitava figli della nobiltà e della ricca borghesia. Durante la sua vita compose alcune delle opere più satiriche della sua epoca in versi, in rima, alcune in prosa, brevi farse e commedie. Fu anche il principale attore comico francese, direttore di scena, drammaturgo e teorico del XVII secolo

Da adulto, la sua vita privata non fu facile. Sposò una giovane attrice della sua troupe, Armande Béjart che ufficialmente era la sorella della sua ex amante Madeleine Béjart, ma che con ogni probabilità era invece la figlia della famosa attrice.

Il teatro di Molière fu influenzato dalla commedia dell’arte italiana con i suoi personaggi e situazioni. Nelle sue commedie egli raffinò i temi e le tecniche, impostando la maggior parte delle sue trame nei dintorni di Parigi. Tra le sue opere principali ricordiamo: il Medico Volante(1645), Le preziose ridicole(1659), La scuola dei mariti (1661), La scuola delle mogli(1662), L'improvvisazione di Versailles(1663), Il tartufo(1664), Don Giovanni o il convitato di pietra(1665), il Misantropo (1666), l'Avaro(1668), il Borghese gentiluomo (1670), Il malato immaginario(1673).

Moliere si sentì male sul palcoscenico del Palais Royal la sera del 17 febbraio 1673. Morì all’età di 51 anni nella sua casa, la sera stessa. In modo quasi illegale la notte del 21 febbraio 1673 fu sepolto. Il clero di Saint Eustache, rifiutò di dargli una sepoltura cristiana a causa della scomunica decisa per tutti gli attori. Armande Béjart, sua moglie, andò personalmente da Luigi XIV per richiedere la sua intercessione presso l’Arcivescovo di Parigi. Grazie a questo intervento il corpo fu sepolto nel cimitero di S. Giuseppe, ufficialmente ai piedi della Croce. Sono tuttavia ancora molti i misteri legati all'esatto luogo di sepoltura dell'autore: nel 1792 a seguito della chiusura del cimitero vennero riesumate le sue ossa, che però si credete inizialmente fossero situate in un determinato punto del cimitero. La confusione generata ha suggerito nel corso del tempo che i resti trasferiti nella sua tomba attuale, in verità, non siano quelli di Moliere.

Torna su

Artisti a Parigi

Astrazione e pittura contemporaneaDopo la Grande Guerra e fino ai primi anni '30, Parigi è in grande fermento: la sua atmosfera cosmopolita, mondana e liberale, l'esplosione della musica jazz, i teatri, i caffè, le gallerie d'arte, attraggono da ogni angolo d'Europa e d'America le più grandi personalità dell'arte, della cultura, dello spettacolo. Il clima che si respira è quello di una grande rinascita, ferve la sperimentazione, sono questi i cosiddetti "anni folli" che vedono i maestri della modernità, come Monet, Matisse, Mondrian, Picasso, Modigliani, Chagall, Duchamp, De Chirico, Mirò, Magritte e Dalì, protagonisti nella scoppiettante Parigi, la Ville lumière. In città, sotto la sigla della "Scuola di Parigi", si afferma una nuova generazione di artisti stranieri, giovani talenti dallo spirito libero e irrequieto, nei cui nudi e ritratti rivivere l'atmosfera bohemienne internazionale del quartiere di Montparnasse. Accanto a loro, i protagonisti della rivoluzione cubista sono ormai delle celebrità: Picasso, Braque, Léger, firmano raffinati capolavori che fotografano calici, bottiglie, strumenti musicali, ritraendo il clima brillante e mondano dei caffè e dei salotti parigini.  questa Parigi fu un laboratorio internazionale di creatività per tutte le arti, dalla pittura alla fotografia dal teatro al cinema, dalla musica alla poesia. La Parigi degli anni '20 è stata anche il palcoscenico di alcune tra le più imprevedibili provocazioni artistiche del Novecento. Le convenzioni morali e culturali della società borghese sono il bersaglio delle creazioni di Duchamp, Picabia, Man Ray, con il loro spirito ironico, ribelle, si confrontano con i loro contemporanei. Può interessarti anche il nostro articolo sulla Pittura moderna o contemporanea.

 

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

 

Torna su

 

Ostelli Parigi   Ostelli Francia   Hotel a Parigi
Carte de Paris
    Karte von Paris Mapa Paris    Map of Paris

Carte de France  Karte von Frankreich      Mapa Francia     Map of France

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal