Piante contro inquinamento in casa

Sei qui: Stili di vita

Piante contro l'inquinamento domestico, piante antismog

Uscendo di casa ci imbattiamo quotidianamente in smog ed inquinamento, ma dentro la nostra casa, l'aria è pulita? Istintivamente risponderemo di si a questa domanda, in realtà non sempre è così, anzi pare che in casa il livello d’inquinamento sia molto più alto...

Quali inquinanti?

Radon, polveri sottili, formaldeide, prodotti per la pulizia della casa, fumo, sostanze contenute in candele ed incensi, antitarme, cosmetici (soprattutto spray), insetticidi, tutti questi prodotti e altri mettono a rischio la nostra salute.

 

 

Minimizzare i danni si può e si deve. Contro l'inquinamento domestico, si possono attuare varie strategie e le piante possono aiutarci. Proprio così, numerose piante hanno proprietà in grado di contribuire a depurare l'aria di casa.

 

Elenco delle principali sostanze nemiche della salute

 

Formaldeide (battericida utilizzato praticamente ovunque, può creare gravi irritazioni agli occhi e alle mucose, peggiora l'asma). E' un gas che evapora dai mobili in truciolato, dalla colla da moquette, dalle tappezzerie e dai detersivi.


Benzene, xylene e tricloroetilene (sostanze che si trovano nelle vernici, sulla tappezzeria, nelle fotocopiatrici). Il benzene nasce dalla degradazione di detersivi chimici tensioattivi e può provocare problemi respiratori e si ritiene cancerogeno. Lo xilene è usato come solvente nella stampa, per la lavorazione di gomme e cuoio, come agente pulente per acciaio e diluente per le vernici. Il tricloroetilene è un solvente che viene usato in molti composti organici, per l’estrazione di oli vegetali come soia, cocco e palma e viene anche adoperato per la decaffeinazione del caffè e l’estrazione di essenze, causa confusione mentale, mal di testa, difficoltà di movimento.


Ammoniaca, Acetone e Alcol (contenuti nei detersivi e nei prodotti cosmetici)

 

Fumo: particolarmente nocive le particelle che ne derivano e che rimangono sospese nell'aria. Vivendo a casa con un fumatore, anche chi non fuma entra in contatto con queste sostanze e con il diossido di azoto in esse contenute. Tanto peggio se il fumatore passivo è un bambino. L’abitudine di fumare in terrazza o affacciati alla finestra, sempre più diffusa anche nelle nostre case, contribuisce a mitigare il problema, ma anche le piante possono depurare l’aria.

Torna su

 

Le piante riescono seriamente a combattere queste sostanze irritanti?

 

Piante antismogDopo il primo passo che consiste nell’informarsi e sapere quali sono le fonti d’inquinamento presenti in casa nostra, il secondo passo contro l’inquinamento domestico è evitare certi prodotti inquinanti, preferirne altri, leggere bene le etichette e anche tenere alcune piante in casa, che sicuramente renderanno il nostro ambiente più bello e più sano. Grazie all'uso delle piante a casa, gli effetti negativi di queste sostanze vengono notevolmente diminuiti. Le piante ci aiutano ad assorbire e rimuovere le sostanze chimiche volatili presenti negli ambienti chiusi (VOC), riuscendo a demolirle e lo sanno fare in tempi brevi. Alcune piante sono attive anche contro l’inquinamento elettromagnetico. Già la NASA durante gli anni '70 parlò degli effetti benefici, nelle nostre case, delle piante perché riconosciute come capaci di disattivare le sostanze organiche nell'aria. 50 piante purificanti furono studiate dal giovane Bill Wolverton, assunto per valutare l’aria delle navicelle spaziali. Gli stessi esperimenti furono estesi alle abitazioni, con risultati incredibili: alcune piante assorbono fino all’80% delle sostanze nocive volatili (metalli pesanti e sostanze tossiche) presenti nelle stanze.

 

Piante antismog per l'ufficio?

 

La Tillandsia, ad esempio, che trae le sostanze nutritive direttamente dall'aria (per questo viene anche chiamata "pianta dell'aria") è attiva contro le cariche elettrostatiche e per questo è perfetta vicino alla tv o al monitor del computer; deve stare alla luce e richiede poca acqua, meglio se nebulizzata con uno spruzzino. Ovvio che più di una sola pianta sarebbe meglio, poiché si è visto che La Tillandsia cattura gli inquinanti e riesce ad assorbirli ed eliminarli, metabolizzando gli inquinanti nella quantità di 0,2 milligrammi per chilogrammo di pianta. Costa poco e sono già state ipotizzati pannelli da attaccare alla parete per disinquinare un appartamento. L'Areca che riesce a combattere moltissimi dei responsabili dell'inquinamento domestico, è attiva contro formaldeide, xilene, toluene e ammoniaca, è resistente e necessita di poche cure. Secondo alcuni studi rimuove al tasso di 19 microgrammi/ora xilene e toluene dai nostri ambienti.

Torna su

Piante anti inquinanti per appartamento


Ogni pianta ha la sua funzione, scopriamo, ora insieme quali possono essere quelle più comuni da utilizzare a casa come piante anti inquinamento:


Chamaedorea Seifrizii (riesce a contrastare gli effetti negativi di benzene e formaldeide e umidifica l'aria durante l'inverno)

 

Areca (riesce a combattere moltissimi dei responsabili dell'inquinamento domestico, attiva contro formaldeide, xilene, toluene e ammoniaca).

 

Piante anti inquinamentoDracena (il nemico principale della formaldeide, ma anche dello xylene e del tricloroetilene, combatte anche diverse sostanze contenute negli oli e nelle vernici). E' una pianta facile e forte, vive anche se c'è poca luce, resiste anche alla vicinanza a termosifoni, agli spifferi d’aria fredda. Vuole poca acqua e non richiede concime. Da evitare la luce diretta del sole. Sta bene anche in zone luminose. Attenzione se avete animali in casa perché per loro risulta tossica.

 

Edera (Riduce gli effetti della formaldeide, del tricloroetilene, del benzene e delle particelle emesse dalle feci degli animali domestici).

 

Spatifillo (per combattere acetone, benzene, formaldeide e alcol)

 

Piante anti inquinamentoSansevieria Trifasciata (nella foto a lato) da tenere in camera da letto o in bagno, perché emette ossigeno al posto di anidride carbonica, questa pianta è conosciuta con il nome più comune di " Lingua di Suocera" ed è in grado di filtrare la formaldeide).

 

Aloe Vera (pianta che si può tranquillamente tenere in camera da letto o in cucina, riesce a combattere la formaldeide e il benzene. E’ possibile accorgersi se la nostra stanza è inquinata, vedendo delle piccole macchie marroni sulle foglie dell'aloe, indicano il grado di inquinamento dell'aria).

Torna su

 

A proposito di piante in camera da letto, molte persone continuano ad essere restie all'utilizzo delle piante in camera, dovete sapere invece che il quantitativo di ossigeno che una pianta consuma in camera da letto non è rilevante, a condizione che in camera non ci siano ovviamente troppe piante. Gli studiosi, inoltre sostengono che alcune piante, nella zona notte, servano a diminuire lo stress, grazie alla rimozione delle sostanze dannose che ci sono nell'aria. Una o due piante in camera, quindi, aumenteranno il nostro rilassamento. Bisogna, però scegliere accuratamente le piante da tenere in camera da letto, alcune di esse emanano ossigeno anche di notte al buio e contribuiscono così a favorire il sonno. Tra le piante da tenere in camera da letto oltre alle sopra citate aloe vera e sanseveria ( che molti chiamano " Pianta della camera da letto" per il rilascio di notevoli quantità di ossigeno), sono consigliate l'orchidea, il ciclamino, l'edera, la begonia  Il conciliatore del sonno, invece è il gelsomino che aiuta anche a ridurre ansia e stress, grazie al suo odore delicato.

 

Piante anti inquinamento PothosPothos (attivo contro monossido di carbonio, benzene, xilene e toluene)

Facile da tenere in appartamento, ama la luce (non diretta) e l'umidità. 

 

Liriope Spicata (serve a ridurre l'ammoniaca)

 

Tulipano (nemico dell'ammoniaca, dello xylene e della formaldeide)

 

Ficus (riesce a neutralizzare la formaldeide, il fumo, il benzene e tricloroetilene, bisogna porla in una stanza luminosa e annaffiarla regolarmente)

 

Gerbera (Combatte la trielina, che si trova in alcuni vestiti, attiva contro ossido di carbonio, ossido di azoto, acido cianidrico e benzopirene)

 

Crisantemo (i più superstiziosi saranno restii a tenerlo in casa, ma questo fiore è nemico del benzene, che si trova nei detersivi, nelle vernici, nelle calze e nelle plastiche. Ha bisogno di molta luce)

 

Azalea (ideale contro la formaldeide, i gas chimici in generale e le schiume, ha bisogno di un ambiente fresco)

 

Importante: per far si che l’assorbimento dell’inquinamento avvenga nel modo più efficace è benee pulire spesso le foglie delle piante, lavandole con dell’acqua o passandoci un panno umido.

E poi, diciamola tutta, le piante decorano notevolmente l'ambiente domestico e

Non c’è niente di inutile in natura; neppure la stessa inutilità;

niente s’è intromesso in questo universo che non abbia posto adatto

 (Michel De Montaigne)

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

Torna su