PUBBLICITA' GIORNALE ONLINE - VENDERE PUBBLICITA'

Sei qui :  Idee imprenditoriali >  Fare un giornale online >

La pubblicità su un giornale online - Vendere pubblicità online

 

I quotidiani cartacei, anche quelli locali, risultano abbastanza appetibili per gli investitori, perché hanno una storia e un certo prestigio. Storia e prestigio non sono invece ancora elementi caratterizzanti l'editoria on-line, dove l'immagine è tutta da costruire. Le aziende sono scarsamente propensi a fare pubblicità su un giornale on-line e non percepiscono il potenziale di raggiungimento del cliente/lettore. Ultimamente però, visto il crescere dell'utenza internet e i lettori dei giornali online (alcune grandi testate storiche  hanno dichiarato che fra qualche anno pubblicheranno solo giornali online), le aziende si stanno avvicinando a questo mondo.

Gli strumenti per la pubblicità online non sono di diverso tipo: il classico banner, sponsorizzazioni dirette, e-mail, link sponsorizzati, pop up, keyword advertising…

pubblicità onlineLe campagne pubblicitarie online possono essere programmate in tutti i loro elementi e monitorate completamente e in modo accurato attraverso un software chiamato Adserver. Le campagne gestite tramite questo software sono di diverso tipo, le principali si basano o sulle impressioni, ovvero le volte che messaggio pubblicitario compare in un determinato arco di tempo, oppure su cui click, le volte in cui il messaggio pubblicitario viene cliccato (e non solo visto). In pratica nel primo caso il cliente paga per quante volte il suo annuncio viene visualizzato, nel secondo caso paga per quante volte l'utente clicca sopra in messaggio è quindi visita il suo sito.

Un tipo di pubblicità gestita in modo automatico è quella che lega il messaggio pubblicitario al contenuto della pagina, ovvero a uno più parole chiave contenute in essa. Si parla di keyword advertising. Tenete conto che per guadagnare con questo sistema dovrete avere molte pagine online (almeno 500) e ben posizionate.

Ci sono senza dubbio problemi di sopravvivenza per i giornali online quindi il miglior modello di business da seguire per salvarsi è il modello multi reddito, ovvero il cercare di avere più fonti di pubblicità, siano esse pubblicità pagata dalle aziende direttamente, keyword advertising, accordi e partnership con siti di commercio elettronico, vendita di contenuti a altri soggetti. Facciamo due esempi pratici: si possono fare accordi con aziende interessate a vendere online i loro prodotti e servizi (un giornale online locale che si accorda con le aziende del posto per vendere prodotti tipici); si possono vendere i contenuti attraverso una pubblicazione dei propri contenuti in distribuzione presso hotel e strutture ricettive del territorio (un bollettino aggiornato settimanalmente per i turisti ospiti in albergo che elenca e descrive eventi, feste, sagre, avvenimenti del luogo e dei dintorni).

Dove inserire la pubblicità? La pubblicità solitamente non si trova in modo massiccio in home page ma nelle pagine interne. In prima pagina si usa spesso un riquadro che si trova a lato della testata, di dimensioni non eccessive ma di grande impatto visivo. In prima pagina compare spesso anche un richiamo a eventuali supplementi, argomenti di altre pagine, allegati/ servizi di prossima uscita.

I richiami tendono avere una cornice ben definita e un colore che li differenzia da quello della pagina. Entrambi i tipi di riquadri non devono avere dimensioni eccessive per permettere al lettore di non essere disturbato e proseguire nella lettura secondo la priorità dei suoi interessi.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

 

Torna su

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal