Storia di Ronda

Storia di Ronda

Ronda ha una storia molto antica, una delle città in assoluto più antiche della Penisola Iberica. Una storia che comincia dal neolitico, con insediamenti celti, greci, fenici, romani e arabi. Ciò che rimane città vecchia (La Ciudad) risale soprattutto all'epoca moresca quando in città sorgevano moschee e splendidi palazzi. Grazie al connubio tra inaccessibilità del luogo e ricchezza economica davuta alla consistente rete di scambi commerciali.

 Ronda ha sempre attirato malfattori e personaggi di pochi scrupoli le cui picaresche vicende sono ormai parte integrante del folklore nazionale andaluso e spagnolo. La città entrò a far parte della letteratura europea e non solo a partire dal XIX secolo diventando una meta di poeti, scrittori e artisti, tra cui Rainer Maria Rilke, Alexandre Dumas, fino a  Ernest Hemingway a Orson Welles. Anche se i reperti preistorici città sono stati trovati risalenti al Neolitico , tra cui i dipinti della Grotta del Pool , le origini dei primi insediamenti di Ronda sono celtici, popolazioni che nel VI secolo a.C. chiamavano la zona Arunda. Più tardi i Fenici si stabilirono in un villaggio vicino chiamato Acinipo. Arunda, dopo essere stata conquistata dai Greci , da allora venne conosciuta come Runda. Ronda ufficialmente venne fondata a seguito della seconda guerra punica, durante la campagna che il generale romano Scipione fece contro i Cartaginesi che dominavano la Hispania alla fine del III secolo a.C. Fu allora che venne costruito il castello di Laurus che incoraggiò l'insediamento di persone e che raggiunse al tempo di Giulio Cesare il rango di città, divenendo con i suoi abitanti, e con quelli della vicina Acinipo, cittadini Romani.

Nel V secolo, dopo la dominazione Romana, la città fu presa dagli Svevi di Galizia comandanti Rechila, poi dopo aver attraversato un periodo bizantino, Acinipo fu infine abbandonata fino Leovigildo che la  integrò nel regno visigoto .

Medioevo

Nel 711 si verifica l' invasione musulmana della penisola Iberica e nel 713 , senza combattere, il capo berbero Zaide Ben Kesadi Il Sebseki prende possesso della città che viene rinominata Izn-Rand Onda (Città Castello) e divenne la capitale della provincia andalusa di Takurunna .

Con la disintegrazione del califfato di Cordova, il centro di Takurunna si spostò a Taifa di Ronda (Banu Ifran), un regno indipendente governato da Abu Nur Hilal Ben Abi Qurra, e sarà in questo periodo che venne creato parte del patrimonio monumentale a disposizione della storica città di Ronda e la periferia. Ad Abu Hilal Nur successe il figlio Abu Nasar, che dopo essere stato ucciso e deposto causerà la perdità dell'autonomia di Ronda che entrerà a far parte del regno di Siviglia di al-Mu'tadid.

Il periodo islamico terminò quando la città, il 22 maggio del 1485, venne conquistata da Ferdinando II d'Aragona dopo un lungo assedio. Dopo la conquista molti dei monumenti eretti dai musulmani vennero adattati alla nuova situazione. In questo periodo si assistette a una nuova fioritura architettonica che si estese a nuovi quartieri come il Mercato di San Francisco.

Prima età moderna

Nel 1572 venne fondata la Reale Cavalleria di Ronda. Tra il XVI e XVII secolo la maggior parte della città era già come si presenta oggi. La vecchia medina prende il nome dalla città, mentre il quartiere dello Spirito Santo si chiama Barrio quartiere di San Miguel, Barrio Alto e Bajo. I nuovi quartieri come San Francisco e quello del mercato, testiminiano il grande sviluppo costruttivo di questo periodo, con ospedele, chiese, monasteri, ecc

Nel XVIII secolo la città conobbe un periodo di costruzione di importanti edifici tra cui il nuovo ponte, che è oggi considerato il simbolo della città, e la bellissima Plaza de Toros , la più antica e monumentale del mondo, opera di Martino Aldehuela. Da questo momento in poi si crearono i miti romantici di banditi e toreri per cui Ronda poi venne conosciuta nel folclore spagnolo.

Età contemporanea

L'invasione di Napoleone e la successiva guerra d'indipendenza spagnola (dalla Francia) ebbe un particolare virulenza tra le montagne di Ronda. Il castello di Laurel, la cittadella di Ronda, venne distrutto dai francesi nel loro ritiro e numerosi mulini e coltivazioni vennero rovinate, lasciando la zona in una situazione economica molto precaria. La città fu oggetto di pagamento di imposte più elevate e cibo quotidiano, che soffocavano l'economia locale. La produzione industriale e l'allevamento venne ridotto a meno della metà e un terzo dei frutteti andarono in rovina a causa del gran numero di uomini che lasciarono Ronda per le montagne per combattere i francesi. Infatti, la popolazione scese da 15.600 a 5.000 persone in tre anni.

L'invasione francese fu anche l'origine del fenomeno del brigantaggio nella zona, a causa della formazione di guerriglieri per combattere gli invasori francesi, i quali, dopo le devastazioni della guerra, rimasero senza mezzi di sussistenza e riversarono le doti appena acquisiti in assalti alle strade e smercio di prodotti di contrabbando con Gibilterra. Questo fenomeno fu ampiamente sfruttato dai viaggiatori romantici come Washington Irving, Mérimée, Ford e Doré , che presero l'ispirazione, mescolando la storia vera con la finzione, forgiando l'immagine romantica che ancora ha la città.

Nel corso del XIX e XX tondo l'attività economica rimane in gran parte rurale, essendo il punto di incontro per gli abitanti dei villaggi delle alture (i cosiddetti Pueblos Blancos) e con momenti di splendore nei primi anni del XX secolo, con l'arrivo della ferrovia.

Dopo la guerra civile spagnola ha vissuto una profonda crisi che ha causato l'emigrazione di molti degli abitanti di Ronda. Da 40 anni a questa parte l'industria turistica è diventata il traino per un nuovo solido sviluppo economico e culturale della città-

Copyright © Informagiovani-italia.com. Riproduzione riservata.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

Torna su


Ostelli Ronda   Ostelli Spagna   Hotel Spagna  Hotel Ronda

Carte d'Espagne  Karte von Spanien     Mapa de España    Map of Spain

Carte Ronda  Karte von Ronda     Mapa Ronda  Map of Ronda  Kaart van Ronda

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal