STORIA DI FRIBURGO

Ann.

Storia di Friburgo

 

Friburgo nasce nel periodo medievale, XI secolo, ad opera dei duchi di Zähringen, per poi divenite ben presto un importante nodo commerciale già nel 1120, anno nel quale le venne attribuito il diritto di esibire in un mercato i proficui commerci già in atto nella zona. Sempre nello stesso periodo si andava inoltre sviluppando la tendenza alla creazione dei depositi di argento nella Foresta Nera, fattore questo che diede un ulteriore incremento all’economia di tutta l’area. Con lo sviluppo commerciale e l'estrazione dell’argento arrivò anche la coniazione delle monete e quelle di Friburgo erano particolarmente ricercate per l’alta concentrazione di argento.

Commercio e miniere portarono inoltre ad un notevole sviluppo democrafico che portò conseguentemente all’estensione urbanistica del piccolo centro: le mura vennero allargate, edificati nuovi sobborghi e costruiti numerosi monasteri.

Dopo un iniziale declino, che vide cedere la successione al conte di Friburgo (che male amministrò le casse del città), la cittadina crebbe in importanza sotto il governo degli asburgo sino a diventare un prosperoso Reichsstadt (dal 1415 al 1427).

Nel 1457 l’Arciduca Alberto VI fondò la prima Università (che fu poi gestita dai gesuiti nel 1620), la quale venne ordinata come un istituto indipendente dello studio e dove vennero insegnate materie come teologia, legge, medicina e arte.

Nel XVII secolo, da piccola cittadina commerciale, Friburgo si sviluppò in una vera e propria fortezza tanto da divenire la capitale occidentale dell’impero austriaco.

Friburgo conobbe anche gli orrori della guerra tra Austria e Spagna, trovandosi più volte sotto assedio, bombardamento e dominazione da parte delle truppe straniere, tra cui svedesi e bavaresi.

Nel 1677 la cittadina venne conquistata dai francesi e sotto gli ordini di Luigi XIV (che letteralmente si innamorò di Friburgo) ne venne ampliata l’urbanistica e completate le fortificazioni con l’inalzamente delle mura circostanti e l’edificazione di una fortezza composta da otto bastioni. L’estensione e la ristrutturazione delle fortificazione vennero affidate al famoso architetto Vauban.

Dopo varie successioni austriache e francesi, Friburgo fu nuovamente sotto il controllo austriaco dal 1745, e napoleonico nel 1805 anno in cui Friburgo venne incorporata nel nuovo Gran Ducato di Baden.

Gli anni successivi videro Friburgo divenire un importante centro economico e politico della vallata dell’alto Reno, mentre il complesso universitario continuava a crescere come importante centro di rinnovo sociale; fu infatti nella Università di Friburgo che vennero accettate le prime iscrizioni in Germania di studenti femminili.

Nel 1933, mentre i nazisti prendevano potere in Germania, Friburgo contava circa 100.000 abitanti e veniva considerata una importante città. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, circa 80% della città era in rovina; durissime furono infatti le incursioni aeree, come quella che nel novembre del 1944 distrusse 9000 case e uccise 2000 persone.

Successivamente Friburgo, nel frattempo sotto occupazione francese, divenne parte del governo amministrativo di Baden. Il dopoguerra vide inoltre un efficace sistema organizzativo di ricostruzione centrato sull’antico modello urbanistico.

Oggi, la cittadina, con circa 200mila abitanti, si sviluppa principalmente, oltre al famoso centro di studi e ricerche, anche intorno a servizi di tipo industriale, di tecnologia medica e farmaceutica, di energie alternative e di elettronica. Ma senza dubbio l’industria trainante di Friburgo non può che essere l'industria turistica che vede ogni anno che passa un numero sempre crescente di visitatori.

Torna su

 

 

Ostelli a Friburgo  Ostelli Germania  Hotel a Friburgo  Hotel in Germania

Carte d'Allemagne      Karte von Deutschland     Mapa  Alemania   Map of Germany

Carte Freiburg   Karte von Freiburg    Mapa Freiburg   Map of Freiburg

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal