Tolstoj

Informagiovani Italia

🌎 Viaggiare in Europa

🛵 Viaggiare in Italia

💁 Visite guidate in Italiano

Articoli  Informagiovani

🏠  Ostelli a Mosca 

🏠  Ostelli in Russia

🏠 Hotel a Mosca 

🏠 Hotel in Russia 

Mappa di Mosca

Mappa della Russia

Jugendherberge  Moscau

 Hostales Moscú

 Auberges de Jeunesse Moscou

 Hostels Moscow

Hostels Russia

Jugendherberge Rußland

 Hostales en Rusia

 Auberges de Jeunesse Russie

 

Lev Tolstoj - Biografia e opere

Sei qui: Biografie >

Lev Nikolaevic Tolstoj è stato (ed è) uno dei massimi scrittori del panorama letterario mondiale, maestro di narrativa realistica. Scrittore e filosofo, ma anche attivista sociale e pedagogo, nasce nel 1828 in una tenuta nobiliare di famiglia, nella campagna russa, a pochi chilometri dalla città di Tula e a circa 200 km da Mosca, nota come Jàsnaja Poljàna (oggi una delle maggiori attrazioni turistiche della regione).

Il nome dello scrittore è legato a opere narrative rivolte all'introspezione filosofica e religiose, alla riflessione morale e a tematiche di resistenza non violenta, espresse in tutti i suoi scritti ma soprattutto nei celebri romanzi come Guerra e pace e Anna Karenina. Ricevete diverse candidature al premio Nobel per la letteratura così come anche al Nobel per la pace, ma mai uno ne vinse.

Nato da una famiglia nobile russa, rimase ben presto orfano di madre all'età di 2 anni (Marya principessa Volkonskaya) crescendo in campagna insieme ai fratelli e alla sorella. Il padre conte Nikolay Ilich Graf Tolstoj morì pochi anni dopo, quando il giovane Tolstoj aveva soli 9 anni. A seguito di diversi altri lutti in famiglia, con i fratelli fu affidato ad una zia, a Kazan, nella Russia occidentale, dove iniziò l'università all'età di 16 anni. Tuttavia la lasciò senza completarne gli studi. Già a quindici anni si manifestò in lui la passione per la letteratura, leggendo Voltaire e Rousseau.  Nel 1847, venne bocciato alla facoltà di lingue orientali. Frequenterà anche la facoltà di diritto con poco entusiasmo, tanto che lasciata l'università si stabilisce nuovamente a Jasnaja Poljana con l'intento di aiutare i contadini di quel luogo.

Nel 1851, nuovamente insoddisfatto delle giornate trascorse nella tenuta natale, parte per il Caucaso, arruolandosi e diventando sotto-tenente d'artiglieria. Coincidenza non fu più prolifera se si considera che il Caucaso a quei tempi veniva visto come luogo di formazione per numerosi scrittori russi. Da qui il giovane Tolstoj ebbe modo di descrivere le vicissitudini militari ma anche umane del conflitto, espresse nel I Cosacchi, sulla annessione del Daghestan e della Cecenia all'Impero russo, e quindi sulla guerra di Crimea, con il ciclo di racconti intitolato Racconti di Sebastopoli. Vi furono nel complesso diversi suoi scritti Istorija v?erašnego dnja (Racconto della giornata di ieri, 1851); Infanzia (1852); Incursione (1853); Otro?estvo Adolescenza (1854); Il taglio del bosco (1855), e Giovinezza (1857). L'orrore della guerra e la vanità degli alti ufficiali, lo portarono a lasciare l'esercito e a spostarsi in Europa occidentale, visitando Francia e Svizzera, ma anche Belgio, Inghilterra, Italia. L'opposizione tra natura e cultura e la preferenza alla prima, accompagnarono Tolstoj in tutto il cammino letterario e di vita. La sua esperienza nell'esercito, così come i viaggi in Europa, convertirono lo scrittore da autore privilegiato in una sorta di anarchico non violento e spirituale. A Parigi gli capitò inoltre d'essere stato testimone di un'esecuzione pubblica, un'esperienza traumatica che lo segnò profondamente. Fu eletto membro della Società letteraria di Mosca nel febbraio 1859.

Tra il 1859 ed il 1860 tornò a Yasnaya Polyana per dedicarsi in particolare all'educazione dei figli dei suoi servi, dando avvio ad una sorta di interludio pedagogico e fondando un centro scolastico  (furono 13 le scuole per i bambini dei contadini russi, recentemente emancipati dalla servitù). Celebre divenne la frase, "Chi dovrebbe imparare a scrivere da chi, i contadini da noi o noi dai contadini?" ("Komu u kogo uchit'sya pisat ', krest'yanskim rebyatam u nas, ill nam u krest'yanskikh rebyat?"). In questi stessi anni, intrisi di necessarie riforme sulla condizione dei contadini, divenne giudice di pace e in svariate controversie svolse il ruolo di intermediario tra nobili e contadini.

Viaggiò per conoscere la teoria e la pratica dell'educazione europea, in particolare tedesca e tra il 1860 ed il 1861 incontrò Victor Hugo, che determinò una forte influenza letteraria e anche politica. In precedenza aveva già avuto modo d'incontrare il filosofo francese anarchico Pierre-Joseph Proudhon e lo scrittore britannico Charles Dickens. Nel settembre del 1860 l'amato fratello Nicolas, morì e in lui affiorarono più profondi sentimenti religiosi. Nel mese di settembre 1862, Tolstoj sposò Sophia Andreevna Behrs (nota come Sonya), una giovane ragazza di soli 18 anni (quasi la metà dei suoi anni), con la quale divenne padre di ben 13 figli nei lunghi anni passati in comune (di questi solo otto sopravvissero all'età adulta). In seguito, il rapporto di Tolstoy con la moglie si deteriorò mentre le sue convinzioni diventavano sempre più radicali.

Pochi anni dopo scriverà Guerra e pace, romanzo serializzato tra il 1864 ed il 1869 (l'opera viene pubblicata nel 1878), e inizialmente non bene accolto dai critici, che rimasero piuttosto scettici sugli argomenti trattati (lo stesso Zar trovò che Tolstoj abbia confuso le vicende storiche narrate): un tema storico sulle grandi riforme e sullo scontro tra liberali e conservatori, su fatti avvenuti cinquant'anni prima, e sulle conseguenze dei grandi dibattiti contro la struttura nobiliare, ma anche sulla emancipazione della donna. Il romanzo successivo, Anna Karenina, 1877 -  seppur iniziata e poi abbandonata nel 1873 - è invece un'opera aggressiva e polemica, che affronta gran parte dei problemi sociali di quegli anni, con i protagonisti, Anna e Levin, che sembrano evolvere in spazi paralleli (il romanzo venne accolto con gran successo dal pubblico, non così dalla critica).

Nel corso degli anni scrisse materiali per un corso completo di istruzione elementare, oltre ad altri scritti e racconti. Tra i due suoi scritti più celebri, ci fu il concepimento di un libro sulla formazione intellettuale e morale del bambino, e scrisse Azbuka ("Sillabario", 1875) e Četyre knigi dlja ?tenija ("Quattro libri di lettura", 1875), con grande successo di pubblico. Con il tempo arrivò una crisi d'identità, tanto che persino la sua produzione letteraria lo disgustò, provocandogli anche sentimenti di ostilità nei confronti della cerchia sociale di intellettuali e scienziati del mondo di allora. Abbandonata l'ortodossia, scrisse una nutrita serie di studi, saggi e polemiche sull'essenza della religione, sul senso della vita, sul dogma religioso,  la pena di morte, la guerra in generale e contro i sistemi politici ed economici vigenti. Molti degli scritti di questi anni saranno infatti censurati, tanto che nel 1901 verrà scomunicato dal Sinodo, nonostante la raggiunta fama gli conceda comunque la possibilità di una continua diffusione dei suoi opuscoli.

Fermo e convinto che l'etica debba prevalere sull'estetica, si adopererà per una nuova definizione di arte, l'arte cristiana, che presenta valore solo se corrisponde alla coscienza religiosa del popolo nel vivere una buona vita. Le sue opere continuano ad essere numerose, e di questo periodo saranno scritti come Il potere delle tenebre (1886),  La morte di Ivan Il'i? (1886), I frutti dell'istruzione (1886-90), La sonata a Kreutzer, (1887-89), e l'ultimo grande romanzo, Resurrezione, del (1899). Molte delle opere più tarde apparvero postume perché l'autore non sentiva più l'urgenza di pubblicarle: E la luce splende nelle tenebre (1896), Il diavolo (1889-90), Padre Sergij (1890-98) e il commosso dramma Il cadavere vivente (1900), tutte pubblicate nel 1911; del 1912 è Chadži-Murat (1896-1904), che chiude il ciclo della grande narrativa tolstoiana. Vi furono raccolte di pensieri, Pensieri di saggi per ogni giorno (1906) e Per tutti i giorni (1906-7).

Divenuto lo scrittore più noto del suo tempo, vecchio e malato, compie l'atto che aveva meditato per anni: prese un treno e fuggì per il Caucaso, abbandonando famiglia e proprietà, ma cadde gravemente malato, morendo dieci giorni dopo la fuga in una stazione di campagna ad Astopovo, il 7 novembre 1910. Al suo funerale parteciparono decine di migliaia di persone giunte da tutto il Paese.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

 

 

Torna su

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal

Offerte del giorno Amazon