Totò

Vita di Antonio de Curtis - Totò - Biografia e opere

 

Tutto il  mondo lo conosce come Totò, ma il suo vero nome è Antonio de Curtis, anzi, per l'esattezza il suo nome intero è Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfirogenito Gagliardi de Curtis di Bisanzio. Totò nacque a Napoli, nel rione Sanità, il 15 febbraio 1898 e morì a Roma il 15 aprile del 1967.  Suo padre, Giuseppe De Curtis non lo riconobbe dalla nascita, infatti, per alcuni anni ebbe il cognome della madre, ovvero Clemente.

Totò negli anni 20'La predisposizione al gioco e allo scherzo la ebbe fin da subito, da quando in classe si divertiva ad intrattenere i suoi compagni facendo imitazioni, raccontando barzellette o aneddoti inventati sul momento e camminando in modo strano. Dopo la scuola elementare, frequentò il collegio Cimino, dove subì un pugno in viso, che gli portò alcuni danni permanenti al mento e al naso. Non aveva molto feeling con lo studio, per tale ragione non concluse gli studi.

La sua vera vocazione era il teatro e ciò appariva chiaramente già dalle prime recite che fece ancora ragazzo. Nonostante fosse ancora giovane irruppe sulla scena, in piccoli teatri, facendosi chiamare "Clerment"; i suoi spettacoli migliori derivavano dall'imitazione di Gustavo De Marco, ciò che piaceva a Totò di questo personaggio era il suo modo di muoversi, simile ad un burattino. Movenze, quelle di De Marco, che Totò ripropose anche in numerose scene dei suoi film. In questi piccoli teatri conobbe personaggi che cambiarono totalmente la sua vita, primo fra tutti, il grande Eduardo De Filippo.

Allo scoppio della prima guerra mondiale, Totò, arruolatosi come volontario venne destinato prima al Reggimento Fanteria e successivamente al Battaglione di Milizia Territoriale in Piemonte. Ad Alessandria venne ricoverato in ospedale, secondo alcuni a seguito di un attacco epilettico e successivamente trasferito a Livorno al Reggimento Fanteria. Qui a Livorno un graduato lo costrinse a diverse umiliazioni, tali da fargli ricordare questo periodo come uno dei più spietati della sua esistenza.

Totò anni 20Dopo il conflitto mondiale avrebbe dovuto arruolarsi in Marina, ma la passione per il teatro fu più grande ed ebbe il sopravvento; Totò, infatti continuò ad esibirsi in piccoli spettacoli come macchiettista. Suo padre, Giuseppe De Curtis, decise di riconoscerlo quando Totò aveva più vi vent'anni e sposò anche sua madre. I due, ufficializzata la loro unione, decisero di trasferirsi a Roma e Totò li seguì, nella capitale divenne uno "straordinario" una sorta di comparsa negli spettacoli, che però non viene pagata. Grazie a questa nuova mansione Totò si avvicinò alla commedia dell'arte e il pubblico apprezzò molto le sue interpretazioni. Totò amava il teatro, ma la sua condizione gli stava stretta, non percepiva alcuna retribuzione, spesso non aveva i soldi per l'autobus e doveva spostarsi da una parte all'altra di Roma a piedi, durante le stagioni invernali, questa situazione diventò insostenibile, ma quando Totò lo fece presente al suo impresario Umberto Capece, chiedendogli anche una minima retribuzione, questi lo licenziò e lo fece sostituire con un altro.

Quella fu una vera delusione per il principe della risata, ci fu un periodo durante il quale si allontanò dalle scene teatrali. Disoccupato, ma soprattutto fortemente demoralizzato, riuscì a risollevarsi solo quando conobbe un genere teatrale che si addiceva molto al suo carattere, ovvero il varietà.  Ricordandosi dei bei tempi, durante i quali imitava Gustavo De Marco, Totò decise di provare il tutto per tutto al Teatro Ambra Jovinelli, il clou del varietà. Totò venne ingaggiato da Giuseppe Jovinelli, il proprietario del teatro e, in breve tempo venne amato dal pubblico.

Questo lavoro gli piaceva, ma lo stipendio era davvero esiguo, con quei soldi non poteva permettersi gli abiti che amava e il taglio di capelli come Rodolfo Valentino, ma fu proprio il suo barbiere di fiducia, un certo Pasqualino che lo mise in contatto con i proprietari del Teatro Sala Umberto. Fu qui, nel Salone Umberto I, che Totò venne definitivamente acclamato dal pubblico e divenne il re degli spettacoli di varietà.

E' sempre durante gli anni Venti che inizia la sua fama, a livello nazionale, con le esibizioni in numerosi caffè e con l'incontro con Achille Maresca e Mario Castellani. Nel 1929 era a La Spezia con Maresca e il barone Vincenzo Scala del Teatro Nuovo di Napoli decise di incontrarlo per ingaggiarlo come vedette in diversi spettacoli.

Totò amava le donne e le donne lo amavanoT, ebbe molte storie, con donne dello spettacolo o con donne che facevano parte del pubblico, qualsiasi donna di bell'aspetto cadeva ai suoi piedi, fino a quando non ebbe l'incontro che cambiò per sempre la sua vita, quello con Liliana Castagnola, conosciuta da tutti come La Sciantosa. Anche lei arrivò al Teatro Nuovo di Napoli nel 1929 e si presentò ad uno spettacolo di Totò, il quale inziò un folle corteggiamento. La loro fu una storia d'amore bella, ma tormentata, Totò divenne sempre più geloso e i litigi furono quotidiani. Liliana cadde in depressione fino ad arrivare al gesto estremo del suicidio. Venne trovata senza vita, con una lettera indirizzata a Totò, quel gesto lo turbò molto; si sentì il diretto responsabile e quel rimorso gli rimase dentro per tutta la vita. Liliana venne sepolta nella tomba della famiglia De Curtis a Napoli.

Il 1930 segna l'avvicinamento di Totò al cinema, con l'avvento del sonoro, il regista Stefano Pittaluga capì che Totò era il volto giusto per sfondare, ma l'attore non era del tutto d'accordo, per tale ragione abbandonò il cinema per il teatro, diventando capocomico per l'avanspettacolo. Il suo stile era del tutto particolare, era uno stile unico, ironico ma non volgare, realistico ma non reale.

Nel 1933 venne adottato dal marchese Francesco Maria Gagliardi Focas ed ereditò dallo stesso tutti i suoi titoli nobiliari. Si trasferì definitivamente a Roma, insieme alla compagna Diana Rogliani e alla figlia Liliana, sposò Diana due anni dopo. Nonostante a teatro fosse diventato una leggenda, grandi registi e produttori cinematografici continuavano a corteggiarlo. Nel 1938 perse un occhio, mentre la vita matrimoniale era sempre più in crisi, fino alla separazione definitiva, con l'annullamento del matrimonio in Ungheria. L'idea del cinema iniziava ad incuriosirlo e decise di interpretare il film "San Giovanni Decollato" che venne amato dalla critica grazie alla grande espressività dell'attore, ai suoi doppi sensi e al suo particolare modo di muoversi.

Siamo nel 1940, il genere teatrale di Totò, quello dell'avanspettacolo stava tramontando, per dar posto alla rivista. Quando debuttò al teatro Quattro Fontane, nella capitale, venne accompagnato da Mario Castellani e da Anna Magnani, ai quali rimase legato per tutta la vita. Durante la seconda guerra mondiale la situazione divenne difficile e Totò venne denunciato, ma riuscì ad evitare la prigione. La sua satira nei confronti dei regimi totalitari del fascismo e del nazismo continuò al teatro Valle, con l'esibizione dal titolo "Con un palmo di naso".

Nel 1944 Totò perse il padre e continuò a lavorare tra teatro e cinema, scrivendo nel frattempo diverse canzoni e numerose poesie. Nel 1949 comparve il primo film, con il suo nome, dal titolo "Totò al giro d'Italia".  Tutti i film che girò, lì girò in tempi record, al massimo in un mese, perchè Totò non amava dilungarsi nei suoi film e soprattutto non voleva sapere nulla sull'eventuale sceneggiatura, affidandosi spesso all'interpretazione, al punto che non imparava mai il copione, ma lo considerava semplicemente una sorta di canovaccio, modificando molte delle battute che gli venivano date.

Non bisogna mai dimenticare che la formazione di Totò era essenzialmente teatrale, per tale ragione durante la recitazione dei film spesso perdeva il filo, essendo più abituato all'improvvisazione. Totò amava recitare, ma soprattutto amava il suo pubblico, per tale ragione inizialmente fu restio nei confronti del cinema, perchè quando recitava una pellicola cinematografica non aveva il contatto diretto con i suoi ammiratori. Totò era abituato ai ritmi teatrali, per tale ragione svegliarsi al mattino per lui rappresentava una vera sofferenza e poi non girava mai giorno 13 o giorno 17, il martedì o il venerdì.

Il suo ultimo capolavoro teatrale fu "Bada che ti mangio!" nel 1949 al teatro Nuovo di Milano, da quel momento si dedicò quasi esclusivamente al cinema. A fianco del grande Eduardo De Filippo girò il film "Napoli Milionaria". Sono di questi anni film del calibro di "L'Oro di Napoli", "Totò cerca moglie", "Totò le Mokò", "47 morto che parla", "Figaro qua, Figaro là".  Nel 1951 scrisse una delle canzoni d'amore più belle di tutti i tempi : "Malafemmena" che secondo molti critici era dedicata all'ex moglie Diana, mentre secondo altri all'attrice Silvana Pampanini, con la quale aveva recentemente recitato e per la quale nutriva una profonda passione.

Vita di Antonio de Curtis - TotòSempre nel 1951 recitò a fianco di Alberto Sordi in "Totò e i re di Roma", l'anno successivo si innamorò nuovamente, questa volta di Franca Faldini, dopo averla vista su un settimanale. La ragazza aveva trentatre anni meno di lui. I due si fidanzarono quasi subito, ma non si sposarono mai, nonostante rimasero legati fino alla morte. Nel film "Totò e le donne" recitarono insieme e nel 1953 le dedicò la canzone "Con te" al Festival di Sanremo.

Negli anni compresi tra il 1953 e il 1955 recitò in ben 17 pellicole, ma fu un periodo segnato dalla morte del figlio Massenzio, subito dopo la sua nascita. La perdita di questo bambino lo spinse a rifugiarsi in se stesso, per diverse settimane. Tornò dopo sulla scena per girare film come "Totò, Peppino e la malafemmina" e "La banda degli onesti". In questi anni si riavvicinò anche al teatro, ma la sua vista peggiorava notevolmente, durante uno spettacolo a Palermo, infatti, ebbe una crisi improvvisa e non ci vide più, ma continuò ugualmente la recitazione. La sua malattia era la corioretinite emoraggica.

Continuò comunque a lavorare, nonostante diversi periodi di riposo e continuando a fumare 90 sigarette al giorno. Nel 1961 vinse la Grolla d'oro alla carriera. Nonostante non ci vedesse quasi più e indossasse sempre un paio di occhiali da sole, riusciva a destreggiarsi nei diversi set, al punto da non far accorgere gli altri di questo suo malanno. Sono di questi anni film come "Totòtruffa 62" "Totò contro Maciste" "Totò e Cleopatra" e "Totò diabolicus".

Vita di Antonio de Curtis - TotòNel 1964 uscì il suo centesimo film ovvero "Il comandante" per il quale venne premiato con la "Sirena d'oro". Oramai era un artista affermato in tutto il mondo, rilasciava interviste a giornali internazionali, famosissima quella con Oriana Fallaci per la rivista "L'Europeo".
Totò continuava a scrivere e pubblicò una raccolta di poesie, dal titolo "'A Livella" che lo consacrò in tutto il mondo in questo ambito e che, ancora oggi, viene recitata ogni 2 Novembre.

Spianò la strada ad attori come Lino Banfi e collaborò con personaggi del calibro di Pier Paolo Pasolini e Federico Fellini. "Operazione San Gennaro" fu uno dei suoi ultimi film. Oramai era famoso anche in Televisione, dove veniva invitato in diversi programmi. Mina lo invitò a partecipare a "Studio Uno" e Mario Riva a "Il Musichiere". Venne ideata anche una serie televisiva in suo onore, dal titolo "TuttoTotò".

Giornale che riporta morte di TotòLa morte lo colse a Roma, in via Parioli, il 15 aprile del 1967 ed era convinto che nessuno si sarebbe ricordato di lui. Amò Franca Faldini fino alla fine, dichiarandole il suo amore anche in punto di morte "T'aggio voluto bene Franca, proprio assai". Ma proprio prima di morire, però, si ricordò della sua infanzia, della sua bella città natale, di Napoli, dicendo "Mi sento male... Portatemi a Napoli." Desiderava un funerale semplice, ma ne ebbe tre, il primo a Roma nella chiesa di Sant'Eugenio e il secondo e il terzo a Napoli, quest'ultimo nel Rione Sanità, tutti e tre accompagnati da una folla di gente.

Totò è da sempre l'attore comico più amato di tutti i tempi e questo l'ha confermato anche un sondaggio del 2009. Totò era amato dalla gente per quel suo stile semplice, per quella umiltà che contraddistingue solo chi ha un cuore nobile, per quella sua schiettezza che fa ridere, fa ridere anche quando non si ha voglia di farlo, per quella sua bontà che riesce, ancora oggi, a descrivere una realtà assoluta.

Il 15 aprile del 2017 per il cinquantesimo anniversario della sua morte, la sua città amata, ovvero Napoli gli ha dedicato un monolite e ha dato vita ad una mostra, dal titolo "Totò Genio" nella quale sono conservati diversi documenti, abiti, cimeli, locandine e testimonianze della sua carriera.

L'Università degli Studi di Napoli Federico II, sempre in occasione del cinquantesimo anniversario della sua scomparsa, gli ha conferito una Laurea Honoris Causa alla memoria in "Discipline della Musica e dello Spettacolo. Storia e Teoria".

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Torna su

 

Ostelli Napoli   Ostelli Italia   Auberges de Jeunesse Italie    Hotel Napoli

Carte Naples   Karte von Neaples  Mapa Nápoles    Map of  Naples

Carte Campanie       Karte von Kampanien   Mapa Campania     Map of Campania

Carte d'Italie   Karte von Italien        Mapa Italia        Map of Italy