ACQUI TERME

VISITARE ACQUI TERME: INFORMAZIONI E PICCOLA GUIDA

Acqui Terme è una città di impronta ottocentesca, comune in provincia di Alessandria, situato sui colli del Monferrato, bagnato dal fiume Bormida. La sua fama come centro termale risale all'epoca romana, quando si cominciarono a sfruttare le proprietà terapeutiche delle sorgenti salso-bromo-solfuree. Il nome attuale deriva da quello latino Aquae Statiellae che i Romani attribuirono alla città da loro fondata, nel territorio già dei Liguri Statielli, attorno alle sorgenti termali, nel II secolo a.C.

 

Il nucleo originale di Acqui Terme è di lontana origine ligure, venne successivamente conquistata e distrutta dal console romano, Marco Popilio. Durante il periodo romano ebbe un forte sviluppo in età imperiale e venne chiamata Acquae Statiellae, da cui deriva il nome attuale. Con la fine dell'Impero romano Acqui soffrì un lungo periodo di decadenza. In seguito venne conquistata dai longobardi entrando quindi a far parte del ducato di Asti. A partire da 978 d.C venne governata dal Vescovo San Guido (che è anche il patrono della città), e fu in questo periodo che cominciò la costruzione della cattedrale della fortificazione della prima cinta muraria. Verso il 1135 divenne libero comune, diventando oggetto di contesa tra i Marchesi di Ponzone e i Marchesi di Monferrato. Acqui Terme seguì le sorti le sorti di Monferrato, quindi del Regno Sardo Piemontese, quindi del resto d'Italia. Con decreto del Presidente della Repubblica del 16 marzo 1956 viene aggiunto al nome Acqui la denominazione Terme.

 

Acqui Terme è un luogo sicuramente da visitare. La cittadina è nota fin dall'antichità per i benefici effetti delle sue acque, che sgorgano a ben 75°C, caratterizzate dall'ipertermalità. Esse sorgono in un parco oltrepassato il fiume Bormida, a poca distanza da quelle che erano le antiche  terme romane di cui sono visibili i resti. Tra gli altri edifici importanti nella cittadina ricordiamo la Basilica di San Pietro di età paleocristiana, il Castello dei Paleologhi, datato intorno all'anno 1000 e il Duomo di età romanica.

L'antico Duomo risale all'undicesimo secolo con rimaneggiamenti duecenteschi. All'interno si trova l'ampia cripta, mentre il chiostro risale al 500. La basilica di San Pietro, che fu un tempo la cattedrale, conserva elementi architettonici risalenti alla sua fondazione. Il Castello dei Paleologhi ospita un interessante museo archeologico con reperti romani. Da un'edicola della seconda metà del diciannovesimo secolo sgorga quella che viene chiamata "La Bollente", cioè l'acqua termale a quasi 80°. Le nuove terme sorgono invece al centro della cittadina, mentre come abbiamo visto le terme antiche si trovano al di là del fiume Bormida, in prossimità dei resti di un acquedotto Romano.

Chi va da queste parti, non può mancare un tuffo nella realtà gastronomica della zona. Tra le altre cose da segnalare i conosciuti amaretti della città è gli ancora più caratteristici biscotti "Baci Acquesi" simili ai corregionali Baci di Dama (che si trovano per esempio nella Pasticceria Voglino in Piazza Italia). Da non perdere anche una degustazione di altre prelibatezze locali, quali i tartufi e i funghi, accompagnati da vini locali come il Dolcetto D'Asti, il Braghetto, il Barbera o il moscato.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Dove si trova?

 

Torna su

 

 

 Ostelli Acqui Terme   Ostelli Italia   Auberges de Jeunesse Italie

Carte Acqui Terme   Karte von Acqui Terme  Mapa Acqui Terme    Map of  Acqui Terme

Carte Piémont  Karte von Piemont  Mapa Piemonte     Map of Piedmont

Carte d'Italie  Karte von Italien  Mapa Italia   Map of Italy