ADELFIA

VISITARE ADELFIA: INFORMAZIONI E PICCOLA GUIDA 

Adelfia, un paese diviso in due o due paesi in uno. Adelfia è un paese sospeso tra religiosità e agricoltura, piccolo centro urbano a quindici chilometri da Bari con circa 17 mila abitanti. È abbastanza comune, per un adelfiese, sentirsi porre la domanda: "Montrone o Canneto". Adelfia, dal greco adelphos, significa unione fraterna e i fratelli, in questo caso, sono i due centri medievali: Montrone e Canneto, uniti in un unico paese da un Decreto Regio nel 1927.

 

Castello di AdelfiaNell'immaginario comune Adelfia sarebbe lacerata da lotte intestine tra montronesi e cannetani, in realtà, piuttosto che un paese diviso, Adelfia può dirsi un paese doppio: vi sono due scuole elementari, due scuole materne, due parrocchie, due uffici postali, due ville comunali, due piazze, due corsi, due centri storici, due castelli, due cimiteri e si parlano due dialetti differenti. Una croce che si trova nei pressi del Municipio delimita il confine tra Montrone e Canneto, tuttavia geograficamente i due rioni sono separati dal passaggio al livello delle Ferrovie del Sud Est e dal ponte sul canalone. Persino i Santi Patroni sono quattro ad Adelfia: due per ogni rione. Montrone venera San Trifone il 10 novembre e la Madonna della Pietà la prima domenica di settembre. San Vittoriano tra fine luglio e inizio agosto e Maria SS. della Stella il lunedì di Pasqua, sono invece i Santi Patroni di Canneto.

Adelfia BariDi maggior rilievo è la festa del Santo martire Trifone, preceduta da una grande fiera l'8 novembre e dal lancio della mongolfiera la sera successiva. Migliaia di devoti giungono da tutta la Puglia, Campania, Calabria, Abruzzo e Basilicata durante la notte o alle prime luci dell'alba, per assaporare il tipico agnello alla brace, il sedano col formaggio, le olive e il vino primitivo locale e per godersi lo spettacolo interminabile delle gare pirotecniche e dei fuochi d'artificio. La mattina del 10 novembre, per gli adelfiesi, inizia molto presto: alle quattro viene sparato il tradizionale colpo di cannone, per poi procedere con l'imponente processione caratterizzata dalla cavalcata in costume di bambini di Adelfia raffiguranti tanti piccoli San Trifone. Tutta Adelfia è bloccata in quei giorni: i pullman della Sud-Est cambiano percorso e persino accedere alle proprie dimore diventa problematico per i montronesi!

Chiesa di San Nicola di Bari ad AdelfiaIn concomitanza con la Festa della Madonna della Pietà, la Pro Loco di Adelfia organizza la "Sagra della parmigiana e della focaccia" con l'aiuto di alcune donne adelfiesi che mettono al servizio del paese le loro abilità culinarie per conservare le tradizioni locali. In tale occasione alcuni giovani talenti si esibiscono in canti e balli su un palco allestito davanti alla villa comunale di Montrone. La storia della devozione a questa Madonna è curiosa e caratteristica: gli agricoltori montronesi invocarono, durante una stagione di siccità, l'arrivo della pioggia, per questo motivo la Santa Protettrice è anche detta Madonna dell'Acqua. In onore di San Vittoriano, il venerdì precedente la festa, si porta in processione il pesce fresco e la domenica successiva si conclude con la sagra della parmigiana e del melone giallo. La Santa Protettrice di Canneto, Maria SS. della Stella, è nota anche come Madonna dell'Oro, poiché il giorno della festa, per tradizione, ragazze e donne devote donano i propri gioielli per adornare la statua. In occasione di questa festa, inoltre, adelfiesi di tutte le età partecipano alla gara ciclistica più antica della Puglia, dedicata alla Madonna.

Chiesa di Santa Maria della Stella ad AdelfiaAdelfia è "regina dell'uva", come si legge sull'insegna alle porte del paese. Adelfia, infatti, si presenta come un piccolo centro abitato circondato da sconfinati vigneti a tendone, il cui prodotto tipico è proprio l'uva regina (da cui il gioco di parole!), pregiata uva da tavola. In estate i più giovani si impegnano nell'estenuante lavoro dell'acinino: si tratta di eliminare, dai grappoli ancora acerbi, gli acini più piccoli, in modo da permettere a quelli più grandi di crescere ulteriormente. Una sorta di senso di riconoscenza verso il prodotto che sorregge l'economia del paese spinge ad organizzare, nelle ultime settimane di settembre, la "Festa dell'Uva", conosciuta per la gara podistica attraverso i vigneti e soprattutto per la gara al grappolo più grosso (gareggiano grappoli del peso di addirittura 4 kg!).

Da qualche anno la Parrocchia San Nicola di Montrone organizza la Sacra rappresentazione della Passione di Cristo, generalmente di martedì Santo. Numerosissimi sono i giovani che si impegnano attivamente in questa iniziativa, ognuno secondo le proprie competenze. C'è chi si fa crescere la barba per tutta la Quaresima, per rappresentare uno specifico personaggio, chi ha due pomeriggi a settimana impegnati nelle prove, chi mette a disposizione il balcone di casa propria per le luci, i microfoni o per rappresentare una particolare scena, chi si occupa delle musiche e degli abiti, ecc.

Probabilmente l'aspetto più gradevole di Adelfia è proprio il senso di collaborazione, la consapevolezza del fatto che l'unione fa la forza, come dovrebbe dimostrare la stessa storia di questo paese. Tuttavia è ancora lunga la strada dell'"unione fraterna", Montrone e Canneto continuano ad avere identità parallele: si dice che i montronesi siano più dediti all'agricoltura, mentre i cannetani siano più progrediti, poiché hanno sviluppato anche interesse per le attività commerciali. Nonostante ciò Adelfia resta pur sempre un paesino rurale conosciuto più di ogni altra cosa per la sua grande devozione a San  Trifone. 

Dove si trova?

Torna su

 

 

Ostelli Adelfia    Ostelli Italia   Auberges de Jeunesse Italie   Hotel Adelfia

Carte Adelfia   Karte von Adelfia Mapa Adelfia     Map of Adelfia

Carte Pouilles Karte von Apulien  Mapa Apulia     Map of Apulia

Carte d'Italie  Karte von Italien  Mapa Italia   Map of Italy