FRATTE ROSA

Advertisement

VISITARE FRATTE ROSA INFORMAZIONI  PICCOLA GUIDA

 

Il comune di Fratte Rosa è uno splendido comune di poco più di 1000 abitanti, adagiato su una collina della provincia di Pesaro Urbino. Fratte Rosa è un borgo tranquillo che, oltre a ben avviate attività nei settori della produzione di mobili, di calzature e di abbigliamento e della carpenteria metallica, continua anche la più celebre e tradizionale lavorazione di terrecotte di un nero luminescente (foto in basso), uniche nel loro genere per colori e forme.

Advertisement

Questa un'attività produttiva secolare e perciò profondamente radicata nella storia stessa del paese che non vuole dimenticarla o farla cadere in disuso per l'affermarsi di più moderni materiali.

 

Storia

 

L'origine del nome, ovvero Castrum Fractarum, fa riferimento, molto probabilmente, alla sconfitta subita qui da Asdrubale, fratello di  Annibale, il condottiero cartaginese nella seconda guerra punica. Ma, più probabilmente, Fratte, nacque da una comunità di supersiti che scappavano da una devastazione, compiuta dai Visigoti di Alarico. Durante il Medioevo dipendeva da Ravignana. Successivamente divenne roccaforte fanese. Passò, in seguito al Ducato del Varano, r nel 1545 alle dipendenze della Sede Apostolica.

 

Da vedere

 

Cinta muraria: (sec. XIII – XIV)

Il centro storico è racchiuso completamente in essa. La cinta è molto ben conservata, e da essa si può vedere l’Appennino e il mare. Sul lato occidentale c’è l’antica porta di accesso al castello.

Pozzo Malatestiano: (sec. XIV)

Questo pozzo è collocato nel punto più alto dell’abitato.

Chiesa di S. Giorgio: (sec. XIX)

E’ l’attuale sede parrocchiale. All’interno vi sono diverse opere, di grande valore.

S. Maria in Castagneto: (sec. XVIII)

Si trova nel centro storico, è stata riedificata nel 1713, sul luogo prima c’era una pieve medievale. All’interno vi sono diverse opere di artisti del territorio.

Convento Santa Vittoria : (sec. XIII)

L’impianto originario del convento è datato ai primi decenni del 1200. Vi sono stati due interventi di restauro, che hanno fatto si che la struttura rimanesse invariata nel corso del tempo. Il primo intervento c’è stato durante il ‘700, poiché vi era stato un incendio e l’altro dopo la Seconda Guerra Mondiale. Prima era abitato dai frati, ed è stato abbandonato da essi alla fine dell’800. All’interno vi è una pala di Gianbattista Ragazzini che raffigura una " deposizione" (sec. XVI) e una tela del pergolese Pietro Antonio Ugolini che raffigura la " Divina Pastora" (1773). Attualmente all’interno vi è il museo demoetnoantropologico delle terrecotte ed un laboratorio di ricerca e sperimentazione sempre delle terrecotte

Gli orari d'apertura sono:

Giovedì Sabato e Domenica dalle 17.30 alle 20.00

Aperture Straordinarie: 14 e 15 Agosto con gli stessi orari.

Chiesa di San Marco: (sec. XVIII) 

Sede parrocchiale , all’interno troviamo un organo attribuito a Sebastiano Vici da Montecarotto, risalente al diciottesimo secolo.

Museo demoetnoantropologico delle terracotte

Il museo, inaugurato il 22 giugno 2002, vuole promuovere le radici artigiane di Fratte Rosa. Esso si trova all’interno del convento di Santa Vittoria, e vi sono diverse sale di esposizione. Le ceramiche custodite hanno anche centinaia di anni. Vi è anche il tornio, molto ben conservato, che ha plasmato decine di creazioni. Recentemente, inoltre, è stata aperta una sala con un esposizione di mattoni di terra cotta, provenienti da tutto il Mediterraneo.

 

Territorio

 

Un patrimonio notevole, anche se non sempre adeguatamente apprezzato, è dato dalle case coloniche disseminate nel territorio. Gli edifici di maggior interesse edilizio sono stati soggetti ad una tutela integrale.

 

Festività

 

Ultima domenica di maggio

Festa della Calandra Zona campo sportivo. Festa con degustazioni, ballo e giochi vari.

Ultima domenica di maggio

Fiera di Torre S.Marco

Luglio

Da Fratte al Gibbo

Seconda domenica di luglio

Fiera di Fratte Rosa

2 agosto

Fiera del Convento, Convento di Santa Vittoria

14-15 agosto " Oh Che Bel Castello"

Viene presentata la vita che si svolgeva a castello. Vi sono alcune fiaccolate e tanta musica popolare, immancabili le terracotte, con diverse degustazioni di prodotti tipici.

 

Servizi

 

Diverse sono le strutture sportive presenti sul territorio comunale:

Campo sportivo comunale " P. Giachè", Via del Cerreto

Campo da tennis e da calcetto, Via I Maggio

Pista polivalente, Via I Maggio

Pista polivalente, Convento Santa Vittoria

Campo Calcetto, Torre San Marco

Parco giochi area verde, Via I Maggio

Parco giochi area verde, Torre San Marco

Parco giochi " Sognoverde", Via Rossini

" Parco della vita", Loc. Piani – Torre San Marco

 

Dove mangiare

 

Locanda della Ravignana – Via 1° maggio – Tel. 0721.777520

Ristorante " La Graticola" – Via Piave, 9 – Tel. 0721.777142

 


Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

 

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ce ne offri due), così ci aiuterai a scrivere la prossima guida:  Paypal

 

 

Dove si trova?

 

Torna su


Ostelli Pesaro  Ostelli Italia  Auberges de Jeunesse Italie  Hotel Pesaro

Carte Pesaro Karte von Pesaro       Mapa Pesaro Map of Pesaro

Carte Marches     Karte von Marken    Mapa de las Marcas   Map of Marches

Carte d'Italie      Karte von Italien      Mapa Italia      Map of Italy

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal