BRIGA

VISITARE BRIGA : INFORMAZIONI E PICCOLA GUIDA

Situata in posizione strategica vicina alle principali vie di comunicazioni internazionali e ai piedi del Passo del Sempione, la città di Briga é un piccolo gioiello dell'Alto Vallese, rinomata regione di villeggiatura svizzera baciata dal sole per 300 giorni all'anno. Non esistono notizie certe in merito alla data di fondazione della città. Alcuni reperti ritrovati nella zona risalgono all'epoca del bronzo mentre scavi hanno rivelato la presenza di un insediamento risalente al VII secolo a.C. Il 1215 é l'anno in cui compare per la prima volta il nome di Briga in documenti ufficiali, periodo a cui risalgono probabilmente anche le prime case costruite nella città. Al XIII secolo risale probabilmente anche la torre distrutta nel 1970 che costituiva il nucleo iniziale della città e che a sua volta era stata probabilmente edificata nel sito che ospitava un complesso fortificato del XII secolo.

 

A circa dieci chilometri da Briga si trova il Muro di Gamsen, ció che resta di un muro edificato tra il 1352 e il 1355. La datazione esatta é stata dedotta dagli storici, dato che gli archeologi hanno potuto solamente dimostrare che si tratta di una costruzione risalente al XIV secolo e i primi documenti che ne attestano l'esistenza risalgono al 1392. Il muro era stato costruito come protezione nei confronti dei savoiardi, anche se oltre a servire come difesa militare aveva anche altre funzioni, tra cui quella di proteggere dalle inondazioni del fiume Gamsa. Il muro in pratica serviva come diga e gli scavi archeologici hanno effettivamente confermato che verso il lato occidentale del muro esisteva un fossato. Il muro aveva tuttavia anche altre funzioni, tra cui quella importantissima di barriera contro la peste. Quando si verificavano delle epidemie tutti i colli del Vallese venivano infatti chiusi e veniva montata la guardia ed é provato che il muro svolse effettivamente anche questa funzione.

La storia di Briga é fortemente legata al Passo del Sempione, ancora oggi giustamente considerato come uno dei piú belli delle Alpi. Il Passo del Sempione venne costruito attorno alla metà del XVII secolo grazie all'intraprendenza e all'iniziativa del commerciante Kaspar Jodok von Stockalper che attorno al 1630 diede l'avvio ai lavori di miglioria della vecchia mulattiera che era stata costruita addirittura ai tempi dell'Imperatore romano Settimio Severo che nel 196 d.C. aveva fatto costruire una strada che valicava le Alpi ma che, con l'andare dei secoli aveva perso gran parte della sua importanza. Grazie a Stockalper il Passo del Sempione assunse il ruolo di principale passaggio commerciale tra il Nord e il Sud dell'Europa, dato che metteva in comunicazione la Valle del Rodano con la Val Padana. In suo onore la strada venne chiamata Stockalperweg, strada ancora oggi percorribile dagli escursionisti. Il Barone Stockalper, che deteneva il monopolio del commercio del sale, su questa strada fece anche costruire l'Ospizio del Sempione al posto di una preesistente struttura risalente addirittura al 1235 e grazie alle opere da lui promosse e finanziate sul passo poté essere avviato anche un efficiente servizio postale. Nel cortile di Palazzo Stockalper sono esposte due vecchie carrozze che svolgevano il servizio postale sul Passo del Sempione nel XIX secolo, carrozze dal caratteristico colore giallo che ancora oggi contraddistingue il servizio postale elvetico.

Alla morte di Stockalper il passo conobbe un nuovo periodo di decadenza ma tornó ad assumere un'importanza strategica grazie a Napoleone Bonaparte, che il 17 settembre 1800 promulgó un decreto per fare costruire una nuova strada al fine di rendere transitabile con i cannoni il percorso da Briga a Domodossola.

Del ricco commerciante Stockalper, originario di Briga, nella città rimane l'imponente palazzo da lui fatto costruire tra il 1658 e il 1678. Palazzo Stockalper, il piú importante palazzo Barocco in Svizzera é costituito da un grande edificio rettangolare di quattro piani con tre torri ornate da cupole a bulbo che simbolizzano i tre Re Magi Gaspare, Melchiorre e Baldassarre. La grande corte interna, che misura ben 1280 metri quadrati viene utilizzata per concerti e spettacoli ed é circondata da arcate con colonne in tufo. Sia la corte che i bei giardini barocchi sono liberamente visitabili.

Il palazzo venne acquistato dalla città di Briga nel 1948 e oggi, oltre agli uffici amministrativi della città ospita un teatro, la biblioteca gli archivi Stockalper e l'esposizione “Passage Simplon�? nella quale é illustrata la storia del Passo del Sempione e sono presentate le grandi opere tecniche che hanno contraddistinto la vita del passo, come la costruzione della galleria del Sempione o la strada nazionale. Una delle sale é dedicata al Barone Kaspar Stockalper.

Briga ha un bel centro storico con case patrizie del XVII secolo, diverse chiese e il Collegio Spiritus Sanctus. Il collegio venne costruito fra il 1675 e il 1685 da Matthäus Koller ed é una costruzione barocca con facciata settecentesca che rappresenta un esempio dell'architettura gesuita del XVII secolo. Importanti testimonianze dello sviluppo della città nel periodo compreso tra il XVI e il XVIII secolo sono le antiche case patrizie come la Casa Wegener del XVII secolo e casa Mannhaft del 1709. Tra gli edifici religiosi ospitati nella città, particolarmente degni di nota sono la Cappella di Sant'Antonio e la Cappella di San Sebastiano. La Cappella di Sant'Antonio Eremita risale al 1304 e dopo i pesanti danneggiamenti subiti durante il terremoto del 1851 venne ricostruita in stile neogotico. La Cappella di San Sebastiano venne invece costruita nel 1636-1637 e nella costruzione é chiaramente visibile l'influenza dell'arte italiana. Dedicata al martire cristiano San Sebastiano, ha un tetto a forma piramidale che termina chiuso da una lanterna. All'interno il dipinto sopra l'altare Barocco è un'opera del pittore Lorenz Ritz del 1837 e rappresenta San Sebastiano e sullo sfondo una veduta di Briga. La Cappella di San Sebastiano sorge nella piazza omonima, cuore della città di Briga. La piazza ospita anche il monumento al pioniere peruviano Jorge Chavez Dartnell, meglio conosciuto come Geo Chavez, il primo uomo che, a bordo di un piccolo aereo, il 23 settembre 1910 sorvoló il Sempione. Chavez, partito da Briga, percorse la tratta Briga " Domodossola in 42 minuti, ma purtroppo vi fu un problema in fase di atterraggio e lo sfortunato pilota morí qualche giorno dopo.

Al Barone Kaspar Jodok Stockalper si deve anche la costruzione del Convento di Sant'Ursula. Il Barone affidó infatti alle suore orsoline, provenienti da Friborgo, l'istruzione delle ragazze. Le prime suore orsoline giunsero a Briga il 1 novembre del 1661 e per circa tre mesi soggiornarono al castello Stockalper. Nel 1718 venne completata la costruzione dei primi alloggi, mentre nel 1732 venne costruita la chiesa del convento, dedicata alla Santa Trinità. Si tratta di una chiesa in tipico stile gesuita con una volta a botte e due gallerie. L'interno è decorato con diversi dipinti, tra cui un dipinto della Santa Trinità.

La posizione di Briga invoglia a partire alla scoperta dei suoi splendidi dintorni. Non puó mancare un'escursione sul vicino e splendido Passo del Sempione. Il sentiero di Stockalper é lungo ben 35 chilometri e si snoda da Briga a Gondo ma il Passo del Sempione offre tante splendide passeggiate anche agli escursionisti meno allenati. Tutti quanti, indipendentemente dal loro livello di allenamento troveranno sicuramente rilassante e rigenerante fare un salto a Brigerbad, una delle stazioni termali all'aperto di maggiori dimensioni di tutta la Svizzera, situata a soli sei chilometri di distanza da Briga e le cui acque calde erano già conosciute in epoca medioevale. Particolarmente suggestiva é la piscina situata nella grotta, dove ci si puó rigenerare in acque dalla temperatura compresa tra i 40 e i 42 gradi, mentre chi cerca maggiore adrenalina puó lanciarsi dallo scivolo d'acqua lungo ben 182 metri.

Chi é in cerca di emozioni forti e gode di una buona condizione fisica puó percorrere il ponte sospeso che si trova tra Belalp e Riederalp, all'interno di un percorso di circa 11 chilometri, transitabile durante la stagione estiva. Un tempo il sentiero tra Belalp e Riederalp conduceva solamente al ghiacciaio dell'Aletsch e veniva utilizzato anche per consentire al bestiame piú piccolo di raggiungere il versante opposto del ghiacciaio. In seguito, vennero aggiunte della scale di metallo e oggi la traversata dalla gola si effettua su un ponte sospeso lungo 124 metri inaugurato nel 2008. Il ponte si trova su uno strapiombo di 80 metri al di sopra delle gole della Massa e conduce proprio ai piedi del ghiacciaio dell'Aletsch. Belalp, luogo di partenza di questa splendida escursione, venne scoperta nel XIX secolo da alpinisti e turisti e nell'albergo Belalp, costruito a 2130 metri di altitudine erano soliti soggiornare le celebrità dell'epoca come Henri Dunant, l'imprenditore e filantropo svizzero fondatore della Croce Rossa Internazionale premio nobel per la pace nel 1901, o il primo ministro inglese Lord Asquit.

Spettacolari passeggiate durante i mesi estivi ma anche numerose possibilità di praticare sport invernali. A meno di 40 chilometri di distanza da Briga sorge il tradizionale villaggio vallese di Blatten, caratterizzato da case in legno scurito e dai tetti in lastre di pietra. Blatten é il luogo ideale di partenza ideale per praticare gli sport invernali. Su un comprensorio che comprende circa 60 chilometri di piste che vanno dai 1322 ai 3122 metri vengono offerte svariate possibilità di praticare sport invernali, che vanno dallo sci alpino, allo snowboard, allo sci di fondo senza dimenticare le escursioni con racchette da neve.

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

 

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

Dove si trova?

Torna su

 

 

 

Ostelli Briga   Ostelli Svizzera   Hotel Briga  Hotel Svizzera

 

Carte de la Suisse   Karte von  Der  Schweiz   Mapa Suiza  Map of Switzerland

 

Carte Brigue    Karte von Brig     Mapa Brig    Map of Brig