website
statistics
 

DONNAS

VISITARE DONNAS INFORMAZIONI E PICCOLA GUIDA

 

Il borgo di Donnas, oggi noto sopratutto per i suoi vini, venne interamente ricostruito dopo una frana che lo aveva seppellito nel 1177, conserva ancora un aspetto tipicamente medievale. Come Bard, si sviluppa lungo il tracciato della via romana che conduceva verso i valichi alpini. Imponenti resti di tale strada sono ancora visibili all'uscita settentrionale del paese, dove un arco romane scavato nella roccia costituiva ancora in epoca medioevale una delle due porte d'accesso all'abitato. Risale ai secoli XIV e XV la maggior parte delle case che spesso presentano motivi architettonici tipici dell'epoca, come porte e finestre a chiglia rovesciata.

DonnasGodendo di una posizione particolarmente privilegiata e di un clima eccezionalmente mite, a 322 metri di altitudine, sulla riva sinistra della Dora Baltea, il villaggio era infatti un centro molto importante in epoca romana: era un crocevia e un punto di passaggio obbligato sulla strada dei Galli. La strada romana ancora visibile è un tratto lungo 221 metri e largo circa 5 metri. Si possono vedere i resti del passaggio sotterraneo e un caratteristico arco romano, costruito nel I secolo d.C., scavato nella roccia e oggi simbolo della città. Una colonna di pietra miliare romana nelle vicinanze indica XXXVI miglia da Aosta.

L'antico borgo, le sue finestre cinquecentesche, gli affreschi, i portali in noce e il Palazzo Enrielli (XVII secolo) hanno conservato la loro affascinante atmosfera. La via principale del paese è ancora oggi accessibile attraverso un'antica porta medievale.

Nella frazione di Vert, ai confini con il Canavese, sorge la Torre di Pramotton, costruzione fortificata di tipo arcaico, costituita unicamente dal donjon a pianta esagonale, circondato da mura in parte ancora esistenti. La torre, coronata da sei merli in corrispondenza degli spigoli e dotata di una porta di accesso elevata, è stata costruita forse con funzioni di controllo del traffico viario, alla fine del  XII secolo. Origini molto antiche doveva avere anche la chiesa che domina Vert dall'alto di uno sperone di roccia. L'edificio attuale è stato ricostruito Interamente alla fine del XVI secolo dopo che un'alluvione aveva distrutto il precedente. Un'iscrizione murata sul campanile reca la data 1598, riferibile forse anche alla chiesa.

Questa è a tre navate coperte da volte a botte spezzata e a crociera. La costruzione ha subito alcuni rifacimenti nel 700, epoca a cui risalgono il portichetto a colonne che precede l'ingresso e l'altare maggiore. All'esterno, la chiesa è cinta da nicchie affrescate con le stazioni della Via Crucis.

Donnas è nota per il lavoro di terra delle sue colline coltivate a vite e per la produzione di un famoso vino rosso, l'omonimo Donnas, il primo DOC della Valle d'Aosta, proveniente dalle cantine cooperative del paease.

Varie e articolate le manifestazioni che vanno avanti tutto l'anno nel paese. Una è la Festa dell'Uva ( "Fête du Raisin"), la seconda domenica di ottobre. Un'altra, la Fiera di Sant’Orso, anche chiamata Festa del Legno,  Festa del Legno ("Fête du bois") ogni penultima domenica di gennaio lungo la strada principale di questo borgo medievale. Questo evento precede la più famosa Fiera di Sant'Orso d'Aosta, che offre l'opportunità di scoprire in anteprima l'atmosfera che animerà la grande festa della città.

Il venerdì precedente la fiera di Sant'Orso, dalle ore 20, il borgo storico di Donnas ospita la Veillà de Saint Ours, con le antiche cantine aperte ai visitatori per canti e degustazioni, una notte 'enogastronomica', di divertimento e musica, che si svolge 'en plein air' e in diverse cantine cittadine e che riscalda la città come e più di una notte bianca, coinvolgendo insieme giovani e anziani, residenti e turisti, all'insegna dell'allegria.

In estate a Donnas è possibile fare piacevoli passeggiate lungo il torrente di ferro o passeggiare nei boschi di Cignas che Camillo Benso Conte di Cavour ha visitato durante il suo soggiorno a Bard durante il rafforzamento del Forte. Si possono fare escursioni più o meno lunghe come quelle al Col de La Cou (1.425 metri) dove si possono vedere i resti di fortificazioni militari, al Monte Bo (2.026 metri), a Le Donnes, all'alpeggio Moja o a Bonze.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

Dove si trova?

 

Torna su

 

Ostelli Italia   Auberges de Jeunesse Italie   Hotel Donnas

Carte Donnas     Karte von Donnas    Mapa Donnas Map of  Donnas

 Carte Vallee d'Aoste    Karte von Valle d'Aosta   Mapa Valle d'Aosta   Map of Aosta Valley

Carte d'Italie  Karte von Italien  Mapa Italia   Map of Italy

Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal