Castello di Trakoscan

Castello di Trakoscan - Croazia

 

Il Castello di Trakoscan (Dvor Trakoscan), costruito originariamente nel XIII secolo, è il castello più visitato della Croazia (40 mila visite all'anno), di sicuro la più celebre attrazione della regione dello Zagorje. Si trova nel comune di Bednja nella contea di Samobor, non molto lontano da questa, nell'estremo nord della Croazia, vicino al confine con la Slovenia.

Trakoscan fu costruita nel XIII secolo all'interno del sistema di fortificazione nord-occidentale della Croazia, come una fortezza di osservazione piuttosto piccola per il controllo della strada da Ptuj (la città più antica della Slovenia) alla valle di Bednja.

Secondo la leggenda, Trakoscan prende il nome da un'altra fortificazione (arx Thacorum) che si presume si trovasse nello stesso punto già nell'antichità. Il toponimo è stato menzionato per la prima volta in documenti scritti nel 1334. Non si sa chi fossero i suoi proprietari nei primi anni della sua esistenza. Alla fine del XIV secolo era di proprietà dei Conti di Celje, che erano a capo dell'intera Contea di Zagorje. La famiglia si estinse presto, e Trakoscan condivise la sorte degli altri borghi e dei loro possedimenti, che si divisero e continuarono a cambiare proprietari. In queste divisioni, Trakoscan era, nel suo insieme, prima di proprietà di un capo dell'esercito di nome Jan Vitovac, un nobile e mercenario ceco al servizio di vari potentati della regione tra cui il re d'Ungheria Mattia Corvino, poi Giovanni Corvino (Ivaniš Korvin), duca di Slavonia e figlio illeggittimo dello stesso Mattia Corvino, che la cedette al suo vice guardiano Ivan Gyulay. La famiglia mantenne il castello per tre generazioni e si estinse nel 1566, dopodiché la proprietà passò allo Stato.

Nel 1584 Massimiliano II, imperatore del Sacro Romano Impero, donò il castello all'allora viceré della Croazia il vescovo, Juraj Drašković. Fino all'espropriazione dopo la presa del potere da parte dei comunisti, il castello restò di proprietà della nobile famiglia Drašković.

Nella seconda metà del XVIII secolo, quando nella regione di Hrvatsko Zagorje (letteralmente "colline croate") era fiorente la costruzione di manieri, il Castello di Trakoscan fu quasi abbandonato. Trascurato, cadde rapidamente in rovina. Solo verso la metà del XIX secolo la famiglia si interessò nuovamente alla sua tenuta, nello spirito romantico del ritorno alla natura e alle tradizioni familiari. In questo spirito il vice maresciallo Juraj V. Drašković trasformò il castello in un maniero residenziale, mentre il parco circostante fu trasformato in un parco romantico. Le generazioni successive rimasero nel castello di tanto in tanto fino al 1944, quando furono costrette ad emigrare in Austria. Poco dopo il castello fu nazionalizzato.

L'attuale aspetto neogotico deriva da un rifacimento del XIX secolo, sotto l'impulso del conte Juraj VI Dragkovie nel 1850, la cui famiglia era già proprietaria del castello da circa 300 anni e vi avrebbe abitato fino al 1944. Con un museo ben organizzato all'interno e un parco paesaggistico con laghetto per le barche all'esterno, si potrebbe facilmente trascorrere qui una buona mezza giornata o più a lungo.

Il castello rivela diverse fasi di costruzione. Per diversi secoli è stato una fortificazione, cosicché le ricostruzioni intraprese in quel periodo erano più funzionali che estetiche. Il nucleo essenziale della struttura è una fortificazione romanica costituita da un'unità abitativa, un piccolo cortile fortificato e un'imponente torre alta. La buona posizione della fortificazione e la sua torre di osservazione la rendeva sicura e facile da difendere.

Il rapido sviluppo delle armi da fuoco e i sempre più minacciosi attacchi turchi resero necessaria un'ulteriore costruzione e un'ulteriore fortificazione. La seconda generazione della famiglia Drašković, Ivan II e Petar, aggiunse la torre occidentale, che si può vedere dallo stemma e dall'iscrizione che lo accompagna.

Sul Grande Albero genealogico, la più antica presentazione visiva del 1668, la struttura aveva tre piani, e si potevano già intravedere le sue dimensioni di base. Nel periodo successivo, intorno ad esso sono state aggiunte diverse strutture di difesa. All'epoca, inoltre, aveva il più alto numero di abitanti, come si può vedere dal Piccolo Albero Genealogico del 1755. In questo stesso secolo, ai piedi del monte Trakoscan, furono eretti gli edifici annessi e fu costruito un ponte di pietra sul fiume Bednja.

Nel XIX secolo Trakoscan acquisì l'aspetto attuale. Nel periodo 1840-62, durante uno dei primi lavori di restauro del paese, il castello fu ricostruito in stile neogotico. Questo non solo ne ha modificato l'aspetto esteriore, ma ha anche posto fine al suo scopo difensivo di fortificazione durato cinque secoli. La ricostruzione comprendeva anche il parco da parte di Juraj V. Drašković, sul modello dei parchi inglesi. Quando fu costruita la diga, la valle si trasformò in un grande lago. L'unicità dello stile che caratterizza la struttura comprende anche l'interno e il paesaggio circostante. Il conte Drašković vendette il Castello di Klenovnik, il più grande castello della Croazia, allora anch'esso di proprietà della famiglia Drašković  e non lontano da qui, per finanziare i restauri.

Dopo la ricostruzione, il castello era ancora abitato da diverse generazioni della famiglia Drašković che ha fatto alcune costruzioni e adattamenti aggiuntivi.  La fine della seconda guerra mondiale trovò Trakoscan in uno stato di abbandono e di degrado, motivo per cui furono immediatamente intrapresi lavori di protezione architettonica e di decorazione interna. Negli ultimi anni, il castello è stato nuovamente sottoposto a una ricostruzione più approfondita.

L'interno è un omaggio al gusto medievale dei suoi proprietari ottocenteschi, pieno di cornici di porte stravaganti, elaborate sculture in legno e monumentali camini in pietra. L'interno è spettacolare come l'esterno, con le stanze rivestite in legno, una stanza barocca, una stanza rococò, una stanza neoclassica, e così via, piena di arredi d'epoca e ritratti di famiglia, che danno un'idea di come viveva la ricca aristocrazia locale. Trofei di caccia, armature e ritratti della famiglia Drašković nel corso dei secoli contribuiscono a creare l'effetto di un set cinematografico gotico. La sala di caccia al primo piano (lovadka dvorana) vanta un soffitto a volta a costoloni apparentemente sostenuto da leoni di pietra e un forno in ceramica decorato con varie teste di animali. Inoltre, ai piani superiori si trova un'affascinante esposizione di armi attraverso i secoli e una grande collezione di ritratti aristocratici.

Un ristorante, un caffè e un negozio di souvenir occupano un edificio di proprietà del Ministero della Cultura ai piedi della collina. Arroccato su una collina a 20 km a nord-est di Krapina, il castello di Trakoscan è una delle destinazioni più popolari della Croazia per le gite di un giorno, come dimostra il parco pullman spesso pieno. Ai piedi del castello c'è un lago e un parco . Il lago è stato creato artificialmente nel Medioevo ed esiste ancora oggi e pare che sia molto pescoso. C'è anche un sentiero intorno al lago, e un'escursione intorno ad esso dura circa 2-3 ore.

Per arrivare, se non siete in macchina e la vostra base è Zagabria, sappiate che non ci sono autobus diretti dalla capitale croata, ma ci sono ben otto servizi da Samobor ogni giorno.


Orari

Aprile-ottobre 9.00-18.00, nov-marzo 9.00-17.00 - 30Kn

 

 

Torna su

 

 

Ostelli Croazia  Ostelli Samobor

Carte de la Croatie     Karte von Kroatien   Mapa Croacia   Map of Croatia

Carte de Samobor       Karte von Samobor      Mapa Samobor    Map of Samobor

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal