ISOLA D'ELBA

VISITARE L'ISOLA D'ELBA INFORMAZIONI PICCOLA GUIDA

 

L'Isola d'Elba e la maggiore isola dell'arcipelago toscano, uno dei luoghi più visitati e suggestivi dell'estata toscana. Situata nel mar Tirreno e separata dalla costa dal canale di Piombino l'Isola d'Elba  ha una popolazione di circa 28,000 abitanti,  Lunga 27 km e larga 18 l'isola, e si trova in provincia di Livorno. Il suo territorio e prevalentemente montuoso con coste alte e frastagliate. Campo nell'Elba, Capoliveri, Marciana, Marciana Marina, Portoferraio, Porto Azzurro, Rio Marina e Rio nell'Elba, sono gli otto comuni in cui è suddivisa l'isola. Il clima mite favorisce la frizzante attività turistica. Altre risorse sono l'agricoltura (vite, olivo, frutta) e l'industria estrattiva del ferro.
Abitata fin dalla preistoria esistono nell'isola tracce di cultura neolitica. Conquistata dai romani che ne fecero una base navale, fu in seguito invasa dai longobardi, pisani e genovesi, dal 1284 al 1309. Possedimento della famiglia Appiani, fece parte del principato di Piombino (1339) e nel 1546 fu venduta da Carlo V a Cosimo I de' Medici. Ceduta dagli spagnoli ai francesi con la pace di Amiens (1802), fu indipendente sotto Napoleone dal 1814 al 1815 e in seguito assegnata al granducato di Toscana e quindi nel 1879 unita al regno d'Italia.


Vacanze Isolane
Famosa per il soggiorno di Napoleone, è oggi meta di veri appassionati del mare, che qui trovano spiagge sempre diverse, un monte da cui ammirare tutto l'arcipelago toscano, una cucina fantasiosa e semplice. Ma anche la possibilità di praticare tanti sport o di dedicarsi al bird watching
Marco Perego, giovane architetto di Milano, ormai da cinque anni a metà giugno carica in macchina il suo kayak, butta un borsone nel portabagagli e parte. Da Milano raggiunge la Toscana e la sua costa: a Piombino prende il traghetto e arriva nella sua isola preferita, "un po' cambiata negli ultimi anni, in effetti. Però sempre bella, sempre lei.

Mi piace guardarla dal mare mentre scivolo sull'acqua sopra la mia canoa" racconta. "Mi piacciono i suoi odori. Mi piacciono i suoi abitanti, scontrosi, che non amano molto il turista ma non possono fare a meno di lui. O di lei. Che poi, alla fine, se ti considerano uno di loro. La amo così tanto quest'isola. E ogni anno penso di cambiare e ogni anno mi trovo a tornare. A cercare con il mio kayak quelle baie e i mille anfratti della costa, le spiagge, così tante, così diverse e le calette".

In questa isola a forma di pesce, così speciale e così unica, si possono anche fare immersioni (a Marciana Marina, Portoferraio e Rio nell'Elba si trovano dei diving center), e se non si è esperti canoisti come Marco si può seguire un corso nei tanti centri (come il Sea Kayak Italy a Marciana Marina, & 3482290711 - www.seakayakitaly.com) oppure si può praticare il windsurf.

O, ancora allontanandosi dal mare, si può salire sulle cime del Monte Capanne, seguire i sentieri per trekking, differenziati a seconda della difficoltà, dal più semplice che chiunque può seguire, al più complesso e difficile che richiede un po' di allenamento.

Si può anche andare a Porto Ferraio e raggiungere il Parco Nazionale dell'Arcipelago toscano da dove è possibile praticare il bird watching: gli uccelli sono tantissimi, essendo l'isola un porto migratore, una di quelle tappe quasi obbligate per tantissime specie mediterranee. Con un po' di fortuna si può ammirare il falco pellegrino, predatore di particolare destrezza e velocità; il picchio muraiolo, ma anche rondini, rondoni, berte e, naturalmente, il gabbiano.

Qui si trova, oltre al gabbiano reale e alla pernice, anche il gabbiano corso, ricercatissimo dagli ornitologi di tutta Europa: ha il becco rosso corallo e si muove agile sulle acque, fermandosi sulle scogliere soltanto per nidificare e nutrire i piccoli, cosa che avviene tra maggio e giugno.

Si può anche andar per terme all'Isola d'Elba: le Terme di San Giovanni, a Portoferraio (& 0565-914680 - www.termelbane. com), grazie alle caratteristiche dell'isola, sono famose anch'esse in tutta Europa e anche uniche. Il fango dell'Elba, infatti, è marino ed è simile, ricco com'è di zolfo e ferro, a quello del Mar Nero, ma ancora più ricco di ferro di quest'ultimo.

È indicato per problemi osteoarticolari e dermatologici, mentre l'acqua della Fonte di Napoleone, che nel nome ricorda il soggiorno dell'Imperatore sull'isola, sono indicate per il trattamento dell'apparato respiratorio e circolatorio.

Si può anche praticare l'equitazione o magari visitare i Musei Napoleonici alla Villa dei Mulini (& 0565-915846) o alla Villa San Martino (& 0565-914688) a Portoferraio; o il Museo Archeologico della Linguella (& 0565-917338), la Pinacoteca e la Biblioteca foresiana (entrambe al Centro De Laugier), le Fortezze Medicee (& 0565-944024) o, ancora, il Parco Minerario Isola D'Elba a Rio Marina (& 0565-962088).

Anche chi ama scoprire come si mangia e come si beve non resterà deluso da questa piccola isola che ha i suoi capisaldi culinari nel baccalà e nel polpo: uno dei piatti forti della cucina elbana è infatti lo stoccafisso alla riese - stocafisso, aglio, cipolla, prezzemolo, peperoncino, conserva, vino, olive nere, acciughe, capperi, pinoli, olio e sale.

O la sburrita - ancora baccalà, aglio, olio, nepitella, peperoncino, pane casareccio toscano. E poi il gurguglione, tutto di verdure (gli ingredienti sono peperoni verdi, gialli e rossi, cipolle, melanzane, zucchine, basilico, prezzemolo, pomodori maturi).

Per dolce una schiaccia briaca, una schiacciata dolce "briaca", cioè ubriaca, spruzzata com'è di Aleatico, che è senz'altro un ottimo vino e potrebbe ubriacare non solo la "schiaccia"...

Bellissimo, anche, andar per spiagge. Che qui, come racconta Enrica Maria Scrivano, una romana che ha comprato una casa all'Elba e ormai da quindici passa nell'isola tutte le sue estati, sono bellissime e l'una diversa dall'altra: "Sì, infatti: sono splendide, con una differenziazione tra l'una e l'altra che è magnifica: c'è la spiaggia di sabbia nera, come Norsi, nera per il ferro (l'Elba è stata un importante punto di estrazione di questo metallo, è davvero un'isola mineraria). Ci sono spiagge a scoglio, come Chiessi. E spiagge di arena, come Marina di Campo. Ma anche spiagge di ghiaia, nella parte di Porto Ferraio: la ghiaia crea dei riflessi sulle acque del mare verdissimi, come nella spiaggia di Sansone. La mia casa si trova alla fine del golfo di Marina di Campo: da lì spesso cammino per due chilometri, per arrivare alla spiaggia di Galenzana. A volte" conclude Enrica Maria "salgo sul Monte Capanne, a mille metri per vedere tutto il Golfo toscano. È di una bellezza mozzafiato. E una volta di più capisco perché continuo a venire qui".

(20 maggio 2005) Rory Cappelli

Gentilmente tratto dal settimanale "I Viaggi di Repubblica"

 

Dove si trova?

Torna su

Ostelli Italia   Auberges de Jeunesse Italie

Carte Ile d'Elbe     Karte von Insel Elba    Mapa Isla Elba Map of Elba Island

 Carte de la Toscane     Karte von Toskana     Mapa Toscana     Map of Tuscany

Carte d'Italie  Karte von Italien  Mapa Italia   Map of Italy