Cosa vedere a Montpellier

Advertisement

Cosa vedere a Montpellier

Capitale della regione Linguadoca-Rossiglione, situata a metà strada fra Spagna e Italia e a soli sette chilometri dal Mediterraneo, Montpellier è una delle città preferite dai francesi, da anni nelle classifiche per la qualità della vita. Fra stradine e piazzette assolate, festival internazionali e feste goliardiche. Questa splendida città offre ai suoi ospiti un soggiorno decisamente brioso e frizzante. Chi la visita almeno una volta, poi è sempre tentato di ripetere l'esperienza.

Advertisement

Da non perdere a Montpellier: il Museo Fabre Montpellier Agglomération, il centro storico, le stradine medievali e i palazzi privati, la Place de la Comédie, la Facoltà di Medicina, la più antica del mondo occidentale, e l’orto botanico, i palazzi privati nel cuore della città e le "folies", i villini di campagna settecenteschi, nei dintorni, il Mikvé, bagno rituale ebraico del XIII secolo, l’Arco di Trionfo, la cattedrale di Saint-Pierre, il quartiere di Antigone, progettato dall’architetto Ricardo Bofill, e le sponde del Lez, il parco zoologico e la nuova serra amazzonica, l’Odysseum, zona dei divertimenti di Montpellier, con il Planetario intitolato a Galileo, l'Acquario Mare Nostrum e la nuova area commerciale.

Museo Fabre

MontpellierUn monumento eccezionale... Il museo Fabre è di per sé un'opera d'arte sorprendente, una combinazione innovativa di architettura classica e contemporanea. Oggi, il museo ospita oltre 800 opere, 900 incisioni e 3500 disegni nei suoi 9.200 m² di area. Potrete ammirare i numerosi capolavori che hanno contribuito alla fama del museo Méditerranée Métropole Fabre. Oggi è stato allestito il Nuovo "dipartimento delle arti decorative del Museo Fabre" in un palazzo ristrutturato che presenta una collezione permanente di numerosi pezzi cerimoniali per ricreare le atmosfere del XVIII e XIX secolo. Il museo Fabre racconta la storia dell'evoluzione di Europa dal Rinascimento ai giorni nostri, con una serie di collezioni di livello mondiale, tra cui capolavori di Veronese, Courbet, Poussin, per non parlare del dono eccezionale di numerose opere dal pittore contemporaneo Pierres Soulages.

Torna su

Centro storico

Centro storico MontpellierPasseggiare per il centro storico di Montpellier è come viaggiare attraverso 1000 anni indietro nel tempo, dal 985 fino ai semi del futuro della città. La città di Montpellier ha conservato le testimonianze del suo passato intatte e protegge con orgoglio i simboli di ogni epoca. Camminando lungo le tipiche strade medievali del sud, potrete godere di una rilassante e interessante passeggiata a partire dalla centralePlace de la Comédie fino alla pacifica Place de la Canourgue.

Torna su

La Place de la Comédie

Place de la Comedie MontpellierPlace de la Comédie è la piazza centrale di Montpellier. Conosciuta anche come l'oeuf (l'uovo) per la sua forma ovale, originale, è una delle più grandi aree pedonali d'Europa. Al centro si erge la statua delle Tre Grazie, dee emblematiche di Montpellier. Tutto intorno vedrete artisti di strada, gente in movimento, e potrete prendervi una piacevole pausa in uno dei tanti caffè all'aperto. Il centro storico della città, conosciuto come la Ecusson, risulta molto attraente per coloro che trovano piacere nel fare shopping.

Torna su

Cattedrale di Saint - Pierre

Cattedrale di  MontpellierLa Cattedrale di St Pierre  era originariamente collegata al monastero di Saint-Benoît, che fu fondata nel 1364. L'edificio è stato elevato al rango di cattedrale nel 1536, quando la diocesi di Maguelone fu trasferita a Montpellier sotto re Francesco I. Durante le guerre di religione la cattedrale divenne bersaglio di attacchi protestanti. Il 20 ottobre 1561, dopo un assedio, la folla entrò attraverso un buco nella cattedrale dove si erano rifugiati alcuni cattolici e li massacrò. La chiesa venne così saccheggiata una prima volta; poi nuovamente nel 1562, quando fu privata delle campane e delle ringhiere in ferro, utilizzate per fabbricare munizioni con cui resistere all'assedio della città da parte dei cattolici; ancora nel 1567, quando gli attacchi dei protestanti causarono il crollo di una torre, cui seguì il crollo dell'intero edificio. Dopo gli ingenti danni durante le guerre di religione tra cattolici e protestanti nel XVI secolo, la cattedrale fu parzialmente ricostruita nel XVII. Da non perdere l'imponente portico a baldacchino sorretto da due pilastri monumentali cilindrici (4,55 m di diametro!), che in passato hanno sostenuto lo stemma di Urbano V.

Torna su

Museo di Anatomia della Facoltà di Medicina di Montpellier

Museo di Anatomia di MontpellierIl Museo di Anatomia della Facoltà di Medicina di Montpellier ha appena riaperto da poco dopo essere stato chiuso per circa quindici anni. E 'una delle più belle gallerie del suo genere nel mondo nel suo genere, ma anche uno delle più "terribili". Non per anime sensibili. Si tratta del più antico e più grande museo di anatomia in Francia, che vanta collezioni straordinarie che rivaleggiano con quelli del Museo de La Specola e Firenze e il Museo Fragonard a Maisons-Alfort...Continua a leggere sul Museo di Anatomia di Montpellier.

Torna su

Il mikve medievale

Il mikva medievale è un cerimoniale bagno ebreo risalente al XIII secolo. Un modo per ricordare l'importanza della comunità ebraica che aveva svolto un ruolo di primo piano nello sviluppo e di influenza su Montpellier. Situato nel cuore di quello che fu il quartiere ebraico, il bagno è oggi una delle mikvah meglio conservate in Europa.

Torna su

L’Arco di Trionfo

Alla fine del XVII secolo, un intendente del re decise di erigere questo arco di trionfo, una copia delle porte di Parigi, in onore di Luigi XIV. Progettato dall'architetto François d'Orsay, allievo di Mansart, questo Arc de Triomphe è stato costruito sul sito di una delle porte delle antiche mura della città. Di particolare rilievo sono i medaglioni, il bassorilievo e il vertice colorati in ocra e giallo, oltre lo stemma reale, che è stato riportato al suo antico colore blu francese.

Torna su


Porta e Piazza Royales di Peyrou

Questo insieme è una combinazione di tre opere:

  • La porta di Peyrou, porta cerimoniale con il suo ponte e le sue rampe di accesso, costruita nel 1692-1693 per C.-A. Daviler.

  • La passeggiata, promossa rapidamente Piazza Royale du Peyrou, montata dal 1689 e soprattutto 1766-1777 di JA e J. Giral Donnat.

  • L'acquedotto della sorgente San Clemente , costruita 1753-1764 dall'ingegnere H. Pitot.

Grazie agli editti reali del 1775 e del 1779, l'altezza degli edifici intorno venne limitata, offrendo dal Peyrou una splendida vista verso l'orizzonte. Intorno al 1940, il Bois de Boulogne, che oggi si chiama Piazza Bir Hakeim, fu costruito alla fine dell'acquedotto di Arceaux. In seguito, nel 1981furono eseguiti importanti lavori di ristrutturazione sulla Peyrou.

Torna su

La passeggiata royale du Peyrou

Alla periferia della Ecusson (il nome dato al centro storico per la sua forma), vi è la Promenade du Peyrou, disposta per contenere lastatua di Luigi XIV a cavallo, uno dei luoghi preferiti del popolo di Montpellier. Progettate dall'architetto Daviler, le terrazze avevano lo scopo di contemplare le Cévennes e i Pirenei. Pitot aggiunse in seguito un acquedotto di 7 km progettato per alimentare Montpellier con l'acqua della sorgente del Lez. Il serbatoio è sormontato da una torre d'acqua monumentale opera di Giral e Donnat il cui progetto fu approvato nel 1767. Diversi scultori hanno partecipato alla decorazione del giardino, soprattutto possiamo ammirare le opere di Injalbert "i figli dei leoni" che stanno di guardia all'ingresso del giardino antistante l'arco trionfale.

Torna su

Odysseum

Con un riferimento a Ulisse della mitologia greca, ed al film di fantascienza Space Odyssey (Odissea nello spazio), il complesso di Montpellier Odysseum è un concetto di architettura con un nuovo stile urbano, che offre attività divertenti, negozi e ristoranti. Oltre che Odysseum, per trascorrere il tempo libero potrete recarvi anche presso l'acquario Mare Nostrum, il planetario Galileo e lapista di pattinaggio Vegapolis. Con le sue 110 boutique e negozi di marca, e 16 ristoranti, Odysseum è una piattaforma moderna per le nuove tendenze di moda, arredamento per la casa e tempo libero.

Torna su

Serra amazzonica

La serra amazzonica presso il giardino zoologico di Montpellier è sia un luogo di divertimento che una esperienza di apprendimento. Situato sul lato nord di Montpellier, questa è anche la più grande serra tropicale in Francia. Oltre 500 animali di 61 specie diverse sono in attesa di essere accolte in ​​un ambiente ricco di piante con quasi 3.500 piante di 300 specie. Immaginate! Un'atmosfera calda e umida, una fitta vegetazione, le grida di uccelli e il rumore dell'acqua che scorre. Siete in Amazzonia, e dovete salire a piedi il fiume dalla foce alla sorgente, attraverso mangrovie e foresta densa. Questo è il posto dove andare per un cambiamento di scenario e brividi di piacere. In primo luogo vi farà scoprire una palude di mangrovie, con le sue radici aggrovigliate, piranha e caimani... Poi passerete attraverso la foresta allagata, in cui vivono Sakis bianchi dai volti esotici, scimmie tamarindo e la famosa Anaconda. Quindi, entrerete in un fitto bosco con il suo gigantesco albero Ceiba, dove si incontra un ocelot, il formichiere e anche un pericoloso ragno gigante nel fitto fogliame. Continuate su nel bosco di montagna, nel verde tra le orchidee e le felci arboree. Preparatevi per la vita notturna Amazzonica nella grotta serra, con tanto di una colonia di pipistrelli Seba e armadilli. Passerete sotto una cascata per poi salire fino al ponte che sovrasta la foresta. Da qui sarete in grado di osservare gli uccelli tropicali come l’oropendolas crestato, i troupials e i cacicchi scarlatti. Attraversando la pianura paludosa e andando un po’ più avanti, è possibile dare un'occhiata agli ibis e alle spatole. La serra amazzonica offre un centro educativo con personale specializzato pronto per aiutarvi a capire la portata di questo viaggio in Amazzonia, la sua pericolosità, nonché le azioni necessarie per la protezione della zona.

Torna su

Aquario Mare Nostrum

Visitando il nuovissimo acquario Mare Nostrum potrete intraprendere un viaggio attraverso i mari e gli oceani del mondo. Mare Nostrum, rappresenta una nuova generazione di acquari, in cui i visitatori di tutte le età sono accompagnati lungo uno straordinario viaggio di emozioni. L'intero acquario è stato progettato per immergere i visitatori in un universo acquatico, dall'alto mare alle meraviglie dei tropici. I visitatori possono percepire dove si trovano non appena entrano nell'acquario. Poi può iniziare il tour di15 scenari, 3.500 animali di circa 300 specie che riempiono le 24 piscine e che rappresentano una varietà di paesaggi marini su una superficie totale di 5.000 mq e 1.500 mq di percorsi. Questa particolare attrazione di Montpellier vi condurrà in una vera e propria avventura. Conoscerete la diversa natura del Mediterraneo, e preparatevi a salire a bordo del ROMEO II, una nave da carico in cui affronterete una enorme tempesta sul 40° parallelo. Aggrappatevi al vostro posto! Potrete incontrare pinguini africani, e visitare mari tropicali di acqua dolce e lagune, con pesci multicolori. Successivamente godrete di un vero e proprio spettacolo teatrale nel mare, completo di varie specie di squali. Il vostro viaggio finisce nel cuore dell'Amazzonia, con la sua fauna unica.

Torna su

Spiagge

Montpellier è famosa anche per il suo bellissimo e incontaminato mare. Lontano dalla folla, in un mondo così diverso dalle località di cemento, Villeneuve-lès-Maguelone offre alle persone una riserva naturale di 3.000 ettari in cui poter assaporare il silenzio. La sua foresta di lecci - alcuni di 150-300 anni - si sviluppa su 8 ettari, con 4 ettari di parco avventura, poi i vigneti, le paludi e le spiagge. Nel cuore di questi posti incantevoli, si trova l'imponente Cattedrale di Maguelone, uno dei più importanti luoghi sacri in Linguadoca-Rossiglione. È possibile accedere a questo sito protetto e alla vicina spiaggia attraverso un trenino turistico, a piedi o in bicicletta per i più avventurosi.  Diverse altre spiagge pubbliche sono situate anch'esse vicino Montpellier: Palavas les Flots, Petit Travers, Gran Travers (La Grande Motte), Espiguette (Le Grau du Roi), Aresquiers (Frontignan).

Torna su

"Folies" residenze di campagna

Alla fine del XVII secolo, a Montpellier l’elite iniziò a costruire elaborati manieri nella campagna che circonda la città. Costruite tra le foglie di giardini alberati, queste magnifiche proprietà divennero note come "folies", dalla parola francese "feuille", foglia.

Château de Flaugergues , il più originale delle folies di Montpellier, con la sua facciata principale e due padiglioni laterali si affaccia su un giardino a più livelli ed è fiancheggiata da vigneti.

Château de la Mogère , una classica folie di Montpellier il cui parco è stato trasformato in un giardino inglese nel secolo scorso, poi ricostruito come un giardino in stile francese, secondo un'antica mappa dei giardini.

Château de la Mosson è senza dubbio il più famoso folie a causa del suo insolito destino. La costruzione iniziò nel 1723 e fu completata nel 1729. Il castello fu poi smontato a partire nel 1744.

Château de la Piscine , è un maniero elegante il cui prospetto si affaccia su un cortile interno a due livelli. La sua facciata sud si apre su una magnifica vista di un giardino alla francese con vasi monumentali e statue.

Château d'Alco , una tipica villa rurale di Montpellier il cui edificio principale è circondato da un bellissimo giardino. Il vicino castello d'O è ampiamente conosciuto per il suo vasto parco, una fascia di verde punteggiata da fontane di eccezionale finezza, che rappresenta un vero e proprio museo dell'arte del giardinaggio nel XVIII secolo.

Château de l'Engarran è considerato come il più femminile e il più barocco della maggior parte delle folies di Montpellier, con i bordi arrotondati del suo edificio centrale affiancato da ali graziose. Il giardino è composto da letti laterali e boschi, con un laghetto, una terrazza e la fontana di acqua e sculture ancora intatta dopo diversi secoli.

Hôtel Haguenot: Costruito da Jean-Antoine Giral per il professore Haguenot, questa «casa di campagna», circondata da una fontana del giardino pieno di 2000 m² di acqua, offre un arredamento gypsery eccezionale.

Torna su

La fontana du Nombre d'Or

Di recente costruzione, questa fontana è sorprendente per la sua originalità e imponente statura. Progettata con un meccanismo completamente interrato, scaturisce direttamente da terra senza alcun bacino o costruzione di qualsiasi tipo. Un'attrazione veramente acquatica, che offre allo spettatore una serie impressionanti getti che disegnano le forme più diverse. Il momento più suggestivo è quando il grande getto d'acqua sale e scende dodici volte in occasione del mezzogiorno.

Torna su

 

Museo Atger

Si compone di una bellissima collezione di disegni di scuole fiamminghe, italiane, olandesi, tedesche e francesi, pazientemente assemblati dall’appassionato d'arte ed esperto, Xavier Atger, che ha lasciato la facoltà di medicina nel secolo scorso. La Biblioteca della Facoltà ha numerosi preziosi manoscritti del XVIII e XIX secolo. Una notevole collezione di disegni di maestri fiamminghi e regionali dal Rinascimento del XIX secolo.

Galerie J.C. Reno

Galleria d’arte fondata nel 1984 che presenta dipinti e sculture colorate e figurative così come quadri "provenzali" di importanza nazionale ed internazionale.

Galleria de l 'Ecusson

Dal febbraio 1994, la Galleria de l'Écusson è situata nel cuore del centro storico di Montpellier. Juliette e Jean-Pierre Rossignol , suoi co-fondatori, hanno usato un approccio eclettico attraverso dipinti e sculture di artisti contemporanei emergenti sia di livello nazionale che internazionale.

Torna su

Galleria dell’Ancien Courrier

Dal 1990, la Galleria de l'Ancien Courrier è una galleria d'arte che ha presentato il lavoro di pittori contemporanei che condividono la passione per i colori e le luci del sud della Francia.
Una passeggiata attraverso i vicoli nel cuore della città antica di Montpellier vi porterà alla galleria, che fa parte del palazzo storico del Marchese de Montcalm.

Torna su

I giardini dell'Esplanade

Da Place de la Comédie al Corum, questa è una passeggiata ombreggiata da numerosi platani, impreziositi da piscine, fontane, aree giochi e posti per riposare. Sulla destra vi è il Champs de Mars, un ex terreno militare, trasformato in un giardino pubblico nel 1900. molto popolare per il pubblico.

Torna su

Le parc Rimbaud

Situato in prossimità del Lez, questo parco famiglia ha parchi giochi per bambini, nonché uno spazio dedicato alle bocce, teatro di incontro e scambio tra generazioni che si svolgono durante le numerose partite amichevoli di bocce. Con i suoi giardini alla francese composti da platani ed ampi prati, questo parco, costruito nel 1980, è uno degli elementi più importanti del corridoio verde della Lez dove varie vedette permettono di ammirare il panorama.

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Torna su

 

 

Ostelli Montpellier   Ostelli Francia  Hotel Montpellier

Carte de Montpellier Karte von Montpellier    Mapa Montpellier    Map of Montpellier

Carte de France  Karte von Frankreich      Mapa Francia     Map of France

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal