MONS

VISITARE MONS : INFORMAZIONI E PICCOLA GUIDA

 

Mons, (anche chiamata Bergen in fiammingo)nella parte francese del Belgio occidentale, è una piccola città storica di immenso fascino. Si trova su una cresta tra i due fiumi di Haine e Trouille ed è una importante città congiunzione tra Bruxelles e Parigi. Le strade acciottolate si innalzano su una griglia medievale fino alla sua splendida piazza centrale e poi fino ad un crescendo al campanile del XVII secolo che squilla i toni carillon dalla cima della collina che dà alla città il suo nome, "monte".

Migliori hotel a Mons

Check-in

calendar

Check-out

calendar

Questa città dovrebbe dovrebbe avere più considerazione come destinazione turistica, perfetta per soggiorni di breve durata, in quanto possiede tutto il necessario: una città pedonabile, con molte attrazioni, ottimi ristoranti, un sacco di caffetterie e bar e una ricca varietà di cose da vedere e fare.Nel 2015 Mons è stata capitale europea della cultura, appuntamento per il quale ha intrapreso numerosi progetti in ambito urbano e culturale, tra cui nuovi edifici accattivanti progettati da importanti architetti internazionali come Daniel Libeskind e Santiago Calatrava. Città universitaria Mons, sta attirando investimenti internazionali nella sua "Digital Innovation Valley" e non solo. Aziende come da Microsoft, IBM, Alcatel, Cisco e Google si sono installate qui. In questa zona c'è la SHAPE, la sede europea della NATO.

 

MonsNell'agosto 2014 Mons è stata al cento delle commemorazioni centenarie della prima guerra mondiale. Per questo motivo è stato aperto un nuovo museo memoriale su questo tema.

 

Le sue origini risalgono al VII secolo quando fu costruito un castello, mentre un monastero dedicato a Santa Valdetrude (Waltrude) fu fondato qui poco dopo. Il periodo d'oro di Mons fu tra il XIII e il XV secolo quando divenne la capitale della contea di Hennegau, ma la città ha sofferto notevolmente durante le guerre del XVII e XVIII secolo e ha perso la sua prominenza. Oggi la città ospita notevoli istituzioni culturali e scientifiche e numerosi musei affascinanti ed è senza dubbio una delle città più belle e piacevoli del Belgio grazie alla sua omogeneità architettonica, alle sue strade pulite e alla sua calda atmosfera.


La casa di Van Gogh

 

La casa di Van GoghAvendo fallito come commerciante d'arte e poi di nuovo come insegnante, nel 1879 un avvilito Van Gogh venne a Cuesmes (un sobborgo di classe operaia di Mons) per diventare predicatore. Ahimè, anche in quel campo il buon Vincent fallì. Quindi prese una matita e trovò un'ispirazione artistica per disegnare i minatori nelle della zona.
 

Nel momento in cui partì da qui, nel 1880, Van Gogh aveva trovato la sua vocazione come pittore. Purtroppo,  distrusse la maggior parte del lavoro che aveva prodotto in quei primi giorni, ma i suoi ammiratori possono "respirare" lo stesso i luoghi della "chiamata" all'arte.

 

Municipio (Hôtel de Ville)

Municipio (Hôtel de Ville)Il Municipio di Mons (l'Hôtel de Ville) troneggia impressionante nella Grand Place, la grande piazza della città nel cuore della città, affiancata dalla decorata Casa di Toison d'Or (1615) e dalla Cappella di San Giorgio (1604). La facciata è stata progettata da Mattheus de Layens nel 1458, mentre il resto degli edifici del complesso del municipio, raggruppati intorno, risalgono al XV-XVIII secolo. Guardando a sinistra dell'ingresso principale si può notare una scultura in bronzo di una scimmia con una testa lucidata - accarezzarla si dice che porta buona fortuna. In molti hanno voluto credere a questa leggenda, visto che la testa della scimmia è consumata dagli strufinamenti. All'interno del municipio si trova la Salle des Commissions con degli arazzi di Bruxelles risalenti al 1707 e la Salle des Mariages che presenta alcuni splendidi esempi di rivestimenti in legno. Se si cammina attraverso il cortile, si arriva al Jardins du Mayeur, il giardino del borgomastro, con la fontana che rappresenta un riccio di Mons. Proprio a sinistra del giardino si trova la vecchia prigione civica del 1512 con una camera di tortura.

Indirizzo: Grand-Place, centro Mons

Campanile (Beffroi)

Campanile (Beffroi)Il punto di riferimento più famoso di Mons è il campanile della città (Beffroi), che sorge sull'antica collina del castello sopra la città ed è stato inserito insieme ad altri campanili di Belgio e Olanda, nella lista dei patrimoni dell'umanità protetti dall'UNESCO. La sua particolarità rispetto agli altri campanili nella lista è il fatto di essere l'unico dall'aspetto spiccatamente barocco. La torre di 87 metri è stata costruita nel 1661 ed è l'unico campanile puramente barocco in Belgio, con un carillon di 47 campane. Vale la pena farsi i numeri scalini per salire fino in cima, dove c'è una piattaforma di osservazione. Una volta su, passata la fatica, si è ricompensati con incredibili viste su tutta la città e oltre verso la campagna .

Indirizzo: Ramp du Chateau, centro Mons
3 Chiesa di Sainte-Waudru

Chiesa Collegiata di Sainte-Waudru


Chiesa Collegiata di Sainte-WaudruSubito sotto la collina del castello di Mons con i ruderi del vecchio castello feudale si trova la Chiesa Collegiata di Sainte-Waudru. L'edificio venne iniziato nel 1450 secondo il progetto di Mattheus de Layens e, nonostante la costruzione sia stata interrotta più volte, la chiesa rivela una notevole unità di stile nel Brabante gotico. All'interno, la prima cosa che colpisce sono i pilastri della navata centrale, che si estendono nella volta del tetto. Una volta attraversata la porta principale, a sinistra si può osservare la "Car d'Or", un carro processionale costruito nel 1780 per il santuario di Santa Valdetrude
Chiesa Collegiata di Sainte-WaudruNei vari punti intorno alla chiesa (nel transetto, nel coro e nelle cappelle 11, 14, 20, 24 e 28) si possono vedere i resti sopravvissuti del coro della chiesa, realizzato da Jacques Dubroeucq di Mons tra il 1535 e il 1548 e distrutto dai francesi nel 1792 durante la Rivoluzione. Questo è uno dei lavori più importanti del Rinascimento in Belgio, con una forte influenza italiana. Non dimenticate di visitare il "tesoro" prima di lasciare la chiesa. Esso contiene numerosi reliquie preziose tra cui quella di San Vincenzo dalla scuola di Hugo d'Oignies, nonché lavori di oro e argento di Mons e del distretto circostante.

Indirizzo: Rampe du Sainte-Waudru, centro Mons

Musei Civici

Musei CiviciI Jardins du Mayeur adiacenti al municipio hanno un ex negozio alla loro estremità, che ora ospistano i Musées du Centenaire (musei civici), tre musei sotto un solo tetto. Il Museo della Guerra commemora la prima guerra mondiale, in particolare i reggimenti britannici che hanno arrestato l'avanzata tedesca  verso Parigi, nei pressi di Mons il 23 e 24 agosto 1914. Il museo al terzo piano è dedicato alla Seconda Guerra Mondiale e alla liberazione di Mons da parte delle truppe americane il 2 settembre 1944. Il Museo della Ceramica al primo piano ospita una collezione di 3.500 pezzi di tutti i principali produttori europei di ceramiche e porcellane dal XVIII secolo fino ad oggi, mentre il Museo Numismatico al secondo piano possiede quasi 20.000 monete e medaglie provenienti da una varietà di paesi.

Indirizzo: Rue du 11 Novembre, centro Mons


Musée de la Vie Montoise

Musée de la Vie MontoiseIl museo della Vie e Montoise descrive vividamente la vita dei popoli di Mons nella sua storia. È ospitato nel vecchio convento di Maison Jean Lescarts, costruito nel 1632 e presenta oggetti quotidiani provenienti dall'area locale che danno ai visitatori una buona idea della vita qui negli anni. A pochi passi si trova il Musée des Beaux Arts dove esiste una collezione di opere, in primo luogo da artisti francesi e belgi del XVI al XVIII secolo, anche se non opere particolarmente famose.

Indirizzo: Rue du 11 Novembre, centro Mons


Festa de Le Lumeçon

Le LumeçonLa domenica dopo la Pentecoste si svolge un Mons un strano festival chiamato Lumeçon. Le sue origini provengono da un tipo di processioni associato a San Giorgio, che risale al al XIV secolo. I partecipanti (in qualità di San Giorgio) lasciano la Chiesa di Saint-Waudru alle 12.30 e camminano in processione verso la Grand Place con un drago di nove metri conosciuto come 'Doudou'. Una volta raggiunti la ​​Grand Place, danno vita a una lotta tra San Giorgio e il drago. Infine, il santo viene dichiarato vincitore da due colpi di pistola e il drago morto è trascinato nel cortile del municipio. Se vi trovate in Belgio durante questo periodo dell'anno, questo festival è sicuramente degno di un viaggio a Mons.

Collégiale Saint-Vincent

Le LumeçonQuesta grande chiesa dedicata a San Vincenzo è stata costruita nello stile romanico tipico della zona con la costruzione iniziata nel 965 ma completata solo nel XIII secolo. Entrambe le parti del coro contengono la più antica volta a croce in Belgio (che si pena sia dell'XI secolo). Gli elementi più imponenti sono senza dubbio la scultura, il coro rinascimentale in marmo e stucchi, le corone e il pulpito barocco. Il grande Santuario del San Vincenzonzo del XIX secolo si trova nel coro, mentre la tesoreria della chiesa si trova nella cappella di Saint Hubert nella parte sud. Il vecchio cimitero, non lontano dalla chiesa, è un parco pubblico con una cappella romanica che oggi è un museo archeologico.

Ubicazione: Soignies, 19 chilometri a nordest di Mons


Château de Beloeil

Château de BeloeilLa cittadina di Beloeil si trova a circa 30 chilometri a nord-ovest di di Mons e ospita il castello e il parco barocco, che sono considerati i migliori del loro genere in Belgio. Lo Château de Beloeil fu fondato nel XIII secolo come fortezza medievale e trasformata in un palazzo nel XVII e XVIII secolo. È in possesso della famiglia Ligne per settecento anni. La casa principale fu bruciata nel 1900 e fu ricostruita nel suo attuale stile settecentesco nel 1920. Soltanto le due ali libere e i padiglioni d'ingresso sopravvivono sostanzialmente invariati dal 1682.

All'interno, le camere del castello sono arredate con una ricchezza di mobili d'epoca appartenenti alla famiglia de Ligne. Particolarmente degno di nota è l'appartamento del Principe Charles-Joseph con la sua serie di quadri raffiguranti episodi della sua vita, la Salle des Médailles con la sua preziosa collezione di monete e la biblioteca con più di 20.000 volumi (incluso un libro delle del 1532 e che si pensa sia appartenuto all'imperatore Carlo V).

Indirizzo: Rue du Château 11, Beloeil
9 Parco di Beloeil

Parco Beloeil

 

La "Piccola Versailles" del Belgio è stata progettata e disegnata nel XVIII secolo dal principe Claude Lamoral II, con l'aiuto dell'architetto francese Chevotet. Una serie di piccoli giardini coperti, diversi con piscine, sono disposti in tipico stile rococò intorno al lago ornamentale lungo 460 metri conosciuto come Le Grand Pièce d'Eau. Lo splendido viale di cinque chilometri Allée Grande Vue si estende oltre i confini del parco stesso. Alcuni anni fa, varie attrazioni furono aggiunte, usando terra sul lato ovest della tenuta. Includono Park Minibel, una ricostruzione in scala 1:25 di alcune delle attrazioni e degli edifici più famosi del Belgio, tra cui la stazione ferroviaria di Liegi, il municipio di Bruxelles e il campanile di Bruges. Un trenino in miniatura traghetta d qui allo Château de Beloeil .

Indirizzo: Rue du Château, Beloeil
10 Binche

Binche

Tra Charleroi e Mons, non lontano dal confine francese, Binche è orgogliosa di essere l'unica città in Belgio a mantenere intatta una notevole parte dei suoi bastioni medievali, tra cui 27 torri. Durante la sua lunga storia, coloro che hanno tenuto il destino di Binche nelle loro mani sono state spesso delle donne - Joanna di Costantinopoli, Margherita di York, e in particolare Maria d'Ungheria, sotto la quale la città è cresciuta in tutto il suo splendore. A parte il diciannovesimo secolo, quando Binche aveva una fiorente industria tessile, la città è rimasta un po' come era allora. Ogni anno si svolge il Carnevale di Binche , attirando un numero crescente di visitatori. Questo evento è stato nominato uno dei capolavori del patrimonio orale e immateriale dell'umanità dall'UNESCO.

Ubicazione: 17 chilometri a sud-est di Mons

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa guida vi è piaciuta e volete dare una mano a Informagiovani-italia.com aiutateci a diffonderla.

 

Dove si trova?

 

 

Torna su

Ostelli Belgio    Ostelli Mons   Hotel Mons    Hotel Belgio

Carte Mons     Karte von Mons     Mapa Mons     Map of Mons

Carte de Belgique   Karte von Belgien   Mapa Bélgica   Map of Belgium