Storia di Port Vendres

Storia di Port Vendres

 

Porto naturale dalle acque profonde, Port Vendres deve il suo nome latino, Portas Veneris, alla probabile presenza di un tempio dedicato a Venere costruito all'ingresso del porto. Nell'antichità, l'insenatura naturale di Port Vendres era utilizzata da navi fenicie, greche e romane che vi fuggivano in caso di maltempo. Lo dimostrano gli scavi sottomarini del 1973, che hanno portato alla scoperta del primo relitto romano in Francia a Gerbal Cove.

Da allora si sono susseguite scoperte archeologiche, come ad esempio un set di oltre 1000 monete, centinaia di anfore, vasi, lampade ad olio e molto altro. Nel 2016 è stato avviato un progetto di restauro della Piazza dell'Obelisco e del Caseme du Fer à Cheval e ne è previsto un' altro, sempre al  Caseme, con lo scopo di creare un Centro di interpretazione del mare in cui saranno esposti i reperti emersi dagli scavi.

Già al tempo di Giacomo I il Conquistatore, re di Maiorca e Aragona (1208 -1276), il porto aveva una grande importanza, a tal punto che lo stesso re gli dedicava un budget annuale di manutenzione di 5.000 centesimi. Il porto si espandeva verso Cap Béar tramite varie torri (42 tra cui quelle di Madeloc e Massane), che avevano lo scopo di  mantenere la zona nella rete di sorveglianza del regno.

Un' armata era di stanza all'ingresso del porto per garantire la sorveglianza notturna. Nel 1538 Carlo V giunse a Perpignan e incaricò l'architetto e militare italiano Benedetto de Ravenna di trasformare (tra il 1537 e il 1552) il Fort St Elme, edificio imponente tra Port-Vendres Colliure, nella fortezza a forma di stella che conosciamo oggi. Con il Trattato dei Pirenei (1659) la zona diventa Francese, anche se tuttora la cultura e la lingua catalana sono radicate nella cultura locale.

Il XVII secolo vede anche la nascita del grande progetto di Vauban: la creazione di un porto di guerra e di difesa a Port-Vendres. Nel 1730 c'erano solo una manciata di case e una cappella dedicata alla Madonna della Buona Novella, patrona della città.

Nei decenni successivi la cittadina si amplia notevolmente tutt'intorno alla cappella, dove  strette casette di pescatori danno vita ai primi quartieri di Port-Vendres come Artiglierie e Rue du Soleil (rue Arago), il cui inizio di edificazione è datato 1776.


Nel XVIII secolo, il conte di Mailly, tenente generale del Roussillon, avviò importanti lavori per fare di Port-Vendres un porto commerciale internazionale. Il progetto di una nuova città si realizza   con la Piazza dell'Obelisco, le banchine e la Caserne du Fer à Cheval, cioè caserma del "ferro di cavallo" che divenne il centro di questa nuova città. Il progetto fu interrotto dalla Rivoluzione Francese del 1789.

Nel 1793, le truppe spagnole sequestrano Fort Saint Elme e costringono i francesi a ritirarsi. Sei mesi dopo, il generale Dugommier assediò e si riprese il forte, che bombardò con 11.000 palle di cannone. 
Nel XIX secolo, le infrastrutture e le attività portuali ripresero la loro fuzione, mentre si assisteva allo sviluppo del traffico marittimo con l'Algeria e di un forte aumento delle navi utilizzate, in particolare per il trasporto di truppe.

È nel 1823 che Port-Vendres, originariamente villaggio portuale di Collioure, divenne una città indipendente che fu poi il centro di un grande sviluppo per quasi un secolo; 'età dell'oro della città. Molte barche provenienti da diversi paesi scaricano cereali, carrube, botti di vino o acciughe sulla banchina di legno del nord. I "Balancelles",golette, portano arance che vengono inviate in tutta la Francia.

La ferrovia arriva nel 1867. Port-Vendres, sviluppandosi fortemente, divenne ancora più commercialmente potente, sviluppando collegamenti terrestri con molte città importanti, tra cui Marsiglia, e redditizi collegamenti marittimi con l'Algeria.
Il timore di nuove frizioni con la Spagna e la Gran Bretagna legate al commercio marittimo giustifica la costruzione di fortificazioni sulle creste delle colline circostanti come il forte di Gullinc.

Alla fine del XIX secolo, una fabbrica di esplosivi è stata creata sull'altro lato di Cape Bear. Questo impianto ha chiuso nel 1991. Nel suo sito sono stati creati un parco e un laboratorio per il restauro di barche.Poi attraccano le navi di linea dei collegamenti marittimi regolari con il Nord Africa, in particolare quelli della Compagnie de Navigation Mixte. Un terminal passeggeri e merci è stato creato nel 1932. Un hotel è stato costruito per accogliere i passeggeri in arrivo o in partenza per l'Algeria. L'Hôtel du Midi, divenuto il Voile d'Or, è attualmente un centro vacanze SNCF.

Dall'inizio del XX secolo, il turismo è stato un elemento importante dell'attività economica della regione. L'arrivo degli espatriati algerini dal 1962 in poi ha portato ad un significativo aumento della popolazione e all'introduzione di nuove tecniche di pesca.
Quando partirono il 19 agosto 1944, le truppe di occupazione fecero saltare in aria tutte le banchine  precedentemente estratte, lasciando solo rovine.

Da quando l'indipendenza dell'Algeria nel 1962 segnò la fine di questo importante traffico marittimo. Attualmente navi a vela, sontuosi yacht, grandi navi da crociera, barche a motore fanno scalo nel porto turistico. Alcuni piccoli pescherecci ancorano lungo i moli dove i pescatori ("piccoli mestieri") vendono direttamente i loro pesci. Un importante complesso portuale ospita oggi navi portacontainer cariche di frutti esotici provenienti dall'Africa occidentale e settentrionale (Marocco). Questo trekking regolare fa di Port-Vendres il primo porto di frutta nel Mediterraneo.

Lo sfruttamento della vite ha sempre avuto un ruolo importante; i primi progetti del vigneto, situati su terrazze sui pendii intorno al porto, appaiono circa 700 anni prima di Cristo. Il vitigno dominante è il Grenache, che produce il vino dolce naturale di Banyuls, denominazione di origine controllata, prodotto in Francia solo da quattro comuni, Cerbère, Banyuls sur mer, Port-Vendres e Collioure. Le viti sono piantate su 750 ettari di vigne sostenute da 6.000 km di muri a secco. La produzione è di 170.000 ettolitri per il vino da tavola (Collioure) e di 11.000 ettolitri per il Banyuïs" (aîec "un limite di produzione di 30 ettolitri per ettaro, ovvero meno di una bottiglia per ceppo di vite.

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazioni interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

Torna su

 

Ostelli Port Vendres   Ostelli Francia  Hotel Port Vendres

Carte de Port Vendres Karte von Port Vendres    Mapa Port Vendres    Map of Port Vendres

Carte de France  Karte von Frankreich      Mapa Francia     Map of France

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal