Bosnia-Erzegovina

Informagiovani Italia

🌎  Viaggiare in Europa

🛵Viaggiare in Italia

Articoli  Informagiovani

💁 Visite guidate in Italiano

🏠  Ostelli a Sarajevo

🏠  Ostelli in Bosnia

🏠   Hotel a Sarajevo  

🏠   Hotel in Bosnia 

Mappa di Sarajevo

Mappa della Bosnia

 Hostales en Sarajevo

 Auberges de Jeunesse  Sarajevo

 Jugendherberge Sarajevo

 Hostels Sarajevo

 Hostels Bosnia

 Auberges de Jeunesse Bosnie

 Jugendherberge Bosnien

 

VISITARE LA BOSNIA-ERZEGOVINA - INFORMAZIONI E GUIDA. Questo è un Paese sottovalutato di grande bellezza, molto intrigante per la sua atmosfera est-ovest, nata dalla fusione di storie ottomane e austro-ungariche filtrate attraverso una lente slava. Molti associano ancora il paese alla straziante guerra civile degli anni '90, e le cicatrici di quel periodo sono fin troppo visibili. Ma i visitatori di oggi probabilmente ricorderanno il paese per il suo profondo e sincero calore umano, le sue belle montagne, le numerose rovine di castelli medievali, i fiumi percorribili con il rafting, le impressionanti cascate e lo sci a buon prezzo.

Qual è la popolazione della Bosnia?   3 772 449
Superficie della Bosnia- Erzegovina - 51.197 km²
Densità - 73 ab/km²

La Bosnia-Erzegovina è uno degli stati successori della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia. È una repubblica federale democratica con le unità territoriali indipendenti Bosnia (Sarajevo) ed Erzegovina (Mostar). La maggior parte del paese è occupata dai monti Dinarici. La Bosnia-Erzegovina ha accesso al mare Adriatico solo con una stretta fascia di costa. Il clima è prevalentemente continentale. Nel sud e sulla costa adriatica aumento le influenze mediterranee. La guerra civile che seguì alla disgregazione della Jugoslavia ha indebolito gravemente il paese e la sua economia. Con l'aiuto di fondi internazionali, è iniziata la lenta ricostruzione economica.

Breve ritratto della Bosnia-Erzegovina

La Bosnia-Erzegovina è profondamente divisa dalle lotte di potere dei partiti etno-politici in competizione. A causa di un sistema politico disfunzionale, delle scarse prospettive economiche e dell'alta disoccupazione, sono soprattutto i giovani a emigrare. Tuttavia, dal punto di vista prettamente turistico è è un paese pieno di sorprese positive.

Ma, ammettiamolo, fino a non molto tempo fa era un luogo abbastanza sconosciuto rispetto ad altri. Cosa si sapeva su di esso? Sopratutto Sarajevo era conosciuta. L'infanzia di molti noi è stata funestata dalle terribili immagini della capitale di un paese guerra. Una guerra feroce, nel cuore dell'Europa. Le tracce di quei combattimenti sono ancora oggi visibili in tutto il paese. Se si arriva in macchina dalla Croazia, poco dopo l'attraversamento del confine si incontro Međugorje, la località diventata centro di pellegrinaggio, dopo le apparizioni mariana segnalate da 30 anni a questa parte. L'imponente Chiesa di San Giacomo troneggia al centro della città, e proprio dietro di essa si trova il grande luogo di culto.

Il villaggio di Blagaj, situato a circa 12 km a sud-est di Mostar sul bordo di una catena montuosa, è meglio conosciuto per la sua posizione alla sorgente del fiume Buna e il monastero derviscio che si trova lì. Una visita alle sorgenti di Buna non dovrebbe mancare durante viaggio attraverso la Bosnia ed Erzegovina. È una delle sorgenti carsiche più ricche e belle del continente europeo. Qui, l'acqua sale in superficie da una grotta di roccia profonda 200 metri. Questo processo è così potente, con un flusso di 43.000 litri al secondo, che forma un fiume. Proprio accanto alla sorgente c'è un monastero musulmano "Tekija" con un meraviglioso giardino e un piccolo caffè.

A circa 15 minuti si trova Mostar, una città segnata da conflitti. Profonde cicatrici sui muri delle case raccontano una triste storia: Protagonista il ponte centrale Stari most situato nella parte vecchia di della città, patrimonio mondiale dell'UNESCO, che ha anche sostenuto la ricostruzione del monumento distrutto durante la guerra di Bosnia.

Sapevate che ci sono cavalli selvaggi in Bosnia ed Erzegovina? Ebbene si, ne abbiamo incontrato qualcuno, e qualcuno potreste incontrarlo anche voi.

Circa 130 chilometri e 2,5 ore di macchina da Mostar si trava la capitale Sarajevo. Ci si arriva in parte per una stretta strada di campagna che si snoda lungo il fiume Neretva nel mezzo delle montagne bosniaco-erzegovesi. Il fiume si è scavato in profondità nelle montagne nel corso degli anni, creando un vero e proprio canyon. La corsa lungo il fiume blu-verde è veramente piacevole. Passare per i piccoli villaggi è a volte una vera esperienza. Il tempo qui sembra fermarsi .

Sarajevo non viene chiamata per caso "Piccola Gerusalemme": solo nella città vecchia di si possono trovare chiese, moschee e sinagoghe in poche centinaia di 200 metri. Ebrei, cattolici, ortodossi e musulmani vivono insieme in uno spazio molto piccolo. Una coesistenza pacifica e questo da molte centinaia di anni. Una passeggiata in questa zona emozionante allarga davvero l'orizzonte.


Se si cammina per le strade di Sarajevo, ci si imbatte sempre nelle cosiddette "rose". Luoghi dove l'impatto delle granate ha lasciato profonde trincee nei marciapiedi. Se più di tre persone morivano in un posto del genere, il "cratere" non veniva semplicemente riparato, ma riempito di vernice rossa come ricordo. Così quei punti ora appaiono come fossero rose. Si possono trovare queste "rose" ovunque in città.

Emozionante anche il cosiddetto "tunnel di Sarajevo" un tunnel di fuga durante l'assedio della città (1992-1995). Era un collegamento pedonale sotterraneo sotto la pista dell'aeroporto tra la parte croata bosniaca assediata dalle forze serbe, la capitale bosniaca Sarajevo e una comunità suburbana adiacente che non era sotto assedio. È servito sia per fuggire che per rifornire la città assediata dalla metà del 1993. Oggi, una parte del tunnel originale può ancora essere visitata. Se capitate da queste parti, dovreste visitare anche questo luogo, che è una parte importante della storia della città.

La Republika Srpska, o Repubblica Serba, è una delle due entità della Federazione di Bosnia ed Erzegovina (BiH). Esiste dalla guerra di Bosnia, è oggi abitata da una maggioranza di serbi bosniaci e ha un proprio sistema politico con rami legislativo, esecutivo e giudiziario indipendenti. Non c'è un confine vero e proprio, solo una targa che indica il territorio. Ciò che cambia sono i segnali stradali, quindi tutto in questa regione è scritto in cirillico, a volte un po' difficile.

La guerra di Bosnia e le sue conseguenze fino a oggi

La guerra di Bosnia è iniziata nell'aprile 1992, quando, dopo un referendum, venne proclamata l'indipendenza della "Bosnia ed Erzegovina". La maggioranza dei bosniaci e l'etnia croata sostennero la creazione del nuovo stato, mentre la maggioranza dei serbi che vivevano in Bosnia erano favorevoli a rimanere nello stato jugoslavo e quindi boicottarono il referendum. Numerosi politici serbo-bosniaci proclamarono proclamato una "repubblica serba". Successivamente, anche i croati bosniaci hanno perseguito la spartizione del paese. Più di 100.000 persone furono uccise durante i combattimenti. Lo stupro divenne una parte sistematica della guerra. Gli eccessi di violenza e l'espulsione a sfondo etnico di quasi metà della popolazione portarono allo sterminio di intere comunità.

Dopo l'accordo di pace di Dayton del 1995, forzato e mediato dagli Stati Uniti, il paese ha attraversato un processo di transizione molto contraddittorio. L'accordo, che fu co-sponsorizzato dai governi della Croazia e del resto della Jugoslavia, assicurò che la Bosnia rimanesse uno stato indiviso e sovrano entro confini internazionalmente riconosciuti. La Bosnia-Erzegovina - come fu chiamata d'ora in poi - era composta da due repubbliche costituenti (entità): la Republika Srpska (RS), abitata prevalentemente da serbo-bosniaci (49% del territorio), e la Federazione Bosniaca-Croata (51% del territorio). A livello statale, sono stati istituiti un parlamento bicamerale, una presidenza statale di tre membri (per mantenere la proporzionalità etnopolitica), un Consiglio dei ministri, una corte costituzionale e una banca centrale. Tuttavia, le istituzioni statali hanno pochi poteri, compresa la responsabilità della politica estera e commerciale, la politica doganale e monetaria, le questioni di immigrazione, il controllo del traffico aereo e, dal 2005, la politica militare e di difesa. Tutte le altre competenze sono delle entità etniche.

L'accordo di Dayton impegnava il paese all'introduzione di un'economia di mercato, alla privatizzazione delle imprese statali e all'adattamento ai requisiti delle istituzioni finanziarie internazionali. Un inviato internazionale (Alto Rappresentante) ha assunto la supervisione del rispetto delle disposizioni del trattato. Una forza di protezione guidata dalla NATO (IFOR, poi SFOR) e successivamente EUFOR, fornita dagli stati membri dell'UE, hanno accompagnato il paese nel suo consolidamento post-bellico, che è stato anche affiancato da misure internazionali di politica di sviluppo e aiuti umanitari.

L'accordo di Dayton ha concesso ai rifugiati e agli sfollati il diritto di tornare alle loro case e ha aperto la strada alle elezioni democratiche. L'assistenza internazionale alla ricostruzione di circa 14 miliardi di dollari ha aiutato a riparare rapidamente i danni della guerra, ma allo stesso tempo circa 1 miliardo di dollari è stato sottratto. Le missioni di polizia dell'ONU e dell'UE hanno contribuito alla modernizzazione delle forze di sicurezza, ma hanno potuto fare poco per contrastare le macchinazioni delle reti illegali (ad esempio, il traffico di droga e di esseri umani). Lo sviluppo economico soffre di imprese statali inefficienti, corruzione, ostacoli burocratici e un grande settore informale. A causa di questa situazione, pochi investimenti diretti esteri entrano nel paese. L'alto deficit delle partite correnti è alleviato solo provvisoriamente dai trasferimenti di valuta estera dalla diaspora bosniaca all'estero.

Le unità dei partiti in guerra furono sciolte e i soldati si unirono in un esercito comune. È stato anche dato sostegno al trattamento dei crimini di guerra. Il Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia (ICTY), istituito dall'ONU nel 1993 e con sede all'Aia, è stato uno dei protagonisti in questo senso. Il Tribunale ha finora incriminato 161 persone e ne ha condannate 84 con sentenze definitive. Le camere penali nazionali avviate dall'ICTY hanno ancora diverse migliaia di casi aperti da trattare.

Quanto sia conflittuale il dibattito sociale sulla responsabilità dei vari gruppi e attori, è stato esemplificato dalle reazioni alle sentenze nei processi contro noti leader politici e militari. L'assoluzione del Tribunale di Stato bosniaco nel caso di Naser Oric, l'ex comandante delle unità bosniache che difendevano Srebrenica nell'ottobre 2017, ha scatenato approvazione e proteste, così come la condanna del politico serbo-bosniaco Radovan Karadzic a 40 anni nel marzo 2016 e dell'ex generale serbo-bosniaco Ratko Mladic (a vita) nel novembre 2017 da parte del Tribunale dell'Aia.

Dopo più di un quarto di secolo dopo l'accordo di Dayton, è chiaro che la guerra in Bosnia continua ad essere vista in modo molto controverso dai vari campi politici. Tra l'altro, la disputa è innescata dagli eventi di Srebrenica, dove più di 8.000 persone furono uccise dalle milizie serbo-bosniache tra l'11 e il 19 luglio 1995. Da allora è stato provato che erano coinvolte anche unità paramilitari della Serbia. Questo massacro è stato classificato come genocidio dal Tribunale dell'Aia per i crimini di guerra.

L'11 luglio 2020, il 25° anniversario del genocidio, altre nove vittime identificate sono state sepolte nel cimitero di Poto?ari. Questo si trova proprio accanto all'ex sito dell'ONU, dove nel 2003 è stato costruito un memoriale. Dalla fine della guerra, 6.643 persone sono state sepolte lì e i loro corpi sono stati riesumati da oltre 570 siti. I massacri sono avvenuti in diversi giorni e le uccisioni mirate sono avvenute in vari luoghi. A causa delle restrizioni per il Corona virus, solo un numero limitato di persone ha potuto partecipare alla commemorazione. Numerosi funzionari governativi attuali e passati degli Stati Uniti e dell'Europa erano presenti con testimonianze video. Il governo della Repubbica Serva di Bosnia, non era presente sul posto né virtualmente.

Problemi reali del paese

La Bosnia ha fatto ufficialmente domanda di adesione all'UE all'inizio del 2016, ma le prospettive di avviare i negoziati di adesione sono basse a causa dello stallo interno. Nel frattempo, il processo di allargamento dell'UE nei Balcani occidentali si sta svolgendo ad un ritmo molto irregolare, portando a problemi con il traffico di frontiera e a forti frustrazioni tra la popolazione bosniaca. La Croazia è membro dall'agosto 2013, mentre Serbia, Montenegro e Macedonia del Nord sono candidati all'adesione. Per avviare finalmente il processo di riforma interna, alcuni membri dell'UE hanno lanciato iniziative diplomatiche nel 2014. In definitiva, però, gli attori internazionali non hanno fatto molti progressi negli ultimi anni con i loro sforzi per influenzare le lotte di potere interne della Bosnia e unificare il paese.

I partiti nazionalisti SDA e SNSD sono nuovamente emersi come chiari vincitori dalle elezioni direcenti. Il punto centrale del contendere era l'atteggiamento verso la NATO. I rappresentanti serbo-bosniaci sono contro l'adesione alla NATO, mentre i membri del governo bosniaco e croato-bosniaco sono a favore. Infine, hanno concordato sul fatto che le relazioni con l'alleanza militare occidentale dovrebbero essere approfondite, ma che questo non pregiudica una futura decisione sull'adesione. I partiti nazionalisti serbo-bosniaci sono a sfavore dell'UE e preferirebbero rafforzare i legami con la Russia.

Nel 2019, il tasso di disoccupazione era del 16%, con una disoccupazione giovanile stimata al doppio. L'amministrazione statale funziona ancora come il più importante datore di lavoro, che può essere alimentato solo con un debito permanente. A causa del blocco istituzionale, l'aiuto economico necessario per attutire le conseguenze economiche della pandemia di Corona virus è arrivato solo attraverso la mediazione di attori internazionali. Tuttavia, l'aiuto di emergenza di 330 milioni di euro non ha potuto essere utilizzato per quasi due mesi perché i partiti di governo non riuscivano a trovare un accordo sulla sua distribuzione. Le conseguenze economiche della crisi Corona sono preoccupanti.

Gli osservatori internazionali temono che il malcontento nel paese continuerà a crescere perché, a differenza del passato, i mezzi finanziari non sono più sufficienti per pacificare la protesta attraverso le prestazioni sociali. Il pericolo che i giovani si radicalizzino politicamente o religiosamente è particolarmente grande. Per contrastare questo e per contrastare l'esodo incontrollato, sono necessarie, tra le altre cose, misure per ridurre la disoccupazione giovanile. Un altro modo sarebbe quello di facilitare i contatti internazionali, per esempio attraverso borse di studio e programmi di scambio di studenti e giovani. In questo modo, il potenziale di sviluppo indispensabile per un nuovo inizio potrebbe essere mantenuto nel paese.

Un ulteriore argomento di disputa tra i campi e le fazioni etnopolitiche è il problema dei rifugiati sulla cosiddetta rotta balcanica. Sulla scia della chiusura delle frontiere dell'UE, un gran numero di persone sono rimaste bloccate in Bosnia-Erzegovina dal 2015. Molti vengono dal Pakistan e cercano di raggiungere l'Unione Europea. La maggior parte non è alloggiata in modo umano e molti si sono ammalati. Dal punto di vista di certi ambienti governativi, queste persone rappresentano una minaccia. È urgente un cambiamento in questa emergenza umanitaria.

Informazioni e statistiche sulla Bosnia

Governo: Repubblica Federale Democratica

Divisione amministrativa: Federazione di Bosnia ed Erzegovina, Repubblica Srpska e Distretto di Brčko (la federazione è divisa in 10 cantoni)

Capitale: Sarajevo

Altre città: Banja Luka, Travnik, Jaice, Mostar, altri luoghi (Medjugorje)

Lingua: bosniaco, serbo, croato

Gruppi etnici: bosniaci, serbi, croati

Religione: Musulmana 40% Ortodossa 31% Cattolica 15% Protestante 4%

Dopo la guerra non è stato eseguito un censimento ufficiale. Esistono solamente delle stime del 2006 secondo le quali la suddivisione è:
48% bosniaci (per la maggior parte musulmani)
37,1% serbi (per la maggior parte cristiani ortodossi)
14,3% croati (per la maggior parte cristiani cattolici)
0,6% altre etnie
Paesi confinanti:
Croazia (nord, ovest, sud), Serbia (est) e Montenegro (sud-est)

Monti principali: Alpi Dinariche (cime superiori a 2000 metri: Plocno, Vranica, Magli)

Fiumi Principali: Sava, Una, Vrbas, Bosna e Drina, Narenta

Laghi principali: Buško Blato, lago Jablanica

Clima: tipo continentale-mediterraneo

Valuta: Marco convertibile

 

Geografia della Bosnia-Erzegovina

Il piccolo territorio della Bosnia-Erzegovina comprende una superficie di circa 51.197 km², confinante per gran parte con la Croazia (nord-ovest e sud), e Montenegro a est e sud e la Serbia a est.

Nonostante la parte sud e nord-occidentale della regione bosniaca sia completamente circondata dalla Croazia, per soli 20 km essa è anche bagnata dal Mare Adriatico; questo atipico 'diritto di passaggio' all'interno del territorio croato è dovuto alle leggi internazionali poste in atto dall'ONU presso il litorale della città di Neum, oggi noto resort turistico della nazione.

Da un punto di vista morfologico il territorio è a grande rischio sismico mentre il paesaggio si presenta generalmente vario. La geografia della Bosnia è pertanto dominata dalle Alpi Dinariche nella parte occidentale e centrale del Paese (la cima maggiore della Bosnia è il Monte Maglic in Erzegovina  con 2386 metri), da pianure e colline verso il settore orientale e nord-orientale. Folte foreste e pianure sono situate presso le valli dei fiumi principali che ad oriente si versano nel bacino di Pannonia.

Il clima della regione si presenta con estati calde e inverni rigidi, soprattutto nel versante orientale o miti e piovosi nel versante adriatico e meridionale.

 

Politica e società

Le vicende storiche legate alla Guerra dei Balcani, seguite dagli Accordi di Pace di Dayton nel 1995, hanno prodotto una precisa divisione politico-amministrativa della nazione, oggi conosciuta per essere una Repubblica di tipo federale.

La Bosnia-Herzegovina è infatti divisa in tre parti: due entità federali, la Federazione di Bosnia-Erzegovina e la Repubblica Srpska, e il distretto autonomo di Brcko (dal marzo 1999 divenuto distretto autonomo sotto la sovranità del governo centrale).

Il governo centrale della nazione è strutturato sempre secondo gli Accordi di Dayton, che prevedono la figura dell’Alto Rappresentante per la Bosnia-Erzegovina (oggi anche Alto Rappresentante della UE), che al momento è la più alta autorità civile della nazione, nominato da un organo di carattere internazionale.

L'Alto Rappresentante è accompagnato a rotazione da rappresentanti governativi, in carica come presidenti. Ciascun presidente rappresenta la propria comunità della nazione (croata, musulmana o serba) rimanendo in carica alla guida della nazione per otto mesi.

La società bosniaca è notoriamente composta da tre etnie principali: serba, croata e musulmana.

Nonostante il territorio sia sempre stato storicamente abitato, con relativa tolleranza, da fedeli islamici, ortodossi, cattolici, protestanti ed ebrei, il conflitto religioso e nazionalistico sviluppatosi nella seconda metà del XX secolo è stato responsabile della Guerra civile dei Balcani.

Oggi, la Repubblica Srpska (Serba) è quasi esclusivamente cristiana mentre la Federazione bosniaca quasi esclusivamente musulmana, il piccolo distretto di Brcko è invece composta dal 46,95% da bosniaci, quasi il 42% da serbi e il resto da croati.

 

Storia della Bosnia-Herzegovina

Il primo insediamento umano dell'attuale Bosnia-Herzegovina è rappresentato dalle popolazioni  degli Illiri. Seguì la dominazione Romana e quindi l'alternata contesa delle amministrazioni di Bisanzio e dei regni barbari. Nel IV secolo d. C. il territorio bosniaco andava a configurarsi come linea di confine tra l'impero romano d'Occidente e d'Oriente.

Nel VII secolo sopraggiunsero le popolazioni slave mentre nei secoli successivi il territorio si ritrovò sotto il governo di Bisanzio prima e del regno Ungaro-Croato poi.

Nel XIV secolo il territorio venne autogovernato dalle popolazioni locali per oltre 2 secoli, sino all'avvento dell'Impero Ottomano che introdusse la religione islamica.

Il dominio Ottomano terminò nel 1878, e la regione, con il Congresso di Berlino, divenne parte dell'Austria e un secolo dopo dell'Impero Austro-Ungarico.

Gli orrori della I Guerra Mondiale iniziarono tramite i forti movimenti di carattere nazionalistico. Nel 1914, l'uccisione dell'arciduca Francesco Ferdinando da parte di un nazionalista serbo-bosniaco (Gavrilo Princip) fece da scintilla d'avvio alla I Guerra Mondiale.

Tra la I e la II Guerra Mondiale la Bosnia venne annessa al Regno di Yugoslavia e nel 1941 alla Croazia. Durante quest'ultimo governo, di carattere nazi-fascista, la Bosnia subì una forte 'pulizia etnica' nella sua popolazione serba.

Nel 1944 il generale Tito, con l'appoggio dei russi e degli inglesi, riesce a liberare il Paese dalle truppe naziste e, nei prossimi 40 anni, a fare di tutta la regione Stato unito della Yugoslavia (nell'orbita comunista ma indipendente dal dominio sovietico).

Alla morte di Tito, la fragile unione socio-culturare delle etnie presenti nel territorio andò a disgregarsi in via definitiva.

Le fazioni islamica e croata si allearono contro i nazionalisti di etnia serba, dichiarando la propria sovranità dalla comunista Yugoslavia. La Bosnia dichiarò la propria indipendenza dalla Yugoslavia nel 1992.

Seguirono le resistenze armate da parte della etnia serba, assistite dalle regioni confinanti di Serbia e Montenegro, che portarono alla nota Guerra dei Balcani, al conseguente Genocidio e al fragile ruolo svolto dalle Nazioni Unite.

Il 1995 fu l'anno degli Accordi di Pace di Daytona, della conseguente divisione amministrava del Paese nonché dell'attuale  configurazione politica tutt'ora vigente.

Nel 2004 venne terminata la ricostruzione del celebre ponte di Mostar, distrutto dalla guerra, considerato come storico simbolo di unione e, oggi, di ricostruzione del Paese.

 

Gastronomia della Bosnia

Vista la varia tradizione culturale della Bosnia, la gastronomia del Paese riflette le tendenze etnico-regionali delle culture ivi presenti. In genere, le origini della gastronomia della Bosnia-Herzegovina sono turche, fattore che si evidenzia soprattutto negli stufati di vegetali, nelle carni in genere o nei dolci tipo baklava.

La cucina bosniaca è quindi particolarmente ricca di carni, squisite e succulente; non potete non provare il bosanki lonac, un ottimo e noto piatto a base di carne e cavolfiore.

Sempre tra i piatti di carni, nella capitale Sarajevo non mancherete di provare il Cevapi, una gustosa pietanza a base di rottoli di carne macinata (agnello, manzo o carni miste) servita all'interno di un pane del tipo Pita (tipico della cucina araba) con contorno di cipolle o formaggio.

Tra i migliori locali di Sarajevo a servire il Cevapi trovate il  Cevadžnica, una sorta di fast-food attento alla tradizione locale; provate quelli del centro storico, a Bašcaršija, sicuramente i più genuini.

Se siete amanti delle spezie e del cibo piccante, provate una al Šis Cevap, una variante della precedente, con peperoncino intero (feferoni) gligliato insieme alla carne e sempre servita nel pane Pita.

 

Un altro piatto di carne che ben rappresenta la nazione e la sua capitale, è il Burek e pida, una sorta di sformato di carne (non confondetelo con quello della cucina croata, dove al contrario diventa uno sformato di formaggio).

In Bosnia lo sformato di formaggio è ben rappresentato dalla Sirnica, dove per formaggio si intende in genere quello fresco o quello simile alla ricotta; lo sformato di spinaci viene chiamato zeljanica e quello di patate krompiruša, quello di zucca, tikvinica (il nostro preferito...sublime!).

Tra i dolci della Bosnia-Herzegovina troviamo il baklava, di chiara tradizione e origine turca, o il Tufahije, una squisita torta di mele presentata con un ricco stratto superiore di nocciole e panna.

In relazione alle bevande, la Bosnia-Herzegovina offre degli ottimi vini e soprattutto delle ottime grappe, come la Loza.

Diversi i ristoranti e i locali in genere che affascinano il visitatore con piatti sia locali che internazionali.

 

Indirizzi e numeri utili Bosnia Erzegovina:

 

Ambasciata Bosnia-Herzegovina in Italia

Via Bazzoni,3

00195 Roma

Tel.06/3728509 Fax 06/3728526

 

Consolato Bosnia-Herzegovina in Italian

P.zza Duca d'Aosta, 30

20110 Milano

Tel.02/66982707 Fax 02/66984688

 

Ambasciate e consolati italiani in Bosnia-Herzegovina

Ulica Cekalusa 39

71000 Sarajevo

 

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

 

 

Torna su

 

Ostelli Bosnia   Ostelli Sarajevo

Carte de la Bosnie   Karte von Bosnien Mapa Bosnia Map of Bosnia

Carte de Sarajevo   Karte von Sarajevo   Mapa Sarajevo   Map of Sarajevo

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal

Offerte del giorno Amazon