Cosa vedere a Evian

Informagiovani Italia

🌎 Viaggiare in Europa

🛵 Viaggiare in Italia

💁 Visite guidate in Italiano

Articoli  Informagiovani

🏠 Ostelli a Ginevra 

🏠  Ostelli in Svizzera 

🏠 Ostelli in Europa

  Mappa di Ginevra

  Mappa della Svizzera

🏠 Hotel a Ginevra

🏠 Hotel in Svizzera 

Forum Informagiovani

Hostales en Suiza

Auberge de Jeunesse Suisse

Jugendherberge Schweiz

Hostels Switzerland

Jugendherberge Genf

Hostels Geneva

Auberges de Jeunesse Genéve

Hostales en Ginebra

 

Cosa vedere a Evian - 15 luoghi interessanti da visitare

 

Evian è una famosa città termale situata in Alta Savoia sulle sponde francesi del Lago di Ginevra (o Lago Lemano), a pochi chilometri dal confine Svizzero e da città come Ginevra, Montreux e Losanna, che si trova sulla sponda opposta del lago. Per arrivare ad Evian esistono varie opzioni, sia arrivando in auto dall'Italia o dalla Francia, sia atterrando nel vicino aeroporto internazionale di Ginevra.

Le Sorgenti di acqua minerale Evian
Avenue des Sources


Fonte Cachat EvianLa Fonte Cachat. precedentemente conosciuta come la Fonte della Fontana di Santa Caterina è la più famosa della numerose sorgenti naturali di Evian. Costruita nel 1903, ha una temperatura costante tutto l'anno di  tutto l'anno di 11.6 C. Il palazzo della fonte Cachat è un edificio monumentale e fantasioso dove si potrà liberamente attingere la famosa e "costosa" acqua di Evian. Naturalmente bisognerà essere muniti di bottiglie vuote, ma se non le avete o ve le siete "dimenticate", si potranno acquistare presso un negozio della Rue Grande in un simpatico kit, composto da una borsa a tracolla contenente un set di bottiglie di varie dimensioni.

Torna su

La Buvette Cachat

Buvette Cachat EvianLa Buvette Cachat, l'originario stabilimento termale di Evian fu costruito sul sito della prima fonte della città, progettato dall'architetto Jean-Albert Hébrard in puro stile Art Nouveau e completato nel 1903. Il padiglione fu progettato come un "Tempio dell'acqua" in legno e vetro, ricoperta da una cupola a vetrata e mattonelle con grandi motivi vegetali e vetri colorato semicircolari. Luogo di incontri ed eventi sociali, la sala della sorgente di una volta aveva una zona lettura e di corrispondenza. La fontana era situata al centro del padiglione. Nella Buvette Cachat si trova una scultura scolpita da Louis-Charles Beylard,scolpita in pietra bianca di Poitiers e dal titolo "Apoteosi della Fonte Cachat". Questa statua allegorica posto in un recipiente portato da quattro amori (quattro vasche in pietra bianca che fungono da basi) ha recentemente riacquistato il suo posto originale. Una copia è ora in mostra nel punto in cui sgorga l'acqua della fonte. Completano la decorazione della sala, un dipinto del pittore Albert Besnard "Ninfe della sorgente in un paesaggio arcadico" che adorna la parete ovest del padiglione. Sul lato del Viale delle fonti, il bar si apre su una terrazza dove furono piantati dei platani e dove si tenevano i concerti del mattino. Il piano terra, in rue Nationale, ospitava gli uffici della Società Acqua di Evian (Société des eaux), ed altri uffici di società locali, come quella di navigazione.  Jean-Albert Hébrard  è stato anche l'architetto del Royal Hotel (1906-1908) e del Casinò di Evian (1911-1913). Da maggio a settembre, la sala ospita una mostra di prodotti del famoso marchio Evian. Il negozio offre prodotti pubblicitari associati al marchio. Il Cachat fu stato sostituito nel 1956 dal Novarina (di fronte al porto) come punto di ristoro termale di fronte al porto.

Torna su

La funicolare di Evian

Funicolare di EvianLa Funicolare di Evian è un raro pezzo di patrimonio ferroviario europeo ed una di tre sole funicolari sopravvissute del XIX e XX secolo insieme a quelle del Mont Dore e di Besançon. Commissionata nel 1907, la funicolare a trazione elettrica una volta veniva usata per trasportare i clienti della Società Termale di Evian agli alberghi della città. Ha servito la fonte Cachat e gli alberghi, Splendid e Royal. Tra l'ottobre 1911 e il maggio 1913, la linea è stata estesa fino al livello del terrazzo dell'Hotel Hermitage e poi fino al molo da cui è servita da un tunnel sotterraneo (140m di lunghezza) fino al nuovo centro termale aperto nel 1902. Le cabine in legno e acciaio potevano ospitare fino a 60 persone. La sua attività è cessata nel settembre 1969. La sua classificazione come monumento storico francese del 1984 l'ha salvata da una certa distruzione programmata. Nel 1995, il comune ha deciso di avviare i lavori di restauro durato quasi sei anni e il 20 luglio del 2002, la funicolare, infine, ha ripreso servizio.

La funicolare opera giornalmente dal 1 maggio al 18 settembre dalle 10 alle 19 ed è gratuita.

Torna su

Palais Lumière

Palais LumièrePrecedentemente questo era il palazzo delle terme, diventato nel 2006 il Palais Lumière, con spazi per mostre e un centro congressi di livello mondiale. Il Palais Lumière era  in origine il centro benessere tipico di una città termale come Evian. Costruito nel 1902 dall'architetto Ernest Brunnarius, era dei migliori esempi di architettura termale della inizi del XX secolo. Situato sul lungolago, vicino al municipio (quella che era la ex villa dei fratelli Lumière), gode di una posizione privilegiata e centrale. Nel 1996, la città di Evian è tornata ad essere proprietaria dell'edificio promuovendo un'opera di ristrutturazione e conservazione del palazzo. La sua facciata principale, la sala d'ingresso, i suoi archi e le decorazioni sono stati immediatamente iscritto nell'inventario dei monumenti storici.

La conversione a sala espositiva e centro congressi è stata notevole. La sala principale era una volta un luogo di mondanità ed era al tempo stesso la sala d'attesa dell'ufficio e rinfreschi. Illuminata da belle vetrate, è stato restaurata perché mantenesse questo ruolo. Al suo interno si trovano quattro statue allegoriche delle fonti termali collocate in nicchie angolari, opere dello scultore Louis-Charles Beylard. Le pareti laterali del portico d'ingresso sono decorate con due tele "Ninfe alla Fonte" e "Ninfe al bordo dell'acqua", attribuite a John D. Benderly, allievo di Puvis de Chavanne. Inoltre, l'edificio ha riacquistato la sua cupola originale. Affacciats sul salone centrale del palazzo a 35 metri di altezza, la cupola ha un diametro di 8,5 m per 8,5 m di altezza. Infine, gli architetti hanno cercato di ripristinare le principali caratteristiche architettoniche per favorire la luce naturale all'interno dell'edificio.

Potete visitare la Sala Cerimoniale del palazzo quando c'è una esibizione al suo interno, cosa che accade molto spesso.

Torna su

Villa Lumière
1885-1896

Villa LumièreLa Villa Lumière è la ex residenza estiva dell'omonima famiglia i cui fratelli sono passati alla storia come i pionieri/inventori del cinema. Questo sontuosa palazzo di stile classico francese ispirato al Rinascimento, divenne la sede del Municipio di Evian nel 1927. La decorazione del palazzo è stato ispirata dall'architetto di Ginevra Paul Pelissier. Si può vedere, una replica in bronzo monumentale del Pensatore di Michelangelo nella terrazza esterna, oltre che due repliche dell'Atlantide di Puget all'ingresso. Al suo interno, una superba leonessa in bronzo difende sempre l'accesso alla scala di quercia monumentale, disegnata dall'artista Pascal Devaux di Lione. Il municipio ha anche mantenuto la sala d'oro, dove si celebrano i matrimoni. Il damasco in pannelli di seta gialla e oro compongono un insieme di bellezza.

Si può visitare liberamente la sala d'ingresso, l'ampio salone e la camera d'oro 09:00-11:00 e dalle 13.30 alle 17nei giorni feriali durante tutto l'anno.

Torna su

 

Teatro di Evian
1880-1885

Teatro di EvianIl Teatro di Evian che può ospitare 280 spettatori è un opera d'arte neoclassica fatta da Louis Clerc, un allievo di Charles Garnier (architetto dell'Opéra di Parigi
). La facciata neoclassica, scandita da lesene scanalate, è sormontata da un cornicione con decorazioni con leoni protomi (il protome è un elemento decorativo costituito dalla testa, talora anche con parte del busto, di una figura umana o animalesca o fantastica, come in questo caso). Le balaustre e le scale che portavano al vecchio balcone sono state riportate sulla parte anteriore. In precedenza, il primo piano era collegato al casinò da una passerella di vetro in ferro battuto. Il teatro ha nel frattempo, ha mantenuto i colori policromi e le decorazioni dorate eseguita da Negril alla fine del XIX secolo. Dalle sua inaugurazione il teatro di Evian è stato durante la stagione uno dei luoghi più vivaci di divertimento della città. Restaurato nel corso degli anni, è ancora un luogo importante della scena culturale della città.

Torna su

Casinò di Evian

Casinò di EvianIl Casinò di Evian è stato realizzato nel 1911 dall'architetto Jean-Albert Hébrard nel punto dove si trovava un precedente Castello della famiglia Blonay, feudatari dei duchi di Savoia (il vero Château de Blonay si trova nel Canton Vaud in Svizzera). Il castello venne lasciato alla città nel 1877 per la creazione di una "casa da gioco". La parte posteriore dell'edificio fu riservata per bagni e idroterapia. Il 10 maggio 1892 venne regolata con la città e la società delle acque di Evian una convenzione per l'affitto Casinò. L'edificio iniziale venne poi distrutto per essere sostituito da quello del 1911. L'architetto Jean-Albert Hébrard (che è stato l'architetto anche della Fonte Cachat e dell'Hotel Royal) fu scelto come responsabile per la progettazione di un nuovo casinò. Nel suo edificio, si rivela una una forte ispirazione neobizantina anche nella costruzione della cupola. Al primo piano, si trova un ampio salone che si affaccia una galleria a colonne. Le scale laterali (ora coperte) portano ai giardini dalla loggia.

Torna su

Villa "La Sapinière"
1892

Villa La Sapinière
Durante la Belle Époque quando Evian era una rinomata località di villeggiatura, il barone Jonas  Vitta, un ricco banchiere e mercante di seta di Lione
, originario di Casale Monferrato e fatto barone da Vittorio Emanuele I, decise di costruire una residenza al lago. Affidò questo compito a Jean Camille Formigé. L'architetto molto famoso all'epoca autore di diverse piazze di Parigi, e due palazzi del Esposizione di Parigi del 1889, si ispirò al Rinascimento italiano, con un campanile preso in prestito dalla Villa Medici a Roma
(dove si trova l'ambasciata francese). Sono bellissime le terrazze e le grandi finestre che si aprono sul lago. La villa venne ultimata nel 1890 e il barone Vitta morì lo stesso anno, senza riuscire a vedere i frutti del suo progetto. La moglie e il figlio maggiore, il barone Joseph, ultimarono la questa in uno stile artistico veramente innovativo. Joseph Vitta fu un appassionato d'arte contemporanea e amico di molti artisti. Tra loro gli scultori Auguste Rodin, Georges Gardet e Alexandre Charpentier, pittori e scrittori come Albert Besnard, Felix e Jules Chéret Bracquemond. L'ingresso e l'elegante sala venne affidata ad Auguste Rodin. "Sai, io avrei un lungo lavoro nella nostra villa Evian", scrisse nel 1899 il barone Vitta all'autore del Pensatore. Il desiderio del patrono dell'artista verrà soddisfatto da Rodin che vi eseguì quattro opere: due frontoni di pietra sopra le porte, e due splendidi fiori ornati da geni del bambino.

Si può immaginare l'atmosfera dei giorni Belle Époque, quando la casa nei primi anni del XX secolo, era stata animata da appuntamenti e ricevimenti mondani. Quando il 18 settembre 1899, si sposò la sorella del barone Joseph Vitta era presente Marcel Proust. Evian era al suo apice.

Nel 1947, Fanny Foa, erede e sorella più giovane del barone Vitta donò la proprietà alla ADAPT (Associazione per l'integrazione sociale e professionale delle persone disabili).
Nascosta dalla strada e dietro gli alberi, la Villa La Sapinière è uno dei gioielli delle rive del Lago di Ginevra. Una maestosa testimonianza della Belle Epoque e si trova a 13 km dal centro di Evian.

Torna su

 

Giardino votivo Anna de Noailles
Anna de Noailles (1876-1933)

Giardino votivo Anna de Noailles
Situato al lago nella frazione di Amphion (comune di Publier contiguo a Evian) il Giardino votivo Anna de Noailles fu creato nel giardino della villa Bassaraba da Amici della poetessa Anna de Noailles. La riva del lago su Amphion fu una fonte d'ispirazione per la poetessa che trascorse tutte le sue estati nella Villa Bassaraba che fu acquistata dal padre. I suoi amici costruirono un monumento a suo ricordo nel giardino della villa dopo la sua morte. Anna de Noailles è sepolta nel cimitero di Père-Lachaise a Parigi but il suo cuore si trova nel cimitero di Publier seguendo le sue volontà. "La cittadina di Evian in Savoia (...) Per me è il luogo di tutti i ricordi. Dove ho la mia infanzia e l'adolescenza, quando tutto potevo e tutto speravo. " (Estratto dal Exactitudes).

Firmato dall'architetto Emilio Therry, questo piccolo tempio di pietra rosa, a cielo aperto, ha sei doppi pilastri disposti in cerchio intorno ad una colonna che trasportano un'urna, il tutto ricoperto da un tetto conico simile a quella di un tempio. Trasferito alla città di Evian nel 1938, il luogo ha subito le ingiurie del tempo. Due anni fa, il Comune ha intrapreso la ristrutturazione del monumento.

Torna su


 

Maison Gribaldi

Maison GribaldiInaugurato nella primavera del 2013, la Maison Gribaldi è dedicata alla ottimizzazione degli archivi storici e iconografici comunali di Evian. Aperta da aprile a ottobre, questo edificio è uno spazio espositivo e un luogo per la consultazione archivi digitali della città. Una mostra è organizzata ogni anno per mettere in luce il valore degli archivi e presentare la storia ricca e unica della città. Si organizzano attività didattiche (conferenze, proiezioni, workshop) per le scuole e per il pubblico. Gli archivi storici e iconografici digitalizzati sono disponibili al pubblico da postazioni computer. L'edifico prende il nome da Vespasiano Gribaldi che nacque a Evian Gribaldi nella prima metà del XVI secolo, da una famiglia di Chieri in Piemonte. Arcivescovo di Vienne nel Delfinato nel 1567, ha  e lasciò la sua sedenel 1572, per l'invasione degli ugonotti. Morì nel 1623 a Evian ed è sepolto nel santuario della chiesa. L'archivio si compone di documenti dall'amministrazione del Comune fin dal XIII secolo. I documenti più antichi sono relativi alla tassazione e al commercio di vino concesso da Amedeo V di Savoia.

Torna su


 

Castello di Fonbonne

Castello di FonbonneSituato sul sito della ex casa dei signori Loys de Bellevaux, il Castello Fonbonne non sembra il classico castello delle fiabe, tuttavia mantiene la sua architettura in stile rinascimentale. Durante il regno di Amedeo V intorno al 1303, un nuovo quartiere è stato creato al di fuori delle mura della città. Chiamato "il Touvière", questo quartiere prende il nome dal tufo utilizzato in architettura. Alla fine del XVIII secolo, il duca di Bedford, che alloggiava nel centro termale, divenne proprietario. Nel 1886, il castello è stato trasformato in hotel. Il restauro di alcune parti fu affidata a Charles Garnier, l'architetto dell'Opera di Parigi. Oggi il castello è di proprietà privata, diviso in appartamenti. Solo l'ex sala da pranzo acquistato dalla città di Evian che è stata trasformata in una galleria per mostre, è aperta al pubblico.

Torna su

 

La barca "La Savoie"

Castello di FonbonneLa Savoie è una barca costruita nel 2000, copia fedele delle vecchie imbarcazioni tradizionali che solcavano il Lago di Ginevra diventata un emblema del lago. Lunga 35m e alta 30m è uno dei più grandi yacht francesi e tra le più grandi barche a vela del mondo. Queste barche potevano portare un secolo fa, fino a 180 tonnellate di pietra dalle cave di Meillerie per la costruzione dei grandi edifici di Losanna e Ginevra. Navigando da maggio a ottobre da Evian, la Savoie ospita circa 3000 passeggeri all'anno.

Torna su

Chiesa di Nostra Signora dell'Assunzione

(L’Eglise Notre-Dame de l’Assomption)
XIII e XV secolo

Chiesa di Nostra Signora dell'AssunzioneLa medievale Chiesa di Nostra Signora dell'Assunzione di costruita dal XIII secolo, durante il regno di Conte Pietro II di Savoia, detto il Piccolo Carlo Magno, appartiene alla prima fase del gotico. Ricostruita più volte, la chiesa perse il suo campanile sostituito nel 1823 da quello corrente. La navata fu ampliata nel 1926 per due cappelle a ovest. Nella stessa data, fu realizzato il corrente timpano del portale di stile romanico-bizantino. La Via Crucis. composta da quattordici pannelli circolari,  è stata creata dall'artista Pierre Christin nel 2007 per la città. La chiesa si può visitare tutti i giorni dalle 9 alle 18.

Torna su

I giardini di Evian

I giardini di EvianCon la sua lunga tradizione floreale, Evian è uno dei luoghi in Francia che possiede più giardini. Ogni stagione ha le sue fioriture e i suoi colori che donano sempre un prospettiva diversa di questo posto speciale. Le fioriture annuali vengono completate da decorazioni fantasiose che variano a seconda degli appuntamenti culturali in calendario nella città. Ogni estate, i Parchi e i Giardini di Evian svelano le loro "Scene floreali", una passeggiata tematica attraverso il patrimonio floreale della città. Viene assegnato un riconoscimento al migliore giardino e alla migliore composizione floreale.

Torna su

I Giardini acquatici di "Pré Curieux"

I giardini di EvianI Giardini Pré Curieux si trovano nel parco in un parco privato, sul lago a ovest di Evian. Le zone umide formano un centro di ricerca e informazioni e un percorso naturalistico all'aperto, fornendo ai visitatori una interessante comprensione dei vari ecosistemi legati all'acqua (Stagni, ruscelli, paludi, prati rigogliosi, delta ...). Il sito è aperto per visite guidate da maggio a settembre, con accesso tramite una barca (posti a sedere per 70) con partenza da Evian.

 

Copyright © Informagiovani-italia.com. La riproduzione totale o parziale, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita senza autorizzazione scritta.

Se questa pagina ti è piaciuta e ti è stata utile a trovare qualche informazione interessante e a farti risparmiare un po' di tempo, offrici un caffè (ma non ci offendiamo se ci offri una pizza :) ), così ci aiuterai ad andare avanti per quanto possiamo e a scrivere e offrire la prossima guida gratuitamente.:  Paypal

 

Torna su

 

 

OSTELLI Ginevra   OSTELLI Svizzera   Hotel Ginevra   Hotel  Svizzera

Carte de Genéve   Karte von Genf    Mapa Ginebra Map of Geneva

 

Carte de la Suisse   Karte von  Der  Schweiz   Mapa Suiza  Map of Switzerland

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal

Offerte del giorno Amazon