Operà di Parigi

Ann.

Sei qui: Cosa vedere a Parigi >

Operà di Parigi - Operà Garnier e Operà Bastille

 

L'Operà di Parigi è uno degli edifici più belli del mondo. La si ammira in tutto il suo stile Barocco, nella opulenza regale che fu della Parigi imperiale, ed anche perché no, nel suo fantasma segreto! La storia della grande Operà parisienne è ricca di spunti interessanti e spazia dall'architettura alla letteratura, alla musica ed al mistero. L'Opéra National de Paris venne fondata nel 1669 dal re Luigi XIV e si compone attualmente di due edifici principali: Operà Garnier e Operà Bastille. Un giro lungo il 9º arrondissement e non si potrà fare a meno di ammirare la grande Operà Garnier, il più prestigioso ed anche il più antico.

Ann.

Operà di ParigiSontuoso ed opulento, l'edificio venne progettato da Charles Garnier nel 1861 e completato nel 1875 come uno dei più grandi teatri del mondo, record che mantiene ancora oggi. Durante i lavori, sotto la struttura, venne scoperto un piccolo laghetto sotterraneo, visibile ancora oggi dalle sue cantine: ricordate? Fu il nascondiglio del Fantasma dell'Opera, nel famoso dramma di Paul Leroux. Trasformato poi in un musical di Andrew Lloyd Webber, il Fantasma dell'Opera narra di una giovane cantante, Christine, e del fantasma che si innamora di lei, Erik, una sotterranea forza misteriosa che spaventa i membri del cast.

Il nuovo teatro parigino in realtà è dovuto proprio a Napoleone III: quest'ultimo si affrettò alla costruzione di un nuovo edificio a seguito di un attentato subito dal corteo reale che si apprestava ad assistere ad uno spettacolo teatrale. Ottanta persone furono uccise dai dissidenti e questo spinse l'imperatore a chiedere un nuovo edificio con caratteristiche strutturali attinenti alla sua sicurezza fisica e a quella della sua corte. In modo informale, furono presentate oltre 200 candidature e su 171 progetti visualizzati, l'incarico venne assegnato proprio a Charles Garnier, un giovane architetto allora sconosciuto.

Prima che l'edificio venisse completato, Napoleone decise che era necessario costruire una via per unire l'edificio al Palazzo delle Tuileries, così decine di famiglie sono state espropriate dalle loro case e tantissimi edifici furono abbattuti per vedere l'ambizione dell'imperatore soddisfatta. Paradossalmente, Napoleone III non usò mai il viale che aveva ordinato di costruire.

Marc Chagall - Operà di ParigiLe misure dell'edificio di Garnier sono da paragonare a quelle di un piccolo stadio, 11.237 m², una lunghezza di 173 metri per una larghezza di 125 metri. L'altezza è di circa 74 metri e l'auditorium offre una capacità di 2.156 posti a sedere (si ammiri in particolare il soffitto, dipinto nel 1964 da Marc Chagall). L'Opera Garnier rimane a tutt'oggi il simbolo più importante del XIX secolo Barocco francese. Si racconta che quando il progetto venne presentato all'imperatore, venne subito messo in discussione tanto che l'imperatrice disse "Che cos'è? questo non è uno stile. Non è classico, non è stile Luigi XVI, che cos'è?"; e Garnier presumibilmente rispose: "No, gli stili di cui lei parla hanno già avuto i loro giorni e sono oramai passati. Questo è lo stile Napoleone III".

In effetti, il teatro fu costruito dalla grand bourgeois come un proprio palcoscenico: vestiboli, gallerie, scale, anticamere ed altre aree sono infatti molto più vaste rispetto a quello che poteva essere un piccolo e semplice auditorium ristretto alla più alta classe sociale. Negli anni '30, il giornalista americano Tom Wolfe scriveva: "Napoleone voleva trasformare Parigi in Roma con la musica e il marmo. Ed è stato fatto. I suoi architetti gli hanno dato l'Arco di Trionfo e la Madeleine. Anche suo nipote, Napoleone III, voleva trasformare Parigi in Roma con Versailles accatastata nella parte superiore, ed anche questo è stato fatto. I suoi architetti gli hanno dato l'Opera di Parigi, in aggiunta al Louvre, e chilometri di nuovi viali".

Operà di ParigiL'interno del Palazzo Garnier è ancora più impressionante del suo esterno. La splendida scala ha un'altezza di 30 metri, mentre il grande salone, adiacente all'auditorium, presenta un soffitto a mosaico e un gran numero di lampadari. Non avete di certo bisogno di andare a Versailles per ammirare una tale opulenza regale! Dalla inaugurazione della moderna Opéra de Paris Bastille nel 1989, l'Operà Garnier viene principalmente utilizzata per spettacoli di balletto, ed è stata ufficialmente ribattezzata 'Palais Opera'. Il moderno edificio venne inaugurato durante l'anniversario dei 200 anni dalla Presa della Bastiglia ed anche questo non scherza di certo in dimensioni, visto che riesce a riempire l'intero isolato tra rue de Lyon, rue Charenton e rue Moreau, ed ha completamente alterato la Place de la Bastille, tanto che la celebre Colonne de Juillet, che ricorda la successiva Rivoluzione del 1830, sembra perdere importanza. Oggi, il riferimento sembra proprio lo dia il moderno edificio in vetro e metallo, che alle spalle ha accumulato già non poche polemiche di stile ed è il risultato di una gara internazionale vinta da Carlos Ott.

L'antica Opera House di Parigi è aperta alla visita del pubblico e rimane una delle attrazioni principali della capitale francese. Da non perdere è anche la Bibliothèque-Musée de l'Opéra National de Paris, una biblioteca e museo dell'Opéra National de Paris situata nel distretto IX arrondissement e parte del dipartimento di musica della Bibliothèque Nationale de France (BNF). Il museo è invece ospitato all'interno del Palais Garnier, e mostra tre secoli di storia dell'Opera attraverso dipinti, disegni di scenografie e costumi e modelli in scala; autentico spaccato della Parigi del XIX secolo, da non perdere.

 

Opéra Bastille

rue de Lyon

Metro: Bastille, linee 1, 5 e 8
Bus: Bastille n° 20, 29, 65, 69, 76, 86, 87 et 91

 

 

 

Dove si trova?

 

Torna su

 

Ostelli Parigi   Ostelli Francia


Carte de Paris     Karte von Paris Mapa Paris    Map of Paris

Carte de France  Karte von Frankreich      Mapa Francia     Map of France

 
Se questa pagina ti è stata utile offrici un: Paypal